(DDI) Disturbo Dissociativo d’Identità e Psicosi: il Senso di Sé nel Tempo

DDI

Un senso di sé continuo nel tempo, nonostante i continui piccoli e a volte grandi cambiamenti nel mondo esterno, nel corpo, nel comportamento e nelle esperienze psicologiche, è associato a vari processi (ad esempio, Prebble et al., 2013). Questi processi includono la memoria autobiografica, una costruzione narrativa che si sviluppa per integrare diverse esperienze per consentire una persistente rappresentazione di sé, la consapevolezza di un corpo che viene percepito come appartenente a se stessi, e una rappresentazione delle proprie qualità, valori e modi caratteristici di impegnarsi con sé e gli altri (cioè, la personalità; ad esempio, Lampinen et al., 2004).

L’unione di elementi disparati nel tempo in un senso di sé che persiste dal passato al presente (e al futuro) è stato variamente definito unità diacronica, diacronicità, identità continua o un sé temporalmente esteso (Braude, 1995; Radden, 1996, 1999; Lampinen et al., 2004; Klein, 2012; Prebble et al., 2013; Sokol e Eisenheim, 2016).

In età adulta, molte persone valutano che, nonostante i grandi cambiamenti psicologici e corporei, rimangono la stessa persona che erano all’inizio della loro vita. Cioè, le esperienze che hanno avuto in precedenza nella vita sono successe soggettivamente alla stessa persona che sono ora.

Tuttavia, altri riferiscono di essere ora una persona diversa da quella che erano in un altro momento della loro vita, e che le esperienze del passato sono accadute a una persona diversa da quella che sono ora (cioè, disunità diacronica).

Dato che il senso del sé deve avere una certa durata come caratteristica di base per ciò che costituisce un sé (Radden, 1999), l’unità diacronica si sviluppa durante l’infanzia e la prima adolescenza (per esempio, Bird e Reese, 2008). La sua stabilità emergente in questo periodo suggerisce che l’unità diacronica dovrebbe essere più evidente negli adulti che nei bambini.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Lampinen et al. (2004) hanno suggerito che l’esperienza della disunità diacronica in età adulta non è intrinsecamente patologica (cioè, sperimentata da persone psichiatricamente malate), e può essere una risposta negli adulti sani a circostanze difficili.

Eppure, in gruppi non clinici, la disunità è stata associata a una serie di sintomi, tra cui la depressione e l’ideazione suicidaria, insieme a un ridotto funzionamento adattivo e all’insight (Sokol e Eisenheim, 2016; Sokol e Serper, 2019). Lampinen et al. (2004) hanno anche trovato che le esperienze dissociative erano associate alla disunità diacronica negli studenti universitari.

È noto che la dissociazione ha un impatto sugli aspetti della memoria autobiografica soggettiva (ad esempio, un senso di proprietà dei ricordi e rapporti di amnesia interidentitaria), sulle rappresentazioni narrative di se stessi (ad esempio, autoriflessioni disgiunte in seguito a un trauma) e su un senso di proprietà o distorsione nella propria esperienza del corpo (ad esempio, depersonalizzazione; Chefetz, 2015; Nijenhuis, 2015).

Esplorando la relazione tra disunità diacronica e dissociazione patologica, Lampinen et al. (2004) hanno scoperto che la maggior parte delle persone che hanno riportato la disunità non erano dissociatori patologici, ma che la maggior parte delle persone che hanno riportato la dissociazione patologica hanno sperimentato la disunità.

Una condizione particolarmente interessante per quanto riguarda la diacronicità, e ancora inesplorata empiricamente, è il disturbo dissociativo di identità (DDI). Il DDI riflette un’alterazione dell’identità caratterizzata da due o più stati di personalità distinti che comportano una marcata discontinuità nel senso di sé.

Nel DDI, diversi eventi passati sono sperimentati come ego-sintonici in alcuni stati d’identità e ego-distonici in altri, dove all’estremità più estrema alcuni riportano amnesia per incidenti passati che altri stati d’identità ricordano e di cui sperimentano la proprietà (Reinders et al., 2012).

Nei loro diversi stati d’identità, i pazienti possono riportare lacune nella loro storia personale, con i dettagli “mancanti” disponibili per altri stati d’identità. Non esiste una narrazione autobiografica integrata di tutta la propria vita, ma piuttosto molteplici narrazioni più o meno integrate in molteplici sé continui (Radden, 1996; Chefetz, 2015; Nijenhuis, 2015).

Eppure, non è empiricamente chiaro quanto i pazienti DDI si vedano come continui nel tempo nei loro diversi stati di identità dissociativa. L’obiettivo del presente studio è stato quello di esaminare la persistenza del sé (diacronicità) negli ultimi 5 anni in diversi stati di identità dissociativa e in gruppi di confronto selezionati.

 

Il presente studio

Esplorando ed espandendo alcune delle questioni sollevate nella ricerca di Lampinen et al. (2004) con partecipanti del college, questo studio ha esaminato la (dis)unità diacronica in campioni di individui con e senza disturbi psichiatrici. Il campione di riferimento chiave comprendeva individui con una diagnosi di DDI.

Sono stati valutati su una misura della confusione associata al senso di sé, per esaminare se coloro che riportavano meno chiarezza sul loro concetto di sé riportavano anche più disunità diacronica.

Nei loro stati di identità dissociativa i partecipanti DDI hanno anche completato una valutazione della (dis)unità diacronica. Attualmente, poco si sa empiricamente sul grado in cui gli stati di identità dissociativa vedono se stessi come coerenti nel tempo e questo studio inizia a colmare questa lacuna. Tale conoscenza può aiutare a capire la solidità del senso di sé in diverse identità dissociative, che in definitiva può aiutare a dirigere il trattamento per facilitare una maggiore integrazione tra gli stati di identità dissociativa.

Un confronto psichiatrico per questo campione era un gruppo in trattamento per un disturbo psicotico, dato che spesso riportano profonde interruzioni nel loro senso di sé ma non un’interruzione nella forma di diversi stati di identità dissociativa (Sass e Parnas, 2003; Henriksen e Nordgaard, 2014).

 

I confronti non clinici erano un campione di:

(1) adulti,

(2) bambini,

(3) adulti che si immaginavano come bambini.

Questi ultimi due campioni hanno permesso un confronto con il gruppo DDI bambino. Il confronto tra bambini e adulti ha permesso un’indicazione dello sviluppo dell’unità diacronica nel corso della vita, oltre a fornire un modello di riferimento per confrontare i pazienti DDI negli stati di identità infantile e adulta.

Il gruppo delle psicosi ha permesso un confronto con la DDI per determinare se le differenze erano evidenti rispetto a un campione con un senso di sé compromesso ma con sintomi dissociativi meno gravi.

Il gruppo dei simulatori di bambini ha permesso di esplorare se le valutazioni di diacronia negli stati d’identità dei bambini DDI fossero più simili ai bambini veri o agli adulti che immaginano di essere bambini. I campioni di bambini sani, i simulatori di bambini e i partecipanti alla DDI nel loro stato di identità dissociativa infantile non hanno completato le misure per adulti delle esperienze dissociative e dell’autoconfusione.

 

Date le profonde interruzioni del senso di sé riportate dai pazienti DDI e dai pazienti psicotici, si è ipotizzato che:

(1) Entrambi i campioni di pazienti sarebbero stati caratterizzati da una maggiore confusione nel loro senso di sé rispetto ai confronti tra adulti. La Self-Concept Clarity Scale (SCCS) è stata usata come indice di confusione di sé e valuta la chiarezza e la coerenza del concetto di sé dei partecipanti (Campbell et al., 1996).

(2) È stato previsto che la disunità diacronica sarebbe stata più evidente nei bambini sani che negli adulti sani.

(3) Seguendo il lavoro di Lampinen et al. (2004), è stato ipotizzato che la disunità diacronica non sarebbe stata limitata ai gruppi patologici, ma sarebbe stata particolarmente prevalente in quelli con alti punteggi sulla dissociazione patologica (cioè, specialmente i pazienti DDI).

In parte in contrasto e perché la DDI coinvolge non solo se si considerano i sintomi dissociativi patologici come la depersonalizzazione e la derealizzazione (che Lampinen et al., 2004 hanno valutato negli studenti universitari), ma in particolare un’interruzione dell’identità caratterizzata da due o più stati di personalità distinti, è stato inoltre ipotizzato che:

(4) La disunità diacronica sarebbe stata riportata meno dai pazienti DDI in entrambi gli stati di identità che nel campione di psicosi. Questo è coerente con i rapporti clinici di un senso di sé più continuo negli stati di identità DDI separati (ad esempio, Chefetz, 2015; Nijenhuis, 2015).

 

Materiali e metodi

Partecipanti – campioni DDI e campioni sani

Cinque campioni sono stati reclutati per lo studio, che faceva parte di un più ampio programma di ricerca. Questi cinque campioni hanno creato sei gruppi, in quanto il campione DDI è stato valutato in entrambi gli stati di identità adulto e bambino.

Il campione DDI conteneva 14 partecipanti (12 donne e 2 uomini).

Per essere inclusi nello studio, i partecipanti alla DDI dovevano avere:

(1)una diagnosi preesistente di DDI confermata con la sezione DDI del Dissociative Disorders Interview Schedule (DDIS; Ross et al., 1989);

(2)la capacità di assumere due identità dissociative, una identificata come bambino (tra i 6 e i 12 anni) e una identificata come adulto,

(3)la capacità di passare tra questi due stati di identità su richiesta.

Il gruppo delle psicosi conteneva 19 partecipanti (6 donne e 13 uomini) in trattamento per schizofrenia/disordine schizo-affettivo (n=8) o psicosi al primo episodio (n=11).

Entrambi i gruppi di partecipanti sono stati reclutati dai servizi di salute mentale statale dove stavano ricevendo una combinazione di terapie farmacologiche e psicologiche, con il primo da un programma che trattava pazienti adulti cronici in età adulta, e il secondo limitato a pazienti di età compresa tra 18 e 30 anni. Tutti i partecipanti erano attualmente sintomatici, ma nessuno stava vivendo una psicosi franca che richiedeva un ricovero in ospedale.

I campioni adulti erano composti da 55 partecipanti (37 femmine e 18 maschi).

Per il gruppo del simulatore di bambini, 23 adulti (18 donne e 5 uomini) con un’età media di 37,78 anni. A questi partecipanti è stato chiesto di immaginarsi tra i 6 e i 12 anni e di completare lo studio da quella prospettiva di bambino. È stato ricordato loro di immaginarsi a questa età quando completavano ogni aspetto dello studio. Questa fascia d’età è stata scelta per corrispondere alla fascia d’età delle identità dei bambini nel campione DDI.

Per il campione di bambini (n=26), i partecipanti sono stati prelevati dalle scuole locali e avevano un’età compresa tra i 6 e i 12 anni per corrispondere alle identità dei bambini DDI.

 

Materiali

Come parte di uno studio più ampio, i partecipanti hanno completato la Diachronic Disunity Scale (DSS; Lampinen et al., 2004). Inoltre, i gruppi DDI, confronto adulti, e psicosi hanno completato la Dissociative Experiences Scale (DES; Carlson e Putnam, 1993) e la SCCS (Campbell et al., 1996), mentre ai partecipanti DDI anche la DDIS.

Infine, ai campioni DDI e psicosi è stata somministrata la MINI-International Neuropsychiatric Interview (MINI; Sheehan et al., 1998).

Lo studio più ampio è stato progettato per esaminare le narrazioni di vita, i ricordi autodefinitivi e il concetto di sé negli individui con DDI. Tutti i partecipanti raccolti come parte di questi studi più ampi sono stati utilizzati in questo studio.

Il DES contiene 28 item auto-riferiti che valutano esperienze e sintomi dissociativi su una scala di 11 punti da 0 (mai) a 100 (sempre). Un esempio di item è: “Alcune persone hanno vissuto l’esperienza di trovarsi in un posto e non avere idea di come ci siano arrivate”. Punteggi medi più alti indicano più esperienze dissociative. Il DES ha eccellenti proprietà psicometriche in popolazioni cliniche e non cliniche (Carlson e Putnam, 1993; Carlson et al., 1993; van Ijzendoorn e Schuengel, 1996).

L’SCCS comprende 12 item che sono valutati su una scala Likert a cinque punti che va da “Fortemente in disaccordo” a “Fortemente d’accordo” (ad esempio, “A volte sento di non essere realmente la persona che sembro essere”) con punteggi più alti che indicano una maggiore chiarezza del concetto di sé. I punteggi possono variare da 12 (bassa chiarezza del concetto di sé) a 60 (alta chiarezza del concetto di sé). Le proprietà psicometriche della scala sono sufficienti (Campbell et al., 1996, 2003).

Il DDS contiene due poli che formano quattro quadranti. Il primo polo valuta la diacronicità su una scala che va da alta (cioè, unità diacronica), “sono la stessa persona” (4) a bassa (cioè, disunità diacronica), “non sono la stessa persona” (-4). Il secondo polo valuta il grado in cui il partecipante crede di essere cambiato, “sono cambiato molto” (4) vs. non sono cambiato, “non sono cambiato affatto” (-4), in un determinato periodo di tempo. Avere entrambi i poli permette di valutare il cambiamento in relazione alla diacronicità. Coerentemente con la struttura temporale del DDS, lo studio attuale ha ancorato le risposte agli ultimi 5 anni. Ai partecipanti viene chiesto di mettere una X nel quadrante e nello spazio che meglio cattura la loro visione della diacronicità e del cambiamento al momento di completare la scala rispetto a 5 anni fa.

I quattro possibili quadranti in cui una persona potrebbe collocarsi sono: sono la stessa persona e non sono cambiato; sono la stessa persona e sono cambiato; non sono la stessa persona e non sono cambiato; non sono la stessa persona e sono cambiato. Dato che viene fornito un punto di dati per ogni partecipante, non vengono calcolati dati di affidabilità, ma un’analisi sul DDS esamina ogni polo in modo univoco, fornendo due punteggi (uno per il cambiamento e uno per la diacronicità), così come un singolo punteggio di quadrante (Lampinen et al., 2004).

Il MINI (versione 5.0.0, modulo L Disturbi psicotici) è un’intervista strutturata che valuta i sintomi relativi ai disturbi psicotici (per esempio, allucinazioni e deliri). Gli item sono valutati “sì/no” (per esempio, l’item L3: ha mai creduto che le persone la stessero spiando, o che qualcuno stesse complottando contro di lei, o cercando di farle del male?) Quattro item valutano i deliri (L1a-L4a) e tre valutano le allucinazioni (L6a, L6aa, e L7a). I punteggi per ogni elemento della subscala sono sommati per dare un punteggio finale, con punteggi più alti che indicano un aumento dei sintomi.

Il DDIS è un’intervista clinica strutturata per i disturbi dissociativi del DSM-5. La sezione DDI contiene quattro item che valutano i criteri diagnostici per la DDI attraverso risposte “sì”, “no” o “incerto”. Il ricercatore ha chiesto agli intervistati se sentono di avere identità distinte, se queste identità prendono il controllo del loro comportamento, se sono talvolta incapaci di ricordare importanti informazioni personali, e se queste esperienze sono causate dall’abuso di sostanze. Il DDIS è psicometricamente solido (per esempio, Ross et al., 1989).

Discussione: risultati per il campione di DDI e psicosi

Coerentemente con la prima ipotesi, i campioni di DDI e di psicosi hanno riportato una maggiore auto-confusione rispetto ai confronti adulti, ma il gruppo DDI aveva più auto-confusione del gruppo psicosi.

La disunità diacronica era più evidente nel campione di confronto infantile che nel campione di confronto adulto, sostenendo la letteratura esistente e la seconda ipotesi.

Per quanto riguarda la terza ipotesi, la disunità diacronica non era limitata ai gruppi psichiatrici, ma evidente in una certa misura in tutti i campioni adulti e bambini.

Tuttavia, mentre la stragrande maggioranza dei partecipanti ha riferito di essere cambiata negli ultimi 5 anni (82%), la maggior parte ha sentito di essere la stessa persona (62%).

Non c’era alcuna indicazione che il campione DDI adulto differisse sulla (dis)unità diacronica dal gruppo delle psicosi, e questi due campioni non erano diversi dai confronti adulti sui punteggi di diacronicità.

Nel loro stato infantile, i pazienti DDI non differivano significativamente nella disunità dai bambini sani, ma riportavano meno unità dei simulatori di bambini. Quindi i dati non hanno confermato che la disunità sarebbe particolarmente prevalente in quelli con punteggi più alti sulla dissociazione patologica.

Inoltre, l’ipotesi quattro, riguardante una minore disunità nel campione DDI rispetto al gruppo delle psicosi, non è supportata.

La percentuale di pazienti DDI nel loro stato adulto che indicava di sentirsi la stessa persona (50%) era paragonabile alla percentuale che indicava di sentirsi una persona diversa. Confrontando i pazienti DDI nei loro stati di identità infantile e adulta, c’era una tendenza per cui i pazienti DDI nei loro stati di identità adulta più probabilmente sentivano di essere la stessa persona nonostante fossero cambiati molto rispetto agli stati di identità infantile in cui raramente affermavano questa categoria, e più prevalentemente sentivano di essere una persona diversa e di essere cambiati molto.

Così, c’era qualche indicazione che il campione DDI mostrava un modello incoerente di diacronicità nel loro stato d’identità adulto vs. bambino, proprio come era evidente quando si confrontavano bambini sani e adulti.

La disunità era evidente in poco più di un terzo dei partecipanti e non era legata esclusivamente all’essere in un gruppo psichiatrico, supportando la supposizione di Lampinen et al. (2004) che un senso di sé discontinuo nel tempo non è limitato agli individui con disturbi psichiatrici. Piuttosto, la disunione in questo studio era evidente in poco meno di un quarto e poco più della metà dei partecipanti in tutti i gruppi.

Un’ispezione più approfondita dei dati del campione delle psicosi ha indicato che il numero relativamente piccolo che riportava la disunità era costituito in gran parte da coloro che sperimentavano i sintomi del primo episodio (3 su 4), il che forse non è sorprendente dato il significativo sconvolgimento recente della personalità e del funzionamento sociale che tali eventi comportano e la conseguente sensazione che il sé sia ora diverso (per esempio, Reed, 2008; Romano et al., 2010).

Tuttavia, quelli con sintomi più cronici (cioè, schizofrenia/disturbo schizoaffettivo) hanno quasi tutti riferito un’unità diacronica, come se avere il disturbo per un certo tempo non fosse così dirompente per un senso di sé unificato nel tempo, anche se c’è una certa confusione sul loro senso di sé, come evidente nei punteggi più bassi di chiarezza del concetto di sé rispetto ai confronti degli adulti.

In queste presentazioni di psicosi più croniche, il sé può non essere così vulnerabile ad essere valutato come drammaticamente diverso, e l’autoconfusione insieme alle esperienze di vita, potenzialmente compresi gli episodi psicotici vissuti in tempi recenti, può essere accomodata in un senso continuo del sé.

Cioè, man mano che la convivenza con una malattia psicotica continua, la visione di sé può espandersi per integrare queste esperienze come parte di sé. Il lavoro futuro può affrontare se il senso di unità diacronica persiste durante o immediatamente dopo una pausa psicotica, quando il funzionamento sincronico è gravemente interrotto.

Un lavoro recente con pazienti acutamente psicotici ha mostrato che la diacronicità futura (essere la stessa persona nel futuro) era più disturbata della diacronicità passata, e collegata alla gravità dei sintomi psicotici (Sokol e Serper, 2019).

 

Controlli e confronti fra pazienti DDI e individui sani

È interessante notare che ci sono state alcune differenze tra i campioni di bambini e adulti, con modelli comparabili per i confronti sani e i pazienti DDI. Gli adulti hanno indicato relativamente più frequentemente la sensazione di essere la stessa persona nonostante siano cambiati molto.

Tuttavia, i bambini di confronto e i partecipanti DDI nei loro stati d’identità infantile affermavano questa categoria in misura molto minore, e indicavano in modo più preponderante di essere una persona diversa e di essere cambiati molto.

Questi campioni di bambini erano anche diversi dai bambini simulatori, che erano più inclini all’unità. Apparentemente come i bambini (Bird e Reese, 2008), negli stati di identità DDI bambini, i pazienti percepiscono il loro senso di sé come più fluido e meno coerente nel tempo.

Per entrambi gli stati DDI, si può concludere che mentre gli stati di identità dissociativa possono sembrare avere una coesione e una coerenza, con la loro unica esperienza di autocoscienza, il loro grado di autonomia e di individuazione, e modi caratteristici di impegnarsi con se stessi, gli altri e il mondo, almeno per una parte considerevole, non sperimentano un senso continuo e solidificato di essere lo stesso sé nel tempo.

Tuttavia, l’esperienza di disunità non era unica per i DDI, con circa la metà dei confronti dei bambini, circa un terzo dei confronti degli adulti e circa un quarto dei pazienti con psicosi che riportavano un senso di disunione del sé negli ultimi 5 anni.

 

Punti di forza e di debolezza dello studio

Nonostante lo studio attuale ha fornito un’ampia panoramica della diacronicità relativa al DDI, va notato che la disunità diacronica non nega la possibilità che alla base di coloro con DDI, per esempio, esista un senso di sé più profondo e unificato, da cui scaturisce l’esperienza di diversi stati di identità dissociativa e le loro prospettive individuali sul senso di sé nel tempo (Braude, 1995).

Per esempio, anche in coloro che riferiscono di essere una persona diversa ora rispetto a 5 anni fa, non negano che le esperienze ricordate 5 anni fa siano le loro. Quindi, ad un certo livello riconoscono le esperienze come proprie, ma sentono che il sé che le ha vissute era diverso dal sé che sono ora.

Questo suggerisce che un altro livello o forma di auto-rappresentazione opera al di là di quello valutato dalla diacronicità. Il lavoro futuro dovrebbe determinare se gli individui con DDI che sperimentano più unità diacronica o più disunità sono quelli in cui la terapia è più avanti.

Da un lato, l’auto-confusione, insieme ai sintomi dissociativi acuti, può essere spesso presente durante le prime fasi della terapia, quando la persona può lottare con la capacità di auto-riflessione e non ha modo di ancorarsi alla sua esperienza interna e lotta con lo sviluppo di una valutazione meta-cognitiva di chi è (Putnam, 1997; Huntjens et al., 2019).

Qui, un senso di sé come diverso nel tempo (cioè, disunità diacronica) può essere un default, poiché la disorganizzazione interna rende la continuità difficile da afferrare. Col tempo, la terapia può aiutare a creare un senso di sé più integrato e singolare.

D’altra parte, la terapia può però sconvolgere il senso di auto-continuità del paziente in diversi stati nel tempo, mentre aumentano gli sforzi per creare un senso di auto-continuità per tutte le identità come un tutto continuum unificato (Kluft, 1993). In altre parole, una terapia di successo che porta integrazione richiede la decostruzione di unità diacroniche multiple in un’unità più singola (Radden, 1996).

 

Prospettive future sullo studio del DDI

In studi futuri, possono essere indagati altri aspetti dell’auto-confusione che possono contribuire a quella riportata nella DDI e, in misura minore, nel campione delle psicosi. Questo include il lavoro sul funzionamento sincronico, il senso di unità in un momento nel tempo e attraverso i diversi ruoli nella vita (Radden, 1999), poiché ugualmente o più dell’unità diacronica, questo processo può essere ostacolato nella DDI.

Indicizzare sistematicamente le linee della perturbazione dell’identità riportata nei DDI con le relative alterazioni nell’affetto, nel comportamento, nella coscienza e nella cognizione, usando strumenti ben validati, sarà la quintessenza per cogliere appieno la fonte dell’auto-confusione nei DDI. Per ridurre qualsiasi impatto dell’ordinamento, il lavoro futuro potrebbe anche randomizzare nel campione DDI quale identità completa lo studio per prima, dato che lo studio attuale ha sempre fatto impegnare l’identità adulta seguita da quella infantile.

Infine, il lavoro futuro dovrebbe affinare la precisione dei risultati utilizzando gruppi di adulti di pari età e sesso. Il campione DDI era più vecchio dei controlli adulti e dei gruppi di psicosi, e coerentemente con la composizione demografica dei DDI e delle psicosi riportata in letteratura, il primo gruppo era principalmente femminile e il secondo campione era in maggioranza maschile. L’età, per esempio, risulta avere un effetto positivo sulla chiarezza del concetto di sé (per esempio, Diehl e Hay, 2011) e il genere (essere maschio) risulta avere un piccolo effetto su una maggiore chiarezza del concetto di sé (Cicero, 2020).

 

Conclusioni

In sintesi, la disunità diacronica non era limitata a quelli con malattie psichiatriche e circa la metà di quelli con DDI ha riportato la disunità nei loro stati di bambino e adulto. I pazienti dissociativi possono riferire clinicamente che ogni stato di identità ha il proprio senso di sé più o meno integrato.

Questo è il caso dello studio attuale in cui i pazienti hanno riferito un senso di sé unico e personale in ogni stato d’identità selezionato, una visione unica dell’età di quell’identità, e hanno avuto la capacità di passare da un’identità all’altra su richiesta, quindi hanno avuto almeno un rudimentale senso di controllo e volontà.

Tuttavia, nei due stati di identità  in questo studio, i pazienti DDI non sperimentavano universalmente se stessi come se avessero un senso di sé coerente nel tempo. Studi futuri dovranno delineare il possibile ruolo della terapia nel migliorare la coerenza del senso di sé passato, presente e futuro dei pazienti.

 

Vuoi approfondire il tema della dissociazione?

▶️CLICCA QUI e scopri tutti i nostri corsi sul tema

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Dorahy, Martin & Huntjens, Rafaële & Marsh, Rosemary & Johnson, Brooke & Fox, Kate & Middleton, Warwick. (2021). The Sense of Self Over Time: Assessing Diachronicity in Dissociative Identity Disorder, Psychosis and Healthy Comparison Groups. Frontiers in Psychology. 12. 620063. 10.3389/fpsyg.2021.620063.

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>