Abuso sessuale infantile. Intervista alla prof.ssa Christiane Sanderson

ISC, Istituto di Scienze Cognitive, nasce nel 2005 da un progetto di Alessandro Carmelita e Valeria Idini, con l’idea di offrire un servizio altamente qualificato di formazione ne... Leggi la Bio
abusi sessuali infantili e trauma dell'attaccamento

Trattamento dei sopravvissuti ad abusi sessuali infantili e trauma dell’attaccamento

Christiane Sanderson BSc. e MSc., è docente di Psicologia alla University of Roehampton. Con un’esperienza trentennale nel lavoro con sopravvissuti ad abusi sessuali infantili, violenza sessuale, trauma complesso e abusi domestici, ha offerto consulenze, sviluppo professionale permanente e formazione professionale presso la Società britannica per la prevenzione delle crudeltà sui bambini (NSPCC), il Gruppo consultivo dei sopravvissuti in seno alla Commissione nazionale cattolica per la tutela (National Catholic Safeguarding Commission), la Chiesa evangelica metodista, la Polizia metropolitana, il SOLACE (ente britannico che offre assistenza a donne vittime di violenza), il Consiglio per i rifugiati, lo Youth Offending Team di Birmingham e l’istituto penitenziario HMP Bronzefield. In qualità di consulente per la violenza sessuale e l’abuso sessuale su minori, ha contribuito a dare al tema copertura mediatica su emittenti quali la BBC (televisione e radio) e Sky News; inoltre, è stata protagonista di numerosi documentari trasmessi dalla televisione britannica sulla violenza sessuale, tra cui, più di recente: Fred and Rose (West): The Untold Story andato in onda su Channel 5 nel 2014; Hotel of Horrors

Qui la sua intervista, rilasciata in esclusiva a FCP:

Bella video intervista a Christiane #Sanderson sul tema #abuso #sessuale #infantileParole chiave: #trauma #attaccamento #dissociazione #vergogna #relazione #emozioniArticolo completo qui: https://formazionecontinuainpsicologia.it/blog/abuso-sessuale-infantile-christiane-sanderson/

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Gepostet von Nicola Piccinini am Dienstag, 19. März 2019

 

Di recente, i media hanno dedicato molta attenzione al tema dell’abuso sessuale infantile (CSA, child sexual abuse), in particolare quando perpetrato da personaggi celebri, esponenti dell’establishment, o all’interno di comunità religiose o in casi di sfruttamento sessuale minorile; eppure, la maggior parte degli abusi sessuali infantili avviene all’interno della famiglia e raramente si denuncia.

Studi recenti indicano infatti che in questi casi di abuso nel contesto familiare, solo un sopravvissuto su otto denuncia, e spesso lo fa a distanza di molti anni. Frequentemente, poi, sopravvissuti e clinici non sono in grado di riconoscere il legame tra una storia di CSA e una gamma di problemi di salute mentale e fisica, che includono:

  • disregolazione emotiva,
  • dipendenze,
  • autolesionismo e
  • ideazione suicidaria,
  • disturbi d’ansia,
  • difficoltà nella sfera sessuale e relazionale,
  • disturbi della personalità,
  • nonché sintomi somatici persistenti, dolore cronico,
  • disordini del sistema immunitario e
  • sindrome da fatica cronica.

Il pericolo di questo mancato riconoscimento è che l’abuso sessuale infantile non venga rilevato ed è quindi possibile che la diagnosi non sia effettuata correttamente e che i problemi mentali o fisici manifestati diventino pervasivi. È fondamentale che i professionisti appartenenti ai vari ambiti della salute fisica e mentale comprendano in maniera adeguata l’impatto e gli effetti a lungo termine del CSA e le sue varie manifestazioni cliniche, così da poter fornire una risposta appropriata.

Lo scopo di questo seminario è quello di sensibilizzare al CSA e agli effetti a lungo termine che ha sui sopravvissuti, e di far conoscere i principi della pratica “informata” sul trauma da impiegare per il loro trattamento.

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>