Accedi

Dov’è la felicità? Nuove luci sul ruolo del Precuneo

dov' la felicità precuneo

 

Da sempre abbiamo cercato la felicità un po ovunque, sulla terra, nella spiritualità; un team di ricercatori della Kyoto University hanno provato a cercarla nel nostro cervello.

Uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, mostra che individui che presentano (alla risonanza magnetica) un precuneo di dimensioni maggiori, tendono ad essere più felici e soddisfatti della propria vita, suggerendo un possibile punto di convergenza per sperimentare la felicità.

Il precuneus è una regione del lobulo parietale superiore. È nascosta nella fessura mediale longitudinale tra i due emisferi cerebrali. Viene anche chiamata “regione mediale della corteccia parietale superiori”.

dov'è la felicità

Coinvolta in molte funzioni cognitive di ordine superiori (Brain, 2006),  rimane comunque difficile capirne l’esatto ruolo, dal momento che le persone perdono la funzione del precuneus solo a causa di lesioni o ictus. Grazie alle neuroimmagini sappiamo che il precuneus è legato “alla coscienza, alla riflessione su se stessi e alla memoria episodica.” In altre parole, è probabilmente in parte responsabile della nostra capacità di vedere noi stessi in maniera cosciente, il pensiero, persona.

Nello studio, che ha coinvolto 51 partecipanti, sono stati valutati due parametri fondamentali: una componente emotiva ed una componente cognitiva. I partecipanti dovevano compilare un questionario in cui si cercava di misurare oggettivamente la felicità, tramite domande su quanto si sentivano felici, per determinare l’intensità delle loro emozioni, e per scoprire il grado di soddisfazione della loro vita.

I ricercatori hanno poi confrontato le informazioni raccolte sul campione con i risultati di una risonanza magnetica del cervello di ciascuno. È emerso che i soggetti tendenzialmente più felici avevano un precuneo di volume maggiore. Ma la dimensione del precuneo condiziona anche l’intensità della felicità, ovvero la capacità di percepirla più o meno intensamente.

La dimensione del precuneus può influenzare la felicità. Le scansioni MRI. Sato, et al, Scientific Reports
La dimensione del precuneus può influenzare la felicità. Le scansioni MRI. Sato, et al, scientifico Repor

“Certo, siamo lontani dal dichiarare che che la felicità risiede nel Precunueo, affermano i ricercatoti, tuttavia questa ricerca fa un po’ di luce sui circuiti neurali coinvolti nel fare esperienza della felicità”.

“Diversi studi hanno mostrato che attraverso la meditazione vi è un aumento di materia grigia proprio nel precuneo”.

Secondo gli autori

“Questa nuova visione del precuneo, in futuro potrebbero essere ideati programmi di intervento volti a massimizzare la nostra capacità di essere felici “

Corsi correlati

Corso Online
L’uso delle Carte nella pratica clinica
La live si terrà il 24 maggio 2023
147€
Iscriviti al corso
Mastercass
18 ECM
Terapia Familiare Sistemica efficace: tra evidenze e creatività
La live si terrà il 02 giugno 2023
249€ 199€
o 33 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

IFS Sistemi Familiari Interni
Che cos’è l’Internal Family Systems Therapy (IFS)?
Il modo in cui ci si presenta in una situazione può essere diverso da quello che si è in...
Adolescenti
Le Risorse Somatiche per la stabilizzazione dell’arousal nel trattamento di Bambini e Famiglie
Il trauma altera il normale funzionamento del sistema nervoso, portando a un’eccitazione...

One thought on “Dov’è la felicità? Nuove luci sul ruolo del Precuneo

  • Ricordo fin da bambina la paura di perdere i miei genitori era motivo di tristezza infelicità… con l’avanzare della mia vita il mio pensiero setacciando momenti del mio cammino la felicità veniva minata con la ricerca spirituale di status negativi.. quasi come se volessi distruggere la felicità.. come se non mi fosse permesso di essere felice
    Ora sono il là con gli anni e convivo tutti i giorni con l’infelicità tanto da ordire una trama dell’autodistruzione per fermare la tristezza. Non riesco più a socializzare nè provare emozioni vorrei che il piccolo barlume di gioia ” trasferirmi in una casetta al mare” ma l’autoterrorismo che scateno dentro di me …. mi rende l’ignoto oscuro.
    Mi hanno dato un’etichetta
    Sono bipolare.
    Armida

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>