Una Prospettiva Polivagale sull’impatto COVID-19 sul nostro sistema nervoso

Stephen W. Porges, Ph.D. è illustre scienziato universitario presso l'Indiana University, dove è il direttore fondatore del Traumatic Stress Research Consortium. È Professore di Ps... Leggi la Bio
polivagale

Gli impatti della pandemia sul nostro imperativo biologico di connetterci

Mentre la crisi del COVID-19 sfida il tessuto della nostra società, guardiamo alla nostra scienza per capire come la crisi sta influenzando la nostra salute mentale e fisica, come percepiamo il mondo e il modo in cui interagiamo con gli altri. La teoria polivagale fornisce un modello neurobiologico per spiegare come la crisi suscita risposte legate alle minacce, interrompe la nostra capacità di regolare i nostri stati comportamentali ed emotivi, interferisce con il nostro ottimismo e compromette la nostra capacità di fidarci e sentirci sicuri con gli altri.

Come molti altri mammiferi, gli esseri umani sono una specie sociale. Essere una specie sociale sottolinea esplicitamente che la sopravvivenza umana dipende dalla co-regolazione del nostro stato neurofisiologico attraverso l’interazione sociale. La dipendenza di un neonato dalla madre è un esempio archetipico di questa dipendenza e illustra anche la bidirezionalità dell’interazione sociale. La madre non solo regola il bambino, ma il bambino regola reciprocamente la madre. Le caratteristiche di co-regolazione, reciprocità, connessione e fiducia risuonano attraverso il sistema nervoso dei mammiferi e ottimizzano la funzione omeostatica fornendo un collegamento neurobiologico tra la nostra salute mentale e fisica.

Theodosius Dobzhansky, un eminente biologo evolutivo, ha sottolineato che la connessione piuttosto che la forza fisica ha permesso il successo evolutivo dei mammiferi e ha ridefinito la sopravvivenza del più adattato affermando che “il più adatto può anche essere il più gentile, perché la sopravvivenza spesso richiede aiuto reciproco e cooperazione” (Dobzhansky, 1962). Secondo Dobzhansky, è questa capacità di cooperare che ha permesso alle prime specie di mammiferi di sopravvivere in un mondo ostile dominato da rettili fisicamente più grandi e potenzialmente aggressivi.

Sebbene non sia a conoscenza dei principali contributi di Dobzhansky, la pubblicazione che ha introdotto la Teoria Polivagale era intitolata “Orientamento in un mondo difensivo: Modificazioni mammifere della nostra eredità evolutiva. Una teoria polivagale” (Porges, 1995). In retrospettiva, il titolo era un omaggio all’acuta affermazione di Dobzhansky che “nulla in biologia ha senso se non alla luce dell’evoluzione” (Dobzhansky, 1973).

 

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Un modello di un sistema nervoso aumenta la consapevolezza della comunicazione bidirezionale tra cervello e corpo

Mentre lottiamo con la pandemia, abbiamo bisogno di reinterpretare e riformulare le nostre reazioni all’interno di un apprezzamento informato del nostro sistema nervoso, riconoscendo che le nostre reazioni alla pandemia avranno senso solo se informate dalla nostra comprensione dell’evoluzione. Questo ci porta a porre domande dirette alla nostra reattività alla minaccia e all’incertezza e ai nostri bisogni di co-regolare sufficientemente il nostro stato corporeo per passare da sentimenti di paura e pericolo a sentimenti di sicurezza e fiducia negli altri.

Inoltre, dobbiamo aggiornare la nostra comprensione della comunicazione cervello-corpo. Per capire come la minaccia cambia i processi psicologici e fisiologici, dobbiamo accettare un modello di “un sistema nervoso” (vedi sotto) piuttosto che un modello antiquato in cui il sistema nervoso centrale è separato dal sistema nervoso autonomo. Funzionalmente, il cervello e gli organi viscerali sono collegati da percorsi neurali che inviano segnali dal cervello ai nostri organi viscerali e dagli organi viscerali al cervello. Così, le reazioni alle minacce attraverso percorsi definibili e misurabili possono avere effetti prevedibili sulla nostra salute mentale e fisica.

La concettualizzazione contemporanea della comunicazione bidirezionale tra gli organi viscerali e il cervello è radicata nel lavoro di Walter Hess. Nel 1949 Hess ha ricevuto il premio Nobel per la fisiologia/medicina per la sua ricerca sul controllo centrale degli organi viscerali. La sua conferenza sul Nobel che discuteva il controllo cerebrale degli organi viscerali era intitolata The Central Control of the Activity of Internal Organs (Hess, 1949).

La prima frase del suo discorso del Premio Nobel è sia preveggente che storica e afferma che “Un fatto riconosciuto che risale ai tempi più antichi è che ogni organismo vivente non è la somma di una moltitudine di processi unitari, ma è, in virtù delle interrelazioni e dei livelli di controllo superiori e inferiori, un’unità ininterrotta“.

Questa breve affermazione fornisce il contesto su cui sono emersi lo sviluppo, l’applicazione e l’accettazione delle discipline neuroautonomiche, come la neurocardiologia. Questa prospettiva integrativa di un sistema nervoso incoraggia una migliore comprensione delle dinamiche di regolazione neurale di un sistema nervoso integrato, pur essendo vincolata dai paradigmi limitati che sono frequentemente utilizzati nella formazione contemporanea dei medici.

Una Prospettiva Polivagale

Coerentemente con Hess e Dobzhansky, il nostro mandato biologico di connessione richiede un funzionale sistema di impegno sociale (Porges, 2009), che attraverso strutture comuni del tronco encefalico coordina i muscoli striati del viso e della testa con la regolazione vagale dei visceri originati in una regione del tronco encefalico nota come nucleo ambiguo. Così, l’individuo ottimamente resiliente ha l’opportunità di co-regolare lo stato fisiologico con un altro sicuro e fidato. Idealmente, questa “altra” persona proietta spunti positivi riguardanti il suo stato autonomo attraverso la voce prosodica, espressioni facciali calde e accoglienti, e gesti di accessibilità.

Da una prospettiva evolutiva, l’integrazione della regolazione neurale dei visceri con la regolazione dei muscoli striati del viso e della testa permette di proiettare lo stato viscerale nelle vocalizzazioni e nelle espressioni facciali. Questo permette anche alle vocalizzazioni e alle espressioni facciali, modulate dagli stati autonomici, di servire come segnali di sicurezza o di minaccia per gli altri. Insieme questi percorsi collegano il comportamento al sistema nervoso e formano la base per la comunicazione sociale, la cooperazione e la connessione.

La teoria polivagale, articolando una gerarchia evolutiva nella funzione del sistema nervoso autonomo alle sfide, fornisce una mappa dello stato del sistema nervoso autonomo durante qualsiasi sfida. Comprendendo lo stato autonomo di un individuo, questa mappa ci informa della reattività comportamentale, emotiva e fisiologica emergente che un individuo può avere in risposta alla minaccia o in alternativa alle esperienze positive. Da una prospettiva polivagale sarà utile indagare come la crisi COVID-19 ci sposta in stati fisiologici di minaccia che interrompono la nostra connessione e mettono a rischio la nostra salute mentale e fisica.

Ma, più rilevante sia per i pazienti che per la sopravvivenza personale, i terapeuti devono identificare ed enfatizzare le risorse innate che hanno a disposizione per mitigare le reazioni potenzialmente devastanti alla minaccia, che a loro volta possono destabilizzare il sistema nervoso autonomo con conseguente disfunzione degli organi viscerali e compromissione della salute mentale. La consapevolezza dei sistemi neurali alla base della Teoria Polivagale informa sia i terapeuti che i pazienti riguardo alle minacce alla sopravvivenza che possono spostare lo stato autonomo, muovendolo attraverso piattaforme neurali sequenziali o stati che imitano l’evoluzione al contrario o la dissoluzione (Jackson, 1884).

Funzionalmente, mentre progrediamo attraverso questa traiettoria di dissoluzione, prima perdiamo la competenza del nostro sistema di impegno sociale (una via vagale mielinizzata unica nei mammiferi che coinvolge strutture del tronco encefalico che regolano l’intonazione vocale e le espressioni facciali) per connetterci con gli altri e calmare la nostra fisiologia.

Senza queste risorse, siamo vulnerabili a passare a stati difensivi adattivi. Il nostro repertorio di difesa si esprime prima come mobilitazione cronica che richiede l’attivazione del sistema nervoso simpatico e poi come immobilizzazione controllata da una via vagale non mielinizzata evolutivamente più vecchia. In assenza di un sistema di impegno sociale attivo, lo stato di mobilitazione fornisce una piattaforma neurale efficiente per i comportamenti di lotta e fuga. Per molti individui questo stato rifletterà ansia cronica o irritabilità.

Quando la mobilitazione non riesce a spostare con successo l’individuo in un contesto sicuro, allora c’è la possibilità che il sistema nervoso si sposti in uno stato immobilizzato con caratteristiche associate di finzione di morte, sincope, dissociazione, ritiro, perdita di scopo, isolamento sociale, disperazione e depressione. Anche se entrambe le strategie difensive hanno valori adattativi nel proteggere l’individuo, sono dipendenti da diversi percorsi neurali (cioè, alto tono simpatico o alto tono vagale dorsale), che interferiscono entrambi con le interazioni interpersonali, la co-regolazione, l’accessibilità, la fiducia e la sensazione di sicurezza con un’altra persona.

Così, gli stati difensivi emergono da piattaforme neurali che si sono evolute per difendere, mentre contemporaneamente compromettono le capacità di abbassare le nostre difese attraverso la co-regolazione con un individuo sicuro e fidato. Fondamentalmente, la teoria sottolinea che in presenza di spunti di interazioni sociali prevedibili di supporto, il nostro sistema nervoso di sicurezza, il sistema di impegno sociale dei mammiferi, può sottoregolare le nostre reazioni innate alla minaccia, se la minaccia è tangibile e osservabile o invisibile e immaginabile.

 

Le strategie di salute pubblica aggravano i sentimenti di minaccia

Una prospettiva polivagale fornisce chiarezza nella comprensione di come la nostra vulnerabilità percepita al virus SARSCov2 e le strategie obbligate di allontanamento sociale e di auto-quarantena abbiano un impatto sul nostro sistema nervoso. In primo luogo la minaccia sposta il nostro sistema nervoso autonomo in stati di difesa, che interferiscono con gli stati neurofisiologici necessari sia per co-regolare con gli altri che per ottimizzare i processi omeostatici che portano alla salute, alla crescita e al ripristino.

Così, il nostro sistema nervoso è sfidato simultaneamente da richieste incompatibili che richiedono sia di evitare il contatto con il virus SARSCov2 sia di soddisfare il nostro imperativo biologico di connetterci con gli altri per sentirci tranquilli e sicuri. Queste richieste paradossali richiedono diversi stati neurofisiologici. Evitare di essere infettati innesca una strategia di mobilitazione cronica che declassa la nostra capacità di calma attraverso la comunicazione sociale e la connessione. Anche se la nostra capacità di impegnarsi socialmente è ridotta, il nostro sistema nervoso è intuitivamente motivato a cercare opportunità di impegno sociale in cui il nostro corpo si sente al sicuro nella vicinanza di una persona sicura e fidata.

Tuttavia, le opportunità di coinvolgere gli altri, che nel corso della nostra storia evolutiva sono stati un antidoto alla minaccia che ci ha spostato fuori gli stati fisiologici di difesa e sentimenti di ansia, ora trasmettono una minaccia di infezione. Così, le risorse di contatto umano che gli esseri umani intuitivamente usano per calmarsi, possono invece segnalare una minaccia. Questa prospettiva ci pone in un dilemma, dal momento che ora abbiamo bisogno sia di evitare il virus che di connetterci socialmente.

Mitigare le risposte alle minacce attraverso la videoconferenza

Non c’è una soluzione facile a questo paradosso. Tuttavia, le tecnologie moderne ci forniscono strumenti che possiamo imparare a usare in modo più “consapevole”. Il lato positivo della crisi attuale è che, sebbene la pandemia sia devastante per il nostro sistema nervoso, si sta verificando in un momento unico nella storia in cui abbiamo strumenti che ci permettono di connetterci anche quando siamo obbligati a isolarci.

Per ridurre il peso e sul sistema nervoso di coloro con cui interagiamo, abbiamo bisogno di riqualificarci nell’uso dei portali di comunicazione sociale che abbiamo a disposizione. Questo significa che siamo più presenti e meno distraibili, mentre forniamo segnali di sicurezza e connessione attraverso espressioni facciali e intonazioni vocali reciproche e spontanee. Per i molti clinici che ora fanno terapia a distanza attraverso la videoconferenza, c’è una curva di apprendimento. Questo può essere estenuante, poiché sia il terapeuta che il paziente diventano più “presenti” mentre conducono sessioni di terapia online.

Il riconoscimento di queste sfide può essere utile per affrontare la situazione. Per esempio, dobbiamo imparare a condividere sentimenti e non solo parole attraverso le piattaforme di videoconferenza. Il nostro uso storico delle tecnologie video è stato inizialmente concepito a scopo di intrattenimento, affari e istruzione. Ci siamo abituati alle immagini video come se fossero personalmente distali, asimmetriche, asincrone e non collegate alle nostre esperienze personali. Così, la nostra sensibilità neurale alle immagini video è relativamente insensibile grazie al nostro adattamento storico agli schermi bidimensionali.

Date le esigenze attuali durante la crisi sanitaria e potenzialmente nel prossimo futuro, durante la videoconferenza avremo bisogno di risintonizzare il nostro sistema nervoso per essere più consapevoli dell’espressione facciale, dell’intonazione vocale e del gesto della testa. Anche se in presenza fisica di un altro, mentre siamo attivamente coinvolti in interazioni spontanee faccia a faccia, il nostro sistema nervoso rileva questi spunti intuitivamente e rapidamente senza coinvolgere la consapevolezza cosciente.

La teoria polivagale etichetta questo processo spontaneo come neurocezione (Porges, 2003, 2004). Siamo abituati al multitasking mentre guardiamo la televisione e i film in streaming. Questa disincarnazione in un’interazione sociale non fornisce al sistema nervoso la reciprocità necessaria per consentire e ottimizzare la co-regolazione e la connessione. Questa distinzione tra il mondo “reale” e quello “virtuale” funzionava bene finché il nostro sistema nervoso aveva sufficienti opportunità di co-regolazione in un mondo fisico faccia a faccia con amici, genitori o partner sicuri e fidati.

Tuttavia, con la crisi del COVID-19, il mondo è diverso. Dobbiamo abbracciare il mondo virtuale della comunicazione con la nostra conoscenza degli spunti che il nostro sistema nervoso desidera. Per fare questo, dobbiamo diventare più bravi a condividere momenti di “sentimento” e non solo di sintassi durante la videoconferenza.

 

Concettualizzare lo stato autonomo come variabile interattiva migliora la comprensione del rischio e ottimizza il trattamento

La teoria polivagale ci informa che lo stato autonomo funziona come una variabile di intervento che sposta l’individuo da stati di vulnerabilità in risposta alla minaccia a stati di accessibilità quando è sostenuto da spunti di sicurezza e da un adeguato supporto sociale. Così, lo stato fisiologico di un individuo fornisce un portale nella comprensione di come risponderà alla pandemia. Per esempio, se siamo in uno stato autonomo di difesa, la minaccia della malattia sarà aggravata dalla mancanza di opportunità di co-regolazione. Così, le strategie di salute pubblica per appiattire la curva e rallentare la trasmissione della malattia attraverso il distacco sociale e l’auto-quarantena esacerberanno l’impatto negativo che la pandemia avrà su di noi.

Mentre siamo alle prese con la situazione attuale, sarà utile raccogliere dati su ciò che i terapeuti e i loro pazienti stanno vivendo. In questo contesto, stiamo conducendo uno studio di indagine (Kolacz, Dale, Nix, Lewis, & Porges, in corso) in cui valutiamo lo stato autonomico utilizzando il Body Perception Questionnaire (Porges, 1993; Cabrera, Kolacz, Pailhez, Bulbena-Cabre, Bulbena & Porges, 2018). Il Body Perception Questionnaire è uno strumento di indagine che fornisce risposte soggettive di reattività autonomica coerenti con i circuiti autonomici descritti nella Teoria Polivagale per sostenere le reazioni di difesa mobilitate (cioè, lotta/fuga) e immobilizzate (cioè, finzione di morte, dissociazione, spegnimento) alla minaccia.

Le nostre analisi preliminari su circa 1500 partecipanti hanno documentato due importanti risultati coerenti con la Teoria Polivagale:

1)In primo luogo, i partecipanti che hanno sperimentato una maggiore reattività autonomica (cioè, il loro sistema nervoso autonomo reagisce più frequentemente in difesa) durante la crisi COVID-19, hanno anche espresso maggiori quantità di preoccupazione per la salute e i pericoli economici e maggiori sentimenti di isolamento sociale.

2)Inoltre, se i partecipanti avevano una storia di trauma, tra cui l’abuso infantile, violenza sessuale e aggressione fisica hanno riportato livelli più elevati di reattività autonomica legata alla minaccia e sintomi PTSD attivi in risposta alla pandemia.

Così, utilizzando una prospettiva basata sulla teoria polivagale, otteniamo una nuova prospettiva su come il sistema nervoso di un individuo sta cercando di navigare attraverso le minacce e le sfide della pandemia. Abbiamo anche una migliore comprensione dei meccanismi sottostanti che determinano le soglie di reattività. Infine, queste scoperte possono aiutarci a sviluppare strategie per usare spunti di sicurezza e fiducia al sistema nervoso autonomo, spostando sia i terapeuti che i loro pazienti in stati che sosterranno l’accessibilità e la co-regolazione.

 

Vuoi saperne di più sulle diverse pratiche della terapia familiare?

▶️CLICCA QUI e scopri subito il nostro nuovo corso:

Applicazioni cliniche della Teoria Polivagale, con Deb Dana

Applicazioni cliniche della Teoria Polivagale, con Deb Dana

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Porges, S. W. (2020). The COVID-19 Pandemic is a paradoxical challenge to our nervous system: a Polyvagal Perspective. Clinical Neuropsychiatry, 17(2),135-138.

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>