Accedi

Efficacia dell’ACT su Depressione e Accettazione del Dolore in Donne con Cancro al Seno

Il cancro al seno è il tumore più comunemente presente nelle donne di tutto il mondo ed è stato segnalato come la seconda causa di morte per cancro.

Questa malattia rappresenta circa un terzo di tutti i tumori nelle donne ed è la principale causa di morte tra i 35 e i 45 anni.

Nonostante gli ampi progressi nel trattamento biologico del cancro al seno, alcuni problemi basati sugli aspetti biopsicosociali di questa malattia rimangono irrisolti.

Tra i fattori che incidono sulla salute mentale delle pazienti affette da tumore al seno vi sono il dolore significativo e le preoccupazioni per il futuro dei familiari, la paura della morte, la ridotta funzionalità, la probabilità di malformazioni, i problemi finanziari e sociali, i disturbi dell’immagine corporea e i problemi sessuali. In particolare, tre fattori cruciali hanno portato a una disabilità diffusa:

  • la depressione,
  • l’accettazione del dolore e
  • la flessibilità psicologica.

La Depressione

Gli studi suggeriscono che la depressione è uno dei problemi più comuni che le pazienti oncologiche devono affrontare. Alcuni studi hanno riportato che la probabilità di depressione maggiore nelle pazienti con cancro al seno è due volte maggiore rispetto alla popolazione generale.

Uno studio ha dimostrato che il rischio di morte negli adulti affetti da cancro che soffrono di depressione è più elevato rispetto a quelli che non ne soffrono.

 

La Flessibilità Psicologica

Una delle caratteristiche delle persone depresse è la mancanza di flessibilità in contesti diversi. La flessibilità psicologica è definita come la capacità di adattarsi ai mutevoli stimoli ambientali.

Alcuni ricercatori la descrivono come la capacità degli individui di comunicare pienamente con il presente come esseri umani consapevoli e la loro capacità di cambiare o continuare a comportarsi nella direzione dei loro valori.

Ciò che rende una persona psicologicamente vulnerabile alla depressione e all’ansia è il coinvolgimento mentale con i ricordi e gli eventi probabili.

Gli studi hanno dimostrato che le terapie basate sulla flessibilità psicologica migliorano efficacemente i sintomi fisici e psicologici dei disturbi depressivi.

Anche il dolore è un fattore essenziale che porta alla disabilità e alla riduzione della qualità della vita in questi pazienti. Diverse ricerche hanno dimostrato che i farmaci e la riabilitazione non eliminano la gravità del dolore cronico.

 

Il Dolore

Poiché il dolore ha una dimensione bio-psico-sociale e consiste in una costellazione di fattori affettivi, cognitivi e neurali, per la sua guarigione è necessaria una combinazione di psicoterapie e farmaci basati sull’evidenza.

Un’idea innovativa per ridurre la disabilità legata al dolore consiste nell’insegnare ai pazienti a convivere con il dolore.

Le ricerche dimostrano che non tutti i pazienti con dolore cronico sviluppano disabilità. Ci sono invece persone che, nonostante il dolore, continuano a svolgere le consuete attività quotidiane. Uno dei fattori che contribuiscono alla loro capacità funzionale è l’accettazione del dolore.

La ricerca ha dimostrato che l’accettazione del dolore è associata a migliori funzioni sociali, fisiche e psicologiche.  Anche in questo caso, quindi, nel trattamento del tumore al seno sono necessarie terapie combinate con l’obiettivo di ridurre la disabilità legata al dolore e i sintomi della depressione.

 

La CBT

I risultati di un’ampia ricerca hanno dimostrato che la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è la psicoterapia più comunemente utilizzata in ambito medico e ha dimostrato una fattibilità e un’efficacia adeguate.

Tuttavia, la CBT presenta alcuni limiti. In primo luogo, si occupa solo dei contenuti del pensiero, mentre gli antecedenti clinici suggeriscono che la maggior parte dei pazienti affetti da disfunzioni mentali come la depressione non è in grado di riconoscere le proprie distorsioni cognitive.

In secondo luogo, l’accettazione non è una componente della CBT. La CBT cerca di ridurre il dolore, ma a volte non può essere ridotto e deve essere accettato. Infine, i protocolli CBT sono applicati come pacchetti basati sul sintomo, cioè non possono essere rivolti a diversi sintomi comorbidi in un unico protocollo.

Inoltre, le evidenze empiriche ricavate da meta-analisi hanno dimostrato che i trattamenti psicologici (come la CBT) nei pazienti affetti da cancro (in particolare da cancro al seno) generano effetti molto piccoli o medi sui problemi di salute mentale.

Inoltre, un’altra meta-analisi non ha raccomandato l’uso della CBT per migliorare il disagio psicologico e la qualità della vita nelle pazienti con cancro al seno.

Infine, alcuni studi hanno dimostrato che la CBT non è efficace nelle pazienti affette da cancro che presentano gravi condizioni di salute mentale e che è più efficace nei partecipanti non sposati.

Sulla base di queste limitazioni, studi recenti stanno esplorando l’efficacia di una nuova generazione di protocolli basati sulla CBT. La terapia di accettazione e impegno (ACT) è uno di questi.

 

L’ACT Acceptance and Commitment Therapy

La ricerca ha dimostrato che l’ACT può superare questi ostacoli. In quanto approccio trans-diagnostico, l’ACT si occupa del nucleo patologico essenziale dei problemi mentali piuttosto che di un sintomo in particolare. L’approccio terapeutico dell’ACT consiste in sei processi centrali che portano alla flessibilità psicologica.

I sei processi comprendono:

  1. l’accettazione,
  2. la diffusione cognitiva,
  3. il contatto con il momento presente,
  4. il sé come contesto,
  5. i valori e
  6. l’azione impegnata.

L’ACT prende il nome dal suo messaggio originale, ossia l’accettazione di ciò che è fuori dal proprio controllo e l’impegno a intraprendere azioni che arricchiscano la propria vita.

Studi precedenti hanno dimostrato l’efficacia dell’ACT nel migliorare la depressione e lo stress in pazienti con cancro al seno, nel ridurre il dolore e nel migliorare sia la depressione che l’ansia.

Tuttavia, questi studi presentano alcune importanti limitazioni, come la mancanza di un periodo di follow-up, la selezione non casuale, l’assenza di controllo per le variabili demografiche, le dimensioni ridotte del campione e la mancanza di un protocollo integrato.

Inoltre, in base alla nostra ricerca in letteratura, non è attualmente disponibile alcuno studio clinico randomizzato che abbia come obiettivo questi sintomi.

Nel tentativo di superare queste limitazioni, l’obiettivo del presente studio è stato quello di determinare se l’ACT sia efficace nel ridurre la depressione, aumentare l’accettazione del dolore e migliorare la flessibilità psicologica in un campione di donne con cancro al seno.

Risultati

Il presente studio si proponeva di indagare l’effetto dell’ACT sulla depressione, sull’accettazione del dolore e sulla flessibilità psicologica in donne sposate con cancro al seno.

L’analisi dei risultati ha indicato che questo trattamento può ridurre la depressione e aumentare l’accettazione del dolore e la flessibilità psicologica in queste pazienti. I risultati sono in linea con quelli di molti studi sull’impatto dell’ACT.

Per esempio, Mojtabaie & Gholamhosseini hanno valutato donne con tumore al seno e sintomi depressivi e hanno scoperto che il trattamento ha ridotto efficacemente i sintomi della depressione nelle pazienti. I risultati dell’ACT nello studio di Mohabbat-Bahar et al. hanno suggerito una riduzione significativa dei sintomi di ansia e depressione nelle donne con cancro al seno.

In uno studio su donne con tumore al seno, gli autori hanno riscontrato che l’ACT ha ridotto efficacemente la gravità del dolore percepito e ha aumentato l’accettazione del dolore.

Infine, i risultati dell’ACT nello studio di Najvani et al. hanno indicato una diminuzione significativa dei sintomi della depressione e una maggiore flessibilità psicologica in queste donne. Sebbene l’ACT non riduca direttamente i sintomi (ad esempio, i sintomi della depressione), si ritiene che se i pazienti non cercano di diminuire i loro pensieri e sentimenti, ma cercano invece di abbandonare la lotta con essi e di andare avanti con i valori della loro vita, i sintomi diminuiranno spontaneamente.

 

Discussione

Secondo Steven Hayes et al., più della metà dei cambiamenti nei sintomi depressivi può essere spiegata dalla non accettazione e dal desiderio. Per quanto riguarda l’efficacia dell’ACT nel ridurre il dolore nelle pazienti con dolore cronico, si può ipotizzare che, nelle persone affette da tumore al seno, il modo in cui le persone interpretano o rispondono al dolore sia cruciale nell’esperienza del dolore stesso.

La catastrofizzazione del dolore crea una tendenza esagerata e negativa verso il dolore reale e indirizza le persone a trascorrere la loro vita senza di esso. Questo fenomeno è noto come evitamento esperienziale nell’ACT.

Tuttavia, la ricerca dimostra che questo approccio al dolore lo rende più prezioso, più dominante e più fastidioso, che è la stessa definizione del dolore che si trasforma in sofferenza; ciò che accade di conseguenza è la perdita della vita e del suo significato.

Al contrario,  il successo dell’ACT nel trattamento di diversi tipi clinici e di diversi gruppi di persone è dovuto al fatto che questo approccio si concentra maggiormente sui processi funzionali alla base dei comportamenti disturbati piuttosto che sui sintomi caratteristici di un disturbo. Questo trattamento esamina i modelli comportamentali che ostacolano il successo nella vita.

Il terapeuta si concentra maggiormente sul miglioramento generale della vita del paziente, piuttosto che sulla riduzione dei sintomi. L’ACT mira a migliorare il comportamento in presenza di eventi interni spaventosi (ad esempio, pensieri e sentimenti angoscianti legati al cancro), cosa che viene definita flessibilità psicologica.

Un processo fondamentale nell’ACT è la chiarificazione dei valori di ciascun individuo. Questo processo è definito come rinforzo intrinseco, nel senso che, nonostante gli ostacoli, i valori del soggetto forniscono una scelta per i propri comportamenti e le proprie azioni.

Poiché i pazienti oncologici devono affrontare malattie potenzialmente letali, spesso non sono consapevoli dei loro valori. Pertanto, aiutare le persone a individuare i propri valori e le aree preziose della vita fornisce un motivo per andare avanti e affrontare seriamente la diagnosi e il trattamento del cancro. Questo, a sua volta, può portare a migliori risultati medici e psicologici.

Chiarendo i valori e gli obiettivi, i pazienti si renderanno conto che per anni, invece di provare cose che possono cambiarli (ad esempio, funzionare secondo i loro valori), hanno provato cose immutabili (ad esempio, pensieri, emozioni, ricordi del cancro, ecc.).

Attraverso l’ACT i pazienti sono aiutati ad accettare, abbracciare e impegnarsi in un comportamento che incorpora i loro valori, piuttosto che combattere i loro pensieri e sentimenti. Così, anche se la malattia può ancora limitare le loro attività, inizieranno a comportarsi in modo coerente con i loro valori, ad esempio comunicando con gli altri e migliorando le relazioni con la famiglia, gli amici, la religione e la spiritualità.

Il coinvolgimento attivo in aree preziose della vita porta a un miglioramento dei risultati medici e psicologici. È dimostrato che una maggiore flessibilità psicologica migliora anche il disagio psicologico del paziente.

In altre parole, sembra che il processo di accettazione e mindfulness e il processo di modifica del comportamento finiscano per migliorare il morale delle pazienti con tumore al seno.

Conclusione

Secondo i risultati, l’ACT è stato un approccio terapeutico efficace per ridurre la depressione e aumentare l’accettazione del dolore e la flessibilità psicologica nelle donne con cancro al seno.

Questi cambiamenti sembrano essere ottenuti attraverso una maggiore accettazione dei pensieri e dei sentimenti associati al cancro e una maggiore flessibilità psicologica, che è l’obiettivo principale del trattamento ACT.

 

 

Vuoi approfondire l’utilizzo dell’Acceptance and Commitment Therapy (ACT) nella pratica clinica? Non perdere il corso “Acceptance and Commitment Therapy (ACT) per Bambini e Adolescenti, Promuovere Vitalità e Crescita con l’Acceptance and Commitment Therapy”, con Steven Hayes.

12-13-14-15-16 Aprile 2023

PESI Italia srl, IESCUM e ACT Italia, ti offrono in esclusiva italiana una Master Class con alcuni tra i massimi esperti italiani e internazionali in ACT e processed based therapyche condurranno i partecipanti in un percorso attraverso la teoria e le pratiche cliniche, ricco di strumenti, procedure ed esempi clinici.

ACT cancro seno

Fonte: Ghorbani V, Zanjani Z, Omidi A, Sarvizadeh M. Efficacy of acceptance and commitment therapy (ACT) on depression, pain acceptance, and psychological flexibility in married women with breast cancer: a pre- and post-test clinical trial. Trends Psychiatry Psychother. 2021 Apr-Jun;43(2):126-133. doi: 10.47626/2237-6089-2020-0022. PMID: 34392667; PMCID: PMC8317551.

Corsi correlati

Corso Online
48 ECM
Certificazione TIST (Trauma-Informed Stabilization Treatment) Livello 01 – Ed.04
La live si terrà il 22 ottobre 2024
517€
o 172 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
18 ECM
Certificazione internazionale in Dialectical Behavior Therapy (DBT)
La live si terrà il 24 settembre 2024
327€ 287€
o 96 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Lavoro e organizzazioni
Il supporto dello psicologo per il cambiamento professionale 
“Flessibilità”, “apertura al cambiamento”, “spirito di iniziativa”, sono...
Lavoro e organizzazioni
Rapporti di lavoro: come costruirli e gestirli al meglio
La Psicologia è la scienza che studia i comportamenti e le relazioni (CNOP, 2015) e il ruolo...

One thought on “Efficacia dell’ACT su Depressione e Accettazione del Dolore in Donne con Cancro al Seno

  • Lorena Zanus says:

    Buongiorno,
    chi sono gli autori di quest’articolo?
    Non sono indicati, come non sono indicati gli autori delle metanalisi citate, nè i riferimenti bibliografici.
    Oltre ad essere inesatto (ad es. non è vero che l’obbiettivo della CBT non è il convivere con il dolore: dipende dalla tipologia di dolore, dalle caratteristiche del paziente, dall’età, dalle risorse, ecc.) sembra veramente scritto da colleghi che il dolore l’hanno sperimentato solo nella letteratura e non abbiano mai incontrato un paziente con dolore cronico od oncologico. Ci sarebbe molto altro da dire ma non è questo il luogo adatto. Concludo sottolineando che l’ACT non è una panacea ma va adattata ed utilizzata quando e con chi può trarne utilità. Lorena Zanus (lavoro nel campo del dolore cronico dal 1983!)

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>