Figli LGBT: Come Aiutare Le Famiglie A Sostenerli

figli LGBT

Figli LGBT: come aiutare la famiglia a sostenerli? Cosa accade se la famiglia non è accettante? In questo articolo alcune interessanti linee guida. 

Buona Lettura!

 

Figli LGBT: Diventare visibili

In passato pochi adolescenti facevamo un coming out alle loro famiglie o ammettevano di fronte agli altri di essere omosessuali. La maggior parte delle persone omosessuali e bisessuali (LGB) hanno atteso di divenire adulti per cominciare a parlare della propria identità LGB con gli altri.

La paura del rifiuto e delle gravi reazioni negative hanno trattenuto gli adulti LGB dal condividere apertamente le loro vite. Fino agli ‘90, c’erano risorse limitate per i giovani LGBT. Gli adolescenti gay e transgender avevano poche fonti informative per apprendere di più sulla loro identità o avere del sostegno.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Più recentemente, internet, i club scolastici e i gruppi LGBT per giovani hanno aiutato i giovani LGBT a trovare informazioni maggiori, guida e supporto. Con maggiore accesso a queste risorse, la maggior parte dei giovani LGBT fanno coming out durante l’adolescenza (condividere la propria identità LGBT con gli amici, la famiglia o altri adulti).

Quindi i membri della famiglia, gli insegnanti e i tutor hanno bisogno di informazioni accurate riguardo l’orientamento sessuale e l’identità di genere per aiutare a fornire supporto agli adolescenti LGBT. Le ricerche sugli adolescenti negli ultimi 20 anni hanno mostrato che l’orientamento sessuale – la connessione emotiva e l’attrazione verso un’altra persona – si sviluppa presto.

Infatti, la ricerca dimostra che sia gli adolescenti omosessuali che etero hanno la prima “cotta” verso un’altra persona intorno ai 10 anni. L’omosessualità e la bisessualità sono parti normali dell’identità sessuale. Nessuno sa perché alcune persone sono omosessuali o bisessuali e altre eterosessuali.

Ma sappiamo che nessuno, inclusi i genitori, può rendere qualcun’altro omosessuale. Gli adolescenti sono molto più propensi ad essere aperti sulla loro identità omosessuale o transgender quando non sono spaventati dal rifiuto, dall’essere ridicolizzati o dalle reazioni negative di amici e familiari.

 

Sfatare i miti sull’orientamento sessuale

Ci sono ancora molti miti sull’orientamento sessuale.

Le famiglie e i tutor spesso credono che i giovani devono diventare adulti prima di sapere di essere omosessuali. Molti suppongono che essere omosessuali è solo “una fase” e che passerà una volta che cresceranno. Altri pensano che gli adolescenti decidono di essere omosessuali se hanno un amico omosessuale o leggono o apprendono dell’omosessualità dagli altri.

Questi miti sono molto comuni, e anche erronei. Oggi, gli adolescenti hanno un accesso molto più ampio ad informazioni accurate sull’orientamento sessuale e queste informazioni sono a disposizione dall’infanzia. C’è un grande numero di servizi per i giovani LGBT che li aiuta a trovare coetanei e sostegno nella comunità. Gli adolescenti nella nostra ricerca per il Family Acceptance ProjectTM (FAP) hanno detto che hanno cominciato ad essere attratti da persone dello stesso sesso intorno ai 10 anni.

Alcuni sanno di essere omosessuali già tra i 7 o 9 anni. In generale, si identificano come lesbiche, gay o bisessuali intorno ai 13-14 anni. Le loro famiglie apprendono la loro identità LGB circa un anno dopo. Gli studi sul sostegno dell’identità di genere nei bambini e negli adolescenti transgender è molto limitata.

La maggior parte dei caregiver hanno poche linee guida su come supportare un bambino che sente che il suo essere uomo o donna non coincide con il suo corpo fisico. I bambini sviluppano l’identità di genere – un profondo senso di essere uomo o donna – già da piccoli. Esprimono il loro genere chiaramente nei vestiti, giochi e oggetti personali. E iniziano ad esprimere la loro identità di genere intorno ai 2-3 anni.

I bambini e gli adolescenti che non sembrano o si comportano nel modo in cui ci si aspetta si comportino i bambini o le bambine in famiglia o per la società sono spesso messi in ridicolo dagli altri. I loro comportamenti possono anche essere chiamati una variante di genere o non conformi al genere.

Molti genitori si vergognano o sono imbarazzati dai comportamenti di genere non conformi dei propri figli. Spesso hanno paura che i figli siano feriti dagli altri. Perciò, hanno bisogno di essere educati e di avere informazioni adeguate per supportare i propri figli all’emergere della loro identità di genere.

Gli adolescenti non conformi nel genere o che si identificano come transgender hanno anche maggiori accessi alle informazioni sull’espressione di genere e dell’identità grazie ai gruppi di comunità LGBT e alle risorse online.

Questi gruppi e fonti li aiutano a comprendere la loro identità di genere già in giovane età rispetto agli adulti transgender più grandi che tipicamente fanno coming out da adulti. Gli adolescenti nella nostra ricerca per il FAP che si identificano come transgender hanno fatto coming out intorno ai 16 anni.

 

Impatto delle reazioni della famiglia sui figli LGBT

Fino a poco tempo fa, si sapeva poco su come le famiglie reagiscano quando un giovane LGBT fa coming out durante l’adolescenza. E si sapeva ancora meno di come le reazioni delle famiglie influiscono sulla salute mentale degli adolescenti LGBT.

Le nuove ricerche del FAP mostrano le famiglie e i caregiver hanno un impatto maggiore sul rischio e il benessere dei loro figli LGBT. I ricercatori FAP hanno identificato più di 100 comportamenti che le famiglie e i caregiver usano per reagire all’identità LGBT dei propri figli. C

irca la metà di questi comportamenti sono di accettazione, e l’altra metà di rifiuto. I ricercatori hanno misurato ognuno di questi comportamenti per mostrare come le reazioni della famiglia influiscano sui rischi e il benessere dei giovani LGBT.

 

Conflitto e rifiuto delle famigli per i figli LGBT

I ricercatori FAP hanno scoperto che le famiglie che hanno dei conflitti sull’identità LGBT dei propri figli credono che il miglior modo per aiutare i propri figli a sopravvivere e andare avanti nel mondo è aiutarli a inserirsi tra i loro coetanei eterosessuale. Quindi quando queste famiglie bloccano l’accesso agli amici o alle risorse LGBT, e si comportano in modo iperprotettivo e preoccupato.

Credono che le loro azioni possano aiutare i loro figli LGBT ad avere una vita migliore, ma un adolescente che sente che i propri genitori vogliano cambiare il loro modo di essere pensa che il genitore non li ami o che li odi. L’assenza di comunicazione e incomprensione tra i genitori e i figli LGBT aumenta il conflitto familiare.

Questi problemi con la comunicazione e l’assenza di comprensione sull’orientamento sessuale e l’identità di genere può anche portare a scontri e rotture familiari e che l’adolescente LGBT sia forzatamente allontanato da casa.

Molti giovani LGBT sono messi in case famiglia o finiscono in detenzione giovanile o per strada per via del conflitto familiare correlato all’identità LGBT. Questi Fattori aumentano il rischio di abuso e di seri problemi per la salute fisica e mentale. Le ricerche FAP hanno mostrato che il rifiuto della famiglia ha un impatto serio sui giovani LGBT.

Le persone LGBT rifiutate dalle loro famiglie per via dell’identità di genere hanno una minore autostima e hanno meno persone a cui rivolgersi per avere aiuto. Gli adolescenti LGBT che sono stati fortemente respinti dai loro genitori e caregiver sono a rischio per la loro salute fisica e mentale come diventano adulti.

Hanno una salute fisica minore dei giovani LGBT che non sono stati rifiutati dalle loro famiglie. Hanno maggiori problemi di uso delle droghe. Si sentono indifesi e sono meno propensi a proteggersi da malattie come l’HIV e altre IST.

In comparazione con le persone LGBT che sono state accettate o solo parzialmente rifiutate dai loro genitori o caregiver per via della loro identità transgender o omosessuale, le persone LGBT fortemente rifiutate hanno:

  • 8 volte di più la possibilità di tentare il suicidio
  • 6 volte di più la possibilità di avere gravi depressioni
  • 3 volte di più la possibilità di usare droghe illegali
  • 3 volte di più la possibilità contrarre HIV e altre malattie sessualmente trasmissibili.

Molti giovani LGBT e coloro che mettono in discussione la loro identità sentono di dover nascondere chi sono per evitare di essere respinti. Molti si nascondono in modo da non ferire i genitori e gli altri membri della famiglia che credono che essere gay è sbagliato o peccato.

Ma nascondersi ha un costo. Mina l’autostima e il senso del proprio valore nell’adolescente LGBT. Essere valutato dai propri genitori e dalla propria famiglia aiuta i bambini a preoccuparsi di sé stessi. Tuttavia, sentendo che sono cattivi o peccatori viene inviato il messaggio subliminale che non sono brave persone. E sentendo questi messaggi negativi si influisce sulla loro capacità di amarsi e prendersi cura di sé stessi.

Questo aumenta il rischio di comportamenti rischiosi, come per l’HIV e l’abuso di sostanze. E influisce anche sulla loro abilità di pianificare il futuro, inclusa la loro abilità di fare carriera e avere di programmi vocazionali. Rende meno probabile che vogliano avere una famiglia o diventare genitori.

Incertezza e preoccupazione dei genitori con figli LGBT

Molti genitori si sentono incerti quando apprendono che il proprio figlio è omosessuale. Non sono sicuri di come reagire e non sanno come supportare il proprio figlio. Amano e vogliono aiutare il loro figlio LGBT. Allo stesso tempo, non vogliono incoraggiare l’identità transgender o omosessuale del figlio. E non voglio allontanare i figli.

I genitori e i caregiver spesso hanno paura che gli altri provino a fare male ai loro figli LGBT. Quindi la paura fa sì che molti genitori e membri della famiglia per provare a proteggere un figlio LGBT reagiscano negativamente alla loro identità LGBT. Per esempio, dicono: “Mettiti meno in mostra”, “Devi indossare per forza questi vestiti?”, “Non puoi aspettare fino al diploma per dirlo agli altri?”.

I giovani spesso sentono questi commenti come un rifiuto, ma spesso i genitori li usano per mascherare la loro ansia e paura di ciò che può capitare ai loro figli LGBT in un modo ostile. Le famiglie sono motivate ad apprendere come sostenere il loro figlio gay o transgender quando comprendono che le loro azioni e parole hanno un impatto sui propri figli LGBT, la loro sopravvivenza e il loro benessere.

I genitori sono scioccati dall’apprendere che il modo in cui reagiscono ai loro figli LGBT può aumentare il rischio di suicidio, infezione HIV e altri problemi di salute. Ma sono sollevati dall’apprendere che comportamenti come parlare con i propri figli della loro identità, mostrare affetto per i loro figli LGBT può aiutare questi rischi. Questo comportamenti di supporto possono aiutare a promuovere il benessere dei loro figli.

 

Accettazione familiare dei figli LGBT

I ricercatori FAP hanno inoltre studiato le famiglie che accettano apertamente l’identità gay o transgender dei propri figli. I genitori che accettano questa identità supportano i propri figli LGBT in molti modi. Dicono ai loro figli che li amano quando apprendono dell­’identità LGBT. Richiedono agli altri membri della famiglia il rispetto verso la persona LGBT. Lottano per i diritti dei loro figli LGBT quando sono molestati o trattati male dagli altri.

Lavorano per rendere le proprie istituzioni religiose più supportive verso i membri LGBT. O cercano delle congregazioni o comunità supportive che accolgano le famiglie e i ragazziLGBT.

I ricercatori FAP hanno scoperto che le famiglie accettanti vengono da ogni background economico ed etnico, incluse le famiglie senza reddito o educazione formale. I ricercatori hanno identificato e calcolato che ci sono più di 50 comportamenti che i genitori e i caregiver usano per supportare l’identità LGBT dei propri figli.

Le famiglie possono supportare l’identità dei propri figli LGBT anche quando si sentono a disagio o pensano che essere gay o trans sia sbagliato. Infatti, nel tempo molti genitori, famiglie e caregiver diventano meno rifiutanti e più supportivi verso i figli LGBT.

L’educazione, le informazioni accurate e il supporto dei coetanei aiutano i genitori e le famiglie ad affrontare le preoccupazioni e apprendere come aiutare i loro figli LGBT e loro stessi. I giovani adulti LGBT le cui famiglie li supportano hanno una salute fisica e mentale migliore. Hanno anche una maggiore autostima.

Sono meno propensi ad essere depressi, usare droghe illegali o pensare al suicidio. I giovani LGBT che sono accettati dalle loro famiglie sono propensi a credere che avranno una bella vita e che saranno adulti felici e produttivi. Nelle famiglie dove non tutti accettano la loro identità LGBT, solo 1 adolescente su 3 crede che avrà comunque una buona vita come adulto LGBT.

Ma nelle famiglia estremamente accettanti, quasi tutte le persone LGBT credono che avranno una famiglia felice e produttiva come adulti LGBT. I genitori supportivi e le famiglie possono aiutare a costruire l’autostima e un senso positivo dell’Io nei bambini e adolescenti non conformi al genere. Possono aiutarli ad imparare delle abilità di coping positive e a gestire la discriminazione.

I giovani con variazione di genere che sono supportati dalle loro famiglie hanno rischi minori per la salute fisica e mentale da adulti. Hanno un maggiore benessere e sono meglio regolati rispetto a coloro i cui genitori non sostengono la loro espressione di genere.

La ricerca FAP mostra che mostra che solo un minimo cambiamento per le famiglie e i caregiver può ridurre il rischio per la persona LGBT di gravi problemi di salute. Così, un rifiuto minore e un maggiore supporto può ridurre il rischio di suicidio, infezione HIV e altri problemi di salute.

 

Guida per i professionisti

Pochi professionisti che lavorano con i giovani LGBT chiedono come il loro essere gay o transgender può influire nelle relazioni con i genitori o i caregiver. Il FAP ha scoperto che i professionisti spesso sostengono che le famiglie dei giovani LGBT non siano supportive.

Molti non vedono le famiglie come risorsa potenziale per aiutare i loro figli LGBT. Il FAP sta sviluppando un nuovo modello familiare per lavorare con i giovani LGBT. In questo approccio, il FAP fornisce connessioni alle famiglie come alleate per supportare i propri figli LGBT. Questo nuovo approccio su base di ricerca è disponibile dal 2011-201 e sarà presto distribuito negli USA e in altri paesi.

 

Lavorare con i giovani LGBT e le famiglie:

I professionisti che lavorano con i giovani LGBT e le loro famiglie dovrebbero:

  • Identificare le comunità e le risorse online per le famiglie e i giovani LGBT per insegnare ai genitori e ai caregiver come aiutare i loro figli LGBT. I genitori e i caregiver LGBT hanno bisogno di accedere ai modelli familiare positivi per apprendere nuovi modi per supportare e prendersi cura dei ragazzi LGBT e dei ragazzi con variazione di genere.
  • Fornire un servizio di counseling supportivo, come necessario, e connettere i giovani con le comunità LGBT, le risorse e i programmi.
  • Usare uno strumento per identificare il livello di rifiuto della famiglia e i problemi di salute correlati nei giovani LGBT. Riferirsi e seguire le famiglie, come necessario, per fornire un’educazione e un counseling familiare.
  • Dire ai genitori che hanno reazioni negative all’identità LGBT dei figli adolescenti che possono avere un impatto serio sulla salute fisica e mentale dei propri figli.
  • Incoraggiare i genitori e i caregiver a diminuire i comportamenti di rifiuto che aumentano i rischi per la salute mentale e fisica dei propri figli LGBT.
  • Aiutare le famiglie a identificare un comportamento di supporto che aiuta a proteggere contro i rischi e a promuovere il benessere per i ragazzi LGBT.

Vuoi approfondire le tecniche di intervento per famiglie con figli LGBT?

▶️CLICCA QUI e guarda subito il nostro corso: Le Linee Guida per il lavoro psicologico con persone gay, lesbiche, bisessuali

Linee guida per il lavoro psicologico con persone Transgender e Gender

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: FamilyProject.edu

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>