famiglie ricomposte intervista accordini

Famiglie Ricomposte: video intervista alla Dott.ssa Monica Accordini

Video intervista sulle famiglie ricomposte, statistica del fenomeno qui in Italia, trend e scenario professionale per gli psicologi.

Nel 2015 la quota di famiglie ricomposte dopo la fine del matrimonio ha superato il 30 per cento sul totale dei nuclei. Oggi quasi una famiglia su tre è composta da uno dei due genitori, dal nuovo compagno (o compagna) e da eventuali figli, di uno dei due o di entrambi.

In questa video intervista la dott. ssa Monica Accordini  ci parlerà degli elementi di particolare complessità che caratterizzano l’intervento psicologico sulle famiglie ricomposte, possibili miti e/o false credenze

Monica Accordini psicologa, dottore di ricerca in psicologia, ricercatore presso l’università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Si occupa di famiglie ricomposte da oltre un decennio ed è autrice di vari articoli scientifici e capitoli in volumi. È esercitatore di Metodi e tecniche di analisi della domanda presso la Facoltà di Psicologia dell’Università Cattolica di Milano. Curatrice, con Scott Browning, del libro “Ricomporre le famiglie: tra ferite e risorse” (Franco Angeli, Milano, 2017), Coautrice del testo ”La sfida delle famiglie ricomposte”

One thought on “Famiglie Ricomposte: video intervista alla Dott.ssa Monica Accordini

  • ho trovato molto interessante il concetto di rispetto dei tempi nella ricomposizione della famiglia . il fatto di non aspettare il tempo necessario nella ricomposizione crea la comparsa di figure invadenti , sul genere matrigna, perchè imposta e rischia di sfasciare tutta la situazione. ho una bambina in comune con un uomo anche straniero e vedo che lui ha fretta di introdurre la compagna, quando anche lui non ha nemmeno un rapporto significativo con mia figlia , a causa soprattutto di difficoltà linguistiche ma anche a causa di un assenza prolungata di anni. per dirla in altri termini, mia figlia non conosce per nulla il padre all’età di otto anni.

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>