La terapia cognitiva dei disturbi depressivi - FCP - Formazione Continua in Psicologia

La terapia cognitiva dei disturbi depressivi

Corso Gratuito
(108 recensioni dei clienti)

Docente: Antonella Rainone  

Ultimo aggiornamento il 02/12/2021 Italiano 1.740 visualizzazioni totali

0,00  IVA inclusa

Questo corso include:
  • 1 ora di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

0,00  IVA inclusa

In questo webinar, Antonella Rainone illustrerà i punti principali del modello cognitivo e della cura della mente alle prese con una patologia depressiva, descritte nel libro che ha curato con Francesco Mancini: “La mente depressa. Comprendere e curare la depressione con la terapia cognitiva” (FrancoAngeli, 2018).

Partendo dalla consapevolezza che per capire e curare la patologia mentale bisogna innanzitutto conoscere il funzionamento normale della mente, il lavoro è guidato da due domande fondamentali: Com’è fatta la mente depressa? E come possiamo riportarla verso un funzionamento sano? La risposta poggia sulla concezione cognitivista della mente come apparato regolato da credenze e scopi (desideri, motivazioni, bisogni, valori, progetti, obiettivi, ecc.).

La mente sana è in grado di “elaborare” le perdite e i fallimenti, arrivando ad accettarli attraverso un doloroso processo, detto lutto (in senso lato). La mente depressa invece si blocca nel lutto e non riesce ad arrivare all’accettazione. Il trattamento deve dunque riuscire a sbloccare questo processo. Per questo la Terapia Cognitivo-Comportamentale (CBT) sviluppata da Beck negli anni sessanta del secolo scorso e a tutt’oggi trattamento evidence-based, viene integrata con la RET di Ellis e i nuovi sviluppi della terapia cognitiva: la Rumination-Focused Cognitive Behavioural Therapy di Watkins (2016); la Schema Therapy di Young (2003); l’Acceptance and Commitment Therapy di Hayes e coll. (1999); e la Compassion Focused Therapy di Gilbert (2009).

Inoltre, partendo la cura dallo studio del funzionamento della mente sana, non può prescindere dall’importanza della resilienza e del benessere psicologicoi: la terapia non si considera del tutto efficace se si limita ad abbassare i sintomi. Per questo accanto al lavoro per ridurre la sofferenza, è previsto un lavoro di terapia cognitiva positiva volto all’aumento del benessere psicologico e della resilienza, attraverso protocolli cognitivi come la Well-Being Therapy di Fava (2016), la Terapia Cognitiva Basata sulla Mindfulness di Teasdale, Williams e Segal (2002) e la CBT Streghts-Based di Padesky e Mooney (2012)

Docenti

Antonella Rainone

Antonella Rainone

108 recensioni per La terapia cognitiva dei disturbi depressivi

  1. Melania Volpato (proprietario verificato)

    La combinazione tra disturbi depressivi e disturbi narcisistici non permette il superamento del “lutto” in tempi brevi, sicuramente si valuta caso per caso. Grazie Dottoressa Rainone.

  2. alessandro carpente (proprietario verificato)

    formativo

  3. tatiana spurio (proprietario verificato)

    molto interessante

  4. GIACOMINA SAVOLDELLI (proprietario verificato)

    Corso estremamente utile. La docente ha spiegato in modo preciso, puntuale e con molti esempi pratici e casi clinici la patologia depressiva.

  5. GIACOMINA SAVOLDELLI (proprietario verificato)

    Corso estremamente utile. La docente ha spiegato in modo preciso, puntuale e con molti esempi pratici e casi clinici la patologia depressiva.

  6. Arcangela Boccia (proprietario verificato)

    Interessante

  7. Gerardo Scalici (proprietario verificato)

    Molto interessante.

  8. sara paesano (proprietario verificato)

    m

  9. Docente meravigliosa!

  10. Anna Coleschi (proprietario verificato)

    bellissimo

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Domande e risposte dei Colleghi

    ho partecipato a questo corso, non trovo slide e attestato
  1. 0 voti
    D ho partecipato a questo corso, non trovo slide e attestato
    Chiesto da Zaira Galli il 20/09/2021 10:58
    Ancora non ci sono risposte a questa domanda. Rispondi adesso
  2. Il webinar si potrà seguire solo in diretta?
  3. 0 voti
    D Il webinar si potrà seguire solo in diretta? rispondi ora
    Chiesto da fiorellamapelli il 12/09/2021 09:15
    R Gentile, è possibile seguire il webinar anche in differita. Un caro saluto, Staff FCP.
Solo gli utenti registrati posso inserire domande
0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi