Giustizia riparativa ed ecologia della responsabilità

La giustizia riparativa propone una lettura radicalmente diversa da quella della giustizia penale.

“Per la giustizia penale, il crimine è violazione della legge e dello Stato. Per la restorative justice il crimine è una violazione di persone e di obblighi, di danno provocato e subito, di crisi sociali. Questo significa personalizzare, cioè riconoscere le persone e le loro azioni per ciò che sono. […] La restorative justice coinvolge chi ha subito il danno, chi ne è responsabile e le componenti della comunità, in un impegno a rendere “giusto” ciò che è sbagliato, a ripristinare una giustizia rispettosa di tutte e tutti, delle persone e della convivenza”.

Di ciò si discuterà durante la plenaria “Giustizia riparativa ed ecologia della responsabilità“, moderata dalla Prof.ssa Patrizia Patrizi, all’interno del IV Convegno Nazionale di Psicologia Giuridica che si terrà il prossimo 7, 8 e 9 Novembre a ROMA, dove si argomenteranno e approfondiranno le interconnessioni fra la giustizia riparativa e il modello ecologico della responsabilità teorizzato da Gaetano De Leo.

Più specificamente, gli sviluppi promozionali della responsabilità, in termini di apprendimento sociale delle attese condivise e degli obblighi “di rispondere” rispetto alle proprie azioni, verranno posti in dialogo con i valori della giustizia riparativa:

  • rispetto della dignità umana,
  • responsabilità e solidarietà,
  • ricerca delle “verità” attraverso il dialogo,
  • responsabilità e accountability.

La chiave tipicamente pro-attiva che connette responsabilità ecologica e giustizia riparativa sarà esplorata con riguardo ai principali protagonisti di vicende a rilevanza penale, in linea con il focus posto dalla RJ sui bisogni di tutte le parti:

  • vittime, con il loro bisogno/interesse a recuperare una posizione attiva all’interno del processo e della propria esistenza,
  • autrici/autori di reato, con il loro bisogno/interesse a rispondere delle azioni commesse e a reintegrarsi attivamente nel contesto sociale,
  • comunità, con il loro bisogno/interesse a una vita inclusiva e sicura, basata su coesione sociale, fiducia, reciprocità.

«Bisogni, quindi, di tutti i protagonisti, perché il reato e le sue conseguenze non sono esclusivamente un problema giudiziario di chi l’ha commesso, né un problema che la vittima deve affrontare nella solitudine degli effetti sulla sua vita. Così come le responsabilità non possono essere considerate/attivate adeguatamente se non includendo tutte le parti portatrici di interesse».

Trasversale è l’interesse di tutte e di tutti a costruire condizioni di benessere di persone e comunità. Intervengono alla plenaria allieve e allievi del prof. De Leo, formatisi alla Scuola romana di Psicologia giuridica e che di quella Scuola sviluppano principi ispiratori, interessi di ricerca, attenzione costante all’impatto sociale e formativo degli studi condotti.

 

05/09/2019

0 responses on "Giustizia riparativa ed ecologia della responsabilità"

    Lascia un Messaggio

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Certificati di partecipazione
    Ogni corso rilascia l'attestato di partecipazione

    Corsi ondemand sempre tuoi
    Saranno tuoi a vita, sempre accessibili nella tua mediateca personale

    Dove vuoi, quando vuoi
    Corsi ondemand e webinar fruibili da pc, tablet e smartphone

    Qualità garantita
    Un'offerta formativa di alta qualità, pratica, spendibile, modulare

    © 2012-2018 Tutti i diritti riservati. FormazioneContinuaInPsicologia.it è di proprietà di Liquid Plan srl, p.iva 11818651009
    0

    Possiamo aiutarti?

    Compila i seguenti campi per contattarci in caso di dubbi o problemi con i nostri servizi.

     

    Grazie!
    Ti ricontatteremo via email.