Accedi

Chairwork: usare i quattro dialoghi per la guarigione e la trasformazione

chairwork

Dichiarazione dell’impatto clinico della Chairwork

Il Chairwork è un metodo psicoterapeutico esperienziale che sta attualmente crescendo in popolarità. I Quattro Dialoghi sono una struttura per aiutare i terapeuti a ottenere maggiore chiarezza sull’approccio e ad usarlo in modi molto più salutari ed efficaci.

La storia

Il Chairwork è stato creato da Jacob Moreno, lo sviluppatore dello psicodramma (Moreno, 2019), e reso famoso negli anni ’60 da Frederick “Fritz” Perls, il creatore della terapia Gestalt (Perls, 1969).

Il Chairwork, nella sua essenza, implica quanto segue: (a) invitare un paziente a sedersi su una sedia e avere un incontro immaginario con qualcuno del passato, del presente o del futuro sulla sedia di fronte e/o (b) usare diverse sedie per creare dialoghi tra le diverse parti del sé, con amore, desiderio, paura e coraggio che spesso emergono come temi centrali.

I principi

Ci sono due principi fondamentali al centro del Chairwork: questi sono (a) la molteplicità del sé o la comprensione che le persone contengono parti, modi, voci o sé differenti (Bell et al., 2020; Rowan, 2010) e (b) l’affermazione che l’obiettivo finale o il “vero nord” del processo è il rafforzamento di quello che è stato chiamato “ego”, la “modalità adulta sana” o il “leader interiore”.

L’obiettivo del lavoro

Come notato in precedenza, l’obiettivo finale del lavoro è il rafforzamento e l’ulteriore sviluppo del leader interiore o della modalità adulta sana.

I compiti dell’adulto sano includono (a) lenire e curare il dolore della parte sofferente, (b) trovare mezzi socialmente accettabili per esprimere i bisogni e i desideri dei modi rabbiosi e impulsivi, (c) frenare l’influenza distruttiva della modalità del critico interiore e lavorando per trasformarla in un alleato e una risorsa, e (d) diminuendo la dipendenza problematica dalle modalità di coping.

I quattro dialoghi

Attingendo non solo dal lavoro iniziatico di Perls (1969) e dei suoi colleghi negli anni ’60 (Passons, 1975), ma anche dai 50 anni di esplorazione e applicazioni cliniche creative che sono seguiti alla sua morte, una revisione della letteratura ha rivelato che i dialoghi del chairwork sono sia orientati interiormente che esteriormente e comportano l’uso di una singola sedia o di due o più sedie (Kellogg, 2004, 2015).

La consapevolezza che una matrice 2 × 2 (interna/esterna e una sedia/molte sedie) potesse essere creata utilizzando quelle dimensioni ha portato alla scoperta iniziale dei Quattro Dialoghi – Dare voce, Raccontare la storia, Dialoghi interni e Relazioni e incontri – che possono servire non solo come quadro di ascolto dei pazienti, ma anche come guida chiara per l’azione e l’intervento terapeutico. Basandosi su questa scoperta, il Transformational Chairwork Psychotherapy Project (Kellogg, 2019a, 2021) ha esplorato le implicazioni di questo paradigma per approfondire e rafforzare la pratica, l’insegnamento, lo sviluppo e la diffusione di questo metodo e di questa forma d’arte curativa.

Dare voce

Dare Voce (Giving Voice) è radicato nella terapia della Gestalt (Perls, 1969) e nel nostro adattamento del dialogo vocale (Stone & Stone, 1989); è anche radicato nella teoria paradossale del cambiamento (Beisser, 1970), che postula che i pazienti guariscono andando più in profondità in un’emozione piuttosto che cercando di cambiarla direttamente.

Una pratica che può essere sia diagnostica che curativa è chiedere a un paziente di iniziare sedendosi sulla sedia centrale, che è il posto per il leader interiore o la modalità adulta sana. Dopo essersi sistemati per un momento, possono essere invitati a trasferirsi su un’altra sedia, in un luogo che gli sembra giusto, e dare voce alla loro sofferenza e al loro dolore.

Dal punto di vista del terapeuta

Il lavoro del terapeuta è quello di testimoniare e, se appropriato, amplificare l’intensità dell’esperienza utilizzando tecniche di approfondimento come la ripetizione, il linguaggio esistenziale e l’alterazione dei toni (Kellogg, 2015).

Non c’è alcuno sforzo per cambiare o riparare direttamente il dolore: è sufficiente un’espressione intenzionale. Dopodiché, il paziente torna sulla sedia centrale, si riallaccia alla modalità di guida interiore e riflette sull’esperienza con il terapeuta.

Una testimonianza

Trisha Goddard, l’attrice e conduttrice televisiva, riflettendo sulla sua esperienza di abusi infantili, ha detto: “Mi sono sempre sentita come se non fossi adatta” (Cowan, 2013, p. 49). Se avesse voluto affrontare questo problema in una sessione di psicoterapia con il chairwork, sarebbe stata prima invitata a sedersi sulla sedia centrale, che, ancora una volta, sarebbe stata il posto per il leader interiore o la modalità adulta sana.

Sarebbe quindi stata incoraggiata a trasferirsi su un’altra sedia e parlare come se avesse la sensazione di essere un estranea. Qui potrebbe dire cose come “Io sono qui. Sono sola. Nessuno mi capisce. Sto male.” Dopo aver attinto e aver avuto accesso a questo disagio, sarebbe stata invitata di nuovo sulla sedia centrale per fare il resoconto dell’esperienza.

Comprendere

Una seconda versione di Dare Voce cerca di comprendere meglio lo scopo, la storia, le paure e gli obiettivi di una parte specifica. Arntz e Jacob (2013) hanno presentato il caso di Sabine, una paziente che ha riferito di avere un “muro” dentro di lei. Le hanno chiesto di “diventare” il muro, e quando l’hanno intervistato, il “muro” ha detto, in sostanza: “Da quando sono entrato nella vita di Sabine, ha avuto la capacità di distaccarsi. La aiuto a tenerla al sicuro.

” Quando il terapeuta ha esplorato la storia del muro e il motivo per cui è entrato nella vita di Sabine, ha risposto che è entrato prima nella sua vita perché suo padre sarebbe diventato aggressivo e l’avrebbe minacciata; e di conseguenza, il muro avrebbe spento tutto in modo che potesse sopravvivere. Più avanti, i suoi compagni di classe l’avevano bullizzata, quindi ha continuato a chiudere le cose fuori.

Quando hanno stabilito quanto fosse stato centrale il muro per la sopravvivenza di Sabine, il muro era d’accordo con quella valutazione. Il prossimo passo nel processo sarebbe che Sabine tornasse al centro e alla sua modalità adulta sana per riflettere se desiderava ancora quel livello di protezione dissociativa o se preferiva affrontare le sfide della vita in modo più diretto.

 

Chair-Dialogue: il Lavoro con le Sedie per la Terapia Espressiva Individuale

Chair-Dialogue: il Lavoro con le Sedie per la Terapia Espressiva Individuale

Chairwork e ACT

Allo stesso modo, il Chairwork può essere utilizzato anche nell’ambito delle psicoterapie della terza ondata (Baer & Huss, 2008). Nella terapia dell’accettazione e dell’impegno (ACT; Harris & Aisbett, 2014; Hayes, 2016), c’è un’enfasi sullo sviluppo del sé osservante rispetto al sé pensante. Il processo di creazione dello spazio interiore in modo da poter osservare i propri pensieri e sentimenti è chiamato “defusione”.

La defusione

Nell’ ACT, una tecnica di defusione centrale insegna al paziente a dire cose come “Sono consapevole che c’è una parte di me che è spaventata” piuttosto che “Sono spaventato”. Come è stato delineato in precedenza, il paziente inizia nella sedia centrale o del leader interno e poi si sposta su sedie diverse o posizioni diverse per dare voce a parti diverse. Quando questo è finito, tornano al centro e il leader interiore può essere invitato a dire cose come:

“Io sono il leader interiore, e questa è la mia vita. C’è una parte di me che è spaventata. È una parte di me, non è tutto. Io sono il leader interiore, e questa è la mia vita.”

Questa affermazione, combinata con lo spostamento su sedie diverse per parlare da parti diverse, non solo aiuta ad aumentare il senso di spazio e di separazione tra le parti, ma serve anche a rafforzare la capacità di osservazione di sé e la libertà dall’essere emotivamente inondati quando innescata.

Intenzionalità esistenziale

Un terzo modo di utilizzare il paradigma Dare Voce si basa sull’idea di intenzionalità esistenziale. Questi sono quei momenti in cui una persona prende una decisione importante, quando sceglie una direzione o dice “sì” alla vita in qualche modo profondo; i pazienti possono essere invitati a stare dietro una sedia e dire la loro verità con autorità e potere. Ad esempio, Danquah (1998), nelle sue memorie sulla depressione, ricordava:

“Quello è stato il giorno, la prima volta nella mia vita, in cui ho preso l’impegno di essere vivo. Non è la prima volta che ho detto che volevo vivere, o che sognavo di vivere; era la prima volta che mi prendevo un impegno, che davo la mia parola.” (pag. 230)

In quel momento, ha fondamentalmente rifiutato l’atto del suicidio come opzione e possibilità.

Testimonianza

Raccontare la Storia è il secondo dei Quattro Dialoghi. Le esperienze di dolore interpersonale e maltrattamenti sono onnipresenti nella psicoterapia e questi ricordi spesso hanno potere perché non sono stati integrati nella struttura psichica più ampia. Questa mancanza di integrazione è un elemento chiave nella sofferenza basata sul trauma. Un modo per lavorare con questo è invitare prima il paziente a sedersi su una sedia e raccontare, in tutto o in parte, una storia difficile.

Cosa viene chiesto al paziente

Viene quindi chiesto loro di alzarsi, muoversi, scuotersi, e poi sedersi e raccontare di nuovo la storia. Il terapeuta può spostarli durante il ciclo altre due o tre volte. Man mano che i pazienti si impegnano in questo processo, le storie spesso diventano più dettagliate ed elaborate, segno che l’integrazione è in atto. Questo processo di narrazione ripetitiva può essere molto angosciante; tuttavia, può anche essere abbastanza catartico. Come ha affermato Moreno, “ogni vera seconda volta è una liberazione dalla prima” (Moreno, 2019, p. 102).

Una sfida

La sfida qui è che sebbene il superamento dei disturbi d’ansia comporti l’esposizione agli stimoli temuti (Burns, 2006), è importante che i pazienti non siano così sopraffatti dalla paura da essere ritraumatizzati e rifiutarsi di fare il lavoro. Per affrontare questo dilemma, Roediger e il suo team (2018), nel loro lavoro di terapia dello schema contestuale, hanno proposto di utilizzare approcci in prima, seconda e terza persona quando si affrontano ricordi difficili.

Ad esempio, se John è venuto in terapia per elaborare la sua esperienza di coinvolgimento in un incidente d’auto, il lavoro con la narrativa dell’incidente potrebbe assumere tre forme. Ad esempio, John potrebbe essere invitato a spostarsi su una sedia e raccontare la sua storia in prima persona: “Ho avuto un incidente d’auto, e questo è quello che è successo”. Con una posizione in seconda persona, verrebbero utilizzate due sedie. John si sedeva in una, si immaginava sulla sedia di fronte e si diceva cosa era successo: “John, hai avuto un incidente d’auto, e questo è quello che ti è successo.”

A cosa serve?

Questo approccio può servire a ridurre il livello di attivazione emotiva, facilitando contemporaneamente l’espressione emotiva. Con la strategia in terza persona, John si spostava su un’altra sedia e parlava di sé come se fosse qualcun altro: “John ha avuto un incidente d’auto, e questo è quello che gli è successo”. Nella nostra pratica, lo narrazione in terza persona è emersa come un modo particolarmente efficace di lavorare con materiale difficile perché è emotivamente eccitante e allo stesso tempo offre ai pazienti una maggiore distanza e protezione.

Questa capacità di mettere delle distanze può essere particolarmente utile anche in situazioni in cui il paziente si sente in colpa o colpevole per gli eventi accaduti.

Dialoghi interni

La terza struttura di dialogo è Dialoghi interni e di solito assume una delle tre forme seguenti: dialoghi di polarità (Zinker, 1978), dialoghi alternativi e dialoghi di modalità. Molti pazienti lottano con le decisioni in terapia: dovrei prendere un nuovo lavoro o rimanere in quello attuale? Dovrei rimanere in questa relazione o dovrei finirla? Questi dilemmi spesso implicano conflitti tra valori così diversi come la responsabilità verso sé stessi contro la responsabilità verso gli altri, la sicurezza contro la crescita e il lavoro contro la famiglia.

Dialoghi esistenziali

I dialoghi di polarità (Zinker, 1978) sono dialoghi esistenziali che si svolgono all’interno del leader interiore o della modalità adulta sana che consentono all’individuo di impegnarsi più profondamente con i valori al centro del dilemma. In questo lavoro di dialogo a due sedie, al paziente viene prima offerta l’opportunità di parlare liberamente da ogni prospettiva, senza che nessuna parte sia privilegiata o favorita rispetto a un’altra.

Il passo successivo è che ciascuna parte si impegni direttamente l’una con l’altra: “Ho ascoltato quello che stai dicendo, comunque. …”

Una testimonianza

Usando un ipotetico esempio della storia, la signora Coretta Scott King ha ricordato che suo marito, il dottor Martin Luther King Jr., aveva lottato con il conflitto tra il suo impegno per la sua famiglia e il suo impegno per il movimento per i diritti civili. Ciò divenne particolarmente acuto dopo una visita in India in cui divenne ancora più familiare con il lavoro di Gandhi.

Al suo ritorno, disse: “Un uomo che si dedica a una causa, non ha bisogno di una famiglia”. Aveva una famiglia e amava la sua famiglia ma disse: “un uomo non ha bisogno di una famiglia” perché aveva questo terribile conflitto sul dovere verso la sua famiglia e il suo dovere verso i suoi simili, e riconosceva davvero di avere questo obbligo nei confronti di entrambi. (Garrow, 1986, pp. 114-115).

Le sedie

Questo conflitto sembra essere irrisolvibile. Se fosse stato in grado di occuparsi di questo problema, avrebbe potuto parlare del suo impegno per il movimento in una sedia e del suo amore per la sua famiglia e del suo desiderio di essere un buon marito e padre nell’altra. Idealmente, il terapeuta lo avrebbe invitato a parlare con intensità mentre si muoveva avanti e indietro tra queste due sedie quattro o cinque volte, dicendo cose come: “Amo la mia famiglia e odio pensare che i miei figli crescano senza un padre e della solitudine che sta vivendo Coretta”.

Oppure, dall’altra sedia, “Sento di essere in missione per portare la libertà al mio popolo. Questa è una causa più grande di me e della mia vita personale”. Alla fine, poteva essere invitato a venire al centro, tra le sedie, e valutare ciò che pensava e provava. È probabile che si verifichi uno dei tre risultati.

Cosa sperimenta?

Nella prima sperimenterebbe un forte desiderio e intenzione di creare una vita più equilibrata in modo che sia il movimento che la famiglia ricevessero le sue energie e la sua attenzione. Questo gli darebbe una maggiore capacità di dire di no e di stabilire dei limiti. Nel secondo, sceglierebbe chiaramente una polarità rispetto all’altra. In questo caso, molto probabilmente sarebbe stato il movimento per i diritti civili. Questo chiarirebbe le cose in modo meno conflittuale e non farebbe più a sua moglie e alla sua famiglia promesse che probabilmente non sarebbe in grado di mantenere.

Il terzo risultato sarebbe che non era ancora pronto a decidere e che potrebbe essere necessario più lavoro prima che fosse pronto a scegliere chiaramente un percorso. In questo esempio, affronterebbe due buoni valori: la missione e la famiglia. Detto ciò, la sedia può fornire un’arena in cui lui e gli altri possono lottare con i propri valori e trovare le proprie risposte (Perls, 1969).

Il dialogo alternativo

La struttura del dialogo alternativo implica il contrasto intenzionale di un pensiero, credenza o schema esistente con un’altra prospettiva che può essere più accurata e/o più adattabile. Non sorprende che questa forma di sedia sia particolarmente adatta alla pratica della terapia cognitiva (Leahy, 2005, 2010). Con la ristrutturazione cognitiva, c’è uno sforzo più attivo e mirato per sfidare e cambiare le cognizioni.

Quando si utilizza l’approccio dell’esame delle prove, è la validità di una convinzione che viene esplorata (Burns, 2006, 2020; de Oliveira, 2016). Il paziente e il terapeuta guardano alle prove passate e presenti che supportano la convinzione e ciò che la sfida, in parte o per intero.

Sentirsi difettosi

Shari aveva uno schema di difettosità, o la convinzione di essere fondamentalmente imperfetta in qualche modo. Con il suo terapeuta, ha identificato i seguenti “fatti” che lo hanno sostenuto: “Nessuno mi ha mai amato o si è preso cura di me quando ero bambino”; “Sono goffo, ossessivo, impaurito e impacciato con le altre persone”; e “Mi arrabbio troppo dentro” (Young, 2003, p. 95).

Hanno quindi raccolto prove che hanno contestato questo, che includeva quanto segue: “Mio marito e i miei figli mi amano”; “I miei pazienti mi apprezzano e mi rispettano”; “Sono sensibile ai sentimenti degli altri”; “Cerco di essere buono e di fare la cosa giusta”; “Quando mi arrabbio, è per una buona ragione” (Young et al., 2003, p. 96). Un dialogo probatorio potrebbe quindi aver luogo tra queste due prospettive, con l’obiettivo di sfidare e, si spera, indebolire lo schema o la credenza disadattivi.

La terapia cognitiva

Un segno distintivo della terapia cognitiva è la comprensione che molte forme di disturbo emotivo estremo comportano l’uso di distorsioni cognitive (Burns, 2006, 2020). Resick (2001), nella sua terapia di elaborazione cognitiva, ha sostenuto che gli adulti hanno uno schema o una comprensione della natura del mondo e di se stessi.

Quando si verifica un evento traumatico, può sopraffare l’attuale sistema di schemi della persona; in risposta, la persona può creare un nuovo schema in reazione all’evento. È probabile che questo nuovo schema sia molto orientato alla minaccia ed estremo nella sua percezione del mondo, il che può portare a sentimenti di profonda paura e rabbia. Resick ha sostenuto che è la disconnessione tra il vecchio schema e il nuovo schema più distorto che serve a mantenere i sintomi del disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

La storia di Andrea

Hudgins (2002) racconta di Andrea, una giovane donna che è stata stuprata da un gruppo proprio quando ha iniziato il college. Andrea ha descritto la sua situazione in questo modo:

Ero una ragazza vivace e felice, pronta a conquistare il mondo. Ero così entusiasta di iniziare il college. . . . Sapevo che le cose buone erano davanti a me. . . . Ma ora… sono una ragazza spaventata, sola e brutta dentro e fuori. . . . Non ho ambizioni. . . . Tutto ciò che mi interessa è essere lasciata sola, così posso essere al sicuro.

Cosa fare?

In un caso come questo, il primo passo sarebbe chiarire la natura e il contenuto del suo schema attuale e dei suoi schemi pretrauma. Quindi sarebbe stata invitata a parlare da due sedie, ognuna delle quali rappresentava le diverse prospettive.

Se questo lavoro viene svolto con sufficiente attivazione emotiva, può emergere un terzo schema che è un’integrazione delle visioni del mondo pre e post trauma, che probabilmente contribuirà a livelli più bassi di paura e una maggiore regolazione e stabilità emotiva.

I dialoghi di modo

I dialoghi modali riguardano le relazioni tra le diverse parti del sé. Nicole si proteggeva attraverso uno stile interpersonale aggressivo; questo era un modo di comportarsi che aveva abbracciato all’inizio della sua vita per tenersi al sicuro. In terapia, si riconosceva che questa modalità di coping prepotente era stata storicamente utile; la domanda era se la sua manifestazione attuale le stesse ancora servendo.

Una questione di prospettiva

Nicole e il terapeuta hanno creato un elenco dei lati positivi e negativi della modalità di coping. I lati positivi sono stati i seguenti: “Gli altri mi rispettano, perché hanno paura di me”; e “Posso assicurarmi che l’abuso e il dolore non mi accadranno mai più” (Arntz & Jacob, 2013, p. 123).

Gli aspetti negativi erano i seguenti: “Gli altri hanno paura di me; per questo non gli piaccio”; “Ho ripetutamente problemi con la legge” (Arntz & Jacob, 2013, p. 123). Dopo aver dato voce a ciascuna di queste prospettive, potrebbe aver luogo un dialogo in modalità con il leader interiore o la modalità adulto sano su una sedia e la modalità prepotente nell’altra.

Qui, l’adulto sano può ringraziare la modalità prepotente per averla tenuta al sicuro in passato, chiarendo anche che la sua aggressività stia diventando una forza problematica nella sua vita. Potrebbe quindi affermare che non è più una bambina e che sta diventando più forte e sta imparando a stabilire dei limiti e ad agire in modo assertivo nel mondo.

Può chiedere che la modalità prepotente faccia un passo indietro ma rimanga nelle vicinanze in modo che possa essere una risorsa a cui può ricorrere se ne ha bisogno. Nicole potrebbe quindi cambiare sedia e parlare dalla modalità prepotente per vedere se la modalità di coping è disposta a fidarsi del leader interiore di Nicole per proteggerli. Andando avanti e indietro, possono creare un nuovo modo di funzionare nel mondo interrompendo anche l’automaticità dell’attivazione della modalità prepotente.

Le parti interne

Negli ultimi anni, c’è stata una crescente enfasi sulla creazione di parti interne positive e affermative e sul fare dialoghi con queste parti non solo come un modo per sfidare la voce critica interiore, ma anche come un modo per portare una maggiore regolazione emotiva al sistema.

Ciò include lavorare con la modalità genitore buono o nutriente (Farrell & Shaw, 2018; Goulding & Goulding, 1997), diventare il tuo migliore amico e parlare a te stesso con “gentilezza, accettazione e amore” (Leahy, 2010, p. 109).

L’auto-compassione

Attingendo al lavoro di Neff (2011) e Gilbert (2010), Kellogg (2019b) ha cercato di creare una modalità di auto-compassione utilizzando una sedia incentrata sulla compassione.

In questo dialogo, la modalità compassione può essere ancorata a una sedia e può parlare al leader interiore nella sedia di fronte con l’intenzione di (a) esprimere angoscia per la loro sofferenza, (b) mostrare gentilezza di fronte alle loro afflizioni, (c) affermando che il fallimento e il dolore sono parti centrali e determinanti della condizione umana, e (d) sostenendo che c’è ancora luce e bontà in loro che è degna di ammirazione.

La critica verso se stessi

Molte persone vengono in terapia perché stanno lottando, direttamente o indirettamente, con problemi di critica interiore; cioè, sentono gli effetti diretti o indiretti delle voci che attaccano e odiano se stessi. L’impatto dannoso di questi messaggi non può essere sopravvalutato; come affermano Elliott e Elliott (2000), “dentro ognuno di noi c’è un’influenza negativa che è responsabile del 99% dei nostri problemi psicologici. Quell’influenza negativa è il Critico Interiore”.

I critici interni

Ci sono, infatti, due diversi tipi di critici interni. Nel primo, il critico interiore è visto come l’interiorizzazione di figure abusive del passato (Rafaeli et al., 2011). Nel secondo, si pensa che il critico interno si sviluppi presto nella vita del paziente come una modalità protettiva per aiutare a mantenere il bambino al sicuro (Stone & Stone, 1989). La sua negatività e agitazione sono centrate nella paura, non nella crudeltà (vedi anche Bell et al., 2020).

Dato questo, il primo passo nel lavoro è quello di essere in grado di esplorare la natura dell’esperienza del critico interno in modo da poter fare una diagnosi differenziale. Usando una struttura di dialogo Giving Voice, il paziente è invitato a spostarsi dal centro e a incarnare il suo critico in un’altra sedia. Cercando di capire meglio il critico, il terapeuta pone domande come: “Chi sei? Puoi parlarmi di te? Quando sei entrato nella vita di John? Che ruolo hai avuto nella sua vita?” Passando a preoccupazioni più specifiche, il terapeuta chiede: “Sembra che tu abbia dei forti sentimenti sul fatto che lui non faccia mai errori. Perché è importante per te?”

Il punto centrale

Quest’ultima domanda, che attinge al lavoro di Greenberg et al. (1989), è centrale in questo processo. L’obiettivo è quello di spingere il critico a spiegare realmente perché è così importante che la persona deve fare ciò che dice – sia che si tratti di perdere peso, di essere un perfezionista, o di non dire mai nulla che possa far arrabbiare gli altri – come un modo per identificare il valore centrale.

Se si tratta di una critica guidata dall’ansia, alla fine dirà che la ragione principale è quella di tenere la persona al sicuro; se si tratta di un’interiorizzazione negativa, dirà cose come la persona è disgustosa e dovrebbe stare lontano dagli altri. Di nuovo, questa diagnosi differenziale è essenziale per il processo di guarigione.

L’ansia

Se si tratta di una critica basata sull’ansia (Stone & Stone, 1989), il terapeuta può affermare che la critica ha buone intenzioni e che ha lavorato duramente durante la vita del paziente per tenerlo al sicuro e vivo, ma che le sue azioni sono diventate problematiche, controproducenti o addirittura distruttive.

Il passo successivo è che il terapeuta metta un’altra sedia accanto alla sedia del critico interiore; questa è la sedia del leader interiore e dovrebbe essere rivolta verso la sedia del critico interiore. Il paziente si sposta su questa sedia e incarna e dà voce al leader interiore. L’obiettivo di questa fase del lavoro è di cominciare a spostare l’equilibrio di potere dal critico interiore al leader interiore.

Lavorando all’interno di una struttura di dialogo, il paziente sarà incoraggiato a dire al critico: “Questa è la mia vita, non è la tua”. Il leader interiore può quindi esprimere quanto dolore e sofferenza il critico ha causato e come sta danneggiando la sua vita.

L’ultima fase del lavoro

Essa si basa sul lavoro di Chadwick (2003) sulla complessità interna. Prima si fa una lista delle cose negative che il critico ha detto sul paziente; poi il terapeuta e il paziente creano un controscritto – una lista di attributi positivi, azioni e intenzioni del paziente. Due sedie sono poste una accanto all’altra (e non una di fronte all’altra).

Usando una struttura di dialogo alternativo, al paziente sarà chiesto di stare dietro una e dare voce ai commenti negativi; gli sarà poi chiesto di spostarsi sull’altra sedia e dare voce agli elementi positivi. Sono incoraggiati ad andare avanti e indietro molte volte (forse 10-15), dando voce sia agli elementi negativi che a quelli positivi.

Un pregiudizio

Molti pazienti che entrano in terapia credono di essere, fondamentalmente, persone cattive (Beck, 1995). Questa forma di lavoro sulla sedia può servire a creare una maggiore complessità interiore – non sono solo una cattiva persona; ora sono una cattiva persona e una buona persona. Questo lavoro può essere particolarmente utile per sfidare i messaggi del critico oppressivo e odioso.

Le sedie si affrontano allo stesso modo perché lo schema del “cattivo sé” è profondamente radicato nel paziente, mentre lo schema del “buon sé” è nuovo e fragile. Un incontro diretto tra i due risulterebbe probabilmente in un danno al sé buono. Quando lo schema dell’io buono è più sviluppato, il paziente può impegnarsi in un dialogo più diretto tra le due parti.

Terapia della giustizia sociale

Garcia Torres (2020) si è concentrata sul portare il potere del gioco della sedia e dei Quattro Dialoghi ai membri delle popolazioni storicamente oppresse ed emarginate – persone che possono presentare varie combinazioni di esperienze di maltrattamento sociale o basato sull’identità, voci interiorizzate di oppressione, confusione o conflitti di identità, un problematico affidamento su modalità di coping (Williams, 2008), e/o ansia per sviluppare e usare la loro voce.

Una storia di molestie

Ha descritto il suo lavoro con Ana, una paziente messicano-americana che è stata verbalmente molestata in un bar da un uomo che ha urlato insulti razziali e le ha detto che non appartiene agli Stati Uniti. Usando l’approccio delle Relazioni e degli Incontri per lavorare attraverso questa esperienza traumatica, Ana si è seduta su una sedia e ha immaginato il colpevole sulla sedia di fronte.

La paziente ha poi espresso i suoi sentimenti a lui. Incanalando la sua rabbia, disse: “Mi fai schifo! Sei un codardo”. Mentre il dialogo continuava, lei cominciò ad esprimere dolore: “Non è giusto che il mondo non sia un posto sicuro per qualcuno come me”. La voce di Ana divenne poi coraggiosa e dichiarò: “Questa è anche la mia città. Non scapperò e non scomparirò”.

Una posizione diversa

E’ stata poi incoraggiata a passare ad una posizione di dialogo “Giving Voice/Existential Intentionality” per rivendicare la sua autorità. Ana ha affermato: “Ho il diritto di prendere spazio nel mondo. Sono orgogliosa di quello che sono”. Dopo questo lavoro, la paziente ha sperimentato una drastica riduzione dell’angoscia, un aumento della fiducia in sé stessa e del coraggio, e un maggiore interesse per i diritti degli immigrati. Ha anche continuato a visitare la caffetteria (Garcia Torres, 2020).

Conclusione

Il gioco delle sedie non solo può essere usato insieme ad altri approcci terapeutici, ma può anche essere abbracciato come una psicoterapia a sé stante. Come è stato dimostrato, i Quattro Dialoghi possono essere usati nel trattamento della depressione, del trauma, del maltrattamento interpersonale, dei disturbi d’ansia, del conflitto interiore, dei disturbi della personalità, dell’odio di sé e del trauma e del dolore indotti socialmente.

Può anche essere usato non solo per favorire lo sviluppo dell’auto-amore e dell’auto-compassione, ma anche per dare alle persone il potere di rivendicare la loro autorità personale e scegliere la vita eroica. Gli alti livelli di emozione e l’intensità di questo lavoro possono servire ad aumentare drammaticamente la velocità e/o la probabilità di guarigione. La nostra speranza è che la psicoterapia del gioco delle sedie sia abbracciata dai terapeuti di tutto il mondo, in modo che questo lavoro trasformativo sia disponibile per tutti i pazienti che lo desiderano e ne possono beneficiare.

Articolo liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Kellogg, S., & Garcia Torres, A. (2021). Toward a chairwork psychotherapy: Using the four dialogues for healing and transformation. Practice Innovations, 6(3), 171-180.

Corsi correlati

Corso Online
36 ECM
Dialoghi sulla Relazione Terapeutica 2023
La live si terrà il 31 gennaio 2023
167€
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Arti Terapie Espressive
Utilizzo della Fotografia in Psicoterapia: ciò che vediamo in un’immagine è solo l’inizio
Quando le parole non bastano o non riescono ad esprimere un’emozione o un vissuto o quando si...
Arti Terapie Espressive
La Fototerapia: Storia e Pratica di una Tecnica di Intervento
La fototerapia è una disciplina nell’ambito della salute mentale che usa la fotografia per...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0