Cambiamenti sociali ed emotivi durante l’adolescenza

cambiamenti adolescenza

Ci sono grandi cambiamenti durante l’adolescenza. Non solo cambiamenti fisici, ma anche importanti cambiamenti nello sviluppo sociale ed emotivo, in quanto passano dall’essere bambini a diventare adulti. Anche se a volte ci aspettiamo che pensino e si comportino come un adulto, il loro cervello è molto diverso da quello di un adulto e non sarà completamente sviluppato fino a quando non avranno compiuto vent’anni.

Si parla spesso di adolescenza come di un periodo di sfide. Ci sembra di vederlo come un periodo di comportamenti difficili e a volte impulsivi. La maggior parte degli adulti che passano del tempo con un adolescente sanno che non è questo il loro modo di essere. Anche se è probabile che ci siano dei dossi lungo la strada e alcuni di questi possono essere dei grandi, gli adolescenti possono essere sorprendenti. Tra le tante altre qualità, possono essere divertenti, creativi, curiosi e avventurosi. La maggior parte degli adolescenti si muove in questi anni in modo sano e positivo senza avere problemi seri. È un momento da amare, non da temere.

 

Cambiamenti cerebrali durante l’adolescenza

Tutti noi abbiamo sentito parlare di adolescenti e dei loro “ormoni impetuosi”. Tuttavia, le ultime ricerche ci dicono che, mentre i livelli ormonali aumentano fin dalla prima pubertà, essi hanno un ruolo minore nelle emozioni più forti che gli adolescenti possono a volte provare. Invece, molti dei cambiamenti durante l’adolescenza sono legati allo sviluppo del cervello.

I circuiti del cervello adolescenziale si stanno riorganizzando e maturando, in particolare i circuiti coinvolti nelle relazioni sociali, nell’elaborazione delle emozioni e nell’assunzione di rischi e nell’esperienza delle ricompense. Aree diverse si sviluppano e maturano in tempi diversi.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Ci sono cambiamenti nelle aree del cervello che elaborano le emozioni, note come sistema limbico. Questo può far sembrare gli adolescenti più emotivi e reattivi. Per esempio, possono avere più “alti e bassi”. La corteccia prefrontale, che è coinvolta nel ragionamento, nel pensiero razionale, nel processo decisionale e nel controllo delle emozioni e degli impulsi, sta ancora maturando negli anni Venti. Man mano che i circuiti tra la corteccia prefrontale e il sistema limbico diventano più efficaci, gli adolescenti sono più in grado di controllare le emozioni e gli impulsi forti e la loro capacità di pensare razionalmente e di prendere buone decisioni viene messa a punto. Diventano più bravi a usare questi sistemi in modo controllato e affidabile.

Formare un’identità

Gli adolescenti si formano un senso di chi sono, di chi vogliono essere, di cosa hanno bisogno di fare per arrivarci e di come si inseriscono nel mondo. I cambiamenti nel cervello significano che possono pensare in modo sempre più astratto. Possono soppesare le scelte sui lavori e le carriere future. oppure esplorare le loro convinzioni e la loro morale. Possono anche decidere di non mangiare carne o possono unirsi a un gruppo di protesta per salvare l’ambiente.

Alcuni adolescenti “provano” personalità diverse. Sperimentano il loro aspetto e il loro comportamento, soprattutto in situazioni romantiche in cui possono voler impressionare! Anche se questo comportamento può sembrare falso agli adulti, può essere una parte normale dello sviluppo adolescenziale. A circa 18 anni, la maggior parte dei giovani ha un forte senso della propria personalità.

I genitori possono sostenere gli adolescenti nella formazione di un’identità, fornendo loro un senso di appartenenza e di stabilità, una base sicura da cui esplorare le loro opzioni e sviluppare i loro valori e le loro convinzioni.

Nuovi Disagi in Adolescenza. Diagnosi, Prognosi e Intervento

Emozioni e cambiamenti nell’adolescenza

A partire dalla pubertà, gli adolescenti possono sperimentare i loro sentimenti in modo più forte e possono essere più sensibili dal punto di vista emotivo. I loro alti possono sembrare più alti e i loro bassi, più bassi. Il modo in cui reagiscono un giorno può essere molto diverso da un altro. Stanno ancora imparando a gestire i sentimenti intensi e ad esprimersi in modo maturo. Man mano che le regioni del cervello che controllano le emozioni maturano, e fanno pratica nel gestire i “grandi sentimenti”, gli adolescenti diventano più propensi a fare un passo indietro e a pensare prima di rispondere alle situazioni.

Gli adolescenti possono essere molto consapevoli di sé e molto sensibili alle emozioni e alle opinioni degli altri. Diventa molto importante per loro sentire di appartenere e di sentirsi accettati dai loro coetanei. A volte possono pensare che il loro comportamento sia al centro dell’attenzione di tutti. Possono essere fuori di sé dalla felicità o sentirsi assolutamente infelici quando le amicizie strette o le relazioni romantiche vanno e vengono. Questa intensità di emozioni di solito diminuisce verso la metà dell’adolescenza.

I genitori e gli altri adulti possono fornire sostegno aiutando gli adolescenti a trovare modi sani per gestire lo stress e per elaborare pensieri e sentimenti che potrebbero sopraffarli. Ad esempio, possono incoraggiarli a fare esercizio fisico, a meditare o a suonare la musica. Il modo in cui gli adulti rispondono fa la differenza. Anche se un adulto può avere voglia di urlare contro un adolescente arrabbiato o sopraffatto, è improbabile che questo aiuti a risolvere una situazione o a risolvere un conflitto. Una risposta calma può essere molto più efficace.

 

Capacità di vedere le prospettive degli altri

Gli adolescenti diventano più bravi a capire i pensieri, i sentimenti e le convinzioni degli altri e il fatto che questi possono essere diversi dai loro. Essere in grado di “mettersi nei panni di qualcun altro” li aiuta ad avere relazioni più complesse. È salutare per loro sviluppare una maggiore tolleranza verso le altre persone che hanno opinioni e interessi diversi dai propri.

 

Leggere le emozioni e gli stimoli sociali degli altri

Fin da subito dopo la nascita, i bambini possono leggere le espressioni delle emozioni sui volti degli altri. Migliorano man mano che crescono. Gli adolescenti imparano a leggere ed elaborare emozioni più complesse e a cogliere sottili spunti non verbali. Man mano che diventano meno dipendenti dai genitori dal punto di vista emotivo, tendono a passare più tempo con i loro coetanei. Aiuta a sapere cosa pensano gli altri di loro e se i loro coetanei segnalano approvazione e accettazione. Se percepiscono che non si stanno “adattando”, possono cambiare il loro comportamento e le loro risposte per ottenere l’approvazione dei coetanei.

Tra i diversi cambiamenti affrontati durante l’adolescenza, molti giovani cominciano a interessarsi romanticamente agli altri. La loro crescente capacità di leggere le espressioni facciali delle emozioni e i segnali sociali può aiutarli a cogliere l’interesse romantico diretto verso di loro, come ad esempio uno sguardo civettuolo o può aiutarli a valutare l'”idoneità” di un potenziale partner.

 

Cambiamenti durante l’adolescenza: il quadro generale

Ciò che è già accaduto nella vita di un bambino gioca un ruolo importante nel modo in cui egli affronta l’adolescenza. Le loro relazioni e le loro esperienze infantili hanno creato una base forte o debole su cui il cervello dell’adolescente può basarsi.

Lo sviluppo avviene ogni volta e ovunque gli adolescenti trascorrano il loro tempo; con la famiglia, gli amici e gli insegnanti; a casa, a scuola e in tutti gli altri luoghi che frequentano. Ci sono molte opportunità per promuovere risultati sociali ed emotivi sani per tutti gli adolescenti.

 

Il ruolo degli adulti durante le fasi dei cambiamenti adolescenziali

Il ruolo dei genitori come ‘consulenti’ e ‘limitatori’ non è finito; sta solo cambiando. Gli adolescenti hanno ancora bisogno di consigli e guida da parte dei genitori e di altri adulti, oltre che di spazio per praticare le nuove competenze che stanno sviluppando.

Comprendere i cambiamenti dell’adolescenza è un passo importante per far sì che gli adulti forniscano relazioni e contesti positivi a sostegno di un sano sviluppo sociale ed emotivo. Gli adolescenti hanno bisogno di adulti nella loro vita che siano realmente interessati a loro, che trascorrano del tempo con loro e che li trattino in modo rispettoso.

 

Vuoi approfondire la tematica dello sviluppo dell’adolescente?

➡️​ Clicca qui per scoprire la nuova Masterclass “Favorire lo Sviluppo Mentale del Bambino e dell’Adolescente – II Edizione 2022” con la straordinaria, rinnovata, partecipazione di Daniel J. Siegel

Favorire lo Sviluppo Mentale del Bambino e dell’Adolescente - 2022

Ti interessa questo argomento?
Leggi anche:
➡️ Le quattro fasi della crescita adolescenziale 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Brainwave.org.nz

0 thoughts on “Cambiamenti sociali ed emotivi durante l’adolescenza

  • albasimo.rocco/Simona Rocco,Psicologa says:

    Gentilissimi,
    Articolo in sintonia con il contesto storico- sociale, già in continuo mutamento per i ruoli familiari, Mai uguali in ogni famiglia. Il cov19 purtroppo può avere un’influenza negativa sia per le regole in casa(…) che per questa “sofferenza “che i ragazzi delle scuole di ogni ordine egrado, stanno esprimendo e sottolineando. Giustamente!
    In tutto questo, la crescita dei ragazzi neurofisiologicamente-ormonalmente , psicologicamente, sembra che rispetta le fasi dall’età dei 10anni sino all’adolescenza vera e propria, che noi psicologi clinici con neuropsichiatri infantili, pediatri e tutti coloro che hanno anche un percorso formativo più specifico per lavorare con gli adolescenti,conosciamo.

    Complimenti per esserci con i vostri articoli scientifici.
    Simona Rocco.

  • descrivo brevemente la mia esperienza genitoriale,ho avuto modo di proporre d’accordo con l’insegnante un laboratorio di storia nella classe di mio figlio il quale non ha approvato questa mia decisione giustificando che non vuole essere al centro dell’attenzione rispetto ai coetanei. Ho contestato tale riserva adducendo che non c’era niente di male in questa mia richiesta.
    Quale era la scelta più opportuna? Grazie

  • Gianna Maria Tavoschi says:

    Forse avrebbe potuto parlarne prima con suo figlio per capire le sue resistenze e cogliere da cosa potevano essere state suscitate. Forse il suo vissuto a scuola con compagni o insegnanti è meno sereno o fluido di quanto si pensi, forse questo inserimento in classe da parte di un genitore nella scuola è inconsueto. Ci sono mille motivi per cui questa iniziativa può aver messo in imbarazzo suo figlio, mentre è stata gradita a lei. Parlarne prima avrebbe portato a galla qualcosa che avrebbe aiutato entrambi a crescere e a prendere la decisione più adatta, anche a far sentire suo figlio orgoglioso di suo padre. Temo che suo figlio si sia soltanto sentito giudicato

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>