Masterclass Internazionale

Mindfulness e Compassion in un mondo in cambiamento

Pratiche antiche per fronteggiare le sfide del Nuovo Millennio

 

7 e 8 Dicembre 2024 | 16 ore | 15 ECM

 

PESI Italia srl ti offre l’opportunità di partecipare alla Masterclass Internazionale su Mindfulness e Compassion, una due giorni incentrata sulle più aggiornate evoluzioni e integrazioni dei due modelli, con i maggiori esperti internazionali del settore.

Ci troviamo oramai quotidianamente ad affrontare sfide senza precedenti, dovute a emergenze sanitarie globali, conflitti socio-politici, cambiamenti climatici radicali, crisi economiche e risorse in diminuzione.

Un numero crescente di individui sperimenta sentimenti pervasivi di isolamento, ansia, solitudine, depressione e alienazione che contribuiscono alla malattia individuale e sociale.

Negli ultimi vent’anni ci sono stati un crescente interesse e importanti evidenze scientifiche dell’efficacia delle pratiche di meditazione, originariamente sviluppate nelle tradizioni orientali, per far fronte allo stress, al dolore, alla malattia e alla sofferenza umana e più specificamente nel trattamento dei disturbi psicopatologici.

Le pratiche di meditazione sono state originariamente sviluppate nelle tradizioni orientali per aiutare gli esseri umani ad affrontare le sfide universali della vita umana, tra cui il cambiamento e l’incertezza. Il supporto della ricerca scientifica che dimostra gli effetti curativi di queste pratiche è oggi davvero notevole.

Tali pratiche valorizzano quelle componenti della natura umana decisive nell’influenzare l’interpretazione degli eventi da parte di un individuo e i suoi comportamenti, come l’accettazione di un’esperienza, un atteggiamento compassionevole verso la sofferenza propria e altrui, la capacità di osservare sé stessi senza giudizio e l’idea che la mente possa comprendere la propria natura.

Otto esperti internazionali, tra i più autorevoli e rinomati esperti a livello mondiale del settore, discuteranno e insegneranno come utilizzare le pratiche di consapevolezza e compassione, e i principi che le guidano e ispirano, per affrontare in modo più efficace le situazioni di stress, la malattia, la sofferenza e le complesse sfide e i problemi che si sono rivelati a tutti noi nel nuovo millennio.

Obiettivi formativi

Il corso ha una durata totale di 16 ore di Alta Formazione!

Le sessioni della Masterclass vengono svolte su ZOOM, con servizio di interpretariato simultaneo. Verranno inoltre video registrate e tutti i video ti rimarranno disponibili per 12 mesi nella tua area riservata di FCP.

Questi gli obiettivi formativi:

  1. Comprendere e apprendere modi efficaci per affrontare le diverse forme di sofferenza che caratterizzano la società odierna, attraverso i preziosi insegnamenti dei relatori, le numerose pratiche di Mindfulness e Compassion che saranno condivise con i partecipanti e i momenti interattivi previsti alla fine di ogni presentazione.
  2. Raggiungere una chiara comprensione di come gli interventi basati sulla mindfulness possano essere applicati efficacemente con bambini e genitori in ambito educativo.
  3. Comprendere il ruolo centrale della meditazione Mindfulness nel facilitare i processi di decentramento, disidentificazione e accettazione, che sono fondamentali per affrontare lo stress, l’ansia e altre forme di sofferenza.
  4. Apprendere il ruolo della compassione e dell’autocompassione nel modificare i meccanismi mentali disfunzionali che alimentano la sofferenza psicologica.
  5. Apprendere i principi di base e le caratteristiche principali di diversi modelli terapeutici validati, come la Mindfulness Based Cognitive Therapy, la Compassion Focused Therapy, la Mindful Self-Compassion, la MBCT per il disturbo ossessivo compulsivo, ecc. e capire come possano essere efficaci per affrontare diverse forme di sofferenza.
  6. Sviluppare e/o approfondire la propria pratica di meditazione mindfulness, enfatizzando sia le pratiche meditative formali sia la mindfulness come modo di essere e stile di vita, e iniziare a integrare le pratiche e gli atteggiamenti mindful nella propria vita quotidiana, per ridurre lo stress, aumentare la felicità e assicurarsi di vivere ogni giorno al meglio.
  7. Per gli operatori sanitari, apprendere i principi e le prospettive di base e fondativi necessari per iniziare a introdurre gli interventi basati sulla mindfulness e sulla compassione nei diversi ambiti della sanità.

Docenti

Paul Gilbert

Creatore della Compassion-Focused Therapy (CFT). È professore di psicologia clinica presso l’Università di Derby

Ronald Siegel

Professore associato di Psicologia alla Harvard Medical School. Fa parte del Consiglio di amministrazione della facoltà

Zindal Segal

Professore emerito di psicologia dei disturbi dell’umore all’Università di Toronto Scarborough, è uno degli sviluppatori della Mindfulness-Based Cognitive Therapy (MBCT)

Fabrizio Didonna

Professore a contratto di Psicologia Clinica presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Padova, Visiting Professor alla Jiao Tong University di Shanghai. Fondatore della Mindfulness-Based Cognitive Therapy for OCD

Christopher Germer

PhD, psicologo clinico e docente di psichiatria presso la Harvard Medical School. Ha co-sviluppato il programma Mindful Self-Compassion (MSC) con Kristin Neff

Christopher Willard

Christopher Willard

Specializzato in psicologia clinica presso la Massachusetts School of Professional Psychology. È docente all’Università di Harvard

Susan Pollak

Psicologa, cofondatrice e insegnante presso il Center for Mindfulness and Compassion della Harvard Medical School/Cambridge Health Alliance

Nitamo Federico Montecucco

Nitamo Montecucco

Medico esperto in Psicosomatica. Presidente dell’APS Villaggio Globale, Direttore e Didatta dell’Istituto IUP del Villaggio Globale

Programma formativo

Sabato 7 Dicembre 2024

Introduzione alla Masterclass

Fabrizio Didonna. Dalle 9.15 alle 9.30

L’approccio compassionevole all’autocritica ostile e alla vergogna 

Paul Gilbert. Dalle 9.30 alle 11.30

Il workshop esplorerà come le forme dannose di autocritica siano spesso legate a motivazioni competitive e preoccupazioni per il nostro status sociale e la nostra reputazione, in particolare alla paura del rifiuto. Tuttavia, l’autocorrezione compassionevole proviene da un sistema motivazionale molto diverso, quello della cura, dove l’obiettivo è incoraggiare, sostenere e sviluppare.

Il workshop si concentrerà su come creare uno stato mentale compassionevole e un senso di sé che funga da antidoto alle forme dannose di autocritica. I partecipanti saranno guidati attraverso specifici esercizi per acquisire una maggiore comprensione delle forme e delle funzioni della loro auto-critica e impareranno anche come creare uno stato mentale più compassionevole.

Il potere dell’autocompassione

Christopher Germer. Dalle 11.45 alle 13.45

La maggior parte delle persone tende ad essere più compassionevole verso gli altri che verso loro stesse quando le cose vanno male. Tuttavia, un ampio numero di ricerche dimostra che l’autocompassione è strettamente associata al benessere, alla resilienza emotiva, ad abitudini di vita sane, alla motivazione al successo e ad avere relazioni personali più soddisfacenti. 

Cos’è l’autocompassione? Come funziona? Può essere appresa? Questo workshop fornirà una panoramica della teoria, della ricerca e della pratica dell’autocompassione. I partecipanti acquisiranno conoscenze sui principi e sulle pratiche chiave per integrare, in modo naturale, l’autocompassione nella propria vita.

Christopher Willard

Condividere la resilienza consapevole con bambini e adolescenti

Christopher Willard. Dalle 14.45 alle 16.45

Durante questo workshop saranno condivisi modi divertenti e creativi per insegnare la consapevolezza attraverso l’attenzione, il movimento, i giochi e le attività creative per tutte le età.

Le differenze di apprendimento, culturali, nello sviluppo e in generale le differenze di altri tipi, influenzano il modo di apprendere dei bambini e questo workshop esplora i diversi modi di adattare la pratica mindfulness, invece che utilizzare un approccio unico per tutti. 

Si discuterà sulle tecniche di adattamento che possono essere utilizzate per una serie di problemi, tra cui depressione, ansia, traumi e stress. Le diverse pratiche coinvolgeranno stili di apprendimento diversi attraverso arti, sport, giochi, musica, tecnologia e altro ancora, per tempi di attenzione che vanno dai 30 secondi ai 30 minuti.

Regolazione affettiva nei disturbi dell’umore: cosa può insegnarci la terapia cognitiva basata sulla consapevolezza

Zindel Segal. Dalle 17.00 alle 19.00

I recenti approcci terapeutici per i disturbi d’ansia e depressivi sottolineano l’importanza di affrontare fattori transdiagnostici, ad esempio la ruminazione, la preoccupazione e l’impulsività, come parte di un intervento globale. La terapia cognitiva basata sulla consapevolezza ha dimostrato di essere efficacie nel disattivare le reti neurali che supportano la ruminazione e la preoccupazione, oltre a migliorare i risultati clinici attraverso una maggiore tolleranza degli stati affettivi negativi. Questo workshop sarà un’esperienza di apprendimento interattivo che combina istruzioni didattiche con esercizi esperienziali per insegnare gli aspetti chiave della terapia cognitiva basata sulla consapevolezza (MBCT), fondamentali per affrontare il modo in cui le caratteristiche di questo approccio possono essere incorporate in contesti clinici di routine.

Domenica 8 Dicembre 2024

Nitamo Federico Montecucco

Mindfulness Psicosomatica, basi neuroscientifiche e cliniche di un approccio integrale body-based alla consapevolezza di Sé

Nitamo Montecucco. Dalle 9.00 alle 11.00

La Mindfulness Psicosomatica rappresenta un innovativo protocollo alla consapevolezza di Sé basato su consistenti ricerche neuroscientifiche e cliniche (Edelman, Eccles, Llinas, Panksepp, Northoff, Damasio, Pert, ecc.) ma soprattutto su pratiche di consapevolezza corporea ed emotiva che facilitano una migliore percezione globale di Sé. 

Il Protocollo Mindfulness Psicosomatica è stato validato da numerose ricerche, pubblicate su numerose riviste scientifiche, che testimoniano l’efficacia dell’intervento. Le validazioni evidenziano un alto indice di gradimento e un’eccellente efficacia nel miglioramento dei repertori emotivo-comportamentali e di vari altri parametri psicologici, tra soggetti trattati e gruppi di controllo.

Il nostro approccio nasce come risposta alle ricerche internazionali dell’OMS che mostrano che una larga parte delle persone è stressata e depressa, e quindi vive molto nella “testa”, ossia nei propri pensieri e problemi, e sente poco il “cuore”, i sentimenti e le emozioni positive, e il piacere di vivere nel corpo perché troppo teso. Le nostre pratiche psicosomatiche permettono di sciogliere gradualmente le tensioni psicofisiche da stress, di “riaprire il cuore” con amorevolezza e compassione, e migliorare la percezione del piacere e della vitalità corporea. 

Le nostre ricerche elettroencefalografiche mostrano che lo spettro di malessere-benessere è correlato ad una parallelo valore di minore-maggiore coerenza EEG, ossia di minore-maggiore sincronizzazione tra le funzioni neuro-psico-somatiche che regolano la coscienza di Sé. 

Questa più unitaria e integra consapevolezza psicosomatica di Sé si manifesta così in una parallela maggiore profondità della mindfulness. 

Il Protocollo Mindfulness Psicosomatica è stato inserito anche nel “Progetto Gaia” un programma di educazione alla salute e alla consapevolezza globale, accreditato dal MIUR, realizzato su oltre 50.000 bambini e adulti in ogni regione italiana.

La terapia cognitivo-comportamentale basata sulla mindfulness per il Disturbo Ossessivo-Compulsivo: come relazionarsi efficacemente a pensieri ed emozioni disturbanti in un mondo caotico

Fabrizio Didonna. Dalle 11.15 alle 13.15

La Terapia Cognitiva Basata sulla Mindfulness (MBCT) per il Disturbo Ossessivo Compulsivo è un programma di trattamento innovativo, standardizzato e manualizzato progettato per creare un significativo miglioramento clinico e di vita nelle persone che soffrono di disturbo ossessivo compulsivo.

Basato sulla ricerca e sull’esperienza clinica del Dott. Fabrizio Didonna e documentato nel suo manuale “Terapia Cognitiva Basata sulla Mindfulness per il Disturbo Ossessivo Compulsivo” (New York, Guilford Press, 2020), il programma integra gli strumenti più efficaci della terapia cognitivo-comportamentale con i principi e l’applicazione clinica della mindfulness e delle pratiche di auto-compassione.

Questo programma terapeutico intensivo mira, passo dopo passo, ad aiutare le persone affette da disturbo ossessivo compulsivo a riconoscere i bias e meccanismi cognitivi disfunzionali specifici e/o generici, che attivano e mantengono il disturbo; aiuta inoltre ad apprendere nuove strategie efficaci per neutralizzare progressivamente tali meccanismi e a sviluppare modi stabili e funzionali di relazionarsi con la propria esperienza interna.

Lo scopo di questo workshop è quello di conoscere l’efficacia del programma nell’aiutare i pazienti a cambiare radicalmente la relazione disfunzionale che hanno con la loro esperienza interna (pensieri, emozioni e sensazioni fisiche) e a sviluppare alcune delle qualità più importanti del benessere (decentramento, equilibrio, fiducia e accettazione) come antidoto potente al loro disturbo. Verranno utilizzati video didattici ed esercizi con i partecipanti.

Apprendere dagli stati “non ordinari”: Mindfulness, Compassione e Psicoterapia Assistita con gli Psichedelici

Ronald Siegel. Dalle 14.45 alle 16.45

Fin dai tempi di Freud, gli psicoterapeuti hanno lavorato con stati “non ordinari” come i sogni, l’ipnosi e le libere associazioni per comprendere e guarire il cuore e la mente. Nell’ultimo decennio, le pratiche di mindfulness e compassione sono diventate strumenti mainstream, mentre più di recente è cresciuta la ricerca sulla psicoterapia assistita da psichedelici. Gli psichedelici, spesso combinati con le intuizioni delle pratiche di mindfulness e compassione, offrono oggi non solo possibili trattamenti innovativi per il PTSD, la depressione, le dipendenze e l’ansia di fine vita, ma forniscono anche nuove intuizioni sulla natura del disagio psicologico e sui meccanismi di guarigione.

Cosa possono imparare i terapeuti da questi sviluppi? Che cosa possono insegnarci sulla neurobiologia della sofferenza e del benessere umano? Come possono informare la nostra pratica?

In questo workshop interattivo, imparerete strumenti e tecniche pratiche, derivate dalla mindfulness e dal trattamento orientato alla compassione e dalla psicoterapia assistita da psichedelici per aiutare i clienti con un’ampia gamma di disturbi. Esploreremo i modi per aiutare i clienti a integrare i ricordi traumatici scissi, ad aprire i loro cuori, ad abbracciare la vulnerabilità, ad arrendersi al flusso delle esperienze in continua evoluzione, a passare dall’isolamento alla connessione profonda con le persone e la natura, ad apprezzare l’inaffidabile fluidità del pensiero e a trovare un significato nei momenti quotidiani.

Imparerete a usare le pratiche di mindfulness e di autocompassione insieme ad altre tecniche per sfruttare questi meccanismi di guarigione, acquisendo anche le conoscenze necessarie per aiutare i clienti che potrebbero sperimentare gli psichedelici per integrare e per crescere a partire dalle loro esperienze.

Genitori imperfetti in un mondo imperfetto

Susan Pollak. Dalle 17.00 alle 19.00

Freud definiva la genitorialità una professione impossibile. Gli antichi maestri Zen scherzavano dicendo che la vita è una serie di errori uno dopo l’altro. Entrambe le affermazioni ci risuonano mentre cerchiamo di essere genitori in un mondo caotico e violento, che cambia rapidamente.

Il mondo che i nostri figli affrontano è così diverso da quello in cui siamo cresciuti: i social media, i telefoni cellulari, le sparatorie nelle scuole “fanno parte della vita quotidiana”, è stato riportato da un adolescente.

Questo workshop partirà dalle teorie dello sviluppo infantile, da Freud e Piaget. Successivamente, si affronteranno le ansie che molti genitori provano e si esaminerà come si può essere genitori abili nel mondo impegnativo che tutti noi abitiamo. 

Verranno poi portati esempi pratici di come la Mindfulness e la Compassione possono aiutarci a mantenere l’equanimità mentre cerchiamo di navigare in questo mondo in rapido cambiamento.

15 crediti ECM

PESI Italia srl . società che gestisce Formazione Continua in Psicologia è Provider ECM  n° 6888 accreditato dall’ l’Age.Na.S. (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) per la progettazione e l’erogazione dei corsi di formazioni per il personale sanitario, nell’ambito del programma di educazione continua in medicina (ECM).

Il presente corso è accreditato in FAD Asincrona.

ID Evento: 

Crediti ECM: 15

Obiettivi formativi di sistema: 2 – Linee guida – protocolli – procedure;

Professioni: Psicologo: psicologia e psicoterapia. Medico Chirurgo: psicoterapia

L’evento ECM in FAD Asincrona è attivo dal  XXX al XXX

La prova di apprendimento consisterà in un questionario composto da 45 domande a risposta multipla con 4 possibilità di risposta di cui una sola giusta. Bisogna superare almeno il 75% delle risposte.

Termini di partecipazione

Il Summit ha una durata totale di 16 ore di formazione specialistica. L’evento rilascia 15 crediti ECM.

EARLY BOOKING

Early Booking attivo fino a Venerdì 25 ottobre 2024
177
  • 16 ore di formazione
  • 15 crediti ECM
  • Accesso illimitato per 12 mesi
  • Attestato di partecipazione

ISCRIZIONE

237
  • 16 ore di formazione
  • 15 crediti ECM
  • Accesso illimitato per 12 mesi
  • Attestato di partecipazione