Condizioni di vita dei bambini: l’Italia è l’ottavo Paese più sicuro al mondo

Condizioni vita bambini

Secondo l’Organizzazione internazionale sulle condizioni di vita dei bambini nel mondo, l’infanzia è negata a 690 milioni di minori. La classifica riporta che l’Italia si trova all’ottavo posto in graduatoria tra i Paesi del mondo più sicuri per i bambini.

La triste realtà è che nelle guerre e nei conflitti armati sono i bambini, i soggetti più vulnerabili della società, a soffrire di più. I bambini sono vittime di reclutamento come soldati, vittime di omicidi, violenze sessuali, rapimenti, attacchi a scuole e ospedali.

 Il 19 agosto 1982, nella sessione speciale di emergenza sulla questione della Palestina, l’Assemblea Generale, “costernata per il gran numero di bambini palestinesi e libanesi che sono stati vittime innocenti di atti di aggressione israeliani”, decise di commemorare, il 4 giugno di ogni anno, la Giornata internazionale dei bambini innocenti vittime di aggressione.

Lo scopo della giornata è quello di riconoscere il dolore patito dai bambini di tutto il mondo, vittime di abusi fisici, mentali ed emotivi. Questa giornata riafferma anche l’impegno delle Nazioni Unite a proteggere i diritti del bambino.

1 minore su 3 ha un’infanzia negata

Dalla ricerca di Save the Children emerge che il Paese al mondo in cui i bambini hanno condizioni di vita peggiori è la Repubblica Centrafricana, seguita da Niger e Ciad. Ciò che rende le condizioni di vita così avverse sono i continui conflitti presenti sul territorio, i cambiamenti climatici e la povertà. Quest’ultima fa sì che malattie facilmente curabili, come la polmonite, diventino letali in questi paesi.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Nel 2017, infatti, 800 mila bambini sono morti a causa di questa malattia, come si legge dal rapporto dell’Organizzazione. Da tale rapporto si evince anche come il numero di bambini al mondo che soffrono di malnutrizione ammonta a ben 152 milioni, con gravi conseguenze per la loro crescita e il loro futuro. Dai dati emerge che il paese maggiormente colpito dalla malnutrizione risulta essere l’Africa subsahariana.

Tra i Paesi in cui le condizioni di vita dei minori sono ottimali, invece, troviamo il primato del Singapore, seguito da Svezia, Finlandia, Irlanda, Germania, Slovenia Norvegia e solo all’ottavo posto l’Italia.

I progressi degli ultimi 20 anni

Dai nuovi rapporti di Save the Children emerge come rispetto a 20 anni fa, in un anno si verifichino 4,4 milioni di morti infantili in meno, di cui 49 milioni per malnutrizione. Il numero di bambini tagliati fuori dalla scolarizzazione è sceso a 115 milioni, mentre quello dei bambini coinvolti nel lavoro minorile a 94 milioni. Inoltre, il numero di spose bambine si è ridotto di 10 milioni e quello delle gravidanze precoci di 3 milioni.

Tra i Paesi al mondo che hanno registrato il maggior numero di progressi troviamo il Sierra Leone, il Ruanda, l’Etiopia e il Niger.

Tuttavia, nei Paesi colpiti da conflitti e violenze, come la Siria e il Venezuela, non si registra alcun miglioramento, anzi le condizioni di vita dei bambini continuano a peggiorare.

A livello globale, i dati mostrano chiaramente come in questi ultimi anni ci siano stati degli effettivi miglioramenti, sottolineando l’importanza delle azioni e degli interventi volti alla promozione di un reale ed efficace cambiamento. Tuttavia, appare evidente che la strada da percorrere per assicurare condizioni di vita ottimali a tutti i bambini del mondo sia ancora lunga e tortuosa.

Condizioni di vita dei bambini italiani

In Italia sono presenti altre forme di maltrattamenti, come la denutrizione, l’inadeguatezza dei vestiti, la scarsa igiene o il disinteresse per i bisogni affettivi ed emotivi.

Le forme di maltrattamento oggi conosciute sono numerosissime e inizia a esserci una maggiore consapevolezza del problema. I bambini vittime di abusi, violenze e maltrattamenti possono soffrire di importanti conseguenze immediate e tardive e vanno incontro a un maggior rischio di sviluppare problemi cognitivi, linguistici e sociali e di sviluppare da adulti disordini della personalità o fare abuso di sostanze.

afferma Pietro Ferrara, docente di pediatria alle università Campus Bio-Medico e Cattolica di Roma e referente nazionale per abusi e maltrattamenti della Società Italiana di Pediatria –

Un totale di circa 100 mila casi di bambini e adolescenti vittime di abusi ogni anno, sottostimati di alcune decine di migliaia di casi per la carenza di denunce, oltre il 60% sono dovuti a trascuratezza.

Appare evidente a necessità di saper riconoscere importanti segnali di bambini e adolescenti come: disturbi del sonno, peggioramento del rendimento scolastico, comportamenti autolesionistici, cambio improvviso di alcune abitudini, insolita tristezza e dolori fisici non dovuti a traumi.

Ogni figura vicina ai bambini, insegnanti, pediatri, istruttori sportivi possono giocare un ruolo importantissimo nel riuscire a cogliere segnali di disagio nei bambini.

In alcune città italiane è partito in questi giorni l’iniziativa «Lo sai che… Incontri sulla realtà degli abusi e dei maltrattamenti dell’infanzia» allo scopo di formare i pediatri italiani a riconoscere i giusti segnali di disagio dei minori.  Il progetto di training toccherà in 13 nuove tappe anche i piccoli centri, perché la formazione sia sempre più capillare sul territorio

 

Fonte

Quotidianosanità.it

 Save the Children 

United Nation 

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>