La Vergogna del Terapeuta: da nucleo di sofferenza a fattore di cura

16 ore | 21 ECM in FAD + Libro cartaceo | Esplora il modello intersoggettivo e relazionale per trattare il tema della vergogna del terapeuta come fattore di cura con pazienti complessi, assieme al docente Gianpaolo Salvatore.

Corso Ondemand
21 ecm
Libro incluso

167,45  IVA inclusa

oppure 27,91€ al mese a tasso 0!
Corso attivo dal giorno 11/02/2024
Scadenza Quiz ECM: 30 dicembre 2024

(3 Recensioni dei clienti)
  • 16 ore di formazione
  • Accesso su dispositivo mobile
  •  Attestato di partecipazione

4.944 visualizzazioni totali

16 ore di formazione specialistica + Libro cartaceo sul tema della Vergogna del terapeuta come fattore di cura attraverso la relazione terapeutica

Con questo corso potrai approfondire il tema della Vergogna, dal punto di vista del terapeuta, come fattore di cura e come strumento per approfondire l’intersoggettività e la clinica del paziente complesso, con Gianpaolo Salvatore.

I numerosi modelli di psicoterapia descrivono sequenze di interventi che dovrebbero assicurare ai terapeuti la risposta “giusta” ad ogni situazione clinica. Eppure, anche il terapeuta che applica alla perfezione tali modelli è spesso in difficoltà con i casi complessi, soprattutto nelle fasi critiche della relazione terapeutica. Questa difficoltà può manifestarsi con la fatidica domanda: “e ora cosa dico?”.

Ciò accade perché la conoscenza di un modello di intervento non dota il clinico della capacità di monitorare e regolare i propri scenari interni problematici nei diversi momenti della relazione con il paziente. Un approccio radicalmente intersoggettivo all’incontro clinico vede questi scenari interni contribuire significativamente alle trame spesso intricate della relazione terapeutica. Il clinico entra nella relazione con la propria storia, e con i propri traumi evolutivi. Elemento centrale di questi traumi è la vergogna, che la letteratura descrive come esperienza pervasiva di perdita del legame a causa della propria difettosità ontologica. È spesso la vergogna a celarsi al di qua della domanda “e ora cosa dico?”.

Il corso permetterà agli utenti di comprendere come il trauma evolutivo e la vergogna implicita del terapeuta ostacolano la capacità di muoversi spontaneamente e creativamente nel dialogo con il paziente; e fornirà l’apprendimento teorico ed esperienziale utile a sviluppare un nuovo modo di stare nella relazione con sé e con il paziente, e a trasformare la relazione stessa in principale strumento di cura. Inoltre, il corso aiuterà i terapeuti a sviluppare strategie intrapersonali e interpersonali di “manutenzione” affettiva di sé – indispensabile per sostenere il carico dei casi complessi.

 

Obiettivi didattici

  • Promuovere nel partecipante una maggiore consapevolezza di come i propri nuclei di sofferenza evolutivamente determinati condizionano la relazione terapeutica, nonché decorso ed esito della seduta/terapia;
  • Promuovere nel partecipante la conoscenza e i risvolti operativi utili a un incremento della capacità di regolazione affettiva intrapersonale e interpersonale, e alla trasformazione dei propri nuclei traumatici in strumento di connessione con il paziente; 
  • Promuovere nel partecipante la conoscenza e i risvolti operativi utili a incrementare la capacità di utilizzare la relazione terapeutica come strumento di cura;
  • Promuovere nel partecipante un incremento della capacità di padroneggiare la tecnica, il timing e le molteplici sfumature dell’intervento di self-disclosure, nonché gli shift di focus dall’esplorazione dei contenuti narrativi al qui e ora della transazione intersoggettiva terapeuta-paziente;
  • Promuovere nel partecipante la capacità di integrare il trattamento psicoterapeutico con le operazioni di management del caso, attraverso la costruzione di un dialogo intersoggettivo con i colleghi e con altre figure professionali.

 

Libro incluso!

Con l’iscrizione al corso riceverai gratuitamente anche il libro cartaceo

La vergogna del terapeuta. Da nucleo di sofferenza a fattore di cura

scritto da Gianpaolo Salvatore, con prefazione di Vittorio Lingiardi ed edito da Raffaello Cortina.

I 21 crediti ECM sono sul libro, che ti verrà inviato in cartaceo al tuo recapito, e NON sul corso live a cui potrai comunque accedere e che ti rimarrà poi accessibile in modalità registrata per successivi 12 mesi.

Il volume descrive com e il trauma evolutivo può consistere nell’esperienza cronica di legame condizionato: il caregiver ci riconosce solo se incarniamo certe caratteristiche; per esempio, “essere il migliore”. Questo trauma è spesso presente nella storia del terapeuta e plasma un nucleo di vergogna, doloroso, che tende a essere escluso dal flusso dell’esperienza interna, dissociato, mentre le parti di identità validate dall’ambiente possono guidare il terapeuta nell’incontro clinico. Un terapeuta inconsapevolmente guidato dalla parte di sé che ha appreso la necessità di “essere sempre il migliore” potrebbe vivere l’incontro clinico solo come potenziale fonte di successo terapeutico e risultare incapace di una reale sintonizzazione con il paziente.
Attraverso l’analisi di numerosi scenari clinici e di supervisione, l’autore esamina nel dettaglio la vergogna del terapeuta e illustra come trasformarla in un fattore potente di cura.

 

21 Crediti ECM in FAD, sul LIBRO

PESI Italia srl. è Provider ECM  n° 6888 accreditato dall’Age.Na.S. per la progettazione e l’erogazione dei corsi di formazioni per il personale sanitario, nell’ambito del programma di educazione continua in medicina (ECM).

Il presente corso è accreditato in FAD cartacea, ID Evento 397980, per tutte le professioni.

Obiettivi formativi tecnico-professionali: 18 – Contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna professione, di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica, ivi incluse le malattie rare e la medicina di genere

L’accreditamento – basato sullo studio del libro cartaceo – è attivo dal 18/01/2024 al 31/12/2024 

Quiz ECM compilabile a partire dal 18 Gennaio 2024 su formazionecontinuainpsicologia.it nella sezione “I MIEI CORSI”. Ottenimento dei crediti ECM, ovvero superamento del quiz ECM, entro e NON oltre il 31/12/2024. La prova di apprendimento consisterà in un questionario composto da 63 domande a risposta multipla con 4 possibilità di risposta di cui una sola giusta. Bisogna superare almeno il 75% delle risposte.

 

Programma

 

Modulo 1 

L’intersoggettività nella pratica clinica: l’attivazione dei nuclei di sofferenza del terapeuta nella relazione con il paziente complesso

Viene presentato il paradigma intersoggettivo in psicoterapia. Secondo tale paradigma, la storia emotiva e l’organizzazione psicologica del paziente e del terapeuta sono ugualmente rilevanti per la comprensione dello scambio clinico: nella stanza della terapia vi sono due soggettività – e due vulnerabilità – che si influenzano mutuamente. I temi irrisolti che il terapeuta porta nella relazione possono potenzialmente rivolgersi in modo utile o negativo rispetto al processo terapeutico. Il modulo prevede la presentazione di slide e numerose esemplificazioni (video di supervisioni).

 

Modulo 2 

Dal primo colloquio come esperienza relazionale correttiva alla restituzione diagnostica

Vengono presentate diverse esemplificazioni di primo colloquio (video di sedute), come stimolo di riflessione condivisa. Su tale base, si promuoverà la capacità del clinico di: a) muoversi agilmente tra due canali di informazione, quello derivato dall’esplorazione dei contenuti narrativi, e quello derivato dal focus sul qui e ora della relazione; b) utilizzare le informazioni emerse da questi due canali, e integrarle con i risultati della valutazione testologica, per pervenire a una formulazione diagnostica dotata di impatto terapeutico, e utile alla pianificazione condivisa del trattamento, al management del caso, e alla responsabilizzazione del paziente rispetto alla cura.

 

Modulo 3 

Supervisione clinica: dalla teoria alla pratica e ritorno

Si prevede un lavoro di supervisione su 3-4 casi clinici. Nel lavoro di supervisione sarà data particolare rilevanza agli elementi dello scenario interno del clinico attivatisi nell’interazione con il paziente. A partire da tali aspetti, si costruirà la linea di intervento e di management del caso. A partire dallo studio dettagliato di ciascun caso, saranno operate digressioni teoriche con richiami sintetici ai primi due moduli.

 

Modulo 4 

Esercitazione pratica

In questo modulo verrà effettuata una esercitazione pratica consistente in una simulazione di scenario clinico a tema. L’esercitazione prevederà la suddivisione degli utenti in gruppi di tre persone. A turno, ciascuna di esse assumerà uno dei seguenti ruoli: paziente, terapeuta, osservatore. La consegna per ciascuno dei componenti del gruppo costituirà uno sviluppo applicativo dei precedenti moduli e del significato complessivo del corso.

Docenti


Gianpaolo Salvatore

Gianpaolo Salvatore, Psichiatra, psicoterapeuta, criminologo, professore ricercatore presso l'Università degli Studi di Foggia, Socio Ordinario SITCC (Società Italiana di Terapia...
Vai al Profilo di Gianpaolo Salvatore

Raffaello Cortina Editore

La Raffaello Cortina Editore è nata nel 1980 e si è imposta inizialmente sul mercato pubblicando testi legati a tematiche psicologiche. Ne è un esempio la collana “Psicologia clinica e...
Vai al Profilo di Raffaello Cortina Editore

3 recensioni per questo corso

  1. Mario Valente

    Coltiva dentro di noi terapeuti un assetto clinico che migliora la sintonizzazione con i nuclei di sofferenza del paziente. Rende le sedute un atto terapeutico e rivoluzionario per alcuni pazienti e anche per noi terapeuti. Consigliato vivamente!

  2. Anna Rossi

    Consigliatissimo! “La vergogna del terapeuta ” introduce a un nuovo modo di intendere, stare nella relazione terapeutica e promuovere il cambiamento

  3. Acerra Antonio

    Interessante

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corso Ondemand
Corso attivo dal giorno 11/02/2024
  • 16 ore di formazione
  • 21 Crediti ECM
    + LIBRO
    Scadenza Quiz ECM: 30 dicembre 2024
    iscrizione a 197,00, in SCONTO a 167,45 €
    oppure 27,91€ al mese a tasso 0!

    Domande frequenti sul corso

    Le registrazioni dei corsi a cui ti sei iscritta/o sono elencati nella tua Area Riservata, a cui puoi accedere effettuando il login. Ciascun corso, gratuito e/o a pagamento, ti rimane accessibile per 12 mesi dalla data di registrazione, salvo differenti informazioni fornite nel programma.

    L’eventuale presenza di crediti ECM, ed il relativo numero di crediti, viene indicata ad inizio pagina e nel box di iscrizione. Se presenti, all’interno del programma c’è un paragrafo “Crediti ECM” in cui poter visualizzare la data a partire dalla quale potrai effettuare il quiz ECM e la data massima entro cui riuscire a superarlo con successo. Tali informazioni e date sono riportate anche nel box di iscrizione.

    Per calcolare le tempistiche di accreditamento bisogna far riferimento alla “Data di scadenza del Quiz ECM” indicata nello specifico corso di formazione, NON alla data in cui viene superato il Quiz ECM. La data di scadenza del Quiz ECM la trova indicata nella pagina del corso, sia nel box di iscrizione che nel paragrafo dedicati a Crediti ECM.
    Ebbene, entro 90 giorni dalla data di scadenza del Quiz ECM dobbiamo comunicare i dati ad AGENAS. A sua volta AGENAS trasmetterà i dati al COGEAPS e solo a quel punto le risulteranno accreditati.
    Mediamente, consigliamo quindi di calcolare circa 4 mesi dalla data di scadenza del Quiz ECM. Precisiamo, in ogni caso, che l’Attestato di acquisizione ECM del corso a cui ha partecipato, vale come certificazione dei crediti acquisiti.

    Sì, il corso rilascia un attestato di partecipazione.

    Tutti i corsi di FCP, con speaker internazionali, dispongono di traduzione in italiano. In particolare: i Corsi online e le Master Class dispongono di interpretariato simultaneo, i Corsi Ondemand dispongono di sottotitolazione e/o voice over in italiano, i Corsi residenziali – in-person – dispongono di interpretariato simultaneo o consecutivo. Tali informazioni vengono generalmente specificate sulla pagina di presentazione di ciascun corso.

    La presenza di materiale extra dipende dal docente e dal corso specifico: solitamente ci sono pdf contenenti i power point del docente.