Psicologia di Instagram, opportunità e rischi del social più usato dagli adolescenti

Corso Gratuito

0,00  IVA inclusa

Corso attivo dal giorno 25/03/2021
(231 Recensioni dei clienti)

Docenti:
Clelia Malighetti  

  • 1 ora di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

10.846 visualizzazioni totali

I social network sono ormai diventati parte integrante della nostra vita. Nemmeno la radio e la televisione si sono imposti così rapidamente nell’influenzare il nostro modo di comunicare. Con la diffusione di internet e la commercializzazione di smartphone sempre più sofisticati, in poco tempo tutti, ma proprio tutti hanno iniziato ad usare i social network, piattaforme fruibili da PC o smartphone, che facilitano la gestione dei rapporti sociali.

Instagram in particolare, è senza dubbio uno dei principali strumenti di socializzazione utilizzati dagli adolescenti, il cui impiego ha comportato una serie di cambiamenti sia a livello personale e sociale: dalla fusione tra mondo “Online” dei social e mondo “Offline” della vita quotidiana, all’aumento del numero delle “amicizie” e delle interazioni, che ha però portato ad una riduzione della qualità delle interazioni stesse, con possibili conseguenze come solitudine e depressione.

Ad oggi, la ricerca di un equilibrio di sé, funzionale al passaggio dall’adolescenza all’età adulta, non avviene più all’interno di comunità fisiche, come l’oratorio o il parco, ma avviene in comunità digitali, create dai social stessi. Cercare una propria definizione all’interno di questi contesti digitali può influenzare sia il modo in cui gli adolescenti sperimentano il mondo e le emozioni che provano, sia il ruolo che occupano all’interno di queste comunità digitali di cui fanno parte.

 

L’identità sociale ai tempi di Instagram

Diventa necessario approfondire questi cambiamenti, soprattutto rispetto alla costruzione dell’identità personale, al riconoscimento delle emozioni e alla costruzione di una identità sociale, ormai lontana dal concetto di “essere” e sempre più vicina al concetto di “esserci”.

I social, utilizzati in modo consapevole, offrono anche molte opportunità: sono efficaci laboratori virtuali per sperimentarsi in un processo di potenziamento personale, ed efficaci vetrine per imparare a raccontarsi e ad esprimere la propria creatività.

Tuttavia, un loro uso problematico può influenzare il benessere psicologico dei suoi utenti, con importanti ricadute sul piano psicologico, di cui ancora si parla troppo poco. I ragazzi hanno tra le mani un potente strumento che offre molte opportunità̀ e altrettanti rischi. Ma ne conosciamo le implicazioni psicologiche? L’educazione digitale è essenziale per promuovere un uso responsabile e sicuro della piattaforma.

 

 

Docenti

Clelia Malighetti

Clelia Malighetti

Clelia Malighetti è Psicologa, Psicoterapeuta e Dottore di ricerca in Psicologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, progetta percorsi di potenziamento dell’immagine del...
Vai al Profilo di Clelia Malighetti

233 recensioni per questo corso

  1. ottimo webinar

  2. Sabrina Boriani

    Grazie per proporre argomenti così attuali e interessanti!

  3. Desiree Rossano

    Interessante!!

  4. Antonio Schiattone

    “in poco tempo tutti, ma proprio tutti hanno iniziato ad usare i social network”; non è vero: ci sono tante persone che non li usano. Avrei voluto porre domande e non ci sono riuscito

  5. Antonio Schiattone

    “in poco tempo tutti, ma proprio tutti hanno iniziato ad usare i social network”; non è vero: ci sono tante persone che non li usano.

Carica altre recensioni
Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corso Gratuito
Corso attivo dal giorno 25/03/2021
  • 1 ora di formazione
  • Domande frequenti sul corso

    Le registrazioni dei corsi a cui ti sei iscritta/o sono elencati nella tua Area Riservata, a cui puoi accedere effettuando il login. Ciascun corso, gratuito e/o a pagamento, ti rimane accessibile per 12 mesi dalla data di registrazione, salvo differenti informazioni fornite nel programma.

    L’eventuale presenza di crediti ECM, ed il relativo numero di crediti, viene indicata ad inizio pagina e nel box di iscrizione. Se presenti, all’interno del programma c’è un paragrafo “Crediti ECM” in cui poter visualizzare la data a partire dalla quale potrai effettuare il quiz ECM e la data massima entro cui riuscire a superarlo con successo. Tali informazioni e date sono riportate anche nel box di iscrizione.

    Per calcolare le tempistiche di accreditamento bisogna far riferimento alla “Data di scadenza del Quiz ECM” indicata nello specifico corso di formazione, NON alla data in cui viene superato il Quiz ECM. La data di scadenza del Quiz ECM la trova indicata nella pagina del corso, sia nel box di iscrizione che nel paragrafo dedicati a Crediti ECM.
    Ebbene, entro 90 giorni dalla data di scadenza del Quiz ECM dobbiamo comunicare i dati ad AGENAS. A sua volta AGENAS trasmetterà i dati al COGEAPS e solo a quel punto le risulteranno accreditati.
    Mediamente, consigliamo quindi di calcolare circa 4 mesi dalla data di scadenza del Quiz ECM. Precisiamo, in ogni caso, che l’Attestato di acquisizione ECM del corso a cui ha partecipato, vale come certificazione dei crediti acquisiti.

    Sì, il corso rilascia un attestato di partecipazione.

    Tutti i corsi di FCP, con speaker internazionali, dispongono di traduzione in italiano. In particolare: i Corsi online e le Master Class dispongono di interpretariato simultaneo, i Corsi Ondemand dispongono di sottotitolazione e/o voice over in italiano, i Corsi residenziali – in-person – dispongono di interpretariato simultaneo o consecutivo. Tali informazioni vengono generalmente specificate sulla pagina di presentazione di ciascun corso.

    La presenza di materiale extra dipende dal docente e dal corso specifico: solitamente ci sono pdf contenenti i power point del docente.