Accedi

Empatia ed interocezione

emaptia ed interocezione

Devi davvero ascoltare il tuo cuore! Le persone che sono più consapevoli del loro battito cardiaco riescono a percepire meglio le emozioni delle persone che li circondano, questo quanto emerge da uno studio pubblicato su Cortex .

Riuscire a percepire i segnali provenienti dall’interno del corpo, come sentire il proprio cuore battere nel petto, è un processo chiamato interocezione. La vista di qualcosa che ci spaventa viene raccontata dal nostro corpo attraverso un aumento della frequenza cardiaca o dalla percezione del palmo della mano suadata. I ricercatori di questo studio hanno ipotizzato che l’interocezione sia un mezzo importante per capire, per entrare in empatia con gli altri.

L’idea da cui nasce questo studio è che se abbiamo difficoltà a distinguere le nostre emozioni, potremmo averne anche per interpretare le emozioni  e gli stati mentali  degli altri.

Empathy test

Per indagare quest’ipotesi il gruppo di ricerca dell’Università di Oxford, ha chiesto a 72 volontari di contare i loro battiti cardiaci, ma senza usare le dita. I partecipanti hanno poi visto video di varie interazioni sociali e gli sono state, quindi, poste alcune domande che hanno testato la loro capacità di dedurre gli stati mentali dei personaggi, come la paura.

I partecipanti più bravi a contare il proprio battito cardiaco hanno risposto meglio, dimostrando maggiore empatia.

“Erano più empatici”

dice Bird

Non erano però più bravi a rispondere a domande che non implicavano stati emotivi.

Suggerendo che la nostra capacità di interpretare i segnali dal nostro corpo, ci facilita nella comprensione degli altri quando la comprensione riguarda un’emozione.

Difficoltà interocettive, di contro, secondo i ricercatori, probabilmente svolgono un ruolo in una serie di condizioni come l’autismo e la schizofrenia.

Migliorare questa capacità, concludono, potrebbe contribuire ad alleviare alcuni sintomi.

“Questo studio  mostra  che le abilità interocettive sono impegnate in modi diversi per compiti diversi, ma queste relazioni sono probabilmente molto complesse, quindi sarebbe interessante guardare anche ad altre dimensioni dell’interocezione, come la respirazione”.

dice Anil Seth presso l’Università di Sussex a Brighton.

Secondo  Bird  le difficoltà interocettive protrebbero svolgere un ruolo in una serie di sintomi che sperimentato persone con autismo o schizofrenia.

Per esempio, alcune persone con autismo possono essere particolarmente scossi da forti rumori o luci. In uno stato di forte agitazione il cuore comincia a pulsare molto forte aumentanto il livello di eccitazione.

“Per ora è puramente teorico”, dice Bird, “ma se non riesci distinguere i segnali interni che insorgono da forti rumori e luci brillanti da altri che, invece sono legate al dolore, diviene possibile pensare che segnali [innocui] potrebbero essere interpretati come dolorosi “.

“Non è ancora stato mostrato se un training sull’interocezione possa in qualche modo migliorare anche la capacità di provare empatia, ma è un esperimento che vorremmo provare” aggiunge Bird.

empatia interocezione

Non sappiamo ancora quali effetti potrebbero avere un training sulla nostra capacità di discriminare tra le nostre emozioni e quelle di altre persone.

“Potrebbe migliorare la consapevolezza interocettiva per rendere più difficile la disattivazione dei propri sentimenti da quelli di altri”,

Difficoltà interocettive, inoltre, secondo i ricercatori, protrebbero svolgere un ruolo in una serie di condizioni come l’autismo e la schizofrenia. Migliorare questa capacità, concludono, potrebbe contribuire ad alleviarne i sintomi.

 

Fonte:

From heart to mind: Linking interoception, emotion, and theory of mind

Copyright: Psicologi@Lavoro
Non riprodurre senza autorizzazione

 

Corsi correlati

Corso Online
18 ECM
Certificazione Internazionale in Mindfulness, Edizione 02
La live si terrà il 11 ottobre 2024
277€ 227€
Iscriviti al corso
Corso Online
10 ECM
Identità e varianze di genere in Età Evolutiva
La live si terrà il 05 luglio 2024
137€
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Polyvagal Theory
Co-regolazione: come i nostri sistemi nervosi si parlano
Il concetto di co-regolazione si inserisce all’interno della Teoria polivagale, sviluppata da...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>