Accedi

Cosa funziona e cosa non funziona nella lotta allo stigma nei confronti delle persone con problemi di salute mentale

Lo stigma nei confronti dei disturbi mentali è un fenomeno presente in tutti i paesi del mondo e rappresenta la principale barriera all’inclusione sociale, all’accesso alle cure e al percorso di recovery clinica e personale.

Corso Gratuito

0,00  IVA inclusa

Corso attivo dal giorno 27/01/2023
(110 Recensioni dei clienti)

Docenti:
Antonio Lasalvia , Giovanni Fioriti Editore  

  • 1 ora di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

2.905 visualizzazioni totali

Lo stigma definisce l’insieme di connotazioni negative che vengono pregiudizialmente attribuite alle persone con disturbi mentali e che ne determinano discriminazione ed esclusione.

Lo stigma nei confronti dei disturbi mentali è un fenomeno presente in tutti i paesi del mondo e rappresenta la principale barriera all’inclusione sociale, all’accesso alle cure e al percorso di recovery clinica e personale.

La letteratura scientifica degli ultimi vent’anni ha messo in luce numerosi interventi rivolti a superare l’impatto che lo stigma ha nei diversi contesti in cui questo si manifesta – vale a dire lo stigma strutturale, pubblico e internalizzato.

Obiettivo di questo corso, partendo dal libro del professor Antonio Lasalvia, “Lo stigma dei disturbi mentali“, edito da Giovanni Fioriti editore, sarà quello di fornire ai discenti una rassegna esaustiva dei principali interventi anti-stigma che le evidenze scientifiche hanno evidenziato essere maggiormente efficaci.

stigma disturbi mentali

In particolare, il corso intende focalizzarsi sui principali interventi che hanno l’obiettivo di contrastare:

(1) lo stigma pubblico (vale a dire quell’insieme di credenze distorte e di atteggiamenti negativi da parte della popolazione generale nei confronti delle persone che hanno un problema di salute mentale);

(2) lo stigma internalizzato o self-stigma (cioè l’effetto del processo di interiorizzazione e attribuzione alla propria persona di stereotipi e pregiudizi pubblici da parte di una persona con problemi di salute mentale).

Tutto ciò con l’obiettivo finale di diffondere nel nostro Paese le buone pratiche basate sulle migliori evidenze scientifiche disponibili e fornire a chi voglia utilizzare, nel proprio contesto assistenziale, strumenti operativi di lotta allo stigma.

Docenti

antonio lasalvia

Antonio Lasalvia

Antonio Lasalvia è Professore Associato di Psichiatria presso il Dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e Movimento, dell’Università di Verona.  Responsabile medico del Centro di Salute...
Vai al Profilo di Antonio Lasalvia

Giovanni Fioriti Editore

La Giovanni Fioriti Editore nasce nel 1999 con lo scopo di pubblicare libri che ampliano e approfondiscono le conoscenze teoriche e cliniche dei professionisti delle scienze biomediche e...
Vai al Profilo di Giovanni Fioriti Editore

110 recensioni per questo corso

  1. Alessandra Ricciardi serafino de conciliis (proprietario verificato)

    seminario molto chiaro e interessante

  2. Murrone Federica (proprietario verificato)

    Corso molto interessante

  3. Alice Poli (proprietario verificato)

    Molto interessante

  4. Giorgia Rizzetto (proprietario verificato)

    👍👍👍

  5. Lampis Maria Giuseppina

    Buongiorno. Ho avuto modo di seguire la bellissima lezione del prof. Lasalvia, qualche mese fa. La sua analisi, favorisce la riflessione su quanto , anche e soprattutto ,gli operatori, in salute mentale possano fare, per combattere lo stigma. Ho acquistato e letto il suo libro.

Carica altre recensioni
Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corso Gratuito
Corso attivo dal giorno 27/01/2023
  • 1 ora di formazione
  • Domande frequenti sul corso

    Le registrazioni dei corsi a cui ti sei iscritta/o sono elencati nella tua Area Riservata, a cui puoi accedere effettuando il login. Ciascun corso, gratuito e/o a pagamento, ti rimane accessibile per 12 mesi dalla data di registrazione, salvo differenti informazioni fornite nel programma.

    L’eventuale presenza di crediti ECM, ed il relativo numero di crediti, viene indicata ad inizio pagina e nel box di iscrizione. Se presenti, all’interno del programma c’è un paragrafo “Crediti ECM” in cui poter visualizzare la data a partire dalla quale potrai effettuare il quiz ECM e la data massima entro cui riuscire a superarlo con successo. Tali informazioni e date sono riportate anche nel box di iscrizione.

    Per calcolare le tempistiche di accreditamento bisogna far riferimento alla “Data di scadenza del Quiz ECM” indicata nello specifico corso di formazione, NON alla data in cui viene superato il Quiz ECM. La data di scadenza del Quiz ECM la trova indicata nella pagina del corso, sia nel box di iscrizione che nel paragrafo dedicati a Crediti ECM.
    Ebbene, entro 90 giorni dalla data di scadenza del Quiz ECM dobbiamo comunicare i dati ad AGENAS. A sua volta AGENAS trasmetterà i dati al COGEAPS e solo a quel punto le risulteranno accreditati.
    Mediamente, consigliamo quindi di calcolare circa 4 mesi dalla data di scadenza del Quiz ECM. Precisiamo, in ogni caso, che l’Attestato di acquisizione ECM del corso a cui ha partecipato, vale come certificazione dei crediti acquisiti.

    Sì, il corso rilascia un attestato di partecipazione.

    Tutti i corsi di FCP, con speaker internazionali, dispongono di traduzione in italiano. In particolare: i Corsi online e le Master Class dispongono di interpretariato simultaneo, i Corsi Ondemand dispongono di sottotitolazione e/o voice over in italiano, i Corsi residenziali – in-person – dispongono di interpretariato simultaneo o consecutivo. Tali informazioni vengono generalmente specificate sulla pagina di presentazione di ciascun corso.

    La presenza di materiale extra dipende dal docente e dal corso specifico: solitamente ci sono pdf contenenti i power point del docente.