Ricucire le fratture identitarie dei Minori Stranieri non Accompagnati e dei giovani migranti: l’approccio del Paradigma Psicosociale

Il webinar affronta il tema delle migrazioni in Europa, evidenziando la necessità di andare oltre la semplice accoglienza per promuovere l’inclusione attraverso il reciproco scambio culturale. Le scienze psicologiche e sociali giocano un ruolo cruciale nel sostenere i minori e i giovani migranti, aiutandoli a costruire un’identità coesa nonostante le sfide del percorso migratorio, facilitando così una migliore integrazione nella società.

Corso Gratuito

0,00  IVA inclusa

Corso attivo dal 10 giugno 2024 al 10 giugno 2024
(1 Recensioni dei clienti)

Docenti:
Alberto Polito  

  • 1 ora di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

786 visualizzazioni totali

In un contesto sociale come quello europeo, in cui sempre più spesso razzismo e xenofobia sono le uniche risposte all’inevitabile processo delle migrazioni, appare sempre più evidente la necessità di superare la mera accoglienza, sviluppando percorsi di inclusione alternativi attraverso i quali favorire un reciproco scambio di culture, credenze e storie di vita, incoraggiando la costruzione di una società creola nella quale non emergano più differenze tra chi è accolto e chi accoglie.

Ruolo centrale in questo processo di accettazione reciproca e di ibridazione giocano le scienze psicologiche e sociali, la cui missione appare sempre più complessa e vincolata da normative che frequentemente danneggiano chi si trova già in situazioni di estrema vulnerabilità.

È necessario, in questo quadro, sviluppare nuove e alternative modalità di presa in carico dei minori e dei giovani in migrazione con l’obiettivo di creare nuovi percorsi di sperimentazione di sé stessi e delle proprie capacità e risorse, cercando al contempo di rileggere, rinarrare e dare un significato nuovo e univoco ai molteplici cambiamenti che essi hanno vissuto durante il percorso migratorio.

L’identità gioca un ruolo fondamentale nella psiche umana poiché permette a ciascun individuo di essere socialmente riconosciuto, di avere un posto legittimato nella totalità e di essere qualcuno, di distinguersi dapprima dai microcontesti (nucleo familiare, famiglia allargata, gruppo dei pari) e, in seguito, di uscire dall’anonimato della massa sociale. 

L’adolescenza è il periodo più delicato per la costruzione dell’identità poiché è proprio in questa fase che ci si distacca dalla famiglia di origine alla ricerca di una propria «forma identificativa».

Questo progressivo distanziamento non si costituisce però come un percorso lineare ma è fatto di tentativi, scoperte, perdite e dubbi e non sempre può avere esito positivo.

Affrontare un processo di migrazione forzata in questa fase così delicata può causare disagi e difficoltà sostanziali, può minare il percorso di integrazione in un nuovo contesto di vita e causare difficoltà sia nella strutturazione di un’identità coesa e ben integrata che nella capacità di relazionarsi positivamente al mondo sociale.

 

Data e ora 

Il webinar si terrà Lunedì 10  Giugno 2024, dalle ore 18.30 alle ore 19.30

 

 

Questo webinar nasce dal libro

“Il Paradigma e la progettazione psicosociale ”

di cui il docente è autore.

Docenti


Alberto Polito

Alberto Polito (Reggio Calabria, 1988) è psicologo, psicoterapeuta e gruppoanalista. Da oltre dieci anni lavora nel mondo della scuola e nel campo dell'accoglienza come psicologo, supervisore e...
Vai al Profilo di Alberto Polito

1 recensione per questo corso

  1. Armanda Salvatori

    Argomento di grande urgenza per iniziare e gestire/programmare interventi concreti

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corso Gratuito
Corso attivo dal 10 giugno 2024 al 10 giugno 2024
  • 1 ora di formazione
  • Domande frequenti sul corso

    Le registrazioni dei corsi a cui ti sei iscritta/o sono elencati nella tua Area Riservata, a cui puoi accedere effettuando il login. Ciascun corso, gratuito e/o a pagamento, ti rimane accessibile per 12 mesi dalla data di registrazione, salvo differenti informazioni fornite nel programma.

    L’eventuale presenza di crediti ECM, ed il relativo numero di crediti, viene indicata ad inizio pagina e nel box di iscrizione. Se presenti, all’interno del programma c’è un paragrafo “Crediti ECM” in cui poter visualizzare la data a partire dalla quale potrai effettuare il quiz ECM e la data massima entro cui riuscire a superarlo con successo. Tali informazioni e date sono riportate anche nel box di iscrizione.

    Per calcolare le tempistiche di accreditamento bisogna far riferimento alla “Data di scadenza del Quiz ECM” indicata nello specifico corso di formazione, NON alla data in cui viene superato il Quiz ECM. La data di scadenza del Quiz ECM la trova indicata nella pagina del corso, sia nel box di iscrizione che nel paragrafo dedicati a Crediti ECM.
    Ebbene, entro 90 giorni dalla data di scadenza del Quiz ECM dobbiamo comunicare i dati ad AGENAS. A sua volta AGENAS trasmetterà i dati al COGEAPS e solo a quel punto le risulteranno accreditati.
    Mediamente, consigliamo quindi di calcolare circa 4 mesi dalla data di scadenza del Quiz ECM. Precisiamo, in ogni caso, che l’Attestato di acquisizione ECM del corso a cui ha partecipato, vale come certificazione dei crediti acquisiti.

    Sì, il corso rilascia un attestato di partecipazione.

    Tutti i corsi di FCP, con speaker internazionali, dispongono di traduzione in italiano. In particolare: i Corsi online e le Master Class dispongono di interpretariato simultaneo, i Corsi Ondemand dispongono di sottotitolazione e/o voice over in italiano, i Corsi residenziali – in-person – dispongono di interpretariato simultaneo o consecutivo. Tali informazioni vengono generalmente specificate sulla pagina di presentazione di ciascun corso.

    La presenza di materiale extra dipende dal docente e dal corso specifico: solitamente ci sono pdf contenenti i power point del docente.