Accedi

Coinvolgere La Famiglia nella Cura di Giovani con Disturbo da Uso di Sostanze

uso di sostanze

Le strategie di coinvolgimento che migliorano i risultati delle terapie per l’uso di sostanze, anche quelle che sono appropriate per lo sviluppo, spesso non considerano il ruolo importante che i membri della famiglia (biologica, estesa o scelta) hanno nel promuovere strategie di riduzione del rischio e nel sostenere il recupero dei giovani adulti.

Senza il giusto supporto e le giuste informazioni, i membri della famiglia possono avere effetti negativi involontari sull’impegno e sul recupero di un giovane adulto. Inoltre, i programmi di recupero dall’uso di sostanze raramente includono componenti per migliorare la salute dei membri della famiglia colpiti dai disturbi da uso di sostanze (SUD) di una persona cara.

Nonostante il consenso sul fatto che il coinvolgimento della famiglia sia fondamentale, la maggior parte delle terapie basate sulla famiglia sono state studiate in famiglie di adolescenti che usano sostanze, e pochi approcci basati sull’evidenza sono disponibili per le famiglie di giovani adulti.

Obiettivo dell’articolo

La maggior parte delle prove presentate nel seguente articolo, quindi, si basa su dati raccolti da adolescenti e che sono stati estrapolati dalla popolazione di giovani adulti.

L’obiettivo di questo articolo è quello di comunicare una serie di principi di cura basati sull’evidenza che riguardano i membri della famiglia di giovani adulti con SUD, come derivato da un gruppo di esperti convocato dal Grayken Center for Addiction al Boston Medical Center.

I principi riguardano sia le cure primarie che le impostazioni di dipendenza specializzate.

Tre principi di cura per l’uso di sostanze

Delineiamo tre principi di cura per coinvolgere i membri della famiglia di giovani adulti con SUD, ed esaminiamo sia le prove di supporto che le considerazioni pratiche. Concludiamo con potenziali step per far leva sulla famiglia per aiutare i giovani adulti a impegnarsi nella cura.

Principi di cura per giovani con disturbi da uso di sostanze

Principio 1: Quando possibile, la cura per l’uso di sostanze dovrebbe coinvolgere la guida dei membri della famiglia: il gruppo di lavoro ha concluso che quando è possibile, e con il permesso del giovane adulto (definito come una persona di 18-25 anni), i membri della famiglia dovrebbero essere invitati a partecipare al corso della terapia del paziente.

Attualmente, tuttavia, la maggior parte delle terapie dei SUD avviene in programmi di terapia specializzati con scarso coinvolgimento della famiglia. Anche quando la terapia è offerta nel contesto delle cure primarie, il tempo limitato durante le visite rende difficile coinvolgere i membri della famiglia nella sicurezza e nella pianificazione della terapia.

Poiché il trattamento delle dipendenze si è espanso da un trattamento quasi esclusivamente orientato al comportamento per includere più terapie farmacologiche, c’è stata ancora meno opportunità di coinvolgere i membri della famiglia nella terapia.

La cura, quindi, continua ad essere incentrata sul paziente e tipicamente non coinvolge la rete sociale del paziente e i membri della famiglia. Alla luce di queste sfide, è fondamentale sviluppare strategie per coinvolgere i membri della famiglia come membri chiave del team di cura, con focus specifici sulla sicurezza e sulla pianificazione del trattamento.

Prova:

Ci sono poche terapie empiricamente supportate, basate sulla famiglia, per i giovani adulti con SUD. Molte di queste terapie sono state studiate in popolazioni più giovani, applicare i dati ai giovani adulti, quindi, richiede un’estrapolazione.

Tre terapie familiari con una solida base di prove per ridurre l’uso di sostanze da parte degli adolescenti sono la terapia familiare multidimensionale, la terapia familiare funzionale e la breve terapia familiare strategica.

Prove recenti suggeriscono che tutti e tre i modelli possono essere distillati in quattro elementi fondamentali della pratica:

1)cambiamento interattivo

2)riformulazione relazionale

3)coinvolgimento degli adolescenti

4)enfasi relazionale

Ogni elemento include tecniche specifiche che un terapeuta può utilizzare per ottenere una riduzione dell’uso di sostanze attraverso un migliore funzionamento familiare.

L’elemento del cambiamento interazionale si concentra sulla valutazione delle dinamiche familiari e della comunicazione, in modo che i terapeuti possano fornire indicazioni ai membri della famiglia su come migliorare le loro interazioni con la persona amata con un SUD.

L’elemento di riformulazione relazionale aiuta l’adolescente o il giovane adulto a vedere il problema clinico (uso di sostanze) come collegato ai problemi relazionali della famiglia. Questi elementi mirano a migliorare le relazioni familiari per affrontare l’uso di sostanze.

Nel coinvolgimento dell’adolescente, il terapeuta sollecita la prospettiva dell’adolescente sul problema e su come la terapia familiare può affrontare le questioni salienti.

Infine, l’enfasi relazionale include interventi che possono migliorare la salute e il funzionamento dell’intera famiglia. Sono necessari studi che includano membri della famiglia di giovani adulti per determinare se la terapia familiare è efficace anche in questo specifico gruppo di età.

Considerazioni pratiche:

Nonostante l’evidenza che i membri della famiglia possono giocare un ruolo positivo nella cura, molti ostacoli impediscono il coinvolgimento dei membri della famiglia.

In primo luogo, pochi terapeuti sono formati nella terapia familiare per i SUD.

La maggior parte degli attuali modelli clinici di cura non riesce a coinvolgere i membri della famiglia come alleati terapeutici. Anche se un programma offre servizi che includono i membri della famiglia, i giovani adulti possono scegliere di non includere le famiglie come contatti.

Se il giovane adulto inizialmente rifiuta di acconsentire al coinvolgimento della famiglia, questa decisione può essere rivista, perché il sostegno sociale è un fattore importante per il recupero e l’adesione al trattamento. Per i giovani adulti che non sono in grado di identificare un membro della famiglia che vorrebbero fosse coinvolto nel trattamento, si dovrebbe sottolineare l’importanza delle reti sociali tra pari che sostengono la riduzione del rischio.

È anche importante notare che, sebbene i membri della famiglia non possano ricevere informazioni sul loro caro senza consenso, nulla vieta ai membri della famiglia di fornire al team di cura informazioni sul giovane adulto.

 

Principio 2: i membri della famiglia dovrebbero essere consigliati su metodi basati sull’evidenza che possono migliorare l’impegno del loro caro nella cura dall’uso di sostanze.

Guida: il gruppo di lavoro ha concluso che i membri della famiglia, utilizzando abilità comunicative basate sull’evidenza, possono aumentare la probabilità che il loro caro entri in cura, migliorando così gli esiti dei SUD.

È importante che i team di cura che lavorano con i giovani adulti coinvolgano la famiglia, forniscano informazioni accurate sugli approcci terapeutici basati sull’evidenza e forniscano un’educazione sul ruolo importante che la famiglia può pianificare nel recupero del loro caro.

Poiché esistono approcci basati sull’evidenza che promuovono l’impegno nella cura, i membri della famiglia dovrebbero essere specificamente formati in questi approcci comportamentali e dovrebbero essere consigliati sulle tecniche per utilizzare questi approcci con i loro cari.

Prova:

Fornire supporto alle famiglie può avere un impatto positivo sull’impegno nelle cure, anche se la persona amata inizialmente non è pronta per la terapia.

Il modello Community Reinforcement and Family Training (CRAFT) insegna ai membri della famiglia a coinvolgere i propri cari che non sono ancora pronti per il cambiamento di comportamento e, cosa importante, non si basa sul coinvolgimento dell’individuo che fa uso di alcol o altre droghe.

La terapia ha tre obiettivi:

(1) aiutare una persona amata a muoversi verso la terapia,

(2) ridurre l’uso di sostanze se la terapia non è un’opzione,

(3) migliorare il benessere dei membri della famiglia coinvolti.

Il modello CRAFT insegna ai membri della famiglia abilità come l’uso di contingenze positive (premiando il comportamento desiderato), il problem solving, la cura di sé e le strategie di comunicazione (per esempio, evitando conversazioni quando la persona amata è drogata).

CRAFT aumenta l’impegno al trattamento dal 40% al 71% per gli individui con alcol, oppioidi e altri SUD e migliora i punteggi di ansia e depressione tra i genitori. In uno studio su adulti con disturbo da uso di oppioidi dimessi da un programma di disintossicazione, Brigham et al. hanno dimostrato che quando il familiare era un genitore, i cari avevano una probabilità significativamente minore di abbandonare il trattamento.

Un approccio più recente, il modello di invito al cambiamento, attinge al CRAFT, all’intervista motivazionale e alla terapia di accettazione e impegno (un intervento che utilizza l’accettazione, la consapevolezza e il cambiamento del comportamento per affrontare i sentimenti spiacevoli e aumentare la flessibilità psicologica).

In questo modello da genitore a genitore, i genitori con un figlio con una storia di uso di sostanze (genitori allenatori) sono addestrati per 2 giorni da professionisti della salute mentale per fornire un intervento telefonico ad altri genitori che cercano consigli su come affrontare l’uso di sostanze dei loro figli.

I coach forniscono supporto ai genitori, educazione sulla dipendenza e informazioni su come accedere al trattamento e promuovere il benessere delle famiglie. Sebbene uno studio abbia dimostrato la fattibilità e l’accettabilità di questo approccio, l’efficacia non è ancora stata stabilita.

Considerazioni pratiche:

Attualmente, è difficile per i membri della famiglia ricevere un supporto basato sull’evidenza per una persona amata, a meno che la persona amata non sia pronta a discutere della terapia.

Attualmente, i membri della famiglia si affidano a gruppi di sostegno come AlAnon, Families Anonymous, o a organizzazioni non-profit nazionali come la Partnership for Families. Anche se queste sono risorse importanti a cui le famiglie possono accedere, non sono state rigorosamente studiate e non possono sostituire il supporto professionale.

 

Principio 3: i membri della famiglia dovrebbero essere consigliati sulle risorse che possono migliorare la loro stessa salute.

Guida: si stima che il 20% della popolazione degli Stati Uniti abbia un membro della famiglia con un SUD e che i membri della famiglia di giovani adulti che fanno uso di alcol e altre droghe hanno più disturbi di salute fisica e mentale, e livelli più alti di utilizzo dell’assistenza sanitaria, rispetto a membri della famiglia simili che non sono state colpite da alcuna dipendenza.

La presenza di un SUD in un giovane adulto ha anche un impatto significativo sulla salute emotiva e fisica di altri membri della famiglia. Pertanto, il gruppo di lavoro ha ritenuto importante che ai genitori e agli altri membri della famiglia siano offerte risorse e supporto per affrontare la propria salute.

 

Prove:

Più i membri della famiglia sono in grado di impegnarsi in attività per migliorare la propria salute, maggiore è la probabilità che la salute dell’intero sistema familiare migliori.

Il “Metodo dei cinque passi” è un intervento sviluppato specificamente per le strutture di assistenza primaria per ridurre i sintomi legati allo stress e migliorare le capacità di coping dei membri della famiglia affetti da dipendenza.

In questo modello, i cinque passi (o sessioni) sono:

1)ascoltare in modo non giudicante,

2)fornire informazioni rilevanti,

3)esplorare i modi di affrontare la situazione,

4)discutere il sostegno sociale,

5)stabilire la necessità di ulteriore aiuto.

Questo metodo può essere fornito di persona oppure con un manuale di auto-aiuto. Il metodo dei cinque passi è stato studiato nel Regno Unito e ha dimostrato di ridurre lo stress e migliorare il coping tra i membri della famiglia.

L’intervento CRAFT, descritto nel Principio 2, ha l’obiettivo simile di migliorare il benessere dei membri della famiglia, indipendentemente dal fatto che la persona cara entri in terapia o riduca l’uso di sostanze.

CRAFT migliora il funzionamento generale della famiglia indipendentemente dal fatto che l’adolescente sia impegnato nella terapia.

 

Considerazioni pratiche:

I membri della famiglia potrebbero non cercare una consulenza o un supporto a causa dello stigma e della vergogna. Alcuni operatori sanitari potrebbero avere convinzioni stigmatizzanti sulla famiglia, vedendo i membri della famiglia come una barriera, piuttosto che un facilitatore, al trattamento.

Un’ulteriore sfida è semplicemente identificare i membri della famiglia che potrebbero beneficiare dei servizi di supporto, lo screening per identificare tali individui non è stato studiato.

 

Riassunto e opportunità di miglioramento della cura per l’uso di sostanze:

La cura per i giovani adulti con SUD può essere strutturata in modo che i membri della famiglia siano inclusi indipendentemente dal fatto che la cura sia ambulatoriale, stazionaria o residenziale.

Anche se il giovane adulto sceglie di non permettere il coinvolgimento della famiglia nella cura, i membri della famiglia dovrebbero comunque avere accesso a informazioni accurate sulla dipendenza, sulla terapia e su come ridurre i rischi per il proprio benessere derivanti dall’uso di sostanze del loro caro.

Inoltre, dato l’impatto che l’uso di sostanze di una persona cara può avere sulla salute fisica e mentale della famiglia e sui costi sanitari associati, è giustificata un’attenzione esplicita al miglioramento della salute dei membri della famiglia.

I professionisti possono fornire indicazioni ai membri della famiglia su come possono contribuire a sostenere il recupero, compreso il sostegno attraverso l’alloggio, il reddito e il trasporto, nonché attraverso il sostegno specifico per l’uso di sostanze, come il monitoraggio dell’uso delle stesse e la gestione dei farmaci.

In conclusione, i membri della famiglia possono fornire un valido supporto ai propri cari con SUD e dovrebbero essere istruiti e dovrebbero essere nella posizione di essere in grado di farlo. Ulteriore ricerca è necessaria per migliorare la comprensione del ruolo della famiglia nel trattamento della dipendenza per i giovani adulti.

 

Vuoi approfondire il tema delle dipendenze?

▶️CLICCA QUI e scopri i nostri corsi sull’argomento

 

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Sarah M. BagleyAlicia S. VenturaKaren E. Lasser and Fred Muench (2021) “Engaging the Family in the Care of Young Adults With Substance Use Disorders”.

 

Corsi correlati

Corso Online
8 ECM
La Schema Therapy per lavorare su Vergogna, Invidia e Rabbia
La live si terrà il 17 febbraio 2023
147€
Iscriviti al corso
Corso Online
18 ECM
Compassion Focused Therapy. Applicazioni cliniche e Frontiere scientifiche
La live si terrà il 01 dicembre 2022
147€
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Disturbi dell'Umore / Depressione
Depressione: 9 interventi di Psicoterapia Sensomotoria
Dato il modo in cui le nostre vite sono state sconvolte negli ultimi anni, molti dei nostri...
Disturbi da Ansia e Stress
MBCT per il disturbo ossessivo-compulsivo
Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è una condizione psichiatrica caratterizzata da...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0