Destigmatizzare la terapia del trauma

terapia del trauma

Sembra ironico che dopo che Freud, come neurologo, ha abbandonato i suoi studi sul funzionamento del cervello per sostituirli con gli studi sull’inconscio – e che ha effettivamente abbandonato i suoi studi sulla traumatizzazione – il mondo della terapia del trauma stia arrivando ad un punto paragonabile a quello da cui lui è partito: la comprensione del cervello come base della comprensione della mente.

La terapia del trauma sta facendo leva sulle neuroscienze. Infatti, avere una comprensione di come la traumatizzazione influenzi il cervello non solo aiuta a smantellare le comuni concezioni errate e a fermare le dichiarazioni di colpevolizzazione. Ma spiega anche molti dei comportamenti e delle esperienze comuni dei sopravvissuti che sperimentano eventi eccessivamente stressanti o circostanze prolungate intensamente disregolate.

Dopo essersi concentrati sul trattamento del cervello con i farmaci (medicine), e della mente con le parole (talk therapy), oggi i neuroscienziati hanno ampliato il campo d’azione. Stanno studiando gli aspetti molecolari, cellulari, di sviluppo, strutturali, funzionali, evolutivi, computazionali, psicosociali e medici del sistema nervoso.

 

Terapia del trauma e neuroscienze: un po’ di storia

Questi progressi stanno finalmente trovando soluzioni negli stessi modi in cui il padre della psicologia cercava di trovarle quasi cento anni fa. Wilhelm Wundt (1832-1920), medico, fisiologo e filosofo, iniziò il suo interesse per il comportamento umano come assistente di Hermann Helmholtz, uno dei principali fondatori della fisiologia sperimentale, quando la psicologia faceva parte della filosofia e della biologia. Helmholtz era interessato alla neurofisiologia e stava conducendo studi sul sistema nervoso e sulla velocità di trasmissione neurale. Questo influenzò Wundt ad utilizzare le attrezzature del laboratorio di fisiologia per condurre i suoi studi, che lo aiutarono a fondare il primo laboratorio formale per la ricerca psicologica nel 1879.

Molti altri scienziati del XIX secolo stavano studiando il funzionamento del cervello in modi che aiutarono la metodologia e il trattamento della psicologia a svilupparsi. Sfortunatamente, si pensava che gli elettroshock e le lobotomie offrissero grandi soluzioni e screditarono gli studi in seguito.

Con la creazione della psicoanalisi – e la forte personalità di Freud – la maggior parte dell’attenzione si spostò dal laboratorio al divano, e dal cervello all’esplorazione dell’inconscio e, quindi, del mondo dei pensieri.

 

Strumenti moderni per la terapia del trauma nelle neuroscienze

Nello stesso decennio in cui fu fondato l’Istituto Psicoanalitico di Berlino (1920), Hans Berger – un neurologo e psichiatra tedesco – pubblicò per la prima volta nella storia i dati dell’elettroencefalogramma umano (EEG). Descrisse un modello di attività elettrica oscillante registrata dallo scalpo umano e dimostrò che le alterazioni della coscienza sono correlate ai cambiamenti dell’EEG.

Berger riteneva che l’EEG potesse essere utile dal punto di vista diagnostico e terapeutico, misurando l’impatto degli interventi, pensando che l’EEG fosse analogo all’ECG (elettrocardiogramma). Questo tipo di indagine è stato tagliato fuori dal mondo psichiatrico per ragioni che sfuggono alla mia comprensione.

Non sarebbe logico pensare che se ogni medico normale usa la tecnologia per le diagnosi come l’ECG, ogni professionista della salute mentale userebbe lo stesso tipo di supporto per avere una migliore comprensione di come funziona il cervello?

È stato solo all’inizio degli anni ’70 che le scoperte sulla relazione tra cervello e mente hanno cominciato a dare i loro frutti. Le neuroscienze e i progressi nella neuroimmagine hanno contribuito in un modo che permette ai professionisti della salute mentale di rendersi conto che la comprensione del cervello aggiunge prospettiva alle modalità terapeutiche che già esistono, e le completa.

 

Diagnosticare il trauma

Esaminando la letteratura sulla psicoterapia, l’importanza del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) dalla sua creazione nel 1952 è notevole. L’attuale DSM-5 è uscito dopo quattordici anni di discussioni – e critiche battagliere – basate su tutte le esperienze precedenti per regolare la valutazione delle difficoltà mentali.

Eppure, alcuni professionisti affermano che quest’ultima versione è probabilmente quella a cui i clinici hanno dato meno attenzione. Questo perché è la meno utile per il trattamento dei problemi mentali (Pickersgill, 2013). Abbiamo visto molti sintomi e disturbi andare e venire nelle diverse versioni del manuale. E siamo ancora persi in termini di identificazione di ciò che è normale, ciò che è trattabile, ciò che è deviante, e ciò che dovrebbe essere coperto dall’assicurazione come una condizione mentale curabile. Persino le compagnie di assicurazione hanno smesso di usarlo per classificare i disturbi fatturabili, usando invece il manuale dell’OMS.

 

Il DSM, la traumatizzazione e le conseguenze sul sistema nervoso

Il problema con il DSM non è se troviamo un consenso su come chiamare o classificare il comportamento umano. Il problema è che il DSM è ciò che stabilisce il tono per lo sviluppo dei trattamenti. Possiamo prendere le parole di Walker & Kulkarni della Monash University, che hanno scritto quanto segue sul Disturbo Borderline di Personalità: “Il BPD è meglio pensato come un disturbo dello spettro del trauma – simile al PTSD cronico o complesso“. Questo è anche il caso di molti altri disturbi che vengono trattati come difetti della personalità o del comportamento invece di affrontare l’origine del problema come traumatizzazione e problemi nel funzionamento del cervello e del sistema nervoso.

Nassir Ghaemi, autore e professore di psichiatria alla Tufts e alla Harvard University School of Medicine chiama il DSM un fallimento. Afferma che il “DSM-5 è basato su definizioni non scientifiche che la leadership della professione si rifiuta di cambiare sulla base della ricerca scientifica“. C’è una chiara connessione tra questa dichiarazione e il fatto che il DSM si rifiuta di riconoscere la traumatizzazione e le sue conseguenze sul sistema nervoso, oltre a ignorare la rilevanza fenomenologica del trauma nell’ambito della salute mentale.

Soprattutto a causa di questo, la maggior parte delle terapie (e dei terapeuti) non sono ancora passati dal trattamento dei comportamenti e dei pensieri al trattamento di ciò che spinge queste azioni e modi di pensare. Affinché il trattamento abbia successo, insieme all’identificazione della disregolazione del sistema nervoso autonomo (ANS), è necessario includere nella terapia del trauma:

  • le alterazioni delle funzioni cerebrali;
  • tutti gli aspetti della personalità;
  • le esperienze emotive;
  • i processi di pensiero.

 

Diversi tipi di trauma: trauma da attaccamento

Parte della sfida della terapia del trauma è riconoscere il tipo di alterazioni di cui soffre la persona. Non contiamo abbastanza diagnosi per usarle come mappe. I terapeuti del trauma hanno bisogno di andare in profondità nell’indagare le circostanze per scoprire che tipo di traumatizzazione il paziente ha dovuto subire.

Allo stesso modo, ci sono diversi eventi che causano un trauma. Ci sono diversi tipi di manifestazioni di traumatizzazione, a seconda di quale ramo dell’ANS è stato più danneggiato e ha subito alterazioni più gravi.

Se il caregiver è emotivamente assente anche se premuroso e dedicato, il bambino può soffrire di una mancanza di sintonia e sviluppare un trauma da attaccamento. Questo tipo di traumatizzazione può passare inosservato per anni e ha conseguenze terribili nella salute e nella salute mentale della persona che non ha mai imparato a regolare l’equilibrio tra i rami dell’ANS.

Quando ci sono pochi concetti, ma soprattutto sensazioni corporee disturbanti e bisogni emotivi, non ricevere una risposta a un disagio – come la fame – o non farsi consolare dalla disperazione del bambino, potrebbe essere fondamentale e seminare la radice del trauma dello sviluppo. Il sistema nervoso rimane in costante confusione. Sente il bisogno di attaccarsi. E la paura del rifiuto attiva eccessivamente il sistema nervoso parasimpatico, rimanendo a lungo in modalità di immobilizzazione. Questo causa problemi di sviluppo del cervello, dissociazione, umore depressivo, difficoltà di apprendimento, ecc.

 

Trauma complesso e trauma storico

Se gli eventi stressanti sono ricorrenti e per un periodo prolungato nella vita, la traumatizzazione può essere significativa. Sarà come se gli eventi fossero terribili e può essere l’origine dello sviluppo del trauma complesso. Questo tipo di traumatizzazione può avere uno dei due rami dell’ANS che prevale sull’altro e presenta estremi di iper o ipo eccitazione.

Se qualcuno teme l’impatto della sua partecipazione alla società a causa del colore della sua pelle, può essere in corso un trauma razziale. L’ANS manifesta un’attivazione simile al trauma complesso, ma l’espressione sembra essere più acuta.

La vergogna o la confusione del bambino riguardo ai suoi genitori o alle generazioni precedenti può evolvere come trauma storico o intergenerazionale. Questo accade nei casi in cui:

  • gli alti livelli di ansia di un genitore interferiscono significativamente con il progresso dello sviluppo del bambino;
  • l’immagine di sé e le relazioni oggettuali del bambino sono influenzate dall’immagine dei genitori.

Quando una persona soffre di diversi tipi di traumatizzazione all’inizio della vita, la combinazione della disregolazione e le sue manifestazioni comportamentali combinate con il temperamento possono finire per manifestarsi come disturbi della personalità.

 

Terapia del trauma e neurobiologia

Il trattamento del trauma è informato dalle conseguenze dell’alterazione dell’ANS dopo la traumatizzazione e procede di conseguenza. I sintomi sono trattati come componenti della terapia del trauma e non come disturbi separati. La modalità scelta dipende dall’area che deve essere migliorata (cognizione, affetto, memoria, identità, agency, umore, ecc.) e dalla fase in cui si trova il trattamento.

Ruth Lanius è una delle cliniche che sta usando tutti i tipi di modalità con i suoi clienti, tra cui EEG e neurofeedback (NFB) come base per capire il cervello e regolarlo. È la direttrice dell’unità di ricerca sul PTSD all’Università dell’Ontario Occidentale. Conduce ricerche incentrate sullo studio della neurobiologia del PTSD e sui risultati del trattamento, esaminando vari metodi farmacologici e psicoterapeutici. Sta presentando grandi risultati riprogrammando il funzionamento del cervello con NFB tra gli altri.

La terapia del trauma lavora contro lo stigma della salute mentale. Infatti, si propone di riparare il malfunzionamento di alcune aree del sistema. E non lavora sulla ricerca dei difetti del carattere e sulla correzione della persona “difettosa”. Usando una lente compassionevole e scientifica, la terapia del trauma aiuta i clienti a sviluppare auto-compassione e accettazione, e a recuperare la loro vita.

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Ms Antonieta Contreras per www.therapyroute.com

 

Corsi correlati

Corso Online
20 ECM
Spedizione inclusa
Curare le Ferite Familiari del Divorzio
La live si terrà il 08 marzo 2023
287€ 229.6€
o 38 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Ansia e Depressione
Compassion Focused Therapy – Training Avanzato 2° livello
La live si terrà il 31 marzo 2023
289€ 249€
o 42 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Disturbi Cognitivi
Schema Therapy e Disturbo Ossessivo-Compulsivo
Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è caratterizzato da pensieri, immagini o impulsi...
Disturbi da Ansia e Stress
L’efficacia della terapia di Neurofeedback sull’Ansia sociale e sulla Ruminazione
Ansia sociale e Ruminazione Le pressioni psicologiche causate dalla vita moderna e i rapidi...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0