I narcisisti e la rabbia

narcisisti rabbia

Una nuova ricerca suggerisce cosa provoca così tanta rabbia nei narcisisti quando falliscono.

Potreste sapere dalla vostra esperienza come i soggetti altamente narcisisti reagiscono con rabbia quando incontrano un fallimento di qualsiasi tipo.

Questa persone trasformano anche le interazioni ordinarie in sport competitivi. Quale post sui social media ottiene più like? Chi è in grado di cucinare una frittata migliore? Chi riesce ad accaparrarsi l’unico posto auto rimasto in un parcheggio affollato?

Quando la posta in gioco è veramente alta, e un narcisista perde, l’esplosione di rabbia può assumere proporzioni ancora maggiori. Una famosa celebrità va sui social media per lamentarsi amaramente di non aver vinto un premio. Un concorrente perde in uno show, si allontana con rabbia e si rifiuta di stringere la mano al vincitore. Ci si aspetta che le persone che perdono ammettano la sconfitta e agiscano con grazia, potenzialmente guadagnando anche un po’ di umiltà dall’esperienza. Cosa rende il narcisista così incapace di accettare una dura verità?

 

Rabbia e narcisisti: lo studio

Emanuela Gritti dell’Università di Padova e un team di colleghi internazionali, in uno studio pubblicato recentemente, hanno cercato di capire cosa provoca così tanta rabbia nei narcisisti quando falliscono. Piuttosto che basarsi solo sui dati del questionario self-report, il team di ricerca italiano ha aggiunto il ben noto Rorschach Inkblot Test, un cosiddetto test “proiettivo” in cui il sottoposto descrive stimoli ambigui. L’idea è che il test risponda in modi che riflettono gli aspetti inconsci della personalità.

Il test stesso contiene cinque macchie d’inchiostro in bianco e nero, e cinque colorate (modelli simmetrici di macchie di colore). L’amministratore le mostra una per una chiedendo al testante “Cosa vedi?” seguito da domande basate sulle risposte iniziali del test. I valutatori forniscono poi dei punteggi su una serie di dimensioni standard utilizzando criteri predefiniti per rendere i risultati il più oggettivi possibile.

Probabilmente avete familiarità con questo test e potreste pensare che sia diventato obsoleto. Tuttavia, i medici e i ricercatori continuano a trovarlo utile come mezzo per intercettare le emozioni e le motivazioni inconsce di un individuo.

 

Rabbia narcisista a seguito di un fallimento

Simulando un’esperienza di fallimento per i 105 studenti universitari che hanno partecipato allo studio, il team di ricerca ha voluto scoprire se fossero stati in grado di rilevare la rabbia motivata dal narcisismo con questa sonda profonda nella personalità dei loro partecipanti. Il fallimento simulato consisteva nel presentare ai partecipanti quello che viene chiamato un compito di ragionamento a matrice, in cui si sceglie un modello che completa correttamente una sequenza di forme geometriche. Gli autori hanno accentuato il bisogno di fare bene in questo compito ai loro partecipanti, descrivendolo come una misura che potrebbe “predire il successo futuro e la vita”, che gli autori riconoscono essere in realtà ragionevolmente accurata.

Dopo ogni prova del compito, che è stato presentato sullo schermo di un computer, i partecipanti hanno ricevuto un feedback immediato sotto forma di emoji (faccina gialla per il corretto e rossa per l’errato). Questo feedback, tuttavia, non era associato alla loro performance, permettendo al team di ricerca di manipolare sperimentalmente i risultati di successo e fallimento.

Nella prima serie di prove, i partecipanti credevano di aver avuto successo. Un semaforo verde è apparso sullo schermo, insieme alla dichiarazione che erano corretti all’80%. Dopo la seconda serie di prove, è apparsa una luce rossa, informando i partecipanti che erano corretti solo al 40% e che avevano fatto molto peggio dei loro compagni. Per aumentare l’impatto del fallimento, il team di ricerca ha aggiunto una componente di imbarazzo sociale dicendo ai partecipanti che i loro volti venivano registrati e che più tardi un gruppo di ricercatori avrebbe valutato il loro comportamento non verbale.

 

Somministrazione del Rorschach e questionari

Il team di ricerca ha somministrato il Rorschach insieme a questionari di personalità che toccano il narcisismo prima della manipolazione successo-fallimento. Dopo la manipolazione, i partecipanti hanno valutato la propria performance in termini di:

  1. quanto sforzo hanno impiegato nel compito della matrice;
  2. quanto era difficile;
  3. se credevano che riflettesse le loro capacità.

Per valutare l’impatto psicologico dell’esperienza, i partecipanti hanno anche valutato la loro autostima, così come le reazioni emotive che hanno avuto nel momento di rabbia e ostilità.

Guardando specificamente a come il Rorschach ha toccato i livelli più profondi del narcisismo, Gritti et al. hanno ideato una serie di scale standard lungo le quali hanno codificato le risposte. Queste includevano dimensioni come:

  • sentimenti di onnipotenza
  • riferimento personale espanso
  • idealizzazione
  • svalutazione narcisistica
  • negazione narcisistica
  • deflazione narcisistica

Queste scale molto probabilmente attingono a ciò che si potrebbe associare tipicamente al narcisismo. Ma, cosa più importante, si sono anche collegate in uno studio precedente alle risposte di individui con diagnosi di disturbo narcisistico di personalità.

 

La rabbia nei narcisisti: risultati dello studio

Passando ai risultati, i punteggi di questi studenti universitari sulle scale di narcisismo di Rorschach hanno effettivamente predetto i loro livelli di rabbia ed esternalizzazione della colpa. Gli inventari self-report, al contrario, non erano correlati alle reazioni che i partecipanti avevano all’insulto di autostima del fallimento. Nelle parole degli autori, “La tendenza a collocare la fonte dei risultati negativi al di fuori del sé riflette probabilmente un tentativo degli individui narcisisti di resistere a ciò che percepiscono come feedback negativo. Come tale, le scale di narcisismo [Rorschach] valutate implicitamente potrebbero essere associate al comportamento ostile messo in atto in situazioni quotidiane non strutturate da persone narcisiste che sperimentano affronti all’autostima”.

Questi risultati possono quindi confermare ciò che già sapete dalle vostre esperienze con persone che tendono ad alti livelli di narcisismo. Non volete stare al loro fianco quando si sono sentiti umiliati, superati o “traditi”. Tuttavia, potreste essere sorpresi di apprendere che è stato l’aspetto vulnerabile del narcisismo che ha predetto più fortemente le reazioni di rabbia al fallimento.

Non è la persona apertamente grandiosa che si indignerà per una perdita. Ma l’individuo che si sente interiormente vulnerabile e debole.

Allo stesso tempo, gli autori notano che le persone con livelli elevati di “grandiosità” guardano il loro fallimento non come un segno della loro debolezza, ma come un segno della difficoltà del compito. Nelle loro menti, non potevano scalare quella montagna di buone prestazioni perché la montagna era troppo alta, non perché mancavano di abilità.

Come notano gli autori, sapere quanto sensibili possano essere le persone con narcisismo vulnerabile alle “minacce all’ego” può aiutarvi ad arginare la marea della loro rabbia prima che vada fuori controllo. Anche ridefinire una situazione non come un test delle capacità di qualcuno, ma come un’attività più neutra (pensate a cucinare quella frittata), potrebbe prevenire il tipo di esplosione, che può essere dannosa e lesionante.

Per riassumere, le persone con una forma vulnerabile di narcisismo sembrano interpretare le situazioni in cui non riescono a vivere secondo i loro standard come prova della loro debolezza. Comprendere le “dinamiche complesse” di queste situazioni può aiutare voi, e loro, a reagire in modo più maturo e adattivo.

Vuoi approfondire il tema del Narcisismo?

Leggi anche:

➡️ Il Disturbo Narcisistico della Personalità in Psicologia della Salute: 2 casi di studio

➡️ Come i narcisisti sfruttano il caos

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: PsychologyToday.com

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>