Trasformare le eredità Viventi del Trauma – Intervista a Janina Fisher

Janina Fisher, PhD, psicologa clinica e psicoterapeuta, esperta internazionale nel trattamento del trauma. Vicedirettrice del Sensorimotor Psychotherapy Institute fondato da Pat Odgen. Istruttrice pre... Leggi la Bio
trauma

Per alcune persone, le cicatrici del trauma corrono in profondità nella psiche, influenzando il corso della vita quotidiana. Spesso, per proteggersi dalla possibilità di un danno ripetuto, il corpo e la mente diventano iper-allertati al pericolo, anche vedendo che il pericolo potrebbe non esistere. In un certo senso, l’evento passato del trauma non è mai passato. Le reazioni possono essere sconcertanti per i sopravvissuti stessi e preoccupanti di per sé. Dai combattimenti agli abusi sessuali, ogni anno milioni di persone subiscono un trauma.

Che cosa definisce il trauma?

Uso una particolare definizione di trauma che viene da Karen Saakvitne: “Il trauma può essere un singolo evento, una serie di eventi, o un insieme di condizioni durature che sopraffanno la capacità dell’individuo di tollerare o persino di rimanere pienamente presente e che sono percepite dall’individuo come una minaccia alla vita, alla sanità mentale o all’integrità corporea”.

Il “trauma dello sviluppo“, un nuovo termine molto popolare di questi tempi, si riferisce a un insieme di condizioni durature nell’infanzia in cui gli eventi abusivi causano una paura di minaccia alla vita, alla sanità mentale o all’integrità corporea da parte delle figure di attaccamento del bambino.

 

C’è una grande e crescente libreria sul trauma. Cosa l’ha spinta a scrivere ancora sul tema?

Per anni, mi è stato chiesto di raccomandare libri di base sul trauma orientati ai sopravvissuti al trauma che li aiutassero a dare un senso a ciò che è successo e a come li ha colpiti.

Non ci sono stati libri eccellenti che potessi raccomandare, così ho visto che c’era un bisogno.

Allo stesso tempo, ricevevo email da sopravvissuti che mi ringraziavano per la mia pubblicazione, “Psychoeducational Aids for Treating Psychological Trauma” e mi dicevano quanto significasse per loro avere sintomi e problemi normalizzati. Inoltre, incontro migliaia di terapeuti di tutto il mondo ogni anno e ho potuto vedere che, anche se il campo si era trasformato drammaticamente dal suo inizio, la pratica terapeutica non lo aveva fatto. La maggior parte dei terapeuti stava ancora trattando gli eventi, non i loro effetti.

 

Cosa crede di aggiungere?

Il feedback sia dai terapeuti che dai sopravvissuti è stato molto positivo.

Avevo un triplice scopo nello scrivere: f

-fornire un libro che potesse spiegare la moderna teoria del trauma ai sopravvissuti al trauma in termini semplici.

-sostenere i sopravvissuti normalizzando e dando un senso alle loro risposte.

-sostenere i terapeuti aggiornando la loro comprensione del trauma.

Quello che mi dicono i lettori è che sto rispondendo a queste esigenze. Abbiamo una vasta letteratura sul trauma per i professionisti, ma molti meno libri per i sopravvissuti al trauma. È fondamentale che ci allontaniamo dall’enfasi sugli eventi traumatici quando il colpevole non è l’evento ma gli effetti duraturi che provoca.

 

Perché crede che il trauma sia un argomento così importante di questi tempi?

Viviamo in tempi traumatici! A partire dall’11 settembre, è diventato più chiaro al mondo intero che gli eventi traumatici ci colpiscono tutti.

Il trauma non è solo causato dall’abuso di bambini, dalla violenza domestica o dalla guerra. È causato da incidenti, disastri naturali, terrorismo politico e persino da malattie.

Il COVID è una minaccia traumatica per le nostre vite in questo momento. Il terrorismo domestico è una minaccia traumatica. Il razzismo è una minaccia traumatica e lo è stato per centinaia di anni.

Inoltre, si stima che il 70% di tutti i pazienti psichiatrici ricoverati abbiano storie di trauma e il 30-40% di tutti i pazienti ambulatoriali. Pochi di noi attraversano la vita senza essere stati esposti a un trauma, il che rende ancora più importante essere pronti ad aiutare le persone con gli effetti degli eventi che hanno vissuto.

Raccontare la storia di ciò che è successo non è sufficiente per guarire il trauma. Dobbiamo essere in grado di lavorare con gli effetti somatici, gli effetti emotivi e gli effetti relazionali, compreso il rapporto con se stessi.

 

Ci sono più traumi nel mondo oggi che in passato o le persone ne sono più consapevoli o vulnerabili?

Questo è un momento traumatico nella storia dell’umanità tra COVID e il crescente potere e influenza dei gruppi suprematisti bianchi e antisemiti.

 

Qual è l’eredità vivente del trauma?

L’eredità vivente del trauma descrive il modo in cui gli eventi traumatici passati non lasciano solo cicatrici sulle vittime che sono state chiaramente inflitte in passato.

Il trauma lascia un’eredità vivente di emozioni (paura, vergogna, rabbia) e risposte fisiche (paura, impulsi a correre o nascondersi o combattere, anche contro il proprio corpo) che continuano ad essere stimolate dai più sottili indizi nella vita quotidiana delle persone.

Il trauma non si sente come un evento passato quando i suoi effetti sono costantemente stimolati dalle normali cose di tutti i giorni.

 

Come influisce il trauma sul cervello e sul corpo?

Quando percepiamo una minaccia o un pericolo, il cervello e il corpo si mobilitano per difendersi. Una scarica di adrenalina aumenta la frequenza cardiaca e la respirazione per accelerare l’ossigeno al tessuto muscolare e dare al nostro corpo l’energia per fuggire o combattere.

Molto importante, la corteccia prefrontale, il cervello pensante e verbale, è inibita per permettere una risposta istintiva senza pensare troppo.

Poi, una volta che siamo sopravvissuti, il nostro sistema nervoso parasimpatico si attiva per aiutarci a recuperare o, se non è sicuro difenderci, per avviare risposte di sottomissione totale che prosciugano la nostra energia e fermano la nostra capacità di agire.

Tuttavia, questo ciclo non si ferma una volta che ci siamo ripresi. Continua ad essere stimolato da elementi di minaccia, inclusi elementi come l’ora del giorno, il giorno della settimana, la stagione, le condizioni atmosferiche, così come esperienze comuni come altre persone che si accigliano o non ci rispondono, che non ci capiscono, che ci fanno aspettare, che ci deludono o feriscono i nostri sentimenti.

Ogni volta che incontriamo un fattore scatenante legato al trauma, il sistema di risposta allo stress di emergenza reagisce con lo stesso ciclo di risposte di lotta, fuga o sottomissione.

 

In che modo il trauma influenza negativamente la vita delle persone?

Gli individui traumatizzati vivono poi in balia di fattori scatenanti e scatenati. Poiché le loro risposte al trauma continuano ad essere attivate quotidianamente, non si sentono al sicuro.

Se la loro mente e il loro corpo stanno ancora combattendo la minaccia, soffrono di problemi di rabbia (verso se stessi e gli altri), aggressività o violenza autoinflitta sotto forma di autolesionismo e tentativi di suicidio. 

Se le loro risposte di fuga continuano ad essere innescate, sperimentano impulsi di allontanamento anche da coloro che amano, lottano con l’impegno, o si impegnano in comportamenti di dipendenza o disordini alimentari che intorpidiscono e calmano le risposte di lotta e fuga o stimolano l’energia in modo da sentirsi più potenti.

La depressione, l’ansia, il dolore cronico, l’OCD, il disturbo di personalità borderline e persino la schizofrenia sono tutti altamente associati a una storia di trauma.

Fino a che punto le persone sono consapevoli che l’eredità del trauma sta influenzando le loro vite?

Pochissime persone sono consapevoli della connessione tra i loro sintomi e le difficoltà con gli eventi traumatici del loro passato. Infatti, di solito si aspettano di averli superati a un certo punto della loro vita.

Peggio ancora, molti sopravvissuti credono che i sintomi siano segni che sono pazzi. Non sapendo che sono ancora influenzati dall’eredità vivente degli eventi, tendono ad incolpare se stessi o chi li circonda – o una combinazione di entrambi.

Spesso credono: “È stata tutta colpa mia”, “C’è qualcosa di sbagliato in me” o “Non merito di essere trattato bene”. Altri credono: “La gente vuole solo usarmi”, “Il mio coniuge non si cura di me”, “Nessuno mi rispetta”.  

 

Cosa comporta il recupero da un trauma?

Il recupero da un trauma è molto più che ricordare ciò che è successo e rivelarlo a un testimone, come a molti terapeuti è stato insegnato a credere negli anni ’90.

Ora sappiamo che il recupero include il risveglio della corteccia prefrontale con tecniche psicoeducative e di mindfulness in modo che il corpo e il sistema nervoso diventino più calmi.

Include imparare a riconoscere le sensazioni non verbali implicite e i ricordi del corpo come memoria, piuttosto che come segni di allarme.

Implica lavorare con gli effetti corporei e del sistema nervoso del trauma e capire il comportamento impulsivo o autodistruttivo come guidato dalle risposte del trauma.

Infine, ma certamente non meno importante, il recupero deve includere l’accettazione di ciò che è accaduto e l’accettazione del proprio sé, lasciando andare la vergogna e le credenze di indegnità e accogliendo il bambino che tutti noi eravamo una volta, giovane e innocente, ferito piuttosto che danneggiato.

 

Qual è la cosa più sorprendente del trauma che ha scoperto nel suo lavoro?

La cosa più sorprendente che ho scoperto sul trauma nei 30 anni in cui sono stato nel campo è quanto sia un’esperienza edificante e positiva lavorare con il trauma. Se non ci perdiamo nei dettagli orribili degli eventi o nella loro gravità e invece celebriamo come i nostri clienti sono sopravvissuti in modo ingegnoso, è una modalità che dà molta più speranza.

Sono sempre ispirata dai miei clienti, da come si sono adattati anche da piccoli al mondo disadattivo in cui sono nati e da come imparano ad essere qui ora e persino a fiorire in una vita oltre il trauma.

 

Se dovesse limitarsi a un solo elemento, quale idea o intuizione vorrebbe che i lettori traessero da questo libro?

L’idea che più voglio che il lettore si porti via è che ogni sintomo è un segno distintivo di coraggio che racconta parte della storia di come quell’individuo è sopravvissuto.

La depressione e la disperazione ci rendono più piccoli, più lenti e meno visibili.

L’ansia ci tiene in allarme e in guardia.

La vergogna ci priva della parola

L’autocommiserazione ci mantiene tranquilli e compiacenti.

Le droghe e l’alcol, l’autolesionismo, la limitazione del cibo o l’abbuffata offrono sollievo dai sintomi opprimenti e inabilitanti, finché non diventano problemi gravi e pericolosi per la vita. 

Considerare i propri sintomi come un atto di coraggio e ingegnosità riduce la vergogna e aumenta la speranza che se si è stati abbastanza ingegnosi da sopravvivere, c’è speranza per il futuro.  

 

Vuoi saperne di più su come trattare l’eredità del trauma?

▶️CLICCA QUI e scopri SUBITO il nostro nuovo corso: 

Lavorare sulle eredità del trauma, con Janina Fisher

Lavorare sulle eredità del Trauma, con Janina Fisher

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: https://www.psychologytoday.com/intl/blog/the-author-speaks/202103/transforming-the-living-legacy-trauma

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>