Accedi

EMDR, Mindfulness e Loving Kindness nel piano terapeutico

L’integrazione in psicoterapia consente di ampliare l’occhio della mente del terapeuta oltre a sostenere l’attenzione duale nel processo psicoterapeutico.

 

Corso Gratuito

0,00  IVA inclusa

Corso attivo dal 26 marzo 2024 al 26 marzo 2024

Docenti:
Monica Martuccelli  

  • 1 ora di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

1.347 visualizzazioni totali

L’integrazione in psicoterapia consente di ampliare l’occhio della mente del terapeuta oltre a sostenere l’attenzione  duale nel processo psicoterapeutico.

Integrare non significa omogenizzare o uniformare, bensì mantenere le differenze  facilitando allo stesso tempo il collegamento ( Daniel J. Siegel) . 

Alcuni studi hanno rivelato che esperienze infantili di abuso e trascuratezza possono interferire con la crescita di fibre  nervose integrative ( Teicher ,2000,2002 ; Teicher , Andersen , Polcari et al ., 2002,2003 ; Teicher , Dumont , Ito et al.,  2004 ; Andersen , Teicher , , 2004 ) : queste scoperte vanno dunque a sostegno della tesi che gli stati di benessere  derivano da processi di integrazione e nel contempo li promuovono.

 In sintesi , ciò che ipotizziamo è che l’integrazione  sia alla base della regolazione e della promozione del benessere ( Daniel J.Siegel ) . 

Ricerche recenti indicano che parti della corteccia prefrontale siano coinvolte attivamente nel determinare come  valutiamo il significato degli eventi e mantengano un equilibrio nella nostra vita emozionale ( Northoff,Bermpohl.2004  ; Winecoff, Clithero,Carter et al., 2013.,Golkar,Lonsdorf,Olson et al ., 2012). 

Le importanti funzioni integrative della corteccia prefrontale possono svolgere un ruolo centrale nel coordinare e  bilanciare le attività sottocorticali che generano le emozioni con le attività corticali correlate al pensiero ed alla  riflessione. Ciò ci consente di comprendere come parlare di “finestra di tolleranza “ sia un concetto che si è rivelato  utile soprattutto negli approcci clinici al trattamento del trauma , in particolare per l’organizzazione di strategie di cura nell’ambito di una psicoterapia ( Stanley,2019) . 

Tali considerazioni , supportate dalla ricerca scientifica ci aiutano a comprendere come conoscere i correlati  neurobiologici coinvolti non solo supporta il terapeuta a monitorare il processo terapeutico bensì a pianificare un piano  di lavoro accurato per il paziente . Infine ,come afferma Daniel J.Siegel , “ l’esperienza è biologia “ e “ Ciò che non usi  lo perdi “ . 

Obiettivi didattici: 

  • Mindsight e EMDR. 
  • Finestra di tolleranza, capacità di mastery e mindfulness . 
  • EMDR , Mindfulness e Loving Kindness negli stili di vita . 
  • EMDR , Mindfulness e Loving Kindness dalla diagnosi alla psicoeducazione e alla pratica di Mindfulness e Loving  Kindness .

Data e ora 

Il webinar si terrà Martedì 26 Marzo 2024, dalle ore 19 alle ore 20

Docenti


Monica Martuccelli

Monica Martuccelli è psicologa, psicoterapeuta, esperta in psicotraumatologia EMDR, specializzata in Mindfulness e Neuroscienze. Si specializza in sessuologia clinica e successivamente in...
Vai al Profilo di Monica Martuccelli

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “EMDR, Mindfulness e Loving Kindness nel piano terapeutico”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corso Gratuito
Corso attivo dal 26 marzo 2024 al 26 marzo 2024
  • 1 ora di formazione
  • Domande frequenti sul corso

    Le registrazioni dei corsi a cui ti sei iscritta/o sono elencati nella tua Area Riservata, a cui puoi accedere effettuando il login. Ciascun corso, gratuito e/o a pagamento, ti rimane accessibile per 12 mesi dalla data di registrazione, salvo differenti informazioni fornite nel programma.

    L’eventuale presenza di crediti ECM, ed il relativo numero di crediti, viene indicata ad inizio pagina e nel box di iscrizione. Se presenti, all’interno del programma c’è un paragrafo “Crediti ECM” in cui poter visualizzare la data a partire dalla quale potrai effettuare il quiz ECM e la data massima entro cui riuscire a superarlo con successo. Tali informazioni e date sono riportate anche nel box di iscrizione.

    Per calcolare le tempistiche di accreditamento bisogna far riferimento alla “Data di scadenza del Quiz ECM” indicata nello specifico corso di formazione, NON alla data in cui viene superato il Quiz ECM. La data di scadenza del Quiz ECM la trova indicata nella pagina del corso, sia nel box di iscrizione che nel paragrafo dedicati a Crediti ECM.
    Ebbene, entro 90 giorni dalla data di scadenza del Quiz ECM dobbiamo comunicare i dati ad AGENAS. A sua volta AGENAS trasmetterà i dati al COGEAPS e solo a quel punto le risulteranno accreditati.
    Mediamente, consigliamo quindi di calcolare circa 4 mesi dalla data di scadenza del Quiz ECM. Precisiamo, in ogni caso, che l’Attestato di acquisizione ECM del corso a cui ha partecipato, vale come certificazione dei crediti acquisiti.

    Sì, il corso rilascia un attestato di partecipazione.

    Tutti i corsi di FCP, con speaker internazionali, dispongono di traduzione in italiano. In particolare: i Corsi online e le Master Class dispongono di interpretariato simultaneo, i Corsi Ondemand dispongono di sottotitolazione e/o voice over in italiano, i Corsi residenziali – in-person – dispongono di interpretariato simultaneo o consecutivo. Tali informazioni vengono generalmente specificate sulla pagina di presentazione di ciascun corso.

    La presenza di materiale extra dipende dal docente e dal corso specifico: solitamente ci sono pdf contenenti i power point del docente.