La Psicoterapia Sensomotoria. Ciclo di 6 Webinar Gratuiti

Corso Gratuito

0,00  IVA inclusa

Corso attivo dal 17 febbraio 2023 al 17 maggio 2023
(48 Recensioni dei clienti)
  • 12 ore di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

2.623 visualizzazioni totali

La psicoterapia Sensomotoria, sviluppata negli anni ’80 da Pat Ogden, attualmente può essere considerata un approccio terapeutico innovativo, poiché integra l’esperienza sensomotoria con quella emotiva e cognitiva; infatti, grazie ai contributi degli studi sull’attaccamento, delle neuroscienze e della dissociazione, rientra tra i principali e più efficaci trattamenti per l’elaboraizone delle esperienze traumatiche (Fisher and Ogden, 2009).

Sebbene la Psicoterapia Sensomotoria utilizzi come punto di accesso primario l’esperienza somatica anziché gli eventi o la “storia” del paziente, è diventata progressivamente un approccio psicoterapeutico integrato, frutto della consapevolezza dei limiti della suddivisione tra mente e corpo e della necessità di superare tale dicotomia anche a livello pratico/clinico.

Il lavoro sul corpo facilita il processamento delle memorie implicite, modifica l’apprendimento procedurale, aiuta a regolare l’arousal autonomico.

 

 

In collaborazione con SensorimotorItalia.it, Partner italiano di  Sensorimotor Psychotherapy Institute (SPI) e unico abilitato per il rilascio in Italia dei 3 livelli di Certificazione in Psicoterapia Sensomotoria, ti offriamo un ciclo di 6 webinar gratuiti, informativi e formativi, sulla psicoterapia sensomotoria!

In questi incontri informativi gli psicoterapeuti di diversi orientamenti potranno cominciare a conoscere come un approccio bottom up possa sbloccare i processi impliciti delle memorie traumatiche e non, nella propria pratica clinica. Attraverso i 6 incontri verranno delineati i principi di base, la teoria e alcuni esempi clinici della psicoterapia Sensomotoria per sensibilizzare i terapeuti non solo verso un approccio che tenga conto del corpo, ma anche verso una visione che tenga conto dei processi impliciti presenti nelle memorie corporee il cui accesso è possibile attraverso il contatto diretto al corpo.

 

Obiettivi formativi

  • Delineare i principi base della Psicoterapia Sensomotoria 
  • Introdurre il concetto di Finestra di Tolleranza nella Psicoterapia Sensomotoria 
  • Introdurre il concetto di risorsa somatica e organizzazione dell’esperienza
  • Introdurre il concetto di consapevolezza somatica del controtransfert

 

 

01. Il Trauma e il Corpo: Un’introduzione alla Psicoterapia Sensomotoria

Martedì 13 Dicembre 2022 ore 18:00 – 20:00 | Maria Vita Tonti e Gabriella Pistocchi

La psicoterapia sensomotoria è una terapia della parola orientata al corpo, sviluppata negli anni ’80 da Pat Ogden, Ph.D.. Unisce approcci cognitivi ed emotivi, dialogo verbale e interventi fisici che affrontano direttamente i ricordi impliciti e gli effetti neurobiologici del trauma.

Utilizza l’esperienza corporea come punto di ingresso principale nella terapia del trauma e mette in luce come gli eventi o la “storia” influenzano il corpo (Ogden, 2002, Fisher, 2003).

È arricchita dai contributi dei campi dell’attaccamento, delle neuroscienze e della dissociazione.

 

02. Principi fondanti della terapia sensomotoria

Lunedì 16 Gennaio 2023 ore 10:00 – 12:00 | Doriana Oliveri

La psicoterapia sensomotoria si basa sull’assunto che corpo, mente e spirito non sono sfere separate ma un flusso continuo dell’esperienza. 

L’impulso a curare è reale e potente e risiede nel paziente. Compito nostro è evocare quel potere taumaturgico, superare le sue prove e i suoi bisogni ,e supportarne l’espressione e lo sviluppo. Non siamo guaritori. Siamo il contesto nel quale si ispira la guarigione” (Ron Kurtz). 

Attraverso la descrizione dei  sei principi fondanti della terapia sensomotoria, – Unicità, Organicità, Olismo, Non-violenza, Mindfulness, Alchimia Relazionale- potremo avere una chiave di lettura filosofica e vedere come essi  essendo basati su tradizioni Buddiste e Taoiste ma modificati e adattati al nostro contesto terapeutico ed etico, creano le basi spirituali per la pratica clinica, componendo la particolare cornice entro cui la terapia prende vita, guidando la relazione terapeutica e la concettualizzazione, e coltivando un contesto terapeutico di supporto in cui il paziente possa onorare e fidarsi di questo continuum integrato della vita.

03. La finestra di tolleranza nella psicoterapia sensomotoria

Venerdì 17  Febbraio 2023 ore 10:00 – 12:00 | Sara Francavilla

Quando si parla di finestra di tolleranza (D. Siegel, 1999; 2007; 2010) si intende uno spazio delimitato da due linee parallele entro cui si può rappresentare con una linea curva il tono di attivazione neuro-fisiologica a varie situazioni. Nel corso della giornata, il nostro stato di arousal si muove ogni tanto verso il margine superiore (tendendo allo stato di iper-arousal) e ogni tanto verso il margine inferiore della finestra di tolleranza (ipo-arousal), contestualmente a situazioni percepite più o meno “attivanti”, pericolose, sovraccaricanti, o più o meno “calmanti” e sicure.

Quando ci si sente sotto pressione o sotto attacco, il corpo e il cervello reagiscono di conseguenza, difendendosi da situazioni di paura o sovraccarico, mentre se ci sentiamo al sicuro e protetti ci comportiamo in modo diverso. Anche se non ce ne accorgiamo.

Per provare a capire cosa accade a noi stessi nelle diverse situazioni è importante fare riferimento al concetto di finestra di tolleranza, per poter poi imparare strategie di regolazione emotiva che consentano all’individuo di trovare dei modi efficaci di gestire attivazioni somatiche, stati emotivi e i pensieri correlati ai comportamenti messi in atto.

04. Le risorse somatiche in un lavoro di gruppo

Venerdì 17 Marzo 2023 ore 17.00 – 19.00 | Alessandra Ciolfi e Ludovica Briotti

Nelle persone con sviluppo traumatico può accadere che le risorse fisiche, emotive, relazionali e cognitive, siano inibite e interferiscano con la capacità di elaborare e integrare le esperienze vissute. Questi effetti si traducono nel paziente con la sperimentazione di un costante senso di insicurezza in un continuum dove il mondo esterno e il corpo diventano una fonte di pericolo da cui fuggire.

L’utilizzo del corpo può arricchire e ispirare la pratica clinica: nella Psicoterapia Sensomotoria si lavora principalmente attraverso il sequenziamento sensomotorio, insegnando ai pazienti a osservare e tenere traccia delle sensazioni corporee e degli impulsi di movimento, sviluppare le risorse per riorganizzare le risposte difensive, modulare l’iperarousal e gli stati bloccati e alleviare la dissociazione.
Il corpo diventa un punto di accesso primario che consente di impostare il lavoro terapeutico anche in assenza di risorse cognitive.

Nelle lesioni traumatiche lavorare attraverso il corpo consente il miglioramento della consapevolezza somatica, con l’obiettivo di cambiare abitudini consolidate nella postura, nei gesti, nei movimenti che tengono il paziente bloccato nel passato.

L’incontro informativo si propone di presentare un’esperienza di gruppo incentrata sulla sperimentazione delle risorse somatiche, durante il periodo del Covid-19.

05. La narrazione del corpo: come il paziente organizza la sua esperienza

Venerdì 21 Aprile 2023 ore 16:00 – 18:00 | Francesca Marin

Una delle procedure più importanti della psicoterapia sensomotoria per l’identificazione delle ferite di attaccamento è l’osservazione del linguaggio del corpo. La comunicazione silenziosa tra i corpi (R. Kurtz, 1976) anticipa e affianca la narrazione verbale, il corpo infatti rappresenta nel qui ed ora i temi di attaccamento, le ferite, le risorse, i confini e le strategie di relazione. La narrazione somatica cioè la storia raccontata dalla postura, dai gesti, dalle espressioni facciali, dal movimento e dallo sguardo agiti durante le sedute di psicoterapia e’ l’oggetto principale di osservazione nel trattamento.

Attraverso casi esemplificativi la supervisione guiderà le/i psicoterapeute/i a comprendere che i/le pazienti/e attraverso l’osservazione delle proprie abitudini fisiche possono far emergere i processi impliciti modellati prima della narrazione verbale e reintegrarli abbassando le disregolazioni che ne conseguono, quando non c’e’ elaborazione (disregolazione dell’arousal, emozioni, risposte di difesa).

06. La consapevolezza somatica del controtransfert come primo passo per la regolazione emotiva del terapeuta

Mercoledì 17 Maggio 2023 ore 16:00 – 18:00 | Elisabetta Pizzi

Curare i pazienti traumatizzati necessità un continuo lavoro emotivo da parte del terapeuta che dovrà necessariamente accogliere e regolare in modo interattivo la disregolazione emotiva del paziente. Il terapeuta sensorimotor dovrà pertanto avere ben chiaro il rischio di essere seriamente coinvolto nelle esperienze traumatiche delle persone che supporta.

Inoltre, la mancanza di opportunità di coregolazione durante l’infanzia costituisce per il paziente un trauma infantile che rende la coregolazione stessa pericolosa e interrompe quindi lo sviluppo di capacità coregolatorie, requisito indispensabile per sperimentare la sicurezza.

In entrambi casi il terapeuta dovrà identificare tempestivamente le difficoltà che sente con quel particolare paziente, riconoscendo i propri segnali somatici di allarme e utilizzando strategie regolatorie per proteggersi e gestire il controtrasfert.

Docenti

Sensorimotor Psychotherapy Institute

Sensorimotor Psychotherapy Institute

Sensorimotor Psychotherapy Institute (SPI) è un'organizzazione educativa professionale che progetta e fornisce formazioni e servizi di altissimo livello per servire una rete globale di operatori...
Vai al Profilo di Sensorimotor Psychotherapy Institute
Maria Vita Caterina Tonti

Maria Vita Caterina Tonti

Psicologa, Psicoterapeuta con Formazione Sistemico Relazionale, Terapeuta Certificata e Supervisore in Psicoterapia Sensomotoria,...
Vai al Profilo di Maria Vita Caterina Tonti
Gabriella Pistocchi

Gabriella Pistocchi

Psicologa Psicoterapeuta Certificazione Psicoterapia Sensorimotor III livello. Vai al Profilo di Gabriella Pistocchi
Doriana Oliveri

Doriana Oliveri

Doriana Oliveri Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo- comportamentale Practitioner...
Vai al Profilo di Doriana Oliveri
sara francavilla

Sara Francavilla

Sara Francavilla, psicologa, psicodiagnosta e psicoterapeuta. Specializzata in età evolutiva e psicotraumatologia, si occupa di diagnosi e trattamento di disturbi in...
Vai al Profilo di Sara Francavilla
Alessandra Ciolfi

Alessandra Ciolfi

Alessandra Ciolfi è Psicologa Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, psicoterapeuta sensomotoria, terapeuta EMDR, specialista nel trattamento del Trauma (PTSD) e Dissociazione, Docente...
Vai al Profilo di Alessandra Ciolfi
ludovica briotti

Ludovica Briotti

Laureata in Psicologia della Salute, Clinica e di Comunità (2016, Sapienza Università di Roma), ha conseguito la Qualifica alla professione di Psicologo e...
Vai al Profilo di Ludovica Briotti
Francesca Marin

Francesca Marin

Psicologa Psicoterapeuta cognitiva post-razionalista,  Terapeuta EMDR,  Teraseuta...
Vai al Profilo di Francesca Marin
Elisabetta Pizzi

Elisabetta Pizzi

Elisabetta Pizzi, psicoterapeuta cognitivo-completamente, terapeuta sensormotoria certificata. Socio fondatore della Società...
Vai al Profilo di Elisabetta Pizzi

49 recensioni per questo corso

  1. Nara Rubia Monteiro

    Molto interessante!

  2. Federica Anghinolfi (proprietario verificato)

    Molto utile

  3. MADDALENA MESTO (proprietario verificato)

    Il corso tratta un nuovo e importante modello di intervento sui traumi, intesi sia come danni relativi all’attaccamento che traumi fisici.

  4. Simona Cuomo (proprietario verificato)

    Ottimo

  5. Lucia Sacco (proprietario verificato)

    molto interessante

Carica altre recensioni
Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0,00  IVA inclusa

Have no product in the cart!
0