Bowen e la Teoria dei Sistemi Familiari: un esempio di caso

bowen

Bowen è l’autore che per primo, alla fine degli anni ’70, ha formulato e sviluppato la Teoria dei Sistemi Familiari. Questa teoria risulta ancora attuale nella sua applicazione clinica, non solo in un contesto di Terapia Familiare ma anche come linea guida per il lavoro di operatori sanitari e altri professionisti che si rapportano con le famiglie. 

In questo articolo scopriamo i concetti alla base della teoria, le sue applicazioni nella pratica e un interessante caso clinico di una famiglia per comprenderne e apprezzarne ancora di più i benefici.

Buona Lettura!

 

Un operatore focalizzato sulla famiglia lavora con le famiglie in una varietà di contesti, come la salute mentale della comunità, gli ospedali di degenza e le cliniche ambulatoriali – sia quelle di salute mentale che quelle pediatriche. La disfunzione emotiva di un individuo disturba tutti i sistemi di relazione di quella persona, specialmente il sistema familiare (Bowen, 1978). Una valutazione del bambino e dell’adolescente richiede anche una valutazione della struttura familiare di quel bambino o adolescente. Murray Bowen ha offerto il punto di vista rispetto alle forze motrici alla base di tutti i comportamenti umani provengono dalla spinta e dallo spintone tra i membri della famiglia che cercano un equilibrio tra distanza e unione (Wylie, 1990).

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Gli operatori che lavorano con le famiglie probabilmente già aderiscono all’assunto di Bowen che la salute emotiva dell’individuo, specialmente dei bambini e degli adolescenti, non può essere separata dalla famiglia. Il modello della Teoria dei Sistemi Familiari di Bowen fornisce una struttura per vedere l’individuo come parte della famiglia. Lo scopo di questo articolo è di spiegare i concetti chiave della Teoria dei Sistemi Familiari di Bowen, di fornire agli operatori e ad altri professionisti che lavorano con bambini o adolescenti una struttura per vedere i ruoli dei membri della famiglia, i loro modelli di comunicazione e la struttura di una famiglia in terapia, e infine un’applicazione di questi concetti a una famiglia specifica.

 

Prospettiva storica della teoria di Bowen

Murray Bowen, sviluppatore della Teoria dei Sistemi Familiari di Bowen, è stato un pioniere della psicoterapia familiare. Il suo lavoro alla Menninger Clinic di Topeka, Kansas (1946-1954) si concentrò sulle relazioni intrecciate tra i pazienti con schizofrenia e le loro madri. Ha trasferito la sua ricerca al National Institute of Mental Health (1954-1959), dove intere famiglie vivevano nel reparto con il paziente.

L’osservazione dei modelli di relazione di queste famiglie portò allo sviluppo della teoria della famiglia. Terminò il progetto di convivenza al NIMH e si concentrò sullo sviluppo della teoria dei sistemi familiari, concludendo che: “Era chiaro che tutte le famiglie erano abbastanza simili” (Bowen, 1978, p. xv). Bowen continuò a sviluppare i suoi concetti teorici e a perfezionare la sua teoria al Georgetown University Medical Center e fondò il Georgetown Family Center nel 1975. Il suo approccio transgenerazionale aveva la visione rispetto alla quale i modelli e i problemi familiari attuali tendono a ripetersi nel corso delle generazioni. Ogni famiglia ha un sistema emozionale, che cerca modi per ridurre la tensione e mantenere la stabilità. Il suo lavoro continua ad evolversi attraverso il Centro Bowen per lo Studio della Famiglia alla Georgetown.

 

Concetti della teoria di Bowen

La teoria di Bowen consiste in un sistema di otto stati interconnessi che descrivono l’inevitabile ansia emotiva cronica presente nelle relazioni familiari e conclude che l’ansia cronica è la fonte della disfunzione familiare (vedi Appendice in fondo all’articolo). Il concetto chiave di questa teoria è la differenziazione del sé e la fusione emotiva, che si riferisce alla capacità di una persona di distinguersi dalla famiglia di origine a livello personale e intellettuale (Bowen, 1978).

La differenziazione del sé è la capacità degli individui di funzionare autonomamente facendo scelte auto-dirette, pur rimanendo emotivamente connessi alle relazioni importanti. Una persona scarsamente differenziata è intrappolata in un mondo di sentimenti e deve sforzarsi per tutta la vita di portare la vita emotiva in un equilibrio vivibile” (Bowen, 1976, p. 67). L’autonomia si trova ad un estremo, che è la capacità di pensare chiaramente attraverso una situazione – separando le emozioni dal pensiero razionale. L’estremità opposta è la massa indifferenziata dell’ego, che implica la dipendenza emotiva dalla famiglia d’origine, “l’unione emotiva delle famiglie”, indipendentemente dalla distanza geografica (Brown, 1999; Bowen, 1976, 1978). L’equilibrio tra la vicinanza e l’individualità è un continuum.

Bowen (1978) si riferiva alle relazioni familiari disfunzionali tra i membri della famiglia come fusione. Bowen propose che il livello di ansia cronica fosse correlato al livello di differenziazione del sé. Egli propose che le persone con un’elevata ansia cronica avevano bisogno di gestire la loro ansia, e generalmente usavano quattro meccanismi:

(1) conflitto coniugale;

(2) problemi di salute o emotivi;

(3) problemi di salute o emotivi di un figlio;

(4) triangolazione di altre persone nella relazione.

 

Tutte le famiglie scelgono diversamente tra queste quattro strategie, ma lo scopo era sempre quello di ridurre il livello di ansia cronica vissuta dagli adulti (Miller, Anderson, & Keala, 2004).

 

La fusione emotiva descrive le reazioni di una persona all’interno di una relazione

Le persone in una relazione fusa reagiscono emotivamente senza essere in grado di pensare o parlare delle scelte con l’altra persona. Il livello di ansia che una persona sperimenta è determinato dallo stress esterno. Maggiore è la fusione, minore è la flessibilità che una persona ha per adattarsi allo stress da fonti esterne.

Le persone in una relazione altamente fusa sperimentano un’ansia significativa a causa della paura del rifiuto se la decisione o l’azione indipendente potrebbe potenzialmente causare una separazione emotiva. . Esiste uno stato di ansia cronica se i membri della famiglia non hanno la capacità di pensare attraverso le loro risposte ai dilemmi di relazione, ma continuano a reagire emotivamente ad essi. La sensibilità di una persona a questi temi è stata trasmessa da una generazione all’altra.

Bowen (1978) credeva che una famiglia che non è in grado di differenziarsi ma rimane fusa risponderà ad una crisi in un “processo di sentimento” e non sarà in grado di rispondere intellettualmente. Una persona che è in grado di auto-differenziarsi possiede la capacità di adattarsi ai cambiamenti del suo ambiente e quindi sperimenta meno stress emotivo (Brown, 1999; Bowen, 1978).

 

Il Triangling è centrale nella teoria di Bowen

Il Triangling si verifica quando l’ansia e la tensione sperimentate tra due persone vengono trasmesse ad una terza persona della famiglia. Una coppia sperimenta l’ansia mentre cerca di bilanciare la differenziazione di sé con lo stabilire una relazione emotiva di sostegno. La coppia è in grado di comunicare in modo sicuro quando tira dentro la terza persona, spostando così l’ansia dalla loro relazione alla terza parte. Bowen non credeva che il triangolo fosse necessariamente disfunzionale, ma diventava problematico quando la terza persona distraeva la diade dal risolvere la propria tensione.

Bowen (1978) credeva anche che questi modelli di triangolazione tendessero a ripetersi attraverso le generazioni come modelli di comportamento appresi. Sei ulteriori concetti della Teoria dei Sistemi Familiari di Bowen sono:

(1) il sistema emozionale della famiglia nucleare, l’impatto della fusione indifferenziata e disfunzionale sul funzionamento emozionale di una famiglia che porta a (a) conflitto coniugale, (b) polarizzazione di un coniuge, o (c) compromissione psicologica in un bambino;

(2) processo di transizione multigenerazionale, strategie di coping, temi e ruoli in un triangolo che vengono passati di generazione in generazione;

(3) il processo di proiezione familiare, per cui i genitori trasferiscono la loro ansia e il loro livello di differenziazione ai bambini – il bambino risponde all’ansia e poi viene scambiato per avere un problema e diventa il paziente identificato;

(4) la posizione dei fratelli, accreditata a Walter Toman (1961), che teorizzò l’importanza dell’ordine di nascita nell’influenzare lo sviluppo delle caratteristiche di personalità e suggerì che più strettamente un genitore si identificava con un bambino nella stessa posizione dei suoi fratelli, più era probabile che triangolasse per deviare la tensione dalla diade genitoriale;

(5) cut-off emotivo, il ritiro emotivo dai membri della famiglia nel tentativo di rompere i legami emotivi e regolare l’attaccamento irrisolto;

(6) regressione sociale, la società, come la famiglia, contiene forze opposte di differenziazione e individualizzazione (Brown, 1999; Bowen, 1978).

Questi concetti sono stati originariamente sviluppati durante il lavoro di Bowen con individui con schizofrenia e le loro famiglie e sono stati adattati alla pratica clinica e continuano ad influenzare lo sviluppo di altre teorie del sistema familiare (Miller , 2004).

 

Applicazione della teoria di Bowen: l’esempio della famiglia White

Il paziente identificato di questa famiglia era Austin, un ragazzo di 14 anni, che aveva ricevuto trattamenti di salute mentale ambulatoriali e ospedalieri dall’età di 7 anni. I suoi genitori hanno riferito di capricci esplosivi, di un sonno scarso con una media di 2-5 ore per notte, e hanno descritto il suo umore come ansioso con episodi inspiegabili di pianto. Era stato ricoverato due volte dall’età di 7 anni e aveva diagnosi di disturbo da deficit di attenzione, disturbo oppositivo provocatorio e disturbo dell’umore (NOS). I suoi farmaci includevano sertralina, aripiprazolo e lisdexamfetamina.

Il comportamento oppositivo includeva la distruzione della proprietà nella casa di famiglia. Austin ha fatto dei buchi nei muri e nelle porte, ha fatto a pezzi un materasso con un coltello e ha minacciato verbalmente sua madre. I suoi genitori si sono separati prima che lui nascesse e non si sono mai sposati. Lui e sua madre hanno vissuto da soli per i primi 7 anni della sua vita, con il supporto dei nonni materni. Suo padre non aveva contatti. Quando Austin aveva 7 anni, chiese di incontrare suo padre. Questo è stato facilitato ed è culminato nel matrimonio dei suoi genitori 4 anni dopo. I suoi genitori hanno riferito di un matrimonio solidale, hanno negato conflitti e si sono presentati come preoccupati e solidali con Austin. Hanno dichiarato che Austin aveva un buon rapporto con entrambi i genitori.

Tuttavia, attraverso la discussione, è stato riconosciuto che Austin e suo padre erano sempre più antagonisti e provocatori l’uno nei confronti dell’altro, e le interazioni tra loro sono degenerate in scontri verbali e discussioni. Austin ha dichiarato di avere amici a scuola, di partecipare ad attività sportive, ma di avere difficoltà a livello accademico, ricevendo spesso voti insufficienti. I test psicologici effettuati da uno psicologo autorizzato hanno rivelato che Austin ha ottenuto un punteggio al limite del QI.

La madre aveva una diagnosi di disturbo bipolare ma non prendeva farmaci. Anche la nonna paterna e un cugino avevano una diagnosi di bipolare. Questa famiglia è stata vista per otto sedute. Mentre la prima diade nella famiglia è tradizionalmente la coppia, nel momento in cui il padre di Austin si è unito alla famiglia, Austin e sua madre avevano ruoli di relazione basati su una struttura familiare unica, con una diade genitore-figlio consolidata. La madre di Austin aveva anche sperimentato i fattori di stress di una famiglia monoparentale che includevano pressioni finanziarie, soluzioni per la cura dei bambini (supporto dei nonni materni) e tempo ed energie limitate per le attività sociali, il tutto senza alcun sostegno o coinvolgimento del padre (Pasley & Garneau, 2012).

Quando il padre di Austin si è unito alla famiglia, sono state stabilite diadi genitoriali e di coppia, che hanno sottolineato la diade genitore-figlio tra Austin e sua madre. Si è notato che durante le sessioni di trattamento, tutti i discorsi avvenivano tra Austin e sua madre, sempre seduti insieme su un divano. Suo padre sedeva da solo su una sedia, spesso con la testa rivolta verso il pavimento. Anche se sembrava che il padre stesse ascoltando, non partecipava alle discussioni al di fuori di brevi dichiarazioni.

Anche se era il padre biologico di Austin, non ha partecipato ai primi 7 anni di vita di Austin. Sarebbe ragionevole pensare che il padre di Austin abbia assunto il ruolo di patrigno. Il suo ruolo genitoriale è stato fortemente influenzato dallo stile genitoriale già stabilito dalla madre di Austin. I tentativi del padre di alterare questi modelli di comportamento stabiliti sono stati accolti da Austin con una significativa resistenza, con il risultato che il padre è diventato meno coinvolto (Pasley & Garneau, 2012). La ricerca ha indicato che i bambini nelle relazioni patriarcali sono impegnati in livelli più elevati di conflitti sia con i genitori che con i patrigni e sono più colpiti dai conflitti derivanti dai conflitti tra genitori e patrigni che portano a una genitorialità ostile (Shelton, Walters, & Harold, 2008).

 

Il sistema emotivo della famiglia nucleare per la famiglia White

Mentre Austin e sua madre erano in grado di regolare le emozioni tra di loro, quando suo padre è entrato a far parte della famiglia, l’ansia è aumentata tra tutti i membri della famiglia, poiché hanno ridefinito i loro ruoli e sviluppato nuove regole familiari. Ci fu una rottura delle regole e dei confini tra la madre e Austin. Austin era confuso sui cambiamenti della diade madre-figlio e sul suo nuovo ruolo di bambino in una triade padre-madre-figlio. Il suo ruolo era significativamente alterato nella famiglia ricostituita e questo creava per lui una fonte di intensa ansia.

Bowen (1978) ha osservato che quando l’ansia è bassa, la maggior parte delle relazioni appare priva di sintomi. I sintomi si presentano quando l’ansia aumenta a causa della tensione nel sistema, bloccando così la differenziazione del sé. Nell’esaminare il sistema emozionale della famiglia nucleare, Bowen raccomandava di concentrarsi sulle funzioni emozionali indifferenziate della famiglia. In questa famiglia, tutti i membri stavano cercando di definire i loro ruoli e i confini delle relazioni. Il padre stava cercando di stabilire il suo ruolo di marito e padre, ma era delegato a un posto secondario nel processo decisionale, dalla madre. Allo stesso modo, la madre, pur dando voce alla genitorialità condivisa, continuava a decidere le conseguenze del comportamento distruttivo di Austin e la direzione della terapia.

 

Triangolazione e differenziazione del sé

La famiglia White ha sperimentato una significativa ansia e fusione, e la triangolazione si è sviluppata mentre cercavano di diminuire questo stress. La cronologia dei problemi comportamentali ed emotivi di Austin era correlata all’ingresso in famiglia di suo padre. Mentre la madre e il padre di Austin tentavano di rafforzare e consolidare i loro ruoli di marito e moglie, l’ansia si accumulava tra loro.

Ci sono livelli di differenziazione nel matrimonio

Un matrimonio di successo è più probabile quando i coniugi hanno livelli simili di differenziazione. La differenziazione non è legata al genere, ma piuttosto alla posizione che ciascuno aveva nella propria famiglia d’origine e che probabilmente ha giocato un’influenza importante nella scelta dell’altra persona come partner (Bowen, 1976). Bowen ha chiamato questo adattamento della differenziazione “prestito e scambio di sé“, in quanto i partner cercano di ottenere un ruolo dominante nella relazione.

La triangolazione si è sviluppata, come suggerisce la teoria di Bowen, quando hanno evitato il confronto e la discussione delle proprie difficoltà coniugali concentrandosi sul figlio. I genitori proiettavano la loro indifferenziazione sul bambino. Sebbene la triangolazione possa diminuire l’ansia nella relazione coniugale, Bowen affermava che paradossalmente aumentava l’ansia della terza persona, molto spesso il bambino (Austin), e questo causava al bambino sintomi di angoscia.

Miller (2004) afferma che il bambino era più vulnerabile ad essere triangolato da uno dei due genitori ed era una potenziale vittima del processo emotivo della famiglia nucleare. I White non erano disposti a discutere le ragioni per cui non avevano stabilito un matrimonio o una relazione duratura all’inizio e se i conflitti di quel periodo precedente avessero influenzato i loro comportamenti e le loro relazioni attuali, con conseguente ‘riversamento’ su Austin. I genitori di Austin erano d’accordo sul fatto che la famiglia aveva un’influenza sulla salute emotiva di Austin, ma erano restii a indagare sulla loro relazione e sul suo impatto sulle emozioni e sul comportamento di Austin.

Tuttavia, sulla base della teoria di Bowen, il comportamento di Austin era probabilmente il suo tentativo di far fronte alla sua posizione nel triangolo e la sua confusione sul ruolo che ci si aspettava svolgesse come cuscinetto per l’ansia dei suoi genitori.

Concentrandosi su Austin, i suoi genitori hanno evitato di affrontare i loro problemi di relazione. Era anche possibile che l’utilizzo dei problemi emotivi e comportamentali di Austin facilitasse la comunicazione tra i suoi genitori e riempisse un vuoto che altrimenti sarebbe stato presente, contribuendo così a una maggiore ansia coniugale. Questa famiglia aveva partecipato a numerose sedute di terapia in passato con l’intento primario di “sistemare Austin”.

Bowen vedeva la famiglia come un sistema che interagiva e aveva un impatto sui singoli membri della famiglia. I genitori potrebbero trarre beneficio da un’esplorazione della loro relazione per il suo impatto su Austin. La terapia potrebbe aiutare i genitori a capire come la loro crescita e i loro cambiamenti abbiano influenzato la posizione di Austin nella struttura familiare e abbiano cambiato il suo comportamento.

 

Processo di proiezione della famiglia

Mentre i suoi genitori negoziavano la loro relazione, Austin era confuso sulle regole e i ruoli ridefiniti della sua relazione con i suoi genitori. Altre spiegazioni per i comportamenti di Austin possono essere due. In primo luogo, Austin aveva una predisposizione genetica al disturbo bipolare da parte di sua madre. In secondo luogo, la questione se sua madre aveva preoccupazioni emotive irrisolte circa l’atteggiamento della sua famiglia d’origine e la gestione della sua salute mentale quando era un bambino. Ha riferito che i suoi genitori non hanno cercato un trattamento per lei e ha ricordato l’impatto dei suoi sintomi sul suo benessere emotivo.

Questo l’ha portata ad essere troppo concentrata nel cercare un trattamento per Austin in risposta alle sue esperienze?

Quando i genitori di Austin si sono sposati, l’esclusività della diade madre-figlio si è persa e attraverso le sessioni di terapia per il trattamento della malattia mentale, questa diade è stata ristabilita.

 

Applicazione della teoria di Bowen alla pratica sanitaria

Gli infermieri possono utilizzare molte delle tecniche terapeutiche di Bowen durante le sessioni di terapia familiare. La terapia dei sistemi familiari inizia con una valutazione familiare dei loro processi emotivi, vicinanza, distanza, triangoli e tensioni che sono ancora irrisolti dalla famiglia di origine. Il metodo ideale per lavorare con una famiglia usando la teoria boweniana è quello di far partecipare diverse generazioni.

Tuttavia, un genogramma come rappresentazione grafica delle relazioni familiari, della salute fisica e mentale e dell’abuso di sostanze, può aiutare a ipotizzare modelli di interazione e fornire informazioni sullo sviluppo dei comportamenti. Bowen (1978) ha raccomandato l’uso di un genogramma per organizzare le informazioni multigenerazionali.

Nella pratica clinica, l’obiettivo della terapia dei sistemi familiari di Bowen è aiutare i membri della famiglia a muoversi verso la differenziazione del sé e ad allontanarsi dal biasimo e dalla reattività emotiva.

 

Il ruolo del terapeuta secondo Bowen

Il ruolo del terapeuta è quello di connettersi con la famiglia, facilitare le famiglie ad essere attive nel processo di guarigione e per tutto il tempo evitare di essere trascinati in un triangolo. Il terapeuta dovrebbe connettersi emotivamente con la famiglia, ma evitare di dire ai membri della famiglia cosa dovrebbero fare o cercare di risolvere rispetto i problemi familiari (Kerr e Bowen, 1988). Rimanere neutrale e obiettivo può richiedere vigilanza da parte del terapeuta per evitare risposte emotive evidenti o la tendenza non intenzionale a schierarsi con un membro della famiglia o con un altro (Papero, 1990).

Bowen considerava il ruolo del terapeuta quello di dirigere le conversazioni familiari durante la terapia e facilitare le famiglie ad accettare la responsabilità personale del cambiamento, e non aspettare passivamente “una cura” dal terapeuta. Un terapeuta che segue le tecniche di Bowen pone domande ai membri adulti sulle azioni del bambino, ma incoraggia l ‘”io” quando parla dei problemi senza attaccare o difendere gli altri membri della famiglia. L’intenzione di questa tecnica è di far esprimere ai genitori i loro sentimenti riguardo a un incidente. Questa tecnica sottolinea l’importanza di mantenere confini chiari distinguendo tra affermazioni oggettive e soggettive.

Il terapeuta del sistema familiare incoraggia la differenziazione dei membri della famiglia attraverso domande / affermazioni dell”io” che non attaccano o difendono gli altri membri della famiglia. Queste dichiarazioni personali hanno lo scopo di facilitare una maggiore “proprietà” delle proprie risposte emotive e minimizzare l’attribuzione di colpe ad altri o la fonte del conflitto (Bowen, 1978). Il terapeuta facilita i genitori a riconoscere lo sviluppo dei propri modelli di processi emotivi che sono attribuibili alla propria famiglia di origine e, se disfunzionali, il modo in cui contribuiscono all’attuale processo emotivo familiare (Brown, 1999).

La tesi di Bowen era che le persone differenziate usassero le affermazioni “Io” più spesso nelle conversazioni e le affermazioni “Noi” fossero indicative di una possibile triangolazione (Miller, Anderson e Keala, 2004). Bowen (1976) ha affermato che l’uso di “Sento” permetteva a una persona di esprimere un’opinione senza sembrare falso o insincero.

 

Torniamo all’esempio della famiglia White

È stato osservato che la signora White usava spesso “noi” quando parlava dei sintomi di Austin e della reazione dei genitori. La madre era la portavoce e il padre era costantemente d’accordo con le sue opinioni. Durante la terapia, la famiglia White è stata incoraggiata a utilizzare affermazioni in “io” come metodo per diminuire la reattività emotiva e aumentare la differenziazione. Le dichiarazioni “Io” sono state usate con i White per discutere la loro risposta ad Austin che portava un coltello da cucina a scuola e minacciava un altro studente. Invece di concentrarsi sulla “scorrettezza” del comportamento di Austin, ai coniugi White è stato chiesto di fare affermazioni “io” sulle loro reazioni ed emozioni associate all’azione. I genitori sono stati incoraggiati a “possedere” i loro pensieri e sentimenti, piuttosto che proiettare e incolpare Austin e gli amici di Austin, che, secondo lui, lo hanno incoraggiato a portare il coltello a scuola come protezione.

 

L’auto-concentrazione individuale

L’auto-concentrazione individuale durante le sessioni cliniche era un mezzo per ridurre l’ansia, facilitare le relazioni persona-persona e indagare sulle interazioni problematiche. Austin è stato incoraggiato a parlare direttamente con entrambi i genitori, invece di fare dichiarazioni al terapeuta. È stato incoraggiato a usare affermazioni in “io” per esprimere i suoi pensieri e sentimenti invece di esprimere un reclamo generale su una regola o azione dei genitori (di solito si rivolgeva a sua madre).

Bowen raccomandava al terapeuta di allontanare i pazienti dalle risposte emotive, che riteneva ostacolassero la differenziazione del sé, ma incoraggiava una modalità di pensiero di esteriorizzazione per ogni membro della famiglia discutendo i loro pensieri, reazioni e impressioni. Bowen (1976) ha affermato che il nucleo della sua teoria è il grado in cui le persone possono distinguere tra il “processo dei sentimenti” e il “processo intellettuale”. Credeva che molte famiglie abbiano grandi difficoltà a distinguere tra sentimenti soggettivi e pensiero oggettivo.

 

Dissoluzione del processo di triangolazione

Una premessa di base della terapia di Bowen è assistere nella dissoluzione del processo disfunzionale di triangling consentendo ai pazienti di diventare consapevoli dei processi emotivi che stanno utilizzando e incoraggiando l’esame di questi comportamenti (Farmer & Geller, 2005). Il de-triangling è stato ottenuto, secondo Bowen (1976), aiutando i membri della famiglia a riconoscere il processo attraverso il quale si è verificato. Domande a risposta aperta, utilizzando chi, cosa, dove e quando, aiutano a identificare i triangoli.

Bowen icnoraggia il terapeuta a ridurre al minimo il coinvolgimento dei bambini come un modo per allontanare i genitori dall’usare il bambino come persona triangolo per i problemi tra i genitori (Brown, 1999). La terapia di Bowen potrebbe escludere il bambino dalla terapia per concentrarsi sugli adulti che hanno maggiore influenza sul sistema familiare. L’esclusione del bambino impedisce ai genitori di utilizzare il bambino come una persona sostitutiva tra loro (Brown, 1999).

Un’utile strategia boweniana è inoltre istruire o insegnare ai membri della famiglia a osservare i modelli dei loro comportamenti quando l’ansia e la tensione tra i membri aumentano.

 

La tecnica del dialogo

Un’altra tecnica terapeutica è il dialogo, che facilita i membri della famiglia a dare suggerimenti sui futuri corsi di azione e cambiamenti al loro comportamento reazionario corrente stabilito (Farmer & Geller, 2005). Il dialogo è stato utilizzato con la famiglia White per fornire l’opportunità di “fare qualcosa di diverso” e di allontanarsi da un modello di risposte che si traduceva in scontri e rabbia e verso comportamenti meno emotivi e reattivi. Le famiglie sono incoraggiate a comunicare tramite risposte meno reattive ed emotive alla propria ansia e all’ansia degli altri membri della famiglia.

L’obiettivo di un intervento strategico non è cambiare le relazioni ma esprimere un atteggiamento calmo e neutro che prevenga ansia e la tensione che si verificano quando i membri si schierano nella relazione. Bowen credeva che i suoi primi lavori con le famiglie e la schizofrenia si applicassero a qualsiasi famiglia con un bambino che mostrava disturbi psicologici (Bowen, 1966).

 

La pseudomutualità di Wynne e Singer

Ulteriori lavori di Wynne e Singer (1963), colleghi di Bowen, hanno esaminato i confini mutevoli delle famiglie con membri che avevano disturbi mentali significativi e hanno introdotto il termine pseudomutualità, il che significa che queste famiglie davano l’apparenza di una relazione reciproca, aperta e comprensiva senza avere effettivamente una relazione del genere. La pseudomutualità era un modo per gestire il conflitto e nascondere i veri rapporti di famiglie lontane e prive di intimità.

Un paziente identificato della famiglia ha contribuito a perpetuare il mito che questo membro avesse disregolazioni emotive e che gli altri membri della famiglia fossero normali. L’applicazione della teoria dei sistemi familiari di Bowen fornisce un’analisi organizzata delle relazioni e degli strumenti per migliorare la comunicazione tra i membri, riconoscendo che questi triangoli esistono a vari livelli di disfunzione in tutte le famiglie.

Nessuna famiglia è libera dall’influenza della società, della razza, del sesso e del reddito. C’è un movimento verticale di ansia / stress dai genitori ai figli, ma anche un movimento orizzontale tra le coppie e tra le famiglie di origine di ogni adulto. L’applicazione di una filosofia con principi guida consente un approccio di valutazione olistica. Fornisce inoltre linee guida quando la terapia non procede come previsto. Sebbene il bambino sintomatico sia il paziente identificato, Bowen ha sostenuto che il sistema emotivo della famiglia fosse la fonte del problema (Bowen, 1978). Aiutare la famiglia a concentrarsi sull’esame dei propri processi di comunicazione piuttosto che incolpare o ignorare le fonti sottostanti di ansia familiare offre ai membri della famiglia le capacità di cambiare i comportamenti e facilita un clima emotivo non reattivo più calmo.

 

Altre Teorie della famiglia

Mentre la teoria dei sistemi familiari di Bowen è discussa qui, altre teorie sulla terapia familiare di altre discipline delle scienze sociali sono state allineate con le teorie utilizzate a livello sanitario.

 

Modello di Neuman

Il modello di valutazione e intervento della famiglia integra la teoria generale dei sistemi con il modello dei sistemi sanitari di Neuman. La famiglia è vista come un sistema dinamico e aperto. Questa teoria si concentra su ciò che causa lo stress familiare e su come la famiglia reagisce allo stress. Quando un membro della famiglia sperimenta un fattore di stress che minaccia l’unità familiare, l’intera famiglia si sente minacciata e forma difese protettive. Le famiglie variano nella loro capacità di adattarsi e ricostituirsi mentre cercano di ristabilire l’equilibrio nel sistema familiare. L’infermiere professionale incoraggia la famiglia a concentrarsi e costruire sui punti di forza, nonché a identificare strategie di risoluzione dei problemi.

Family Systems Stressor-Strength Inventory è uno strumento di valutazione sviluppato da Berkey e Hanson (1991). Divide la valutazione in tre sezioni: fattori di stress del sistema familiare generale, fattori di stress del sistema familiare specifico e punti di forza della famiglia (Berkey & Hanson, 1991; Hanson & Mischke, 1996; Hanson 2001; Hanson & Kaakinen, 2005).

 

Friedman Family Assessment Model

Il Friedman Family Assessment Model (Friedman et al., 2003) è un modello che integra la teoria dei sistemi generali con la teoria dello sviluppo su un quadro strutturale-funzionale. Viene spesso utilizzato in ambito comunitario e di sanità pubblica. Valuta la famiglia nel suo insieme, con un focus sulla famiglia come subunità della società. Fornisce esempi di domande che l’operatore può porre per valutare lo stadio di sviluppo, l’ambiente, la struttura del potere e lo stile di adattamento della famiglia. La struttura della famiglia per questo modello si riferisce a come la famiglia è organizzata e interagisce con i membri (Friedman, Bowden e Jones, 2003).

 

Calgary Family Assessment Model

La teoria generale dei sistemi, la cibernetica, la teoria della comunicazione, la teoria del cambiamento e la biologia del riconoscimento sono tutti componenti del Calgary Family Assessment Model (Wright & Leahey, 2009). I concetti generali dei sistemi e della teoria dei sistemi familiari sottolineano che la famiglia nel suo insieme è maggiore delle sue parti e il cambiamento che colpisce un membro influisce su tutti i membri della famiglia, influenzandone l’equilibrio e la stabilità.

Tra i concetti presi dalla teoria cibernetica c’è che le famiglie possiedono capacità di autoregolazione e un processo di feedback che può avvenire simultaneamente a molti livelli. I concetti della teoria della comunicazione includono:

(1) tutta la comunicazione non verbale è significativa;

(2) tutta la comunicazione ha due canali principali – verbale e non verbale e due livelli – contenuto e relazione;

(3) una relazione diadica ha vari gradi di simmetria e complementarità.

La valutazione delle famiglie che utilizzano il modello di Calgary è organizzata in tre categorie principali: strutturale, di sviluppo familiare e funzionale.

La valutazione strutturale è costituita dalla composizione della famiglia, dal rango, dai sottosistemi e dai confini della famiglia.

Lo sviluppo familiare include la valutazione del ciclo di vita famigliare o della fase, dei compiti e dell’attaccamento.

La terza area di valutazione, il funzionamento familiare, include attività, assistenza sanitaria, potere, sistema di credenze, alleanze e coalizioni. I punti di forza della famiglia, non i deficit, sono le aree di focalizzazione della terapia.

Gli interventi sono specifici per la struttura, la funzione e il processo familiare (Wright & Leahey, 2009).

 

Conclusioni sul caso della famiglia White

Altri argomenti delle sessioni cliniche erano l’ansia di Austin, mentre stabiliva la sua relazione con suo padre e l’ansia vissuta sia da Austin che da sua madre durante il crollo e il ripristino delle regole della loro relazione. L’impegno di Austin per la differenziazione del sé era diventato complicato a causa del suo diventare parte di un triangolo, poiché i suoi genitori sperimentavano stress e ansia durante la transizione della loro relazione.

Durante altre sessioni con la famiglia White, sono stati fatti tentativi per indagare sulle influenze passate di diverse generazioni (nonni) sugli attuali modelli di genitorialità e sui sistemi di credenze familiari sul trattamento per la salute mentale. Queste influenze e altri modelli di relazione tendono a ripetersi nel corso delle generazioni (Brown, 1999). Austin aveva partecipato a varie forme di terapia da quando aveva circa otto anni. L’obiettivo era sempre determinare come cambiare e “aggiustare” Austin.

Questa è stata la prima terapia che ha spostato l’attenzione sulla famiglia e su come i modelli di comportamento avessero plasmato Austin e, cosa più importante, come l’ “aggiustamento” di Austin abbia comportato aiutare la famiglia a diventare consapevole dei propri modelli di comportamento e valutare l’impatto non solo sull’identificato paziente ma gli altri membri della famiglia.

Sebbene questa discussione semplifichi eccessivamente la teoria dei sistemi familiari di Bowen, l’obiettivo è fornire agli operatori e ad altri professionisti che lavorano con le famiglie, una direzione per organizzare i comportamenti complessi dei membri della famiglia in un quadro per comprendere la relazione delle parti con il tutto, la necessità di stabilizzazione del sistema familiare, e che la famiglia sia la somma delle sue parti. Fornisce all’operatore e ad altri professionisti una struttura per valutare la famiglia per i modelli di comportamento.

 

 

Appendice

Otto forze interconnesse che danno forma al funzionamento della famiglia secondo Bowen

Differenziazione del sé: sebbene i gruppi sociali siano importanti, la famiglia ha l’impatto principale dello sviluppo del senso di sé. Il sé scarsamente differenziato richiede l’accettazione e l’approvazione degli altri per pensare, agire e dire. Un sé ben differenziato, pur riconoscendo l’importanza della famiglia e dei gruppi sociali, è in grado di sopportare conflitti, rifiuti e critiche e separarsi emotivamente e intellettualmente dalla famiglia di origine. È il grado di fusione e differenziazione. Le persone con bassa differenziazione sono meno flessibili e più dipendenti emotivamente dagli altri.

Triangoli: una relazione di tre persone che può stabilizzare un sistema di due persone (diade) che sperimenta ansia. La valutazione dell’ansia è fondamentale per l’approccio boweniano. Quando si sviluppa la tensione tra due persone, l’ansia può essere alleviata portando una terza persona. La tensione è diffusa ma il triangolo ha anche il potenziale per rendere “un uomo strano”. Bowen afferma che “le forze emotive all’interno del triangolo sono costantemente in movimento” mentre il triangolo si muove avanti e indietro tra le diadi con una persona come estraneo. Bowen crede che lo schema più comune sia il triangolo padre-madre-figlio, con la tensione tra i genitori, il padre si sposta nella posizione esterna. Diffondere la tensione può stabilizzare un sistema familiare ma non risolve la fonte della tensione.

Sistema emotivo familiare nucleare: quattro modelli di base del funzionamento emotivo in una singola generazione: conflitto coniugale, disfunzione in un coniuge, menomazione in uno o più figli, distanza emotiva. Bowen sostiene che questi modelli emotivi operano in famiglie intatte, genitore singolo, genitore acquisito e in tutti gli altri sistemi familiari nucleari. Il modo in cui una famiglia reagisce allo stress sono repliche delle generazioni passate e continueranno a ripetersi nelle generazioni future. Bowen incoraggia un’attenta storia dei modelli della generazione presente e una ricostruzione dei modelli del funzionamento emotivo delle generazioni passate. Afferma che questi modelli saranno predittori degli stessi modelli per le generazioni a venire.

Processo di proiezione familiare: il processo principale in cui i genitori trasmettono i loro problemi emotivi a un bambino. I bambini ereditano i punti di forza e i problemi dai genitori. Il processo di proiezione è di tre fasi: (1) il genitore si concentra sul bambino, temendo che ci sia qualcosa che non va; (2) il genitore interpreta il comportamento del bambino come una conferma di questa paura; (3) il genitore tratta il bambino come se qualcosa non andasse veramente nel bambino. Bowen sostiene che questo è associato all’istinto materno e inizia come ansia nella madre durante l’infanzia, e gradualmente si sviluppa in sintomi importanti durante l’adolescenza.

Separazione emotiva: i membri della famiglia incapaci di ridurre o gestire i loro problemi emotivi irrisolti con i genitori o altri membri della famiglia interrompono completamente il contatto emotivo allontanandosi geograficamente o raramente tornando a casa. Questi problemi emotivi irrisolti generalmente si concentrano sull’attaccamento irrisolto e sulla differenziazione del sé. Bowen afferma che questa fuga non indica indipendenza emotiva, ma piuttosto questa persona tende a vedere i problemi con il genitore piuttosto che con sé stessi.

Processo di trasmissione multi-generazionale: il processo di proiezione familiare continua attraverso più generazioni. Piccoli gradi di differenziazione tra genitori e figli si verificano attraverso l’insegnamento cosciente e la formazione inconscia dello sviluppo dei bambini. I bambini imparano i modelli del processo emotivo simili ai loro modelli ma con piccole differenze. Bowen suggerisce che queste tradizioni e ideali famigliari possono essere di supporto o dannosi.

Ordine di nascita: Bowen dà credito a William Toman, che ha sviluppato un ‘profilo di fratello’ per ogni posizione in una famiglia funzionante. Bowen ha incorporato queste idee nella sua teoria secondo cui il figlio maggiore tende verso una posizione di comando e il figlio più piccolo tende a seguirlo. La conoscenza della posizione di fratellanza dei coniugi influenza le scelte matrimoniali e la probabilità di divorzio.

Regressione sociale (processo emotivo sociale): un’applicazione della teoria di Bowen alle organizzazioni sociali. Afferma che la società è parallela all’ansia per lo stress sulla famiglia. Man mano che la famiglia sperimenta un’ansia più cronica e prolungata, regredisce a un livello di funzionamento inferiore. Quando la società sperimenta uno stress cronico, come l’esplosione demografica, la diminuzione delle risorse naturali e l’inquinamento ambientale, anche la società ha un adattamento regressivo simile.

 

Vuoi saperne di più sull’approccio boweniano alla Terapia Familiare?

▶️CLICCA QUI e scopri il nostro corso: La Terapia Familiare Boweniana, con Philip Guerin

Vuoi approfondire altri approcci teorici alla Terapia Familiare?

▶️CLICCA QUI e scopri tutti i nostri corsi sul tema!

 

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Haefner, Judy. (2014). An Application of Bowen Family Systems Theory. Issues in Mental Health Nursing. 35. 10.3109/01612840.2014.921257.

 

 

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>