I bambini che sperimentano violenza o traumi invecchiano più velocemente

I bambini che sperimentano violenza o traumi invecchiano più velocemente

Una lunga serie di ricerche ha dimostrato ha dimostrato che le esperienze infantili traumatiche come abusi, traumi, violenze sessuali e povertà possono influire negativamente sulle persone fino all’età adulta.
Le conseguenze negli adulti che sono state associate a esperienze infantili avverse includono il disturbo da stress post-traumatico, depressione, sintomi dissociativi e altri disturbi psichiatrici, oltre a malattie fisiche come il diabete, il cancro e malattie cardiovascolari.
Una meta-analisi di quasi 80 studi, con più di 116.000 partecipanti totali, ha mostrato che i bambini che subiscono abusi e violenze invecchiano più velocemente a livello biologico, rispetto ai bambini che non hanno una storia simile.

La scienziata premio Nobel Elizabeth Blackburn e la psicologa della salute Elissa Epel hanno fatto ricerche sui fattori psicologici che possono danneggiare i nostri telomeri, le punte protettive che risiedono alla fine dei cromosomi. Quando i telomeri diventano troppo corti, smettono di dividersi e le cellule invecchiano. Oltre ad accorciarsi, però, gli scienziati hanno scoperto che i telomeri si allungano, il che rallenta il processo di invecchiamento.

Alcuni dei fattori che possono determinare l’invecchiamento dei telomeri e prevenire l’invecchiamento precoce a livello cellulare sono una dieta sana, la genetica, il modo in cui si risponde allo stress, il sonno ristoratore e l’esercizio fisico regolare. Ma oltre a questi fattori, gli scienziati hanno identificato cinque modelli di pensiero tossici che potrebbero anche portare a telomeri più brevi e all’invecchiamento precoce: pessimismo, cinica ostilità, ruminazione, soppressione del pensiero e mente vagante.
Tuttavia, ricerche precedenti hanno riportato risultati contrastanti sul fatto che le avversità infantili siano legate ad una precoce invecchiamento.
Nell’ultimo studio, pubblicato nel recente numero di Psychological Bulletin, i ricercatori hanno esaminato due categorie di avversità tra 116.000 partecipanti: avversità legate alla minaccia, come l’abuso e la violenza, e le avversità legate alla privazione, come l’abbandono fisico o emotivo o la povertà.
Hanno scoperto che i bambini che hanno subito un trauma legato alle minacce avevano maggiori probabilità di entrare precocemente nella pubertà e mostravano anche segni di invecchiamento più rapido a livello cellulare, compresi i telomeri accorciati.
Mentre i bambini che hanno sperimentato la povertà o la negligenza non hanno mostrato nessuno dei due segni di invecchiamento precoce.

Successivamente, gli scienziati hanno esaminato i dati di 3.253 partecipanti ad altri 25 studi per individuare le associazioni tra le avversità della prima infanzia e lo sviluppo cerebrale. Hanno trovato che le avversità dell’infanzia erano effettivamente associate all’assottigliamento corticale, un segno di invecchiamento, poiché la corteccia si assottiglia con l’età.
Traumi e violenza sono stati correlati a diradamento nella corteccia prefrontale ventromediale (coinvolta nella elaborazione sociale ed emotiva) e la privazione è stata associata a un ridotto spessore corticale del frontoparietale e le reti visive, che sono coinvolti nella elaborazione sensoriale e cognitiva.

Secondo gli autori dello studio:
“Questi risultati suggeriscono la specificità dei tipi di esperienze ambientali precoci associate all’invecchiamento biologico ed evidenziano l’importanza di valutare come l’invecchiamento precoce contribuisca alle disparità di salute e se questo processo possa essere mitigato attraverso un intervento precoce”.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

“Il fatto che vediamo prove così consistenti di un invecchiamento più rapido in età così giovane suggerisce che i meccanismi biologici che contribuiscono alle disparità di salute sono messi in moto molto presto nella vita. Questo significa che gli sforzi per prevenire queste disparità di salute devono iniziare anche durante l’infanzia”

References
Colich, N. et al. (2020). Biological aging in childhood and adolescence following experiences of threat and deprivation: A systematic review and meta-analysis. Psychological Bulletin. DOI: 10.1037/bul0000270
McLaughlin, K. A., et al. (2016). Childhood exposure to violence and chronic physical conditions in a national sample of U.S. adolescents. Psychosomatic Medicine, 78, 1072–1083. http://dx.doi.org/10.1097/PSY.0000000000000366
McLaughlin, K. A., et al. (2012). Socioeconomic status and adolescent mental disorders. American Journal of Public Health, 102,1742–1750. http://dx.doi.org/10.2105/AJPH.2011.300477

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>