Individuazione e superamento di impasse nella relazione terapeutica

Corso Gratuito

Corso attivo dal giorno 02/11/2022
  • 2 ore di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

842 visualizzazioni totali

Finalità degli incontri di supervisione

Gli incontri di supervisione aiutano il/la professionista nelle fasi diagnostiche e di trattamento e consentono di raffinare la metodica nel processo clinico attraverso l’approfondimento scientifico, l’analisi dei casi trattati e il confronto con uno/a psicoterapeuta esperto.
Considerando che nel counseling psicologico e in psicoterapia lo strumento del cambiamento è lo/la psicologo/a o lo/la psicoterapeuta, la supervisione deve far sperimentare che cosa fare di fronte a svariate situazioni cliniche, ma anche e soprattutto aiutare i/le professionisti/e ad individuare le caratteristiche personali che ostacolano la conduzione del trattamento.

Gli incontri, organizzati in sessioni di gruppo, garantiscono non solo una guida sugli interventi ma anche l’interscambio di esperienza nel processo di supervisione, modalità che abbiamo sperimentato essere una qualità emergente.

L’obiettivo dell’incontro di supervisione è quello di offrire strumenti per dare origine a una solida base di lavoro sin dal primo colloquio, nello specifico si vuole:

  • aiutare il clinico a costruire un obiettivo di lavoro e un piano di trattamento,
  • favorire l’acquisizione di competenze per leggere i comportamenti del/della paziente alla luce della fase clinica in cui si colloca il processo di cambiamento del/della paziente,
  • aumentare le abilità di costruzione e gestione della relazione terapeutica
  • analizzare il proprio operato per tenerlo ancorato agli obiettivi di cambiamento attesi dal clienti.

Approccio teorico

La matrice teorica di riferimento è riconducibile all’approccio strategico nella sua forma EVOLUTA che pone al centro la relazione terapeutica oltre il sintomo, i cui autori di riferimento sono Milton Erickson, Jay Haley, Don D. Jackson, Paul Watzlawick e tutto il gruppo di Palo Alto, la matrice tecnica ed esperienziale alla nostra esperienza pluriennale nel contesto del trauma, del primo soccorso psicologico, della operatività nei contesti psichiatrici e della terapia individuale, di coppia e gruppo.

Sessione di Supervisione: “Individuazione e superamento di impasse nella relazione terapeutica”

L’obiettivo della sessione di supervisione è quello di aiutare la/lo specialista a uscire da una impasse nel processo di aiuto. Individuare cosa intrappola gli attori della relazione terapeutica e come uscirne fuori, con una doppia dimensione relazionale e tecnica. Il lavoro si focalizzerà su:

  • le abilità di costruzione e gestione della relazione terapeutica
  • favorire un focus attentivo sul processo clinico avviato con il paziente,
  • analizzare il proprio operato per tenerlo ancorato agli obiettivi di cambiamento attesi dal clienti,
  • individuare eventuali errori, impasse o risonanze personali che si manifestano durante il trattamento.

 

Docenti

Andrea Stramaccioni

Andrea Stramaccioni

Andrea Stramaccioni è Psicologo, psicoterapeuta, didatta e supervisore. Vice-Presidente e tesoriere dell’IIRIS e Direttore scientifico dell’Istituto Strategico – Scuola di specializzazione in...
Vai al Profilo di Andrea Stramaccioni

IIRIS Istituto Integrato di Ricerca e Intervento Strategico

La nostra Associazione IIRIS - Istituto Integrato di Ricerca e Intervento Strategico è nata nel 2014 sulla spinta di alcuni psicoterapeuti intenzionati a realizzare un sogno: creare un Ente...
Vai al Profilo di IIRIS Istituto Integrato di Ricerca e Intervento Strategico

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Individuazione e superamento di impasse nella relazione terapeutica”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corso Gratuito
Corso attivo dal giorno 02/11/2022
  • 2 ore di formazione
  • Domande frequenti sul corso

    Le registrazioni dei corsi a cui ti sei iscritta/o sono elencati nella tua Area Riservata, a cui puoi accedere effettuando il login. Ciascun corso, gratuito e/o a pagamento, ti rimane accessibile per 12 mesi dalla data di registrazione, salvo differenti informazioni fornite nel programma.

    L’eventuale presenza di crediti ECM, ed il relativo numero di crediti, viene indicata ad inizio pagina e nel box di iscrizione. Se presenti, all’interno del programma c’è un paragrafo “Crediti ECM” in cui poter visualizzare la data a partire dalla quale potrai effettuare il quiz ECM e la data massima entro cui riuscire a superarlo con successo. Tali informazioni e date sono riportate anche nel box di iscrizione.

    Per calcolare le tempistiche di accreditamento bisogna far riferimento alla “Data di scadenza del Quiz ECM” indicata nello specifico corso di formazione, NON alla data in cui viene superato il Quiz ECM. La data di scadenza del Quiz ECM la trova indicata nella pagina del corso, sia nel box di iscrizione che nel paragrafo dedicati a Crediti ECM.
    Ebbene, entro 90 giorni dalla data di scadenza del Quiz ECM dobbiamo comunicare i dati ad AGENAS. A sua volta AGENAS trasmetterà i dati al COGEAPS e solo a quel punto le risulteranno accreditati.
    Mediamente, consigliamo quindi di calcolare circa 4 mesi dalla data di scadenza del Quiz ECM. Precisiamo, in ogni caso, che l’Attestato di acquisizione ECM del corso a cui ha partecipato, vale come certificazione dei crediti acquisiti.

    Sì, il corso rilascia un attestato di partecipazione.

    Tutti i corsi di FCP, con speaker internazionali, dispongono di traduzione in italiano. In particolare: i Corsi online e le Master Class dispongono di interpretariato simultaneo, i Corsi Ondemand dispongono di sottotitolazione e/o voice over in italiano, i Corsi residenziali – in-person – dispongono di interpretariato simultaneo o consecutivo. Tali informazioni vengono generalmente specificate sulla pagina di presentazione di ciascun corso.

    La presenza di materiale extra dipende dal docente e dal corso specifico: solitamente ci sono pdf contenenti i power point del docente.