Dalla scienza dell’estinzione verso una terapia di esposizione personalizzata

Il webinar intende fornire utili spunti di osservazione per una futura messa a punto di una terapia di esposizione sempre più personalizzata ed efficace, a partire dal libro La seconda giovinezza della terapia di esposizione. Modello concettuale e modalità operative, edito da Giovanni Fioriti

Corso Gratuito

Corso attivo dal giorno 15/10/2022
(34 Recensioni dei clienti)
  • 1 ora di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

1.843 visualizzazioni totali

Grazie ai recenti e numerosi progressi raggiunti dalla complessa scienza dell’estinzione della paura oggi sappiamo che l’efficacia della terapia di esposizione (che ne rappresenta la sua applicazione clinica) non sarebbe dovuta alla cancellazione dei ricordi eccitatori, come si credeva in passato, ma alla formazione di nuove memorie inibitorie.

Come approfondito nel libro La seconda giovinezza della terapia di esposizione. Modello concettuale e modalità operative, edito da Giovanni Fioriti, emerge, da questo nuovo modello concettuale, che il punto debole della terapia, ossia il ritorno della paura, sarebbe dovuto principalmente ad una determinata fragilità intrinseca al processo di estinzione, ossia la sua dipendenza al contesto. Sono state sviluppate dunque specifiche strategie comportamentali capaci di compensare gli effetti del rinnovo del contesto (ossia il ritorno della paura quando l’esposizione avviene in ambienti diversi) e facilitare il recupero della memoria inibitoria (Toso 2021).

Al fine di massimizzare la terapia di esposizione, le evidenze scientifiche stanno suggerendo, inoltre, la presenza di un ulteriore aspetto da prendere in considerazione, ossia le specifiche differenze individuali che possono influenzare i risultati del trattamento. Tali disuguaglianze, che rappresentano una dimensione del tutto estrinseca al processo di estinzione, sarebbero dovute ad aspetti di natura biologica (ad es. genetici e ormonali), psicologica (ad es. tratti ansiosi o scarsa motivazione al trattamento) e ambientale (ad es. ansia nel terapeuta o dei famigliari).

Tutte queste evidenze suggeriscono la necessità di un nuovo modo di fare esposizione che tenga conto, oltre che dei limiti facenti parte all’estinzione stessa, anche delle differenze individuali in tale processo (Toso 2022). Alla luce delle nuove scoperte, non solo non è più possibile pertanto continuare a ragionare in termini di sola abituazione e/o ristrutturazione del “set cognitivo” del paziente e non è nemmeno più ragionevole utilizzare un approccio standard (seppur evidence based) uguale per tutti i pazienti. Il webinar intende fornire utili spunti di osservazione per una futura messa a punto di una terapia di esposizione sempre più personalizzata ed efficace.

Docenti


Emiliano Toso

Emiliano Toso è psicologo clinico e psicoterapeuta, socio ordinario dell’AIAMC (Associazione Italiana di Analisi e Modificazione del Comportamento e Terapia Comportamentale e Cognitiva). I suoi...
Vai al Profilo di Emiliano Toso

Giovanni Fioriti Editore

La Giovanni Fioriti Editore nasce nel 1999 con lo scopo di pubblicare libri che ampliano e approfondiscono le conoscenze teoriche e cliniche dei professionisti delle scienze biomediche e...
Vai al Profilo di Giovanni Fioriti Editore

35 recensioni per questo corso

  1. Valeria Rizzonato (proprietario verificato)

    Complimenti, molto interessante!

  2. Rebecca Scicchitano (proprietario verificato)

    Bello e interessante

  3. FABRIZIO SFORNA (proprietario verificato)

    Grazie molto chiaro e arricchente

  4. Nadia Donadonibus

    Molto interessante il tema

  5. arjola_progni

    Webinar molto utile per fornire la terapia più efficiente.

Carica altre recensioni
Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corso Gratuito
Corso attivo dal giorno 15/10/2022
  • 1 ora di formazione
  • Domande frequenti sul corso

    Le registrazioni dei corsi a cui ti sei iscritta/o sono elencati nella tua Area Riservata, a cui puoi accedere effettuando il login. Ciascun corso, gratuito e/o a pagamento, ti rimane accessibile per 12 mesi dalla data di registrazione, salvo differenti informazioni fornite nel programma.

    L’eventuale presenza di crediti ECM, ed il relativo numero di crediti, viene indicata ad inizio pagina e nel box di iscrizione. Se presenti, all’interno del programma c’è un paragrafo “Crediti ECM” in cui poter visualizzare la data a partire dalla quale potrai effettuare il quiz ECM e la data massima entro cui riuscire a superarlo con successo. Tali informazioni e date sono riportate anche nel box di iscrizione.

    Per calcolare le tempistiche di accreditamento bisogna far riferimento alla “Data di scadenza del Quiz ECM” indicata nello specifico corso di formazione, NON alla data in cui viene superato il Quiz ECM. La data di scadenza del Quiz ECM la trova indicata nella pagina del corso, sia nel box di iscrizione che nel paragrafo dedicati a Crediti ECM.
    Ebbene, entro 90 giorni dalla data di scadenza del Quiz ECM dobbiamo comunicare i dati ad AGENAS. A sua volta AGENAS trasmetterà i dati al COGEAPS e solo a quel punto le risulteranno accreditati.
    Mediamente, consigliamo quindi di calcolare circa 4 mesi dalla data di scadenza del Quiz ECM. Precisiamo, in ogni caso, che l’Attestato di acquisizione ECM del corso a cui ha partecipato, vale come certificazione dei crediti acquisiti.

    Sì, il corso rilascia un attestato di partecipazione.

    Tutti i corsi di FCP, con speaker internazionali, dispongono di traduzione in italiano. In particolare: i Corsi online e le Master Class dispongono di interpretariato simultaneo, i Corsi Ondemand dispongono di sottotitolazione e/o voice over in italiano, i Corsi residenziali – in-person – dispongono di interpretariato simultaneo o consecutivo. Tali informazioni vengono generalmente specificate sulla pagina di presentazione di ciascun corso.

    La presenza di materiale extra dipende dal docente e dal corso specifico: solitamente ci sono pdf contenenti i power point del docente.