16/17/18 Aprile 2021 – Dialoghi sulla Relazione Terapeutica, con Irvin YALOM

Precedente
Successivo

Dialoghi sulla Relazione Terapeutica

con Irvin Yalom

Lorena Preta, Massimo Recalcati, Maurizio Andolfi, Paolo Migone, Vittorio Lingiardi, Romina Coin e Umberta Telfener

Una straordinaria due giorni che vedrà la partecipazione, in esclusiva per l’Italia, di Irvin Yalom e di sette illustri terapeuti e terapeute italiane: Lorena Preta, Massimo Recalcati, Maurizio Andolfi, Paolo Migone, Vittorio Lingiardi, Romina Coin, Umberta Telfener. I contributi proposti dai relatori e dalle relatrici invitate permetteranno di indagare il tema della relazione terapeutica da diverse prospettive e angolazioni.

Un viaggio tra teoria e tecnica che permetterà di esplorare il ruolo che gioca la persona del terapeuta “in carne e ossa, con la sua storia personale, le sue convinzioni, le sue emozioni, nella relazione con il paziente e che verrà qui esaminato alla luce dei recenti sviluppi della psicoterapia e anche del contributo specifico dato da Irvin Yalom nel suo percorso di ricerca.

Dialoghi sulla Relazione Terapeutica, con Irvin YALOM - 10 crediti ECM

Prendi parte all’evento dell’anno!

in esclusiva per l’Italia, il 16/17/18 Aprile 2021

Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Il programma

Registrazione ed accoglienza partecipanti

L’evento ha inizio Venerdì 16 Aprile 2021 – ore 11.00

Venerdì 16 Aprile 2021 – ore 11.30 / 13.30

Dr.ssa Lorena Preta

Lo sguardo dislocato dell’analisi

Il fotogramma di un film I Misteri di un’anima di G.W.Pabst ( 1926).
Un uomo sdraiato sul lettino e l’analista dietro a lui guardano intensamente davanti a loro in un punto imprecisato. In realtà tracciando una linea tra i loro due sguardi è possibile notare che questi convergono verso un punto leggermente dislocato. Cosa guardano precisamente lo psicoanalista e il suo paziente? Un terzo punto, costruzione di uno spazio derivato dalla combinazione dei due sguardi. Un oggetto nuovo, forse simile a un ologramma, ma in realtà non così virtuale. Nell’esperienza psicoanalitica, si verifica una produzione di immagini peculiare e diversa da quella dei sogni o delle fantasie. La richiesta fatta al paziente di sdraiarsi sul lettino e di perdersi di vista, introduce uno sguardo diverso, uno sguardo eccentrico che guarda “fuori” dell’usuale campo percettivo. Si tratta dell’attivazione di una ‘funzione’ che è facilitata dall’uso del lettino ma che non vi è necessariamente vincolata. In realtà scatta appena un setting definito, una cornice delineata e condivisa, dà modo all’incontro tra analista e paziente di generare forme nuove e diverse, assemblaggi della psiche di analista e analizzato.

Venerdì 16 Aprile 2021 – ore 15.00 / 17.00

Prof. Massimo Recalcati

Un desiderio più forte. Tecnica e etica della relazione analitica

La conduzione della cura non può prescindere dalla soggettività dell’analista e dal suo desiderio. Lacan definiva questo desiderio “più forte” per indicare la sua funzione di causa del processo dell’analisi. Cosa significa questo? In che senso il desiderio che ci muove nella conduzione della cura è un desiderio diverso da tutti gli altri? Domanda che ne implica altre altrettanto cruciali: deve l’analista spogliarsi della sua soggettività per condurre efficacemente una cura? E’ questo possibile? E’ utile o necessario? Le teorie del controtransfert esasperano il coinvolgimento emotivo dell’analista nella cura o ci aiutano a vedere qualcosa di essenziale? Che cosa desidera un analista quando si trova impegnato in una analisi? La risposta a queste domande non può che evidenziare la stretta coincidenza, come si esprimeva Freud, della tecnica dello psicoanalista con la dimensione dell’etica.

Venerdì 16 Aprile 2021 – ore 17.15 / 17.45

Dr. Victor Yalom

Relazione terapeutica e Formazione del terapeuta

Victor Yalom, Ph.D., figlio  di Irvin, è il fondatore e C.E.O. di Psychotherapy.net, uno dei più importanti portali al mondo di formazione in Psicologia e Psicoterapia, con oltre 300 corsi con molti dei grandi nomi della Psicologia mondiale. Ha condotto seminari di terapia esistenziale-umanistica e di gruppo negli Stati Uniti, in Messico e in Cina. Ad oggi conduce ancora gruppi e occasionalmente offre consulenza a terapeuti e individui. In questa mezz’ora di testimonianza si rifletterà sul ruolo della formazione del terapeuta, anche rispetto all’acquisizione di competenze e sensibilità funzionali all’instaurarsi dell’ottimale relazione terapeutica; si esplorerà come il percorso del padre, Irvin Yalom, abbia ispirato ed orientato il suo percorso professionale ed imprenditoriale.

Venerdì 16 Aprile 2021 – ore 18.00 / 20.00

Prof. Irvin Yalom

Dialogo sulla Relazione Terapeutica

Potremo ascoltare dalla sua voce come si è evoluta la sua filosofia terapeutica e come sono nati e si sono costruiti nel tempo alcuni punti chiave del suo modello psicoterapeutico esistenziale: imparare dal paziente, essere onesti e trasparenti, essere curiosi e capaci di sospendere ogni pregiudizio sull’altro, ogni etichetta. Rinunciare alla posizione di “esperto”, coltivare empatia, rispetto positivo e incondizionato, al fine di creare una buona alleanza. Irvin Yalom, ampliando il pensiero di Freud sull’importanza delle relazioni presenti nei primissimi anni di vita, mette in primo piano i fattori interpersonali e sociali e ritiene altrettanto rilevanti le relazioni umane nel “qui ed ora”, intese come fattori chiave nella salute mentale di un individuo. Il lavoro clinico di Yalom mira a scoprire la radice interpersonale del sintomo, concettualizzandolo all’interno di una prospettiva interpersonale.

Sabato 17 Aprile 2021 – ore 9.00 / 11.00

Prof. Maurizio Andolfi

Il percorso interiore dello psicoterapeuta della famiglia

Esploreremo il valore di conoscenza e di cura dell’esperienza umana della terapia, dove il terapeuta si libera della sua ‘uniforme professionale’, spesso confezionata sui modelli che lo guidano, per entrare in contatto e sintonizzarsi con aree di sofferenza profonda portata in terapia da persone e famiglie in difficoltà. La ricerca di autenticità si concretizza in un dono reciproco di verità, la cura non sarà più incentrata sulla diagnosi e sulla riparazione del problema presentato da un bambino o un adolescente ma coinvolgerà l’intera famiglia in un processo trasformativo dove ciascuno si potrà rivelare come è senza maschere o finzioni, per il benessere di tutti. Compito del terapeuta sarà quello di favorire questa trasformazione, mettendosi in gioco anche a livello personale attraverso un’esplorazione profonda del proprio mondo interiore, risorsa straordinaria nello sviluppo della relazione terapeutica.

Sabato 17 Aprile 2021 – ore 11.30 / 13.30

Dr. Paolo Migone

La relazione terapeutica nella storia della psicoterapia

Vi è stato un grande rimescolamento di carte nel movimento psicoterapeutico, caratterizzato da ibridazioni tra approcci anche lontani tra loro al punto che le tradizionali classificazioni o divisioni tra scuole vacillano sempre di più. Emergono aspetti trasversali a tutti gli approcci, e la relazione terapeutica è uno di questi: i terapeuti di ogni orientamento si chiedono come gestire le emozioni nell’incontro col paziente, cosa voglia dire porsi in modo autentico, in che modo la relazione può avere una valenza trasformativa e così via. Vengono sinteticamente esaminate le concezioni della relazione terapeutica a partire dalle prime forme di psicoterapia fino ai giorni nostri. In particolare viene esaminato il percorso fatto da Freud alla luce della sua teoria dei fattori curativi, per poi prendere in rassegna alcuni approcci psicoterapeutici successivi. Vengono ad esempio discussi certi aspetti della “seconda forza” e della “terza forza” del movimento psicoterapeutico, cioè, rispettivamente, della terapia cognitivo-comportamentale (includendo i recenti sviluppi della “terza onda”) e del movimento umanistico-esperienziale. L’intento è quello di far riflettere sui concetti e sulle operazioni cliniche sottostanti alle terminologie usate da scuole di tradizioni anche molto diverse tra loro.

Sabato 17 Aprile 2021 – ore 14.30 / 16.30

Prof. Vittorio Lingiardi

Nel paesaggio della psicoterapia

Che cosa significa essere «due persone che parlano in una stanza» (Nissim Momigliano, 1984), dopo che l’emergenza pandemica ci ha chiesto di essere due persone che parlano in due stanze attraverso uno schermo? Nuove configurazioni della relazione terapeutica ci spingono a riflettere sui parametri della terapia. Cosa è il setting? Cosa è una relazione trasformativa? Consapevole che «ogni psicologia, la mia inclusa, ha il carattere di una confessione soggettiva» (Jung, 1929), attraverserò il paesaggio della psicoterapia affidandomi agli autori che amo e alle esperienze che hanno costruito il mio idioma. Libera da eccessive devozioni teoriche, l’anima del clinico dialogherà con quella del ricercatore: gli studi sull’alleanza terapeutica al servizio dell’unicità dell’incontro, la costruzione di diagnosi sensate al servizio di clinici sensibili.

Domenica 18 Aprile 2021 – ore 09.00 / 11.00

Dr.ssa Romina Coin

Il soggetto nella relazione psicoterapeutica 

Esiste ormai un consenso quasi unanime circa il ruolo centrale che la relazione svolge nel dispositivo psicoterapeutico, così come sulla soggettività irriducibile degli attori coinvolti nel processo di cura. E’ invece ancora del tutto aperta la ricerca su come possiamo integrare le acquisizioni epistemologiche, teoriche e neuroscientifiche contemporanee all’interno del nostro impianto di pensiero e dei nostri dispositivi professionali. Questa urgenza deriva dalla percezione del rischio che tali consapevolezze rimangano sterili affermazioni di principio o che si cristallizzino su un piano puramente descrittivo e suggestivo dell’incontro, senza avere di fatto una ricaduta trasformativa nel modo di concepire il nostro ruolo, il nostro incontro col paziente, il senso e le finalità dell’agire psicoterapeutico. Crediamo infatti che la qualità etica della nostra presenza consista nell’assumere la nostra soggettività come elemento fondante l’essere e il fare lo psicoterapeuta, che precede e informa ogni atto e ogni accadimento della relazione col paziente. Solo per questa via i nostri dispositivi di sapere possono realmente assicurare al paziente lo spazio per essere “altro”, e non l’oggetto del nostro conoscere, e per collocarsi come interlocutore e non destinatario del nostro intervento. E’ in questo incrocio tra etica ed epistemologia che si può delineare un campo di interesse trasversale a tutti gli approcci psicoterapeutici che, in contrasto con le divisioni di scuola e le logiche competitive che hanno segnato la storia della nostra professione, può aiutarci a unire gli sforzi e lavorare insieme per lo sviluppo del ruolo terapeutico in un mondo in rapida trasformazione. Il contributo si concentrerà su questi aspetti trasversali, con un’attenzione particolare ai giovani che si affacciano alla professione e alla responsabilità di chi si occupa della loro formazione.

Domenica 18 Aprile 2021 – ore 11.30 / 13.30

Prof.ssa Umberta Telfener

Il punto di vista del clinico,situazioni evolutive e il rischio del rischio iatrogeno

Nel seminario mi concentrerò sul punto di vista del professionista, le sue emozioni, la creazione di una grammatica dei sentimenti che permetta di decodificare il processo in atto, le scelte da compiere, la riflessività implicata, i multipli livelli di osservazione e i posizionamenti che si devono scegliere e che ci vengono proposti. Ritengo la relazione terapeutica un atto etico di secondo livello e sono interessata al rischio che il processo si mostri collusivo o cronicizzante, alle trappole in cui il clinico può cadere. Mi soffermerò sul rischio del rischio iatrogeno, cioè su quei processi che si bloccano o peggiorano non a causa della gravità della situazione ma piuttosto a seguito del processo cui il professionista partecipa. Parlerò degli interventi ortopedici e di quelli generativi e metterò in evidenza la responsabilità della co-responsabilità che accomuna i partecipanti alla danza terapeutica.

Prendi parte all’evento dell’anno!

I posti sono limitati, affrettati ad iscriverti ed assicurarti il posto!
Se ti servono informazioni, puoi contattare via WhatsApp gli organizzatori, Dott. Nicola Piccinini e Dott. Paolo Sidoti, o lo Staff FCP tramite il modulo email. Ti risponderemo quanto prima!

Nicola Piccinini

Paolo Sidoti

Gli ECM vengono rilasciati in modalità FAD. Una volta terminato l’evento online, avrai accesso completo, per i 365 giorni a seguire, a tutti i video. Nella piattaforma FAD troverai anche il questionario da effettuare per il rilascio dei 10 crediti ECM

Procedi subito all’iscrizione!

Vista la grande partecipazione all’evento online, abbiamo valutato di bloccare l’iscrizione in Early Booking :)

137,00€ invece di 187€

Pagamenti accettati

Main Partner

 

Partner

 

Organizzatori

 

crediti FCP
Serendipity

con il supporto di