Accedi

Donne Vittime di Violenza e Compassion Focused Therapy

PTSD

La violenza del partner intimo (IPV), considerata una minaccia critica per la salute mentale, viola i diritti umani (Orang et al., 2018). È un’esperienza traumatica; tra le donne, oltre il 25% di queste  sperimenta alcuni tipi di violenza in una relazione intima (Jouriles et al., 2009; Nocentini et al., 2011).

L’IPV può verificarsi in ogni società, così come in tutte le donne, nonostante il loro livello intellettuale e sociale (Holmes, 2012) e il contesto culturale e regionale (Da Fonseca et al., 2011).

La situazione in Iran

Un’indagine condotta su donne iraniane sposate ha stimato la prevalenza complessiva di IPV di circa il 66%, in cui il 30% dei partecipanti ha subito almeno un atto di grave violenza fisica durante il matrimonio (Vameghi et al., 2013). Una recente revisione sistematica della violenza fisica ha proposto che la prevalenza dell’IPV fisico tra le donne iraniane sia di circa il 23% (Adineh et al., 2016).

L’esito più dannoso dell’IPV è il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) (Orang, 2018). Il disturbo da stress post-traumatico comprende quattro categorie di sintomi tra cui intrusione, evitamento, alterazioni negative della cognizione e dell’umore e alterazioni dell’eccitazione e della reattività (DSM-5) (American Psychiatric Association, 2013).

Il suicidio

Una delle conseguenze negative significative dell’esposizione al trauma è l’ideazione suicidaria (SI). L’ideazione suicidaria, nota anche come pensieri suicidi, è un costrutto cognitivo che viene specificato pensando alla morte e al desiderio di morire (Bantjes et al., 2016).

Steer et al. (1993) hanno definito diverse componenti dell’IS come ideazione suicidaria attiva, ideazione suicidaria passiva e preparazione al suicidio. L’ideazione suicidaria attiva è stata definita come un “desiderio di compiere un tentativo di suicidio attivo”, mentre l’ideazione suicidaria passiva è stata considerata come un desiderio di essere morto senza alcuna intenzione di prendere provvedimenti per porre fine alla propria vita (Beck et al. , 1979b).

In termini di preparazione al suicidio, gli ideatori di suicidio che si preparano per tentare il suicidio si impegnerebbero in vari comportamenti che vanno dalla determinazione degli ulteriori modi disponibili per tentare effettivamente il suicidio all’identificazione di ciò che verrà organizzato dopo la loro morte (Steer et al. ., 1993).

Le distorsioni nella cognizione

Un’altra conseguenza negativa dell’esposizione alla violenza sono le distorsioni cognitive (CD). A questo proposito, Koss e Figuerdo (2004) hanno riportato il ruolo significativo dei fattori cognitivi nell’esordio, nella gravità e nell’esito del PTSD a seguito di aggressione sessuale. Questi fattori includono la sconfitta mentale e la confusione, la valutazione negativa delle emozioni e dei sintomi, l’evitamento e le risposte negative percepite dagli altri (Dunmore et al., 1999).

Il modello cognitivo della psicopatologia (Beck, 1976; Beck et al., 1979a) considera il ruolo centrale del pensiero nell’elicitazione e nel mantenimento di comportamenti o emozioni disturbanti. Questo modello suggerisce diversi livelli di elaborazione cognitiva (vedi Beck & Clark, 1997). Soflau e David (2017) hanno considerato il livello non volitivo e superficiale delle cognizioni coscienti come pensieri automatici che possono venire in mente sotto forma di spiegazioni, inferenze o valutazioni specifiche della situazione.

I pensieri automatici

Questi pensieri sono interpretati erroneamente dalle distorsioni cognitive (Beck et al., 1979a). Di conseguenza, Cromer e Smyth (2010) hanno mostrato una significativa associazione positiva tra l’esperienza di eventi traumatici, in particolare l’esposizione alla violenza interpersonale, e lo sviluppo di distorsioni cognitive.

Questi ricercatori hanno indicato che la violenza interpersonale predice cognizioni negative sul sé, sul mondo e anche sul senso di colpa. Più specificamente, l’IPV, che è un tipo di trauma interpersonale, è stato giudicato nel suo ruolo chiave nel predire lo sviluppo di distorsioni cognitive (Cox et al., 2014; Torres et al., 2013).

Compassion Focused Therapy

La terapia basata sulla compassione (CFT) sviluppata da Gilbert (2009) enfatizza le esperienze emotive a seguito di difficoltà psicologiche. La CFT è stata definita come un approccio cognitivo-comportamentale unico e basato sull’accettazione che si basa sulla psicologia evolutiva, sulle neuroscienze e sulla tradizione buddista (Gilbert, 2009).

Gilbert e i suoi colleghi hanno fornito diverse componenti della compassione tra cui la cura e la preoccupazione per il benessere degli altri; simpatia ed empatia; riconoscimento e tolleranza del dolore altrui senza comportamenti di giudizio verso quella condizione; e il calore emotivo che pervade le altre sfaccettature della compassione.

 

Compassion Focused Therapy – Training di 1° livello

Flourishing emotivo e adattamento psicologico positivo

Sebbene l’autocompassione sia un costrutto buddista nelle sue origini, può offrire informazioni sullo  sviluppo psicologico umano in generale e può avere vantaggi rispetto all’autostima come ideale di salute mentale (Neff, 2003; Neff & Vonk, 2009).

Un numero crescente di ricerche ha collegato l’auto-compassione al funzionamento psicologico adattivo (ad esempio, Maheux & Price, 2015; Neely et al., 2009; Neff et al., 2005). In particolare, Chang et al. (2016) hanno studiato il ruolo di mediazione dell’autocompassione nell’associazione tra eventi negativi della vita e rischio di suicidio tra gli studenti universitari; hanno sostenuto che ci sono aspetti specifici dell’autocompassione che spiegano il legame tra eventi della vita negativi e rischio di suicidio. Coerentemente con questo risultato, Rabon et al. (2019) hanno sostenuto che l’autocompassione può ridurre il rischio di suicidio diminuendo la depressione e la rabbia degli individui.

PTSD e donne traumatizzate

Finora, numerosi studi (ad es. Boykin et al. 2018; Karatzias et al. 2019; Scoglio et al. 2018) hanno mostrato la relazione significativa tra autocompassione e sintomi di PTSD nelle donne traumatizzate. In particolare, McLean et al. (2018) hanno studiato la violenza sessuale e sono giunti al risultato che l’autocompassione può essere utilizzata come uno strumenti valido per il trattamento del trauma.

Questo studio mira a valutare le differenze pre e post intervento nell’ideazione suicidaria e nelle distorsioni cognitive nella CFT; oltre a confrontare il miglioramento psicologico nel gruppo sperimentale con un gruppo di controllo.

Partecipanti e procedura

Abbiamo reclutato donne con disturbo da stress post-traumatico in seguito all’esposizione a IPV nella città di Gilan Gharb, Iran. I criteri includevano l’esperienza di IPV, una diagnosi primaria di PTSD, avere almeno un’istruzione secondaria e un’età compresa tra 18 e 60 anni.

I criteri di esclusione includevano la presenza di disturbo depressivo maggiore (MDD) per minimizzare l’impatto sostanziale di MDD sulle variabili dipendenti (ad es. Haagsma et al., 2015) (a questo proposito abbiamo escluso i pazienti con disturbo da stress post-traumatico a cui era stata diagnosticata una MDD in comorbidità, tuttavia, non sono stati esclusi quei pazienti con sintomi di depressione), disturbo distimico, disturbo bipolare o psicosi (sulla base della revisione dei referti clinici medici e dell’autovalutazione), abuso di alcol e altre droghe.

I partecipanti sono stati invitati ad un colloquio faccia a faccia. In questa intervista (N=245), gli individui hanno completato la scala Mississippi PTSD. Coloro che hanno ottenuto un punteggio superiore a 103 (N = 64), sono stati valutati utilizzando SCID-5-RV in termini di PTSD e MDD. Un totale di 16 individui sono stati esclusi per la presenza di MDD.

I gruppi sperimentali

I soggetti sono stati randomizzati ai due gruppi: sperimentale o di controllo. A questo proposito, è stata utilizzata una strategia computerizzata di randomizzazione a blocchi per dividere i partecipanti in due gruppi di uguali dimensioni.

I ricercatori hanno escluso 6 partecipanti dopo aver completato lo studio perché non hanno partecipato a tutte le sessioni o non soddisfacevano i requisiti dello studio. La dimensione del campione finale era di 42 donne (21 per gruppo).

Procedura

A tutti i partecipanti è stato richiesto di completare i questionari sull’ideazione suicidaria e le distorsioni cognitive come misure pre-test; quindi, la CFT è stata eseguita in gruppo per il gruppo sperimentale attraverso 8 sessioni e ciascuna sessione ha richiesto circa 2 ore. Successivamente, tutti i soggetti hanno risposto ai questionari sull’ideazione suicidaria e le distorsioni cognitive come misure post-test.

Al gruppo di controllo è stato detto che avrebbero ricevuto la terapia 20 giorni dopo (la data stabilita è stata stimata dopo il completamento dello studio) e il gruppo di controllo ha ricevuto gratuitamente la terapia cognitivo-comportamentale di gruppo (CBGT) per il trattamento del disturbo da stress post-traumatico.

Le misure

Intervista clinica strutturata (SCID-5-RV): l’intervista clinica strutturata per DSM-5 (SCID-5) è un’intervista semistrutturata che aiuta i medici a fare diagnosi sulla base del DSM-5. Nel presente studio, i moduli sul PTSD e su MDD sono stati somministrati per la valutazione.

Scala del disturbo da stress post-traumatico: questa scala di autovalutazione è stata sviluppata da Keane et al. (1988) e viene utilizzato per valutare la gravità dei sintomi del PTSD. È composto da 35 voci che sono classificate in 5 sottoscale di esperienza, distacco, intorpidimento, sovrastimolazione e autolesionismo.

Cognitive Distortions Questionnaire (CDQ): questo questionario è stato sviluppato da Abdollah Zade e Salaar (2010) per valutare 10 tipi di distorsioni cognitive tra cui lettura della mente, catastrofismo, pensiero tutto o niente, ragionamento emotivo, etichettatura, filtraggio mentale, sovrageneralizzazione, personalizzazione.

Scala Beck per l’ideazione suicidaria (BSSI): questa scala è stata sviluppata da Beck et al. (1979) per valutare l’intensità attuale delle opinioni, dei comportamenti e dei piani di suicidio specifici degli individui. questa scala misura tre dimensioni dell’ideazione suicidaria, inclusa l’ideazione suicidaria passiva, la preparazione al suicidio, e ideazione suicidaria attiva.

Piano di analisi statistica

La CFT era la variabile indipendente, come pure l’ideazione suicidaria e le distorsioni cognitive. Considerando la correlazione significativa (p < .01, r = –.51) tra i due indici di ideazione suicidaria e distorsioni cognitive, abbiamo sottoposto i punteggi dell’ideazione suicidaria e delle distorsioni cognitive dei gruppi sperimentali e di controllo all’analisi statistica MANVOA.

Inoltre, abbiamo valutato le tre componenti dell’ideazione suicidaria secondo BSSI. A questo proposito, abbiamo presentato i punteggi dei desideri suicidi passivi, i piani specifici per il suicidio e gli elementi del desiderio suicidario attivo in una MANOVA di misure ripetute unidirezionale per valutare le differenze tra i gruppi sperimentali e di controllo in termini di efficacia della CFT.

Risultati

Sebbene le dimensioni del campione fossero piccole, i gruppi sperimentali e di controllo erano ampiamente comparabili in termini di variabili demografiche chiave, tra cui età, livello di istruzione, stato economico e stato lavorativo. Inoltre, i due gruppi non differivano significativamente sulla scala di base del Mississippi PTSD, F(1,40) = 1,53, p = .33; BSSI, F(1,40) = .012, p = .91; o CDQ, F(1,40) = 3,96, p = .053.

L’analisi statistica ha indicato che il gruppo sperimentale e quello di controllo differivano significativamente in termini di ideazione suicidaria, F(1,40) =7,43, p=0,009, ηp2 = 0,15; e distorsioni cognitive, F(1,40) = 11.03, p = 0.002, ηp2 = .21; quelli nel gruppo sperimentale hanno avuto una maggiore riduzione dei livelli di ideazione suicidaria e distorsioni cognitive rispetto al gruppo di controllo. Inoltre, i punteggi pre e post test differivano significativamente in termini di ideazione suicidaria, F(1,40) = 23,20, p<.001, ηp2 = .36, e distorsioni cognitive, F(1,40) = 54,51, p < .001, ηp2 = .57.

Inoltre, i punteggi post-test delle distorsioni cognitive sono aumentati maggiormente nel gruppo sperimentale rispetto ai controlli, il che rappresenta la significativa riduzione del livello di distorsioni cognitive nel gruppo sperimentale rispetto ai controlli, secondo la struttura di punteggio del CDQ.

Discussione

Ci sono stati miglioramenti positivi da moderati a grandi circa l’ideazione suicidaria e le sue sottoscale, tra cui una riduzione dell’ideazione suicidaria passiva, della preparazione al suicidio e l’ideazione suicidaria attiva, nonché sulle distorsioni cognitive nelle valutazioni pre e post trattamento rispetto al campione di controllo.

I risultati osservati rappresentano un primo passo promettente nel determinare se la CFT può in definitiva migliorare gli esiti psicologici come l’ideazione suicidaria e le distorsioni cognitive nelle donne affette da IPV con PTSD, sebbene siano necessari ulteriori studi.

Le evidenze

Questi risultati sono generalmente coerenti con la letteratura esistente sull’efficacia degli interventi incentrati sulla compassione sulla modifica dell’ideazione suicidaria e delle distorsioni cognitive (ad esempio, Hamrick & Owens, 2019; Perez-Blasco, 2016; Rabon et al., 2019).

Questo è il primo studio a concentrarsi specificamente sull’effetto della CFT sulla modifica dell’ideazione suicidaria e delle distorsioni cognitive nei pazienti con PTSD.

I limiti

Questa tipologia di studio aveva diversi limiti. In primo luogo, per quanto riguarda gli alti tassi di comorbilità tra PTSD e MDD, è probabile che l’esclusione dei partecipanti con diagnosi di MDD in comorbilità possa aver distorto il campione in qualche modo, probabilmente verso una minore gravità clinica.

In secondo luogo, questo studio è stato condotto con sopravvissuti a traumi iraniani. Data l’influenza dei fattori culturali sui processi alla base del disturbo da stress post-traumatico (Jobson, 2009), dovrebbe essere condotto un ulteriore lavoro su campioni di sopravvissuti a traumi provenienti da altri background culturali.

Nonostante queste limitazioni, questo intervento diretto per le donne affette da IPV con PTSD ha avuto effetti benefici sull’ideazione suicidaria e sulle distorsioni cognitive in un periodo di tempo critico. Studi futuri potranno anche determinare se la CFT sia più efficace come trattamento autonomo o se combinata con approcci terapeutici consolidati come la terapia cognitivo-comportamentale (CBT).

Liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Daneshvar, S., Shafiei, M., & Basharpoor, S. (2020). Compassion-focused therapy: Proof of concept trial on suicidal ideation and cognitive distortions in female survivors of intimate partner violence with PTSD. Journal of interpersonal violence, 0886260520984265. https:// pubmed.ncbi .nlm.nih.gov/ 33375899/

Corsi correlati

Articoli correlati

Invecchiamento attivo / Riabilitazione cognitiva
L’importanza delle nonne nella vita dei loro nipoti
Molte persone piuttosto fortunate da essere cresciute con nonne affettuose, sanno che le nonne...
Invecchiamento attivo / Riabilitazione cognitiva
La Cinematerapia per favorire l’Integrità dell’Io negli Anziani in case di riposo
La popolazione di persone anziane, i tassi di nuclei familiari e l’occupazione femminile sono...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0