Accedi

Genitori e Figli: Tempo trascorso e tipologie di Famiglia

Le interazioni tra genitori e figli sono fondamentali per lo sviluppo dei bambini.

 

La quantità di tempo che i genitori trascorrono giocando con i figli, leggendo loro o aiutandoli a fare i compiti è associata positivamente al loro comportamento, ai voti scolastici e allo sviluppo delle abilità cognitive (e.g. Del Bono et al., 2016). Il tempo trascorso con entrambi i genitori è associato a punteggi più alti in matematica e a un minor numero di comportamenti problematici negli adolescenti (Milkie, Nomaguchi and Denny, 2015).

Il tempo trascorso con i bambini porta benefici anche ai genitori. Le madri e i padri mostrano una maggiore felicità e una diminuzione della tristezza, dello stress e della fatica. (Musick, Meier and Flood, 2016).

Nei paesi industrializzati, i padri sposati dedicano molto più tempo alla cura quotidiana dei figli rispetto al passato. Le madri trascorrono più tempo con i loro figli rispetto all’epoca delle casalinghe (Gauthier, Smeeding and Furstenberg, 2004; Sayer, Bianchi and Robinson, 2004). Tuttavia, non tutti i genitori sono in grado di interagire con i propri figli nella stessa misura.

Tipologie di famiglie

A seguito della seconda transizione demografica, c’è stato un aumento della prevalenza di tipologie familiari non intatte. Questo potrebbe influire sulla quantità di tempo che alcuni genitori possono o vogliono trascorrere con i propri figli.

I genitori single possono trovarsi di fronte a limitazioni di tempo. Limitazioni dovute alla mancanza di un partner che li aiuti nei lavori domestici e alla maggiore necessità di guadagnare sul mercato del lavoro (e.g. Gibson-Davis, 2008).

Un nuovo partner può contribuire al reddito e aiutare nelle faccende domestiche. Ciò permetterebbe al genitore biologico di trascorrere più tempo con i propri figli rispetto ai genitori single. Tuttavia, il nuovo partner può anche competere con i bambini per il tempo e l’attenzione del genitore biologico (Thomson, Hanson and McLanahan, 1994). I genitori adottivi possono anche trascorrere meno tempo con i figliastri a causa dei legami non biologici, della minore permanenza della relazione con il genitore biologico e della selettività negativa (e.g. Gibson-Davis 2008).

 

La Psicoterapia della Famiglia nel ciclo vitale della Separazione e del Divorzio

Curare le Ferite Familiari del Divorzio

Studi precedenti

Ricerche precedenti mostrano associazioni tra il tipo di famiglia e la quantità di tempo che i genitori trascorrono con i bambini (e.g. Carlson and Berger, 2013; Hook and Chalasani, 2008; Kalenkoski, Ribar and Stratton, 2005; Kendig and Bianchi, 2008). Tuttavia, gli studi utilizzano prevalentemente dati trasversali. Dunque, non forniscono informazioni sulla variazione del tempo trascorso insieme tra genitori e figli a seguito di cambiamenti nel tipo di famiglia.

I genitori che probabilmente sperimentano lo scioglimento dell’unione o la genitorialità al di fuori del matrimonio possono anche avere maggiori probabilità di trascorrere una quantità di tempo diversa con i propri figli. Ciò, indipendentemente dal tipo di famiglia in cui i genitori vivono in un determinato momento. Tale selezione, se non affrontata, potrebbe falsare i risultati empirici in una direzione sconosciuta.

Modello teorico dello studio

Sviluppiamo un modello teorico che incorpora la selezione differenziale nelle preferenze per il tempo trascorso con i bambini e nelle tipologie di famiglia. Utilizziamo dati longitudinali danesi che ci permettono di superare alcuni dei limiti degli studi precedenti.

  • Stimiamo il tempo che i genitori che vivono in diversi tipi di famiglia trascorrono settimanalmente con i figli.
  • Distinguiamo tra il tempo utilizzato per le attività di sviluppo e quello per le attività non di sviluppo.
  • Controlliamo per caratteristiche individuali costanti e non osservate che influenzano sia la quantità di tempo trascorso con i bambini sia il tipo di famiglia in cui vivono i genitori.
  • Dimostriamo che i genitori che vivono in unioni conviventi o sposati con figli in comune trascorrono il maggior numero di ore settimanali con i figli, seguiti dai genitori single e dalle famiglie ricostituite.
  • I genitori single dedicano meno tempo alle attività di sviluppo quando si controlla la selezione.
  • I genitori delle famiglie ricostituite dedicano meno tempo alle attività di sviluppo e non di sviluppo con i figli.

I risultati sono in accordo con il modello teorico secondo il quale i genitori single e quelli che vivono in famiglie ricostituite possono essere selezionati positivamente per l’interesse a trascorrere del tempo con i bambini, a parità di altre condizioni.

Tipo di famiglia e impiego del tempo tra genitori e figli

I diversi tipi di famiglia offrono ai genitori diverse opportunità di trascorrere del tempo con i figli. Tuttavia, diversi tipi di genitori possono anche scegliere forme familiari diverse.

Kalenkoski, Ribar and Stratton (2005) hanno rilevato che nel Regno Unito, dopo aver controllato le caratteristiche della famiglia e dei genitori, i genitori single affidatari trascorrevano più tempo con i figli rispetto a quelli sposati e conviventi.

D’altro canto, gli studi basati sull’American Time Use Survey hanno dimostrato che le madri single trascorrono molto meno tempo con i figli rispetto alle madri sposate. Dopo aver controllato per diverse covariate, la differenza è scomparsa (Hook and Chalasani, 2008; Kendig and Bianchi, 2008). I dati relativi a un periodo più lungo, dal 1965 al 1998, hanno mostrato che le madri single dedicano costantemente meno tempo alla cura dei figli rispetto alle madri sposate e, inoltre, che la differenza è aumentata (Sayer, Bianchi and Robinson, 2004). Per quanto riguarda i padri statunitensi, i padri affidatari single hanno trascorso più tempo con i loro figli rispetto ai padri sposati (Hook and Chalasani, 2008).

Esiste quindi un’eterogeneità nell’investimento del tempo nei figli tra i vari tipi di famiglia. Una serie di diversi meccanismi di selezione – alcuni osservati, altri non osservati – possono svolgere un ruolo importante nel determinare le differenze nell’investimento del tempo. La mancanza della possibilità di controllare la selezione tra i tipi di famiglia può contribuire a spiegare il motivo per cui la letteratura trova risultati inconcludenti.

Selezione in tipi di famiglia

Alcune persone scelgono la genitorialità senza scegliere una relazione. Le donne autonome analizzate da Bock (2000: 6) fanno riferimento a numerose ragioni per essere “madri single per scelta”. Le donne a basso reddito intervistate da Edin and Kefalas (2011: 6), pur vedendo “il matrimonio come un lusso […] giudicavano i figli una necessità”.

Altri scelgono le relazioni senza scegliere la genitorialità (e.g. Agrillo and Nelini, 2008; Tanturri and Mencarini, 2008). Tuttavia, le famiglie con due genitori biologici (cioè quelle sposate con figli) sono rimaste prevalenti. Inoltre, sembra che stiano aumentando la loro prevalenza dopo decenni di leggero declino (Esping-Andersen and Billari, 2015).

Nelle società con un facile accesso al controllo della fertilità e alle opportunità di scioglimento dell’unione, possiamo interpretare le variazioni nei tipi di famiglia in parte come differenze nella preferenza per i partner e i figli. Su un continuum ideale-tipico, a un estremo troviamo persone che decidono insieme se vivere con un partner e avere figli (preferenza congiunta). All’altro estremo del continuum troviamo persone che decidono di avere un partner e di avere figli indipendentemente l’uno dall’altro (preferenza indipendente).

La forza delle preferenze per i figli e per il partner può essere diversa. Entrambi i tipi possono avere una preferenza maggiore per avere un partner rispetto all’avere figli, e viceversa. Tuttavia, le persone a preferenza congiunta diventano sempre genitori se trovano un partner. Ciò non avviene per le persone a preferenza indipendente. Infatti, in questo caso la preferenza per i figli deve superare una certa soglia prima di diventare genitori.

Mentre gli intervistati con preferenze congiunte hanno maggiori probabilità di vivere in una famiglia con due genitori rispetto a quelli con preferenze indipendenti, questi ultimi vivranno più spesso da single o in famiglie ricostituite. Secondo la nostra definizione, gli intervistati con preferenze congiunte considerano il partner e i figli come una decisione comune. Ciò non avviene per gli intervistati con preferenze indipendenti. Gli intervistati a preferenza congiunta che considerano l’avere un partner sostanzialmente più importante dell’avere figli continueranno ad avere figli. Così non è per gli intervistati a preferenza indipendente.

Quando si condiziona la scelta di avere un figlio biologico, come facciamo in questo studio, limitiamo il campo di analisi a tutti gli intervistati a preferenza congiunta.  Invece, per quelli a preferenza indipendente, solo a quelli che attribuiscono ai figli un valore tale da diventare genitori.

Se le persone esprimono il valore che attribuiscono ai figli, almeno in parte, come tempo trascorso con i bambini (“essere presenti” in Edin and Kefalas’s (2011: 10) parole), allora gli intervistati con preferenze indipendenti dovrebbero sia avere maggiori probabilità di formare una famiglia monoparentale o ricostituita, sia essere selezionati positivamente sulla quantità di tempo che desiderano trascorrere con i figli (una volta tenuto conto del costo opportunità). Se non si tiene conto di questa selezione positiva, si avrà una sovrastima della quantità di tempo che i genitori delle famiglie non intatte dedicano ai figli, a parità di altre condizioni. Questo a causa delle differenze sistematiche nelle preferenze per il tempo trascorso con i figli.

In conclusione, sosteniamo l’esistenza di una selezione di segno opposto. I genitori che hanno preferenze indipendenti sono selezionati positivamente per le preferenze non osservabili di trascorrere del tempo con i figli. Hanno, però, anche maggiori probabilità di essere selezionati negativamente per i tratti osservabili che predicono la vita in un contesto familiare non intatto (livello di istruzione più basso, l’età più giovane al momento della genitorialità e il minore attaccamento al mercato del lavoro).

Se la selezione è positiva su tratti/preferenze non osservabili, la contabilizzazione delle differenze osservabili porterebbe a una distorsione positiva rispetto allo zero per i genitori in famiglie non intatte, perché le differenze osservabili che limitano la quantità di tempo che i genitori possono trascorrere con i figli sono controllate. L’opposto è il caso dei genitori con preferenze congiunte.

 

Favorire lo Sviluppo Mentale del Bambino e dell’Adolescente

Favorire lo Sviluppo Mentale del Bambino e dell’Adolescente 2022

Studi precedenti sulla selezione

I genitori che in seguito divorziano o si separano trascorrono marginalmente meno tempo condiviso con i figli prima dello scioglimento dell’unione. Invece, altre misure di utilizzo del tempo non hanno influenzato il rischio di divorzio e separazione (Bonke, 2016; Carlson and Berger, 2013; Kalil and Rege, 2015). Sun and Li (2001) ha cercato spiegazioni per l’effetto negativo del divorzio dei genitori sulla scolarizzazione dei figli. Ha dimostrato che, sebbene vi siano grandi differenze in termini economici, culturali e di capitale umano tra i genitori che hanno divorziato e quelli che sono rimasti sposati, i loro figli hanno ricevuto la stessa quantità di aiuto per i compiti. I genitori divorziati, tuttavia, erano meno coinvolti nelle questioni scolastiche. Questi studi, quindi, suggeriscono che non c’è alcun supporto per una selezione negativa per il tempo e il coinvolgimento dei genitori divorziati e separati.

Gli studi discussi sopra non affrontano, tuttavia, la possibilità di differenze sottostanti nelle preferenze latenti per il tempo trascorso con i figli. Un paio di studi recenti sostengono l’ipotesi di una selezione positiva non osservata dei genitori che formano famiglie monoparentali o ricostituite. Ressler et al. (2017) hanno applicato modelli a effetti fissi per studiare il coinvolgimento educativo materno, non misurato in termini di tempo ma come partecipazione a diverse attività di apprendimento scolastico e domestico.

Da queste analisi è emerso che le madri single e le madri in famiglie ricostituite hanno riferito un minore coinvolgimento scolastico. Le madri single anche un minore apprendimento domestico, rispetto alle madri in famiglie intatte. Allo stesso modo, Mostafa, Gambaro and Joshi (2018) ha dimostrato che la mancata considerazione dei fattori di confondimento non osservati a livello familiare porta a una sottostima dell’impatto negativo delle famiglie complesse sul benessere dei bambini, indicando così una selezione positiva non osservata.

Impiego del tempo genitori e figli in età evolutiva e non evolutiva

Il modo in cui genitori e figli trascorrono il tempo insieme può avere un impatto sul benessere e sullo sviluppo. Gli studiosi hanno distinto tra attività di sviluppo (come il gioco, l’insegnamento, la lettura e la conversazione) e attività non di sviluppo (come la cura e la gestione di base) (see, e.g. Bianchi, Robinson and Milkie, 2006; Bonke and Esping-Andersen, 2011). Le attività non legate allo sviluppo rispondono alle esigenze immediate di cura dei bambini. I genitori delle famiglie non intatte hanno probabilmente maggiori vincoli di tempo rispetto a quelli delle famiglie intatte. Inoltre, non possono (o non nella stessa misura) contare su un partner che li aiuti a gestire gli aspetti obbligatori delle attività non legate allo sviluppo. Ci aspettiamo che i genitori che vivono in forme familiari non intatte, a parità di condizioni, rinuncino a più tempo dedicato alle attività di sviluppo rispetto alle altre attività.

In effetti, la quantità di attività di sviluppo e non di sviluppo fornite dai genitori nei diversi tipi di famiglia differiva. Kendig and Bianchi (2008) ha riferito che le madri single americane dedicano meno tempo alla cura dei bambini sia di routine che interattiva rispetto alle madri sposate. Inoltre, ha riferito che lo stato occupazionale, l’istruzione, il reddito, l’età, la razza e le caratteristiche dei bambini spiegano le differenze. Tuttavia, i genitori che vivono in famiglie monoparentali o ricostituite potrebbero essere selezionati positivamente in termini di preferenze di tempo da dedicare ai bambini rispetto ai genitori che vivono in famiglie con due genitori. Se non considerassimo la selezione differenziale nei tipi di famiglia si porterebbe sottostimare il suo impatto sul tempo trascorso, a parità di altre condizioni.

Discussione

Abbiamo dimostrato che il tipo di famiglia influisce sul tempo settimanale genitori-figli trascorso quando si controllano le caratteristiche dei genitori, osservate e non. I genitori di una famiglia ricostituita dedicano meno tempo alle attività con i figli rispetto ai genitori che vivono in un contesto familiare intatto. Ciò si osserva anche quando si considera il tempo trascorso insieme come famiglia (partner e figli contemporaneamente). Per i genitori single, le stime dei parametri indicano una diminuzione del tempo dedicato alle attività di sviluppo.

Il tipo di struttura familiare in cui vivono i genitori probabilmente impone vincoli e riflette le preferenze per l’uso del tempo con i figli. I genitori single devono affrontare maggiori restrizioni nell’uso del tempo rispetto ai genitori conviventi. Questo perché i genitori single non beneficiano della possibilità di dividere e sostituire il lavoro domestico come fanno i genitori conviventi. Può sembrare strano che i genitori delle famiglie ricostituite passino meno tempo con i figli rispetto ai genitori single. La spiegazione è probabilmente nelle differenze di relazione tra i genitori conviventi con figli in comune e quelli che non hanno figli in comune.

I genitori in relazioni ricostituite potrebbero voler investire il tempo in modo diverso rispetto ai genitori in relazioni intatte. I primi potrebbero privilegiare un tempo più esclusivo con l’altra persona rispetto ai secondi. Quindi, per le coppie ricostituite, la presenza di un partner può essere di per sé un vincolo in termini di tempo da dedicare ai figli.

Le persone possono scegliere di entrare e rimanere in una relazione per diversi motivi: per avere un partner, per avere un figlio o per entrambi. In società aperte come quella danese, il tipo di famiglia in cui le persone vivono riflette probabilmente (in parte) la variazione delle preferenze per i partner e i figli. Le analisi condotte in questo lavoro si sono basate esclusivamente su individui che sono diventati genitori. Queste considerano due tipi ideali di persone: quelle con preferenze congiunte per il partner e i figli e quelle le cui preferenze sono indipendenti l’una dall’altra.

Le persone con preferenze congiunte considerano la vita di coppia e l’avere figli come una decisione comune. Quelle con preferenze indipendenti la vedono come due decisioni distinte e indipendenti. Quando vivono in un’unione, le persone con preferenze congiunte (ideali-tipiche) diventano sempre genitori. Le persone con preferenze indipendenti diventano genitori solo se hanno una forte preferenza per i figli. In altre parole, le persone con preferenze congiunte con una debole preferenza per i figli diventeranno comunque genitori e compariranno nei nostri dati. Le persone con preferenze indipendenti con una debole preferenza per i figli non diventeranno genitori né saranno presenti nei nostri dati. Quelle con preferenze congiunte hanno maggiori probabilità di trovarsi in famiglie intatte, in quanto considerano la vita con il partner e i figli come una decisione comune. Infine, con preferenze indipendenti hanno maggiori probabilità di trovarsi nelle categorie di famiglie monoparentali o ricostituite, in quanto separano le decisioni.

Il modello teorico suggerisce, confermato dalla nostra analisi empirica, che i genitori di unioni non intatte sono in media selezionati positivamente per le preferenze individuali non osservabili di trascorrere del tempo con i figli. Gli stessi genitori tendono a essere selezionati negativamente per la maggior parte dei tratti osservabili classici, come l’istruzione e l’attaccamento al mercato del lavoro.

 

Trauma Transgenerazionale: trattamenti efficaci per guarire l’Eredità del Trauma

Trauma Transgenerazionale

 

Conseguenze del tempo tra genitori e figli

Quali sono le conseguenze delle differenze sistematiche nell’uso del tempo per lo sviluppo dei bambini tra le diverse strutture familiari in Danimarca?

Da un lato, i bambini che crescono in famiglie non intatte hanno spesso genitori con meno risorse rispetto ai bambini che crescono in famiglie intatte (Ottesen et al., 2014: 98–99). Data l’importanza degli investimenti materiali e immateriali nei bambini per il loro sviluppo delle competenze nei primi anni di vita, i bambini che crescono in famiglie non intatte possono essere doppiamente svantaggiati in termini di attività di sviluppo, sostenendo così il rischio di destini divergenti (McLanahan, 2004). D’altra parte, istituzioni assistenziali per la cura e lo sviluppo dei bambini possono mediare l’impatto negativo di un minore utilizzo del tempo. Ciò potrebbe avvenire se i bambini ne trascorrono in tali istituzioni (asili nido e scuole materne).

La ricerca futura dovrebbe studiare l’uso del tempo dei bambini con i genitori e altri adulti. Ciò permetterebbe di comprendere se, e in che misura, le differenze tra i tipi di famiglia nell’uso del tempo trascorso possa avere conseguenze sullo sviluppo dei bambini.

 

Corsi correlati

Corso Online
60 ECM
Master in Prevenzione e Intervento psicologico sulla Violenza nelle Relazioni Affettive
La live si terrà il 24 febbraio 2023
297€
o 50 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Alimentazione
22 ECM
Spedizione inclusa
Valutare e Trattare i nuovi Disturbi Alimentari delLe Adolescenti
La live si terrà il 17 febbraio 2023
287€ 227€
o 38 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Non ci sono articoli da mostrare per ora

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0