Lavorare con il Segreto in Psicoterapia e Terapia Familiare
In offerta!

Lavorare con il Segreto in Psicoterapia e Terapia Familiare

Corso Ondemand

Il workshop rilascia 10 ECM con Camillo Loriedo sul segreto in psicoterapia e nei sistemi familiari. Una formazione pratica su principi e tecniche d’intervento per modificare le relazioni disfunzionali che ruotano attorno al segreto. In omaggio il libro Il segreto. La complessità nascosta nel sistema familiare“, Raffaello Cortina Editore.

(2 recensioni dei clienti)
Ultimo aggiornamento il 29/06/2022 Italiano 11.457 visualizzazioni totali
In offerta!

123,90  IVA inclusa

Questo corso include:
    • 12 ore di formazione
    • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione
  • 123,90  IVA inclusa

    Il corso mira ad approfondire la conoscenza e gestione del Segreto e della Segretezza in Psicoterapia e in particolare nell’ambito della Terapia Familiare.

    Il segreto mostra, fin dalla sua etimologia, una duplice natura, protettiva e lesiva al tempo stesso e una struttura complessa che ne rende particolarmente difficile la gestione all’interno del processo terapeutico. La conoscenza delle configurazioni relazionali che è in grado di originare, dei suoi rapporti con i sintomi e del tipo di danno che può produrre, consentono di individuare modalità terapeutiche mirate ed efficaci.

    Durante queste 12 ore di workshop specialistico, tenute dal Prof. Camillo Loriedo, acquisirai principi e tecniche di intervento per modificare la relazione intorno al segreto e le sue disfunzionalità, allargando la prospettiva agli aspetti multigenerazionali e tenendo conto del contributo personale ed emozionale del terapeuta.

     

    Libro in Omaggio

    Lavorare con il Segreto in Psicoterapia e Terapia Familiare

    L’iscrizione al workshop online comprende l’invio OMAGGIO del libroIl segreto. La complessità nascosta nel sistema familiare“, a cura del Prof. Camillo Loriedo e della Dr.ssa Chiara Angiolari, edito da Raffaello Cortina Editore

    Il libro viene inviato in formato cartaceo, è consigliata la lettura del libro prima dell’inizio del corso, così da consolidare la base di conoscenze utile a sfruttare al meglio la formazione attiva ed esperienziale offerta durante i 4 moduli formativi

     

     

    10 Crediti ECM

    Liquid Plan srl. società che gestisce Formazione Continua in Psicologia è Provider ECM  n° 6888 accreditato dall’ l’Age.Na.S. (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) per la progettazione e l’erogazione dei corsi di formazioni per il personale sanitario, nell’ambito del programma di educazione continua in medicina (ECM).

    Il presente corso online  è accreditato in modalità FAD n. Evento 354797

    Obiettivi formativi tecnico-professionali:

    18 – Contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna professione, di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica, ivi incluse le malattie rare e la medicina di genere

    Professioni: Tutte le professione.

    Corso attivo dal 23/06/2022 al 30/12/2022

    Crediti ECM: 10

    Per l’erogazione del corsi in modalità FAD (Formazione A Distanza), Liquid Plan s.r.l. utilizza una specifica piattaforma tecnologica di E-Learning.

    I video e la prova di apprendimento potrà essere effettuata sulla piattaforma E-learning FAD ECM ecmpsicologia.it
    La prova di apprendimento consisterà in un questionario composto da 30 domande a risposta multipla con 4 possibilità di risposta di cui una sola giusta. Bisogna superare almeno il 75% delle risposte.
    Le istruzioni per accedere al corso FAD ECM arriveranno via email.

    Potrai accedere ai video ed ai materiali per i successivi 12 mesi.

     

    Obiettivi formativi

    Partecipando al workshop online acquisirai conoscenze e competenze utili a:

    • scoprire la natura complessa del segreto,
    • riconoscere le funzioni protettive e quelle lesive del segreto,
    • elencare le caratteristiche di diversi tipi di segreti,
    • comprendere il tipo di danno che può derivare dal segreto,
    • identificare i rapporti tra sintomo e segreto,
    • descrivere le principali configurazioni sistemiche disfunzionali basate sul segreto,
    • acquisire consapevolezza del peso del segreto sulla terapia e sul terapeuta,
    • scegliere l’atteggiamento da assumere verso il segreto,
    • acquisire l’intelligenza di secondo livello,
    • apprendere come intervenire sulle relazioni intorno al segreto,
    • conoscere 12 tecniche da utilizzare con i segreti,
    • riuscire a costruire una terapia mirata per scoprire e per preservare i segreti,
    • riconoscere il contributo del terapeuta nel lavoro con il segreto

     

    Destinatari

    Il corso è riservato a psicologi, psicoterapeuti e psichiatri. Il corso è aperto anche a studenti, laureandi e tirocinanti in psicologia*.

    * Modalità e destinatari del corso sono in accordo all’Art. 21 del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani che riportiamo di seguito integralmente:

    L’insegnamento dell’uso di strumenti e tecniche conoscitive e di intervento riservati alla professione di psicologo a persone estranee alla professione stessa costituisce violazione deontologica grave. Costituisce aggravante avallare con la propria opera professionale attività ingannevoli o abusive concorrendo all’attribuzione di qualifiche, attestati o inducendo a ritenersi autorizzati all’esercizio di attività caratteristiche dello psicologo. Sono specifici della professione di psicologo tutti gli strumenti e le tecniche conoscitive e di intervento relative a processi psichici (relazionali, emotivi, cognitivi, comportamentali) basati sull’applicazione di principi, conoscenze, modelli o costrutti psicologici. È fatto salvo l’insegnamento di tali strumenti e tecniche agli studenti dei corsi di studio universitari in psicologia e ai tirocinanti. È altresì fatto salvo l’insegnamento di conoscenze psicologiche.

     

    Programma

    La complessità etimologica, semantica e pragmatica del segreto

    Per comprendere fino in fondo la complessità che il segreto nasconde al suo interno e che è in grado di produrre nelle relazioni umane in cui si sviluppa, è necessario considerare con attenzione l’etimologia e l’anatomia semantica del costrutto. Oltre che dalle radici che ne spiegano la duplice natura, lesiva e protettiva, un’ulteriore comprensione del segreto e delle dinamiche che ne derivano si può ottenere analizzando le sue principali componenti, tra le quali assumono particolare importanza la conoscenza superiore, il contenuto, la rilevanza, l’occultamento, la rivelazione, e gli effetti pragmatici che queste comportano. Il lavoro psicoterapeutico condotto in presenza di segreti richiede un’accurata valutazione delle differenti forme di danno che i processi di occultamento o la stessa rivelazione riescono a produrre nel singolo individuo e nelle sue relazioni. Queste conoscenze e questo tipo di valutazione esercitano la fondamentale funzione di consentire la scelta e l’adozione delle necessarie strategie terapeutiche di intervento.

    Le configurazioni disfunzionali complesse generate dal segreto: verso una terapia mirata

    I differenti tipi di rapporto tra sintomo e segreto e le articolate configurazioni del sistema familiare che ne derivano, consentono di comprendere il ruolo che il segreto svolge nel modificare nel tempo le relazioni in corso. A questo scopo vengono analizzate alcune esemplificazioni di strutture familiari e la loro organizzazione che la presenza del segreto è in grado di produrre. Tra queste, la difesa contro l’intrusione, le emozioni silenziose e la comunicazione senza informazione, il narratore invisibile e il destinatario disinteressato ed altre ancora, rappresentano alcune disfunzionalità di maggiore interesse. Queste configurazioni evidenziano nel loro insieme la natura multiforme della segretezza, una complessità che rende necessaria la scelta di attuare interventi terapeutici mirati, flessibili e diversificati.

    Il peso del segreto e i principi generali dell’intervento terapeutico

    Frequentemente la presenza del segreto, o anche il solo sospetto della sua presenza, costituiscono un peso rilevante per il terapeuta, soprattutto quando lavora con le famiglie e con le coppie. Il forte contrasto tra le esigenze che suggeriscono di rivelare e quelle che suggeriscono di nascondere crea un dilemma di difficile soluzione che può produrre disagio e può anche ostacolare o compromettere il buon decorso dell’intero processo terapeutico. La natura complessa del segreto richiede una buona conoscenza dei principi fondamentali della complessità e, da parte del terapeuta la acquisizione di quella che abbiamo definito intelligenza di secondo livello. Sono questi principi, insieme a due grandi assiomi importante lascito del pensiero di Gregory Bateson, a permettere di realizzare una prassi sistemica complessa nel lavoro terapeutico con i segreti. Per il terapeuta ne deriva anche la possibilità di ridurre l’area di riservatezza del suo lavoro, rendendo esplicita la sua politica di rapporto con il segreto fin dalle fasi iniziali dell’intervento.

    Lavorare con il segreto in psicoterapia: le tecniche ed il lavoro con le relazioni costruite intorno al segreto

    Un buon numero di tecniche terapeutiche che mirano alla rivelazione del segreto, e in alcuni casi alla sua stessa conservazione, vengono descritte tenendo conto delle loro rispettive indicazioni e controindicazioni. Obiettivo primario della terapia non è rappresentato dal forzare la rivelazione o dalla completa eliminazione della segretezza, ma piuttosto dalla risoluzione delle relazioni disfunzionali che questa è in grado di produrre, con un’azione che ne preserva il valore protettivo, e rende spesso il segreto non più necessario. Per perseguire questo obiettivo e per lavorare sulle relazioni determinate dalla presenza del segreto, si dimostra particolarmente utile l’esplorazione delle dinamiche multigenerazionali del segreto che, attraverso il genogramma e la rilevazione dei processi isomorfici, contribuisce a raggiungere un livello elevato di efficacia. Altrettanto utile si deve considerare il ruolo svolto della segretezza nel complesso della esperienza terapeutica e l’importanza del contributo personale ed emozionale del terapeuta.

     

    L’intero percorso formativo rimarrà accessibile nella tua dashboard per 12 mesi dalla data di inizio del corso.

     

    Docenti

    Camillo Loriedo

    Camillo Loriedo

    Camillo Loriedo, psichiatra, professore associato, insegna Psichiatria presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Direttore...
    Vai al Profilo di Camillo Loriedo

    Raffaello Cortina Editore

    La Raffaello Cortina Editore è nata nel 1980 e si è imposta inizialmente sul mercato pubblicando testi legati a tematiche psicologiche. Ne è un esempio la collana “Psicologia clinica e...
    Vai al Profilo di Raffaello Cortina Editore

    2 recensioni per questo corso

    1. patricia.rossi

      Ho partecipato al suo seminario il mese scorso a Milano. Consiglio vivamente questo corso e il libro.

    2. Ilaria Brioschi (proprietario verificato)

      ottimo equilibrio tra contenuti teorici pratici e suggerimenti clinici

    Aggiungi una recensione

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Le domande dei colleghi

      A giugno non sarò in Italia. Posso ottenere ugualmente gli ecm se guardo le registrazioni ma non sono in presenza?
    1. 0 voti
      DA giugno non sarò in Italia. Posso ottenere ugualmente gli ecm se guardo le registrazioni ma non ...... Per saperne di più
      Chiesto da cristina lorimer il 20/02/2022 10:35
      Ancora non ci sono risposte a questa domanda. Rispondi adesso
    Solo gli utenti registrati posso inserire domande
    2