La realtà virtuale nel trattamento della paura di guidare

La realtà virtuale può essere utilizzata in modo efficace nel trattamento dell’Amaxofobia, ossia della paura di guidare.

La paura di guidare ha un’incidenza dal 2 al 6% fra coloro che hanno avuto incidenti automobilistici (Blanchard & Hickling, 1997; Taylor et al., 2002), per arrivare fino al 42-77% della popolazione nel caso in cui l’evitamento sia interpretato in modo meno restrittivo (Kuch, Swinson & Kirby, 1985). Una rilevante percentuale (circa il 60%) di questa popolazione, riferisce un’ansia alla guida talmente forte da non ritenere possibile partecipare ad una esposizione in vivo (da Costa et al., 2018).

Ed è proprio in questo ambito che, si segnalano i principali vantaggi dell’esposizione sistematica allo stimolo temuto mediante tecniche di Virtual Reality Exposure Therapy (VRET): esse, in integrazione e non in contrapposizione alla tradizionale esposizione immaginative e in vivo, sono risultate estremamente efficaci, consentendo inoltre di diminuire la percentuale dei drop-out che si verificano con quei pazienti che valutano troppo impegnativo esporsi direttamente allo stimolo fobico, rinunciando ai propri comportamenti protettivi e di evitamento.

Corso Ondemand:
Corso Ondemand: “La Realtà Virtuale per il trattamento dell’Amaxofobia (Paura di Guidare)”

Per implementare tali pratiche innovative, IDEGO – Psicologia Digitale, ha sviluppato l’App: DRIVER – Amaxofobia.

DRIVER è una App di VR pensata per lo Psicologo e/o Psicoterapeuta che desidera dotarsi di un tool innovativo, che propone una metodologia nuova ed efficace per lavorare con Pazienti che soffrono della paura di guidare.

Fornendo al paziente una simulazione altamente realistica della situazione temuta (ovvero stimoli, ambienti, situazioni, rumori che maggiormente sono associati alla paura di guidare), sarà possibile sviluppare in VR le capacità, la fiducia, la preparazione mentale e psicofisica per affrontare al meglio le proprie paure nella vita quotidiana, per di più in modo coinvolgente, sicuro e controllabile.

Tale considerazione rende DRIVER un’Applicazione aperta a molteplici possibilità di utilizzo, a seconda delle necessità del paziente, in un continuum che va:

  • dall’empowerment, ad esempio per chi nutre un moderato timore rispetto al guidare, allo scopo di far emergere risorse latenti e portare l’individuo ad appropriarsi consapevolmente del suo potenziale;
  • alla pratica psicoterapeutica, ad esempio per pazienti amaxofobici (cioè con una vera e propria fobia legata alla guida), allo scopo di estinguere la risposta d’ansia.

Nell’App DRIVER sono presenti 4 scenari di VR, ricavati dalle registrazioni di ambienti reali tramite specifiche apparecchiature che ne consentono la riproduzione in videosfere. Grazie all’uso di un visore, il paziente si ritroverà immerso negli ambienti virtuali e potrà, tramite il movimento della testa catturato dai sensori presenti nel dispositivo, visualizzare l’intero ambiente in ogni direzione, a 360 gradi.

Questi scenari rappresentano nello specifico:

  • strade di città;
  • galleria;
  • scorrimento veloce;

Nello specifico, DRIVER consente di:

  • simulare uno scenario complesso, strutturato e difficilmente riproducibile, ammortizzando tempi e costi dell’intervento;
  • superare le frequenti resistenze del cliente ad esporsi all’esperienza in vivo;
  • regolare e graduare l’intensità e il percorso di esposizione in base al livello di disagio percepito dal cliente;
  • garantire le condizioni di sicurezza, intenzionalità e programmabilità richieste dal protocollo utilizzato;
  • ripetere il ciclo di esposizioni potenzialmente all’infinito, fino a completa remissione ed estinzione della risposta d’ansia o al raggiungimento di un grado di tollerabilità della stessa funzionale per il cliente;
  • sviluppare l’apprendimento di tecniche di rilassamento e gestione delle situazioni ansiogene che siano facilmente replicabili in qualsiasi contesto della vita quotidiana;
  • favorire la modificazione di credenze disfunzionali legate ai vissuti di ansia e alla percezione di pericolo e catastroficità, in direzione di un nuovo stile cognitivo e di possibilità di accettazione e convivenza con i propri pensieri e le proprie sensazioni corporee, quali essi siano.

In conclusione l’app DRIVER, ponendosi non in contrapposizione alla tradizionale esposizione in vivo, bensì come sua naturale integrazione da utilizzare prima dell’esposizione reale, apporta numerosi vantaggi al trattamento dell’Amaxofobia.

 

BIBLIOGRAFIA

  • Alcañiz M. et al. (2000), A New Realistic Body Representation in Virtual Environments for the Treatment of Disturbed Body Image in Eating Disorders. CyberPsychology & Behavior, 3(3), 433-438.
  • Andrews G. et al. (1994). Trattamento dei disturbi d’ansia. Guide per il clinico e manuali per chi soffre del disturbo. Centro Scientifico Editore.
  • Astur R.S., Tropp J., Sava S., Constable R. T., Markus E.J., (2004). Sex differences and correlations in a virtual Morris water task, a virtual radial arm maze, and mental rotation. Behavioural Brain Research.
  • Baker E.K., Kurtz M.M., Astur R.S., (2006). Virtual reality assessment of medication compliance in patients with schizophrenia. Cyberpsychology & Behavior.
  • Blanchard, E. B., & Hickling, E. J. (1997). After the crash: Assessment and treatment of motor vehicle accident survivors. Washington, DC: American Psychological Association.
  • Botella C.M., Juan M.C., Baños R.M., Alcañiz M., Guillén V., Rey B., (2005). Mixing realities? An application of augmented reality for the treatment of cockroach phobia. Cyberpsychology & Behavior.
  • Botella C.M., Villa H., Garcia-Palacios A., Quero S., Baños R. M., Alcañiz M., (2006). The use of VR in the treatment of panic disorders and agoraphobia, in Riva G., Botella C., Legeron P., Optale G. (Eds.). Cybertherapy: Internet and Virtual Reality as Assessment and Rehabilitation Tools for Clinical Psychology and Neuroscience. Amsterdam, IOS Press.
  • Brown J.F., (2008). Applications of simulation technology in psychiatric mental health nursing education. Journal of Psychiatric and Mental Health Nursing.
  • Da Costa, R. T., de Carvalho, M.R., Ribeiro, P., Nardi, A.E. (2018). Virtual reality exposure therapy for fear of driving: analysis of clinical characteristics, physiological response, and sense of presence. Revista Brasileira de Psiquiatria, 40, 192-199.
  • Deegan P.E., (1996). Hearing voices that are distressing: a training and a simulated experience. Lawrence: National Empowerment Center.
  • Gorini A., Riva G., (2008). Virtual Reality in Anxiety Disorders: the past and the future. Expert review of Neurotherapeutics.
  • Hunter M.D., (2004). Locating voices in space: a perceptual model for auditory hallucinations? Cognitive Neuropsychiatry.
  • Ku J., Jang H.J., Kim K.U., Park S.H., Kim J.J., Kim C.H., Nam S.W., Kim I.Y., Kim S.I., (2006). Pilot study for assessing the behaviors of patients with schizophrenia towards a virtual avatar. CyberPsychology & Behavior.
  • Kuch, K., Swinson, R. P., & Kirby, M. (1985). Post-traumatic stress disorder after car accidents. Canadian Journal of Psychiatry, 30, 426–427.
  • Kuipers E., Bebbington P., (2006). Cognitive behaviour therapy for psychosis. Epidemiology and Psychiatric Sciences.
  • Kwanguk K., Chan-Hyung K., So-Yeon K., Daeyoung R., Sun K., (2009). Virtual Reality for Obsessive-Compulsive Disorder: Past and the Future. Psychiatry investigation.
  • Lake J., (2015). The integrative management of PTSD: A review of conventional and CAM approaches used to prevent and treat PTSD with emphasis on military personnel. Advances in Integrative Medicine.
  • La Paglia, F. (2013). Valutazione delle funzioni esecutive in ambienti di Realtà Virtuale (RV): uno studio sui pazienti con Disturbo Ossessivo Compulsivo. Tesi di Dottorato, Università degli Studi di Palermo, Dipartimento di Scienze per la Promozione della Salute
  • Lee J., Lim Y., Graham S. J., Kim G., Wiederhold B. K., Wiederhold M. D., Kim S.I., (2004). Nicotine craving and cue exposure therapy by using virtual environments. CyberPsychology & Behavior.
  • Meehan, M., Whitton, M., Razzaque, S., Zimmons, P., Insko, B., Combe, G., Brooks, F. P., (2002). Physiological reaction and presence in stressful virtual environments. ACM SIGGRAPH 2002 Conference Abstracts and Applications, SIGGRAPH, Association for Computing Machinery.
  • Moon J., Lee J.H., (2009). Cue exposure treatment in a virtual environment to reduce nicotine craving: A functional MRI study. CyberPsychology & Behavior.
  • Optale G., Pastore M., Marin S., Bordin D., Nasta A., Pianon C., (2004), Male sexual dysfunctioons: immersive virtual reality and multimedia therapy. In Riva G., Botella C., Legeron P. Riva G., Botella C., Légeron P., Optale G. (Eds.), Cybertherapy: Internet and Virtual Reality as Assessment and Rehabilitation Tools for Clinical Psychology and Neuroscience, Ios Press, Amsterdam, 2004.
  • Renaud P., Bouchard S., Proulx R., (2002). Behavioral avoidance dynamics in the presence of a virtual spider. IEEE Transactions on Information Technology in Biomedicine.
  • Riva G. et al. (1999). Virtual Environment for Body Image Modification: Virtual Reality System for the Treatment of Body Image Disturbances. Computers in Human Behavior, Vol. 14, Elsevier Science Ltd., Great Britain.
  • Riva G. et al. (2001). Impiego della Realtà Virtuale nel trattamento dell’obesità e dei disturbi alimentari, aggiornamenti in ambito endocrino metabolico e riabilitativo. Pubblicazioni Medico Scientifiche, Milano.
  • Rizzo A.S., Difede J., Rothbaum B.O., Reger G., Spitalnick J., Cukor J., McLay R., (2010). Development and early evaluation of the Virtual Iraq/Afghanistan exposure therapy system for combat-related PTSD. Annals of the New York Academy of Sciences.
  • Tabar P., (2007). Mindstorm: simulating psychosis. A new virtual reality experience depicts hallucinations. Journal of Behavioral Health.
  • Wald, J., Taylor, S.(2003). Preliminary research on the efficacy of virtual reality exposure therapy to treat driving phobia. CyberPsychology & Behavior, 6, 459–465 .
  • Walshe D.G., Lewis E.J., Kim S.I., O’Sullivan K., Wiederhold B. K., (2003). Exploring the Use of Computer Games and Virtual Reality in Exposure Therapy for Fear of Driving Following a Motor Vehicle Accident. CyberPsychology & Behavior
19/12/2018

3 responses on "La realtà virtuale nel trattamento della paura di guidare"

  1. Buongiorno, sono una psicoterapeuta sarei interessata ad avere maggiori info, sul funzionamento e sul costo.
    Cordiali saluti

  2. Buongiorno,
    lavoro come psicologo delle organizzazioni e in particolare per la sicurezza e prevenzione infortuni, formazione compresa. Un mio cliente mi ha chiesto se esiste qualcosa in realtà virtuale per fare formazione in questo ambito: potete darmi una risposta o…una proposta?
    Grazie

Lascia un Messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Certificati di partecipazione
Ogni corso rilascia l'attestato di partecipazione

Corsi ondemand sempre tuoi
Saranno tuoi a vita, sempre accessibili nella tua mediateca personale

Dove vuoi, quando vuoi
Corsi ondemand e webinar fruibili da pc, tablet e smartphone

Qualità garantita
Un'offerta formativa di alta qualità, pratica, spendibile, modulare

© 2012-2018 Tutti i diritti riservati. FormazioneContinuaInPsicologia.it è di proprietà di Liquid Plan srl, p.iva 11818651009
0

Possiamo aiutarti?

Compila i seguenti campi per contattarci in caso di dubbi o problemi con i nostri servizi.

 

Grazie!
Ti ricontatteremo via email.