Favorire la Crescita dopo un Trauma

Favorire la Crescita dopo un Trauma

Perché alcune persone sono più resilienti di altre e si può insegnare?

Mentre Kay Wilson lottava per farsi strada in un bosco di Gerusalemme dopo essere stata ripetutamente pugnalata da un terrorista palestinese, si distraeva dalla sua agonia suonando nella sua mente la canzone “Somewhere Over the Rainbow“, componendo un nuovo arrangiamento per pianoforte mentre lottava per respirare e si costringeva a mettere un piede nudo davanti all’altro.

Kay, all’epoca 46enne, lavorava come guida turistica quando, il 18 dicembre 2010, lei e un’amica caddero in un’imboscata terroristica. Kay ha assistito all’omicidio dell’amico ed è stata a sua volta ferocemente pugnalata con un machete, finendo per fingersi morta mentre l’aggressore le conficcava il coltello nel petto per l’ultima volta.

Alla fine si è ripresa dalle gravi ferite fisiche e sta guarendo dal trauma psicologico. Ora parla della sua sopravvivenza a un pubblico mondiale, sperando di “dissipare l’odio, sia verso gli arabi che verso gli ebrei“. Questo lavoro “mi aiuta a dare un senso a qualcosa di così insensato“, dice Wilson.

Dopo l’attacco, Kay ha avuto dei flashback e un profondo senso di colpa da sopravvivenza. Ma, come molte persone sopravvissute a un trauma, ha trovato anche cambiamenti positivi: un nuovo apprezzamento per la vita, un ritrovato senso di forza personale e una nuova attenzione ad aiutare gli altri.

La crescita post-traumatica (PTG) è una teoria che spiega questo tipo di trasformazione dopo un trauma.

È stata sviluppata dagli psicologi Richard Tedeschi, PhD, e Lawrence Calhoun, PhD, a metà degli anni Novanta, e sostiene che le persone che subiscono una lotta psicologica in seguito a un’avversità possono spesso registrare una crescita positiva.

Le persone sviluppano una nuova comprensione di se stesse, del mondo in cui vivono, del modo in cui si relazionano con le altre persone, del tipo di futuro che potrebbero avere e una migliore comprensione di come vivere la vita“, afferma Tedeschi.

Come possono i terapeuti utilizzare la teoria della PTG per aiutare i pazienti? In che modo le nuove ricerche hanno contribuito a perfezionarne la comprensione? Ecco uno sguardo agli sviluppi nel campo.

 

Segni di crescita post-traumatica

La PTG può essere confusa con la resilienza, ma si tratta di due costrutti diversi.

La PTG è talvolta considerata sinonimo di resilienza, perché diventare più resilienti in seguito alla lotta contro il trauma può essere un esempio di PTG, ma la PTG è diversa dalla resilienza“, afferma Kanako Taku, PhD, professore associato di psicologia all’Università di Oakland, che ha svolto ricerche sulla PTG e l’ha sperimentata come sopravvissuta al terremoto di Kobe in Giappone nel 1995.

La resilienza è l’attributo personale o la capacità di riprendersi“, afferma Taku. La PTG, invece, si riferisce a ciò che può accadere quando una persona che ha difficoltà a riprendersi vive un evento traumatico che mette in discussione le sue convinzioni fondamentali, sopporta una lotta psicologica (persino una malattia mentale come il disturbo da stress post-traumatico) e alla fine trova un senso di crescita personale. È un processo che “richiede molto tempo, energia e fatica“, dice Taku.

Chi è già resiliente quando si verifica un trauma non sperimenterà il PTG perché una persona resiliente non viene scossa nel profondo da un evento e non deve cercare un nuovo sistema di credenze, spiega Tedeschi. Le persone meno resilienti, invece, possono attraversare una fase di angoscia e confusione nel tentativo di capire perché è accaduta loro una cosa terribile e cosa significa per la loro visione del mondo.

Per valutare se e in che misura una persona è cresciuta dopo un trauma, gli psicologi utilizzano una serie di scale di autovalutazione. Una sviluppata da Tedeschi e Calhoun è il Post-Traumatic Growth Inventory (PTGI) (Journal of Traumatic Stress, 1996). Il PTGI cerca risposte positive in cinque aree:

  1. Apprezzamento della vita.
  2. Relazioni con gli altri.
  3. Nuove possibilità nella vita.
  4. Forza personale.
  5. Cambiamento spirituale.

 

Trauma Recovery: il lavoro Corpo-Mente-Cervello per ristabilire Relazioni Sicure

Trauma Recovery: il lavoro Corpo-Mente-Cervello per ristabilire Relazioni Sicure

 

Una predisposizione alla crescita?

Quante persone sperimentano la PTG? Tedeschi preferisce non dare un numero preciso.

Tutto dipende dal trauma, dalle circostanze, dal momento della misurazione… [e] da come si definisce la crescita usando il PTGI, guardando al punteggio totale, ai mezzi, ai fattori o ai singoli elementi“, dice. Tuttavia, egli stima che circa la metà o i due terzi delle persone mostrano PTG.

Alcuni ricercatori sul PTG hanno cercato di corroborare la crescita autodichiarata interrogando amici e familiari per sapere se la crescita “si mantiene”.

Ci sono sempre più studi che dimostrano che il PTG è generalmente stabile nel tempo, con alcune persone che mostrano un aumento e altre una diminuzione“, afferma Tedeschi. “Ora sta a noi capire cosa succede a coloro che cambiano nel tempo, ma l’evidenza è che la stabilità in generale è confermata anche da altri“.

Sembra che ci siano due caratteristiche che rendono alcuni più propensi a sperimentare la PTG, dice Tedeschi: l’apertura all’esperienza e l’estroversione. Questo perché le persone più aperte sono più propense a riconsiderare i loro sistemi di credenze, dice Tedeschi, e gli estroversi sono più propensi ad essere più attivi in risposta al trauma e a cercare connessioni con gli altri.

Anche le donne tendono a registrare una crescita maggiore rispetto agli uomini, secondo Tedeschi, ma la differenza è relativamente piccola.

Anche l’età può essere un fattore: i bambini al di sotto degli 8 anni hanno meno probabilità di avere la capacità cognitiva di sperimentare la PTG, mentre coloro che si trovano nella tarda adolescenza e nella prima età adulta – che potrebbero già cercare di determinare la propria visione del mondo – sono più aperti al tipo di cambiamento che tale crescita riflette, afferma Tedeschi.

Potrebbero esserci anche basi genetiche per la PTG, ma i ricercatori stanno appena iniziando a scoprirlo. In uno studio del 2014 pubblicato sul Journal of Affective Disorders, ad esempio, l’epidemiologa sociale e psichiatrica di Harvard Erin Dunn, ScD, e un team di ricercatori hanno esaminato i dati raccolti in precedenza da oltre 200 sopravvissuti all’uragano Katrina e hanno scoperto che le varianti del gene RGS2 interagivano in modo significativo con i livelli di esposizione all’uragano per prevedere la PTG. Il gene RGS2 è collegato ai disturbi legati alla paura, come il disturbo da stress post-traumatico, il disturbo da panico e l’ansia.

Dunn definisce i risultati “molto interessanti”, ma osserva che “dobbiamo essere un po’ cauti nell’interpretarli perché non siamo riusciti a trovare un campione simile per replicare questo risultato”.

Sarah Lowe, PhD, della Montclair State University, che ha lavorato con Dunn alla ricerca, afferma che una delle difficoltà degli studi genetici sulla PTG è la complessità del concetto. “Se si guarda a ciò che predice la PTG, spesso si tratta di stress e disfunzioni psicologiche, ma anche di tratti di personalità più positivi come l’ottimismo e l’orientamento al futuro, che ci si aspetterebbe avessero una base genetica molto diversa“, afferma la ricercatrice.

 

Dalla teoria alla pratica

È possibile preparare le persone alla PTG, per spianare la strada in caso di tragedia o trauma?

Sì, dice Tedeschi, osservando che gli psicologi possono “permettere alle persone di capire che questa può essere una possibilità per loro stessi” ed è un “processo abbastanza normale” se e quando si verifica un trauma.

Più spesso, però, i terapeuti vengono coinvolti non prima che si verifichino le avversità, ma dopo. In questo contesto, possono introdurre i concetti della PTG, ma devono fare attenzione.

H’Sien Hayward, PhD, avverte che i terapeuti non dovrebbero “buttarsi a capofitto nella possibilità di crescita“, che secondo lei può “spesso essere interpretata come una minimizzazione del dolore e della sofferenza di qualcuno e dell’impatto della perdita“.

La Hayward, che lavora con i veterani presso il VA Long Beach Medical Center di Long Beach, in California, conosce la crescita in prima persona: A 16 anni è rimasta paralizzata in un incidente d’auto, ponendo fine a una carriera sportiva agonistica. Ha superato quel trauma grazie all’aiuto di familiari e amici, ha studiato psicologia sociale ad Harvard e ha viaggiato in più di 42 Paesi, spesso in missioni umanitarie, fornendo consulenza e altro supporto alle vittime di traumi. Oggi attribuisce all’incidente il merito di aver accresciuto “in modo esponenziale” la sua forza di carattere, costringendola a superare le sfide. Apprezza anche la vita e le relazioni con gli altri, compreso il sostegno quasi quotidiano nelle piccole attività quotidiane che riceve da amici e sconosciuti: “Queste interazioni mi scaldano il cuore”.

Tuttavia, Hayward è attenta a non predicare ai suoi pazienti il potenziale lato positivo prima che siano pronti. Al contrario, aspetta che esprimano “qualche reazione positiva all’evento”.

Inoltre, aiuta i pazienti a scoprire cosa è significativo nella loro vita e poi li aiuta a programmare attività che coinvolgano questi interessi, come passare più tempo con i membri della famiglia o fare del volontariato.

Tedeschi dice che a volte la terapia tradizionale per i pazienti traumatizzati offre alle persone soluzioni a breve termine per aiutarli a riprendere le funzioni quotidiane, come dormire o lavorare, ma può non fornire loro un modo di vivere “che vada oltre il semplice tirare avanti” …. Dobbiamo occuparci della loro esperienza di vita e di quanto sia significativa, soddisfacente e appagante”.

Una struttura di assistenza ai veterani che adotta un approccio non tradizionale al trattamento dei traumi è il Boulder Crest Retreat di Bluemont, in Virginia. L’istituto privato, sostenuto da donatori, offre esercizi e attività non cliniche gratuite per una settimana ai veterani che cercano di guarire dallo stress da combattimento. Il trattamento è condotto principalmente da veterani che hanno vissuto un trauma e sono cresciuti. I veterani sono incoraggiati ad affrontare i traumi del passato e a scoprire i loro punti di forza, a creare legami con gli altri e a trovare il modo di dare qualcosa in cambio.

Dopo il programma intensivo, i veterani vengono seguiti per 18 mesi con regolari controlli via Skype.

Kevin Sakaki, ex marine e veterano dei servizi segreti e delle operazioni speciali, è entrato nel programma Warrior di Boulder Crest lo scorso settembre e lo ha trovato trasformativo. Ha notato in sé cambiamenti come una migliore comunicazione con la famiglia, meno rabbia (“Le cose non mi danno più fastidio”), un più profondo apprezzamento delle “piccole cose”, più generosità e un legame più forte con gli altri.

 

Trauma, attaccamento, disregolazione emotiva e vergogna: terapia dei comportamenti autodistruttivi, con Lisa Ferentz

Trauma, attaccamento, disregolazione emotiva e vergogna: terapia dei comportamenti autodistruttivi, con Lisa Ferentz

 

Articolo liberamente tradotto “Growth after trauma” di Lorna Collier, su https://www.ap a.org/mo nitor/20 16/11/gro wth-trauma

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>