La terapia cognitiva dei Disturbi Depressivi

Corso Gratuito

0,00  IVA inclusa

Corso attivo dal giorno 16/09/2021
(276 Recensioni dei clienti)
  • 1 ora di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

8.252 visualizzazioni totali

In questo webinar, Antonella Rainone illustrerà i punti principali del modello cognitivo e della cura della mente alle prese con una patologia depressiva, descritte nel libro che ha curato con Francesco Mancini: “La mente depressa. Comprendere e curare la depressione con la terapia cognitiva” (FrancoAngeli, 2018).

Partendo dalla consapevolezza che per capire e curare la patologia mentale bisogna innanzitutto conoscere il funzionamento normale della mente, il lavoro è guidato da due domande fondamentali: Com’è fatta la mente depressa? E come possiamo riportarla verso un funzionamento sano? La risposta poggia sulla concezione cognitivista della mente come apparato regolato da credenze e scopi (desideri, motivazioni, bisogni, valori, progetti, obiettivi, ecc.).

La mente sana è in grado di “elaborare” le perdite e i fallimenti, arrivando ad accettarli attraverso un doloroso processo, detto lutto (in senso lato). La mente depressa invece si blocca nel lutto e non riesce ad arrivare all’accettazione. Il trattamento deve dunque riuscire a sbloccare questo processo. Per questo la Terapia Cognitivo-Comportamentale (CBT) sviluppata da Beck negli anni sessanta del secolo scorso e a tutt’oggi trattamento evidence-based, viene integrata con la RET di Ellis e i nuovi sviluppi della terapia cognitiva: la Rumination-Focused Cognitive Behavioural Therapy di Watkins (2016); la Schema Therapy di Young (2003); l’Acceptance and Commitment Therapy di Hayes e coll. (1999); e la Compassion Focused Therapy di Gilbert (2009).

Inoltre, partendo la cura dallo studio del funzionamento della mente sana, non può prescindere dall’importanza della resilienza e del benessere psicologicoi: la terapia non si considera del tutto efficace se si limita ad abbassare i sintomi. Per questo accanto al lavoro per ridurre la sofferenza, è previsto un lavoro di terapia cognitiva positiva volto all’aumento del benessere psicologico e della resilienza, attraverso protocolli cognitivi come la Well-Being Therapy di Fava (2016), la Terapia Cognitiva Basata sulla Mindfulness di Teasdale, Williams e Segal (2002) e la CBT Streghts-Based di Padesky e Mooney (2012)

Docenti

Antonella Rainone

Antonella Rainone

Antonella Rainone è: Socio Didatta SITCC (Società Italiana Comportamentale e Cognitiva). Socio fondatore della Società Italiana Psicoterapeuti Cognitivisti (SIPC) di cui è segretario e...
Vai al Profilo di Antonella Rainone

FrancoAngeli Editore

Dal management alla psicologia, dalla sociologia all’architettura, dall’economia alle discipline umanistiche: la più ricca gamma di proposte per soddisfare le esigenze di aggiornamento dei...
Vai al Profilo di FrancoAngeli Editore

277 recensioni per questo corso

  1. Patrizia Credidio

    bravissima la dottssa! Grazie

  2. Webinar molto interessante dal punto di vista sia formativo che informativo

  3. Melissa Marasci (proprietario verificato)

    5

  4. Alessandra Ricca

    Corso molto valido. Ho apprezzato in particolare l’uso ricorrente di esempi concreti nella spiegazione della teoria.
    Consigliato

  5. Orazio Loggia (proprietario verificato)

    Interessante

Carica altre recensioni
Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corso Gratuito
Corso attivo dal giorno 16/09/2021
  • 1 ora di formazione
  • Domande frequenti sul corso

    Le registrazioni dei corsi a cui ti sei iscritta/o sono elencati nella tua Area Riservata, a cui puoi accedere effettuando il login. Ciascun corso, gratuito e/o a pagamento, ti rimane accessibile per 12 mesi dalla data di registrazione, salvo differenti informazioni fornite nel programma.

    L’eventuale presenza di crediti ECM, ed il relativo numero di crediti, viene indicata ad inizio pagina e nel box di iscrizione. Se presenti, all’interno del programma c’è un paragrafo “Crediti ECM” in cui poter visualizzare la data a partire dalla quale potrai effettuare il quiz ECM e la data massima entro cui riuscire a superarlo con successo. Tali informazioni e date sono riportate anche nel box di iscrizione.

    Per calcolare le tempistiche di accreditamento bisogna far riferimento alla “Data di scadenza del Quiz ECM” indicata nello specifico corso di formazione, NON alla data in cui viene superato il Quiz ECM. La data di scadenza del Quiz ECM la trova indicata nella pagina del corso, sia nel box di iscrizione che nel paragrafo dedicati a Crediti ECM.
    Ebbene, entro 90 giorni dalla data di scadenza del Quiz ECM dobbiamo comunicare i dati ad AGENAS. A sua volta AGENAS trasmetterà i dati al COGEAPS e solo a quel punto le risulteranno accreditati.
    Mediamente, consigliamo quindi di calcolare circa 4 mesi dalla data di scadenza del Quiz ECM. Precisiamo, in ogni caso, che l’Attestato di acquisizione ECM del corso a cui ha partecipato, vale come certificazione dei crediti acquisiti.

    Sì, il corso rilascia un attestato di partecipazione.

    Tutti i corsi di FCP, con speaker internazionali, dispongono di traduzione in italiano. In particolare: i Corsi online e le Master Class dispongono di interpretariato simultaneo, i Corsi Ondemand dispongono di sottotitolazione e/o voice over in italiano, i Corsi residenziali – in-person – dispongono di interpretariato simultaneo o consecutivo. Tali informazioni vengono generalmente specificate sulla pagina di presentazione di ciascun corso.

    La presenza di materiale extra dipende dal docente e dal corso specifico: solitamente ci sono pdf contenenti i power point del docente.