Accedi

I bambini notano le differenze razziali molto prima che gli adulti vogliano parlarne

differenze razziali

Un nuovo studio rivela che i bambini molto piccoli, anche i neonati, sono consapevoli delle differenze razziali. Ma molti adulti credono che i bambini dovrebbero avere quasi 5 anni prima di parlare con loro di “razza”.

 

Riconoscere le differenze razziali fin da piccoli: lo studio

I risultati di un recente studio sono pubblicati online nel Journal of Experimental Psychology.

“Ritardi in queste conversazioni importanti potrebbero rendere più difficile cambiare le percezioni errate o le credenze razziste dei bambini”, ha detto la co-autrice dello studio Jessica Sullivan, Ph.D., professoressa associata di Psicologia allo Skidmore College.

“I bambini sono in grado di pensare a tutti i tipi di argomenti complessi in età molto giovane”, ha detto. “Anche se gli adulti non parlano ai bambini di razza, i bambini lavoreranno per dare un senso al loro mondo e verranno fuori con le loro idee, che possono essere imprecise o dannose”.

In uno studio online con un campione rappresentativo a livello nazionale, a più di 600 partecipanti è stato chiesto quale fosse la prima età in cui avrebbero parlato di razza con i bambini. È stato anche chiesto loro quando pensano che i bambini sviluppino per la prima volta comportamenti e capacità cognitive relative alla razza e ad altri fattori sociali. Più della metà dei partecipanti erano genitori e il 40% erano persone di colore.

 

Risultati delle interviste e di studi precedenti

Gli intervistati credevano che le conversazioni sulla razza dovessero iniziare verso il quinto compleanno del bambino, anche se i bambini cominciano ad essere consapevoli della razza quando sono neonati. Ricerche precedenti hanno dimostrato che:

  • i bambini di 3 mesi preferiscono i volti della loro stessa razza se vivono in un ambiente razziale prevalentemente omogeneo;
  • i bambini di 9 mesi usano la razza per classificare i volti;
  • a 3 anni, i bambini negli Stati Uniti associano alcuni gruppi razziali con tratti negativi;
  • all’età di 4 anni, i bambini americani associano i bianchi con la ricchezza e lo status più elevato;
  • discriminazione basata sulla razza è già diffusa quando i bambini iniziano la scuola elementare.

Gli intervistati che pensavano che le capacità dei bambini di elaborare la razza si sviluppassero più tardi, credevano anche che le conversazioni sulla razza dovessero avvenire più tardi. Il team è stato sorpreso dal fatto che la razza dei partecipanti non ha influenzato l’età in cui erano disposti a parlare di razza con i bambini. Anche lo stato genitoriale dei partecipanti, il sesso, il livello di istruzione o l’esperienza con i bambini non hanno avuto alcuna influenza sui risultati.

In un secondo esperimento, i ricercatori hanno scoperto che quando i partecipanti sono venuti a conoscenza delle capacità di sviluppo dei bambini riguardo alla razza, hanno detto che gli adulti dovrebbero iniziare a parlarne quando i bambini hanno 4 anni. Questo era circa un anno prima rispetto all’esperimento precedente.

 

Strategie dannose nell’approccio al riconoscimento delle differenze razziali

“Molti genitori bianchi spesso usano strategie ben intenzionate ma inefficaci che ignorano le realtà del razzismo negli Stati Uniti”, ha detto il co-autore dello studio Leigh Wilton, Ph.D., assistente professore di psicologia allo Skidmore College.

Alcuni approcci dannosi includono una strategia daltonica (ad esempio, dicendo ai bambini “Il colore della pelle non conta”, o “Siamo tutti uguali”). Oppure rifiutandosi di discuterne (ad esempio, “Non è educato parlarne”).

 

Quando iniziare a parlare con i bambini di differenze razziali?

Lo studio non ha affrontato esattamente quando o come gli adulti dovrebbero parlare con i bambini della razza. Ma Wilton ha affermato che questo può iniziare presto.

“Anche se è un argomento difficile, è importante parlare con i bambini della razza. Infatti può essere difficile annullare i pregiudizi razziali una volta che si radicano“, ha detto. “I bambini piccoli non possono fare calcoli. Ma questo non significa che non insegniamo loro a contare. Si può avere una conversazione con un bambino sulla razza che sia significativa per loro al loro livello”.

I genitori, specialmente i genitori bianchi, hanno bisogno di diventare a proprio agio nel parlare di razza. Altrimenti diventerà solo più difficile quando i loro figli diventeranno più grandi, ha detto Wilton.

“Se aspettiamo che un bambino sia abbastanza grande per fare una domanda difficile sulla storia della violenza razziale, allora sarà molto più difficile parlarne se non ci sono state discussioni significative sulla razza all’inizio della loro vita”.

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: PsychCentral.com

Corsi correlati

Corso Online
15 ECM
Trauma Model Therapy, con Colin Ross
La live si terrà il 27 gennaio 2023
316€ 202€
o 34 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
24 ECM
Compassion Focused Therapy – Training di 1° livello
La live si terrà il 24 febbraio 2023
269€
o 45 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Disturbi dell'Umore / Depressione
Depressione: 9 interventi di Psicoterapia Sensomotoria
Dato il modo in cui le nostre vite sono state sconvolte negli ultimi anni, molti dei nostri...
Disturbi da Ansia e Stress
MBCT per il disturbo ossessivo-compulsivo
Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è una condizione psichiatrica caratterizzata da...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0