La Prevenzione del Suicidio

La Prevenzione del Suicidio, dalla dimensione generale a quella collettiva e individuale

Corso Gratuito
(553 recensioni dei clienti)

Ultimo aggiornamento il 05/10/2022 Italiano 3.108 visualizzazioni totali

0,00  IVA inclusa

Questo corso include:
    • 6 ore di formazione
    • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione
  • 0,00  IVA inclusa

    Un ciclo di 4 incontri formativi gratuiti, in collaborazione con Franco Angeli Editore e  con la presenza dell’On. Cristian Romaniello e di alcuni tra i più autorevoli esperti in suicidologia, centrato sul fenomeno suicidario e sulla sua prevenzione.

     

     

    Ogni vita conta In tempi “ordinari”, contiamo circa 4mila suicidi all’anno nel nostro paese: un numero maggiore rispetto alle vittime della strada e un dato paragonabile ad una bomba atomica dilazionata in 10 anni. Non solo: il fenomeno suicidario presenta un considerevole effetto “contagio”, cioè, ogni suicidio può portare altre persone a togliersi la vita. Tale effetto, associato alla diffusione delle informazioni, non sempre riportate con la giusta attenzione, al numero sempre minore di intermediari relazionali e al consistente aumento del fenomeno in tempo di crisi, rende il tema della prevenzione del suicidio più attuale e urgente che mai.

    Questo ciclo di eventi formativi si avvale di molteplici contributi, quelli dei più autorevoli rappresentanti di alcuni approcci di psicoterapia e di psicologia sociale ed esperti in suicidologia. Faranno parte di questo ciclo di incontri anche un rappresentante istituzionale, impegnato nella strutturazione di una strategia nazionale per la prevenzione del suicidio, nonché due rappresentanti del mondo dei survivor, oggi impegnati nel volontariato relativo al tema.

    L’obiettivo principale del ciclo di incontri è rispondere ad alcune lacune di conoscenza, dal punto di vista teorico, pratico, esperienziale e addirittura legislativo. Il ciclo di incontri si propone di rendere l’evento un punto di riferimento fondamentale sia per il professionista della salute mentale che, come alle volte accade, incontra ostacoli peculiari e imprevisti nell’esercizio della professione, sia per il professionista in formazione che intende approfondire un tema attuale e destinato a crescere nei prossimi anni.

     

     

    Una nuova iniziativa di divulgazione scientifica e culturale offerta in collaborazione con FrancoAngeli Editore (segui la fanpage FrancoAngeli Psicologia ), che prende vita dal testo “OGNI VITA CONTA: Intercettare il rischio suicidario e intervenire con efficacia

     

     

    Programma dei Webinar formativi

     

    PRIMO INCONTRO

    Il fenomeno suicidario e la sua prevenzione. Il punto di vista suicidologico e istituzionale

    Relatori: On. Cristian Romaniello e Prof. Diego De Leo

    Il suicidio è un fenomeno estremamente complesso, la cui comprensione va ricercata in diversi settori e in dimensioni differenti. E’ fondamentale comprenderne la dimensione socio-politica, sociale, collettiva, familiare e individuale. Attraverso la dimensione generale trattiamo il tema da una prospettiva squisitamente politico-sociale e da quella specialistica finalizzata alla prevenzione del suicidio.

    L’Italia è l’unico tra i paesi avanzati a non avere una strategia nazionale per la prevenzione del suicidio. E’ di fondamentale importanza creare un percorso che porti ad avere una struttura istituzionale in grado di rispondere alle esigenze delle persone che soffrono così tanto da arrivare a gesti estremi o di tutti coloro che vivono un dolore tale da condurre all’esecuzione di gesti autolesionisti, partendo dall’identità stessa dell’essere umano, dalle condizioni socio economiche del nostro paese, dai dati e dai fattori di rischio rilevanti nel panorama nazionale e da evidenze storiche che mostrano quanto sia la società, sia l’identità stessa dell’essere umano, si modifichino nel tempo.

    Partendo da queste considerazioni, è necessario individuare il percorso opportuno per arrivare ad una maggiore consapevolezza nelle istituzioni e consentire alle categorie professionali che si occupano di questo dramma di poter gestire al meglio le richieste di aiuto e di poter ridurre il carico di morti volontarie, tentativi di suicidio, ideazione suicidale e comportamenti autolesionisti.

    Come diceva Durkheim, “ogni società è predisposta a fornire un contingente determinato di morti volontarie“; sta a tutti noi stabilire quanto decidiamo di ridurre questo contingente.

     

    SECONDO INCONTRO

    Il dramma del suicidio in adolescenza: l’età tradita. Incontro dalla prospettiva specialista all’esperienza vissuta

    Relatori: Prof. Matteo Lancini, Dr.ssa Stefania Casavecchia, Dr. Domenico Diacono

    Il tentativo di suicidio in adolescenza rappresenta la manifestazione più drammatica del tentativo di risolvere il proprio dolore per il fallimento percepito. Nella mente di un ragazzo o di una ragazza che soffrono e sperimentano sentimenti di vergogna e impresentabilità, sparire può diventare, purtroppo, la soluzione. Le riflessioni e le ipotesi sulla propria morte rappresentano un rifugio, un’ancora di salvezza alla quale aggrapparsi per trovare consolazione e una possibile via di fuga da un dolore pervasivo e inarrestabile. Quando la percezione di un blocco della crescita diventa nitida, quando la tristezza assume tratti pervasivi, e, soprattutto, allorquando non si intravede più il futuro, o lo si percepisce come il tempo in cui verrà svelata definitivamente la propria inadeguatezza e sancito il proprio fallimento, si fa strada l’idea della morte come possibile soluzione al dolore. Se la prospettiva futura diventa troppo angosciosa e la minaccia incombente, allora si può desiderare di sparire, di mettere fine alla propria personale sofferenza e non sentire più niente.

    Con i preziosi contributi di un esperto di settore, il Prof. Matteo Lancini, e di due rappresentanti del mondo dei survivor, Stefania Casavecchia e Domenico Diacono, oggi impegnati nel volontariato di settore, si tratterà il tema del suicidio in adolescenza dalla prospettiva specialistica all’esperienza vissuta dei genitori.

     

    TERZO INCONTRO

    Il suicidio osservato da prospettive collettive e relazionali. Incontro tra la psicologia sociale, la psicoterapia sistemico relazionale e quella fenomenologica

    Relatori: Prof.ssa Fulvia Castelli, Prof. Camillo Loriedo, Dott.ssa Chiara Mangiarotti

    Attraverso il dialogo tra alcune prospettive disciplinari che si muovono da una dimensione sociale ad una individuale, ma focalizzate su un approccio fortemente collettivo, cercheremo di individuare un ponte che possa aiutarci a concepire l’identità dell’essere umano come un fenomeno collettivo, una sinapsi sociale. E, sempre nella dimensione collettiva, si potrà ragionare sul tema e sulla prevenzione del suicidio.

    Partendo dalla prospettiva della psicologia sociale, la Prof.ssa Fulvia Castelli analizzerà la componente collettiva del fenomeno, le ragioni per cui il suicidio non è solo un atto di vita privata che rispecchia vulnerabilità individuali, ma anche un fenomeno sociale.

    Con il Prof. Camillo Loriedo, attraverso l’approccio sistemico-relazionale, si prenderanno in esame gli elementi del suicidio che partono dalla vittima e contagiano l’intera famiglia, aspetti che richiedono un’accurata valutazione delle dinamiche interpersonali.

    Con la Dott.ssa Chiara Mangiarotti percorreremo il tema in una dimensione individuale, ma concepita sempre e costantemente come una relazione tra il sé e l’alterità.

     

    QUARTO INCONTRO

    Il suicidio da due prospettive individuali. Il fenomeno suicidario e le proposte di trattamento individuale

    Relatori: Prof. Marco Francesconi, Prof. Antonino Carcione

    Attraverso la dimensione individuale prendiamo in esame la visione di due approcci di psicoterapia diversi, quello psicodinamico e quello cognitivo comportamentale. Il Professor Marco Francesconi prende in esame la distruttività, a mente lucida, in regime di sufficiente consapevolezza. Secondo il Prof. Francesconi, occorre dedicare attenzione a quella parte della mente che spesso viene vista come un luogo secondario, subordinato ai funzionamenti “razionali” del pensiero, ma che per noi psicoanalisti rappresenta l’agente più significativo e potente nell’influire, o nel tentare di farlo, su ciò che facciamo: l’inconscio. Verranno perciò presi in considerazione alcuni punti:

    • Distruttività: elemento innato o acquisito?
    • Illustrazione del processo di identificazione con il pericolo o la minaccia (veri o immaginari) che, trasferiti da questo meccanismo all’interno di sé, divengono oggetto di distruzione difensiva con con-seguente danno a se stessi (Sé nemico).
    • Contributo dato a questa sequenza da comportamenti dovuti a processi autopunitivi inconsci e/o di “sfida trionfante” su ciò che si teme (Fame di morte)
    • Necessità di capire e portare alla luce della coscienza le dinamiche non evidenti per poterle elaborare.

    Il Professor Antonino Carcione affronta il problema del suicidio secondo la prospettiva cognitivo-comportamentale. Partendo dalla descrizione della natura multidimensionale del fenomeno vengono descritti gli aspetti cognitivi che, sulla base dei dati di ricerca, rappresenterebbero i fattori di vulnerabilità implicati nel rischio suicidario (ad es., la mancanza di speranza, il pensiero dicotomico, la ruminazione, ecc.). Allo stesso modo si evidenziano i principali fattori protettivi, quali la resilienza, l’intelligenza emotiva, l’autostima, la capacità di perdonare se stessi. Conoscere e indagare fattori di vulnerabilità e protettivi permette un assessment accurato del caso e di indirizzare appropriatamente il trattamento sulle variabili psicopatologiche maggiormente compromesse. Viene, inoltre, descritta la relazione tra suicidio e comportamenti para-suicidari (autolesionismo) e sottolineata la necessità di indagare costantemente gli stati mentali (emozioni, scopi e credenze) sottostanti ai comportamenti suicidari. Sulla base della concettualizzazione viene illustrata la strategia di intervento secondo il modello classico e la più recente Terapia Metacognitiva Interpersonale.

     

    FrancoAngeli Editore

    Il ciclo di incontri è organizzato in partnership con FrancoAngeli Editore

    Questo ciclo di incontri prende vita prende vita dal testo

    “OGNI VITA CONTA –
    Intercettare il rischio suicidario e intervenire con efficacia”

    Questo testo propone i contributi di alcuni tra i più autorevoli rappresentanti delle varie scuole di psicoterapia e di psicologia sociale, nonché un contributo generoso offerto da sopravvissuti al più doloroso dramma familiare e oggi impegnati nel volontariato.
    L’obiettivo principale del volume è rispondere ad alcune lacune di conoscenza, dal punto di vista teorico, pratico, esperienziale e addirittura legislativo.

    La ricchezza di prospettive e il tentativo di semplificare argomenti di estrema complessità rendono il testo un punto di riferimento fondamentale sia per il professionista della salute mentale che, come alle volte accade, incontra ostacoli peculiari e imprevisti nell’esercizio della professione, sia per il professionista in formazione che intende documentarsi su un tema attuale e destinato a crescere nei prossimi anni. Nondimeno, il volume può certamente offrire anche al lettore non esperto spunti e riflessioni fondamentali.

    Docenti

    Cristian Romaniello

    Cristian Romaniello

    Parlamentare della Repubblica Italiana, Psicologo e Giornalista, ha un Dottorato di Ricerca in Psicologia, Neuroscienze e Statistica medica in corso presso l’Università degli Studi di Pavia. Autore...
    Vai al Profilo di Cristian Romaniello
    Diego de Leo

    Diego de Leo

    Diego de Leo è Professore Emerito di Psichiatria alla Griffith University di Brisbane e Doctor of Science in Psicogeriatria e Suicidologia. Il Prof. de Leo è l'Editore Emerito della rivista Crisis...
    Vai al Profilo di Diego de Leo
    Matteo Lancini

    Matteo Lancini

    Matteo Lancini. Psicologo e psicoterapeuta. Presidente della Fondazione “Minotauro” di Milano. Docente presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università Milano-Bicocca e...
    Vai al Profilo di Matteo Lancini
    Stefania Casavecchia

    Stefania Casavecchia

    Stefania Casavecchia è la madre di Luigi, suicida a 16 anni. È presidente dell’Associazione AMA Ceprano OdV (Vai al Profilo di Stefania Casavecchia
    Domenico Diacono

    Domenico Diacono

    Domenico Diacono è il padre di Antonella, suicida a 13 anni. È presidente dell’Associazione Anto Paninabella OdV (Vai al Profilo di Domenico Diacono
    Fulvia Castelli

    Fulvia Castelli

    Fulvia Castelli è Professore Associato di Psicologia Sociale all'Università degli Studi di Pavia. E' docente di diversi corsi tra i quali Psicologia Sociale; Psicologia della Cognizione Sociale e...
    Vai al Profilo di Fulvia Castelli
    Camillo Loriedo

    Camillo Loriedo

    Camillo Loriedo, psichiatra, professore associato, insegna Psichiatria presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Direttore...
    Vai al Profilo di Camillo Loriedo
    Chiara Mangiarotti

    Chiara Mangiarotti

    M. Chiara Mangiarotti, psicologa e psicoterapeuta con specializzazione in psicoterapia cognitivo-neuropsicologica. Coordina il Consultorio familiare “Oltre” di Varzi (PV) e la comunità per...
    Vai al Profilo di Chiara Mangiarotti
    Marco Francesconi

    Marco Francesconi

    Marco Francesconi Medico, specialista in Neurologia e in Psichiatria. Psicoterapeuta Psicoanalitico, li-bero professionista a Pavia. Docente di Psicodinamica al Corso di Laurea in Psicologia....
    Vai al Profilo di Marco Francesconi
    Antonio Carcione

    Antonio Carcione

    Psichiatra e psicoterapeuta. Fondatore e direttore scientifico del Terzo Centro di Psicoterapia Cognitiva e della Scuola Italiana di Cognitivismo Clinico (SICC) di Roma. Insegna psicoterapia...
    Vai al Profilo di Antonio Carcione

    FrancoAngeli Editore

    Dal management alla psicologia, dalla sociologia all’architettura, dall’economia alle discipline umanistiche: la più ricca gamma di proposte per soddisfare le esigenze di aggiornamento dei...
    Vai al Profilo di FrancoAngeli Editore

    553 recensioni per questo corso

    1. Melania Volpato (proprietario verificato)

      grazie per questi 4 appuntamenti davvero importanti oltre che interessanti

    2. Dario Beach (proprietario verificato)

      Ciclo di webinar veramente interessante e ben strutturato.

    3. chiara addis (proprietario verificato)

      .

    4. Carmen Piantadosi (proprietario verificato)

      Sempre eccezionali!

    5. Federica Allegrucci (proprietario verificato)

      .

    Carica altre recensioni
    Aggiungi una recensione

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Le domande dei colleghi

    Non ci sono ancora domande, poni per primo una domanda per questo prodotto.

    Solo gli utenti registrati posso inserire domande
    0