inquinamento ADHD

Inquinamento e ADHD

La sindrome da deficit di attenzione e iperattività ADHD è uno dei disturbi più comuni dell’infanzia,  le diagnosi sono aumentate del 42% dal 2004.

In uno studio pubblicato sulla rivista PLoS ONE, i ricercatori della Columbia University hanno scoperto che l’inquinamento atmosferico potrebbe contribuire a un aumento delle diagnosi di ADHD

“Questo studio suggerisce che l’esposizione agli idrocarburi policiclici aromatici (PAH) può svolgere un ruolo nella ADHD nell’infanzia”, ha detto l’autore il Dott Frederica Perera,  in un comunicato stampa.

 

“I risultati sono relativi, in quanto problemi di attenzione sono noti per influenzare il rendimento scolastico, le relazioni sociali, e le prestazioni sul lavoro.”

A parte forse contribuire allo sviluppo di ADHD, l’esposizione agli PAH è stato collegato a difetti alla nascita, problemi comportamentali nei bambini, reni e fegato, cataratta, e vari tipi di cancro. Sono composti organici presenti in quasi ogni aspetto della nostra vita; gas di scarico dei veicoli, il fumo di tabacco, la carne alla griglia e farmaci.

Per lo studio, i ricercatori hanno seguito 233 mamme nella città di New York durante tutta la gravidanza, e nei primi vita dei bambini. Durante questo periodo, hanno anche preso campioni di sangue dalle madri (poco dopo la nascita del bambino) e campioni di urina dei bambini in età 3 e 5 (per verificare metaboliti PAH).

Dopo aver testato i bambini per l’ADHD, i ricercatori hanno scoperto che i bambini le cui madri erano state esposte a livelli elevati di PAH durante la gravidanza avevano cinque volte più probabilità di sviluppare ADHD. Dei 33 esposti ad elevati livelli, 13 hanno sviluppato il sottotipo iperattivo-impulsivo di ADHD, mentre sette avevano il sottotipo disattento, e 13 avevano entrambi, dati del Washington Times.

Anche se non è del tutto chiaro come l’inquinamento contribuisce a sviluppare il disturbo, i ricercatori hanno suggerito nel loro articolo che potrebbe essere causato dallo stress ossidativo, una perturbazione del sistema endocrino, danni al DNA, o problemi con la crescita della placenta, che avrebbe potuto portare ad una riduzione di ossigeno e assunzione di nutrienti. “Durante il periodo fetale e nella prima infanzia, il cervello è in rapido sviluppo e vulnerabile ad attacchi neurotossici che possono manifestarsi come esiti negativi per l’infanzia e l’età adulta,” hanno scritto i ricercatori.

Chiaramente, l’esposizione agli PAH non genera sempre gli stessi esiti, tuttavia, è stato osservato in gruppi a basso reddito un aumento di rischio, questo anche in zone con un tasso d’inquinamento più basso(mostravno livelli più alti di PAH). Le persone a basso reddito, si è pensato, sono più propensi a fumare sigarette, e a viver in posti più disagiati, vicino a siti di rifiuti tossici, ad esempio.

I ricercatori hanno detto che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare la quantità di inquinamento che contribuisce alla ADHD. Se si riesce a determinare i fattori ambientali, sarà più facile fare prevenzione.

 

Fonte:

Perera F, H Chang-W, Tang D, et al. Esposizione Early-Life per idrocarburi policiclici aromatici e problemi ADHD comportamento. PLoS One. 2014.

 

Copyright: [email protected]
Non riprodurre senza autorizzazione

0 thoughts on “Inquinamento e ADHD

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>