Disturbi alimentari negli adolescenti: fattore di rischio per la depressione e il bullismo

I risultati di uno studio prospettico longitudinale indicano che modelli alimentari disordinati negli adolescenti sono un fattore di rischio per la depressione futura e il bullismo da parte dei coetanei, con conseguenze simili per ragazze e ragazzi.

Il disturbo alimentare è stato significativamente associato a futuri sintomi depressivi, con coefficienti di correlazione che vanno da 0,15 a 0,48 (P<0,01) in vari punti durante i 5 anni di follow-up, allo stesso modo, il disordine alimentare è stato significativamente associato al bullismo da parte dei coetanei.

Sebbene i disturbi del comportamento alimentare (DCA) , come l’anoressia nervosa, la bulimia nervosa e i disturbi alimentari, siano più diffuse tra le ragazze adolescenti, le conseguenze a lungo termine per entrambi i sessi, sono risultati simili.

I dati relativi a 612 ragazzi e ragazze adolescenti di età compresa tra i 13 e i 17 anni sono stati raccolti nell’ambito dell’attuale studio canadese McMaster Teen Study, che esamina le associazioni tra bullismo, salute mentale e risultati accademici. L’età media dei partecipanti era di 13 anni, il 54% ragazze e il 71% erano caucasi.

I dati sono stati acquisiti mediante questionari di autovalutazione dagli studenti. Le percezioni di bullismo sono state valutate sulla base di una definizione standard che utilizza una scala di cinque punti. Attraverso lo Short Screen for Eating Disorders sono stati valutati i comportamenti alimentari clinicamente significativi come: “quante volte mangi in segreto” e “quante volte vomiti di proposito dopo aver mangiato”. Il “Behavior Assessment System for Children”è stato usato per valutare i sintomi depressivi.

Mentre gli studi precedenti si sono concentrati sul disordine alimentare e sul pensiero depressivo come conseguenza del bullismo, quest’ analisi ha esaminato i pensieri depressivi e il disordine alimentare come antecedenti, ed i risultati  affermano l’idea di un “percorso basato sui sintomi, per cui i sintomi psicopatologici preesistenti possono aggravare il rischio di essere vittima di bullismo”.

Studi precedenti avevano già rilevato che i sintomi depressivi sono un fattore di rischio per il bullismo da parte di coetanei, ma questo è il primo studio che evidenzia come i DCA possono divenire fattore di rischio per il bullismo in un campione non clinico di adolescenti.

Fattori ambientali e biologici correlati possono predisporre gli adolescenti alla depressione e a un’alimentazione disordinata. Entrambe le condizioni “sono state associate a una bassa produzione di serotonina, che modula la sazietà e l’umore”.

secondo gli autori:

“Psicologicamente, le richieste sociali di “perfezionismo” e il non riuscire a soddisfare tali aspettative, sembrerebbe stimolare il pensiero depressivo e agiscono come un ponte tra le due condizioni. Inoltre, i disordini alimentari sono legati a più ampi problemi comportamentali ed emotivi che possono rendere gli adolescenti bersaglio di bullismo.

Sono oltre tre milioni le persone in Italia convivono con i disturbi del comportamento alimentare (Dca), fra questi 2,3 milioni adolescenti.

I risultati sono stati limitati da diversi fattori, tra cui la non differenziazione dei diversi tipi di disturbi alimentari e l’uso test di auto-valutazione per il bullismo.Tuttavia, i risultati sostengono la necessità di focalizzarci sull’importanza dei comportamenti alimentari per contribuire a ridurre il rischio di altri problemi di salute mentale.

“Gli interventi nei DCA dovrebbero idealmente promuovere un sano comportamento di controllo del peso e favorire la consapevolezza,  così da provare a ridurre sintomatologie legate a tali disordini”

 

Copyright: LiquidPlan
Non riprodurre senza autorizzazione

 

Condizione Professionale

Seleziona la tua provincia

La tua Regione

Privacy Policy

0 responses on "Disturbi alimentari negli adolescenti: fattore di rischio per la depressione e il bullismo"

    Lascia un Messaggio

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Certificati di partecipazione
    Ogni corso rilascia l'attestato di partecipazione

    Corsi ondemand sempre tuoi
    Saranno tuoi a vita, sempre accessibili nella tua mediateca personale

    Dove vuoi, quando vuoi
    Corsi ondemand e webinar fruibili da pc, tablet e smartphone

    Qualità garantita
    Un'offerta formativa di alta qualità, pratica, spendibile, modulare

    © 2012-2018 Tutti i diritti riservati. FormazioneContinuaInPsicologia.it è di proprietà di Liquid Plan srl, p.iva 11818651009

    Possiamo aiutarti?

    Compila i seguenti campi per contattarci in caso di dubbi o problemi con i nostri servizi.

     

    Grazie!
    Ti ricontatteremo via email.