Accedi

La ricerca neuropsicologica nel Disturbo Ossessivo-Compulsivo

La ricerca neuropsicologica nel Disturbo Ossessivo-Compulsivo

Le funzioni neuropsicologiche nel disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) sono state ampiamente studiate. Nonostante alcuni risultati comuni tra gli studi che indicano prestazioni carenti nei test nei domini cognitivi con dimensioni dell’effetto da piccole a medie, i risultati rimangono incoerenti ed eterogenei. Tuttavia, i molteplici tentativi passati di identificare i moderatori che possono spiegare tale variabilità non hanno dato risultati. I moderatori tipici tra cui la gravità dei sintomi, l’età all’esordio, lo stato dei farmaci e le condizioni di comorbidità non sono riusciti a fornire un sufficiente potere esplicativo. È stato quindi ipotizzato che queste incongruenze possano essere attribuite alla natura eterogenea intrinseca del disturbo (cioè le dimensioni dei sintomi), o alla naturale fluttuazione nella gravità dei sintomi. Tuttavia, recenti meta-analisi suggeriscono che questi fattori potrebbero non spiegare la persistente variabilità inspiegabile.

Altri potenziali fattori – alcuni dei quali sono unici per i test neuropsicologici – hanno ricevuto scarsa attenzione dalla ricerca, compresa la definizione dei danni cognitivi, la specificità e la selezione dei test e delle misure di risultato, e la loro limitata validità ecologica. Altri moderatori, in particolare gli aspetti motivazionali e i fattori metacognitivi (ad esempio, l’autoefficacia) non sono stati precedentemente affrontati nonostante la loro potenziale associazione al DOC e il loro impatto documentato sulla funzione cognitiva. Lo scopo della presente mini-review è quello di fornire una breve panoramica aggiornata dello stato attuale della letteratura neuropsicologica nel disturbo ossessivo compulsivo, espandendo i potenziali moderatori spesso trascurati e il loro impatto putativo sui risultati neuropsicologici nel disturbo ossessivo compulsivo. Il nostro obiettivo è quello di evidenziare le vie importanti per ulteriori ricerche e fornire una tabella di marcia per gli investigatori al fine di far progredire la nostra comprensione delle funzioni cognitive in OCD che è stata stagnante negli ultimi dieci anni.

Risultati neuropsicologici nel DOC

Decenni di ricerca sulla funzione cognitiva nel disturbo ossessivo-compulsivo (OCD), tra cui una serie di revisioni sistematiche e meta-analisi, rivelano prestazioni di test carenti in più domini cognitivi. Sebbene tutte le meta-analisi riportino costantemente prestazioni insufficienti con effetti da piccoli a medi nell’OCD rispetto ai controlli non clinici, una scoperta caratteristica di questa letteratura è una significativa eterogeneità e incoerenza tra gli studi.

Infatti, una recente meta-analisi degli endofenotipi cognitivi familiari nel OCD ha anche trovato una significativa eterogeneità tra le principali funzioni esecutive. Tali incongruenze suggeriscono che alcuni moderatori o fattori latenti possono spiegare questa eterogeneità. Tuttavia, le analisi dei moderatori che esaminano molteplici variabili potenziali, comprese le variabili demografiche (ad esempio, il sesso, l’età, l’istruzione) e cliniche (ad esempio, l’età di esordio, la gravità dei sintomi del DOC, i farmaci, le comorbidità) non hanno trovato effetti di moderazione significativi. Inoltre, sebbene le analisi dei moderatori nelle revisioni meta-analitiche utilizzino solitamente una procedura di meta-regressione, alcune meta-analisi hanno cercato di esaminare tali potenziali moderatori come risultato primario. Tuttavia, questi studi, compresi gli esami delle correlazioni tra la funzione cognitiva e la gravità dei sintomi, e con le dimensioni del DOC, non hanno trovato effetti significativi che tengano conto di tale eterogeneità. Inoltre, questa incoerenza è ulteriormente offuscata dalla ricerca e dalle meta-analisi nell’OCD pediatrico che producono un quadro sostanzialmente divergente rispetto all’OCD adulto. Da notare che un simile grado di eterogeneità è stato riportato in una meta-analisi che esamina le funzioni cognitive tra gli studi che utilizzano gli stessi compiti e le stesse misure di risultato (invece di calcolare le dimensioni dell’effetto del dominio da diversi test).

In particolare, la grandezza di questi effetti (da piccoli a medi) nel DOC non ammonta a quello che è tipicamente considerato un danno cognitivo. È anche importante notare che il modello di disfunzione cognitiva non è specifico per l’OCD, e una recente revisione ombrello non ha identificato alcun marcatore biologico o cognitivo specifico per l’OCD. Inoltre, recentemente sono state identificate dimensioni di effetto simili e tendenze di eterogeneità piuttosto simili tra i disturbi DSM (15-18). Questo ha portato alla conclusione che il fattore C (cioè la disfunzione cognitiva) è transdiagnostico, e che non esiste un profilo neuropsicologico affidabile specifico del disturbo. Considerando che il disturbo ossessivo-compulsivo è associato a disturbi funzionali, questo stato di cose solleva la questione se il disturbo ossessivo-compulsivo sia legato a deficit cognitivi significativi e, in caso contrario, se i test neuropsicologici possano essere cattivi predittori della compromissione funzionale quotidiana nel disturbo ossessivo-compulsivo. In questa revisione, delineiamo fattori poco studiati e diversi potenziali costrutti latenti che dovrebbero essere indagati per promuovere la nostra comprensione dei risultati neuropsicologici nel DOC. Questi includono fattori associati agli aspetti psicometrici e interpretativi dei test neuropsicologici, e strutture di stato/trait associate al DOC o alla psicopatologia in generale.

Variabili di stato/ritratto personali

Nonostante le ricerche precedenti suggeriscano che le prestazioni neuropsicologiche possano essere correlate alla gravità dei sintomi, la gravità non è emersa come un moderatore significativo delle prestazioni nelle meta-analisi. Inoltre, la relazione tra le prestazioni dei test e il trattamento (farmacologico o psicologico) è estremamente incoerente. Mentre diversi studi hanno esaminato le prestazioni neuropsicologiche come un predittore dell’esito del trattamento, o nel contesto della sensibilità al trattamento, i risultati di tali studi sono estremamente scarsi e incoerenti, e nel complesso non ci sono risultati replicabili che suggeriscano che le funzioni cognitive sono predittori affidabili della risposta al trattamento. Questo non è sorprendente, data la mancanza di associazioni tra le prestazioni dei test neuropsicologici e le misure di gravità in primo luogo.

Tuttavia, le incongruenze e le lacune di cui sopra presentano un enigma, in quanto precludono una comprensione significativa delle prestazioni neuropsicologiche nel DOC rispetto ai meccanismi psicopatologici o al funzionamento del mondo reale. Particolarmente sorprendente è la quasi totale assenza di studi che esaminano la corrispondenza delle prestazioni neuropsicologiche con indici funzionali, professionali e accademici nel DOC, un disturbo legato a notevoli disfunzioni accademiche e professionali. Inoltre, c’è poca corrispondenza tra la valutazione neuropsicologica della funzione esecutiva e le valutazioni del funzionamento della vita reale. Questo problema, tuttavia, non è esclusivo dell’OCD ed è stato riportato in tutti i disturbi e può in parte riguardare il livello di consapevolezza di tali difficoltà, e la discrepanza tra i costrutti misurati nei test cognitivi e come questi sono espressi nella vita quotidiana. Sfortunatamente, le scale self-report sviluppate unicamente per le difficoltà cognitive nel DOC [ad esempio, lo strumento di valutazione cognitiva delle ossessioni e delle compulsioni (CAIOC-13)], non sono state esaminate in relazione ai punteggi dei test neuropsicologici.

Raccomandiamo che gli studi futuri esaminino la corrispondenza tra le prestazioni neuropsicologiche e i correlati funzionali. Questa è una ricerca essenziale e altamente necessaria che consentirebbe al campo di conoscere i fattori trainanti alla base delle menomazioni funzionali quotidiane nel disturbo ossessivo compulsivo e, altrettanto importante, aiuterebbe a determinare quale grado di sottoperformance nei test cognitivi può essere considerato come indicativo di una reale menomazione funzionale nella vita.

Fattori affettivi, motivazionali e metacognitivi

Gli stati affettivi (per esempio, ansia o depressione), la motivazione, lo sforzo e le distrazioni interne (per esempio, i pensieri ossessivi intrusivi) sono stati a lungo osservati come fattori confondenti nei test neuropsicologici, ma possono avere un valore particolare nello spiegare i risultati discrepanti. Per esempio, in alcuni studi, gli individui con disturbo ossessivo-compulsivo riportano una maggiore ansia per le loro prestazioni, pensieri ossessivi distraenti e influenze momentanee negative durante i test neuropsicologici. Inoltre, il test della motivazione e dello sforzo è raccomandato come parte essenziale delle valutazioni neuropsicologiche standard, poiché le prestazioni discrepanti possono indicare uno sforzo sub-ottimale, attribuibile a molteplici cause tra cui anedonia, somatizzazione, o guadagno secondario.

La metacognizione è la capacità di valutare, riflettere, controllare e valutare le proprie cognizioni. È noto che la metacognizione è alterata nei vari disturbi. Alcuni aspetti della metacognizione che possono avere un impatto sulla funzione cognitiva includono l’autoefficacia, l’autostigma, gli atteggiamenti verso i test neuropsicologici, e l’iper monitoraggio delle proprie prestazioni. Per esempio, diverse spiegazioni delle prestazioni carenti nel disturbo ossessivo-compulsivo hanno implicato un maggiore monitoraggio degli errori o degli errori percepiti, e la sensibilità alla novità, compresi i risultati riguardanti il rallentamento post-errore sulla SST, le difficoltà sugli item più semplici/iniziali del test rispetto agli item successivi/più complessi dello stesso test, e uno stile di risposta “sempre in guardia” anche quando le richieste del compito sono rilassate. Questi risultati hanno contribuito alla comprensione del fatto che il disturbo ossessivo-compulsivo può essere caratterizzato non dall’impulsività, ma da un controllo delle prestazioni troppo cauto e inflessibile. È importante notare che, come descritto dal modello di sovraccarico esecutivo del disturbo ossessivo compulsivo, tale ipercontrollo e sensibilità ai nuovi stimoli è legato a un aumento dei pensieri ossessivi e può causare un “sovraccarico esecutivo” e influenzare negativamente le prestazioni del test.

Altri processi metacognitivi che influenzano l’attenzione/memoria di lavoro sono evidenziati da studi su campioni non clinici: aspettative negative relative alla difficoltà del compito/alla propria abilità, minaccia degli stereotipi, ruminazione ed eccitazione emotiva, e minaccia all’autostima. La minaccia all’autostima, e l’autostima più bassa, si suppone che influenzino molteplici funzioni cognitive, compresa l’attenzione attraverso un aumento dell’ansia di stato e la deviazione (metacognitiva) delle risorse attenzionali verso stimoli irrilevanti per il compito. Nell’OCD, lo stigma/self-stigma da stereotipi negativi sulla disfunzione cognitiva in questo disturbo sembra avere un impatto negativo sulle prestazioni dei test neuropsicologici. I processi metacognitivi, in particolare per quanto riguarda l’automonitoraggio e la successiva riorganizzazione, possono anche avere un effetto facilitante sulla cognizione. Tali processi possono essere utilizzati per mitigare le influenze negative sulle prestazioni del test, e assistere nella selezione e nell’uso di strategie rilevanti per il compito. Per questo motivo le tecniche metacognitive sono state incluse negli interventi di recupero cognitivo; tuttavia le applicazioni all’OCD sono poche e meritano ulteriori indagini.

I processi psicologici che influenzano le prestazioni dei test sono spesso trascurati e si raccomanda che tali processi siano attentamente indagati negli studi futuri. Gli studi finora hanno impiegato diversi approcci per affrontare questo problema, come la scomposizione delle prestazioni del test in processi componenti, l’impiego di modifiche sperimentali a compiti classici, l’uso di self-report per valutare i processi metacognitivi durante, o dopo le prestazioni neuropsicologiche. Tale ricerca può essere cruciale per chiarire le incongruenze nei risultati e migliorare la bontà dell’adattamento ai modelli psicopatologici e ai correlati del mondo reale del funzionamento nel DOC.

 

Disturbo Ossessivo Compulsivo – SUMMIT 2022

Discussione

Un vasto corpo di letteratura indica che il disturbo ossessivo-compulsivo è associato a prestazioni insufficienti nei test neuropsicologici in molteplici domini. Tuttavia, i tentativi di integrare la disfunzione cognitiva con modelli contemporanei OCD o meccanismi psicopatologici sono stati infruttuosi, e l’eterogeneità inspiegabile rimane un problema importante. Infatti, le analisi dei moderatori in molteplici meta-analisi non sono riuscite a identificare alcuna variabile o combinazione di variabili che possano spiegare questa eterogeneità. Ulteriori tentativi di risolvere questo problema hanno incluso meta-analisi che esaminano direttamente i moderatori, come la gravità dei sintomi e le dimensioni del DOC, che non hanno dato risultati significativi. Inoltre, questi risultati sembrano essere non-specifici per OCD, e tale disfunzione cognitiva è vista in tutti i disturbi DSM con dimensioni di effetto molto simili. Infatti, recentemente Abramovitch et al. hanno condotto una revisione sistematica delle meta-analisi che esaminano le funzioni cognitive attraverso i disturbi e hanno concluso che la psicopatologia (definita categoricamente o dimensionalmente) è caratterizzata da disfunzioni cognitive. Questa scoperta transdiagnostica – denominata fattore C (per la disfunzione cognitiva) – solleva la questione dei fattori comuni tra i disturbi che, come il fattore p, possono avere un migliore potere esplicativo.

Tuttavia, le analisi dei moderatori che possono spiegare tale eterogeneità dipendono dai moderatori che i ricercatori scelgono di valutare. Questi sono in gran parte circoscritti a fattori demografici e clinici classici. È importante considerare che il funzionamento cognitivo osservabile può essere il prodotto finale di dinamiche intricate che coinvolgono la genetica, le basi neurofisiologiche, le funzioni neuropsicologiche, i fattori psicologici come i bias metacognitivi e i cambiamenti legati allo stato dell’affetto e dei sintomi. Nonostante la crescente evidenza, la valutazione degli aspetti psicologici, compresi i fattori motivazionali e metacognitivi legati alla performance, non fa parte della ricerca neuropsicologica standard, anche se la migliore pratica in neuropsicologia richiede che una conclusione sui risultati di qualsiasi valutazione neuropsicologica sia fatta solo se lo sforzo è stato valutato come parte della batteria di test. In particolare, le marcate incongruenze nella ricerca sull’OCD rendono imperativa la valutazione di questi aspetti. Raccomandiamo che la ricerca futura prenda in considerazione le variabili personali di stato/trait che possono avere un impatto sulle prestazioni del test nel DOC, che possono anche aumentare il potere interpretativo e la bontà dell’adattamento ai modelli psicopatologici.

Nonostante ciò, dato che sta diventando sempre più chiaro che la validità ecologica dei test neuropsicologici classici nel contesto della psicopatologia (e in particolare nel DOC) è scarsa, raccomandiamo ai ricercatori di adottare un approccio attento alla selezione dei test e delle misure di risultato, così come all’interpretazione dei loro risultati. La ricerca neuropsicologica nel DOC beneficerebbe di un’attenta considerazione dei compiti e delle variabili di risultato, e l’incorporazione della valutazione della funzione quotidiana è cruciale. Incoraggiamo anche i ricercatori nel campo ad utilizzare l’approccio della verosimiglianza, incorporando test che imitano le richieste di situazioni di vita reale, invece di concentrarsi solo su test che possono essere correlati con le funzioni della vita reale. Inoltre, i sistemi di self-report che attingono alle funzioni della vita reale relative ai domini cognitivi (ad esempio, il BRIEF) sarebbero un valore aggiunto. La formazione di un consorzio neuropsicologico internazionale di ricercatori può essere una sede potenziale per discutere queste e altre questioni, e lavorare per delineare più chiaramente i test adatti.

In sintesi, dopo decenni di esauriente ricerca fondazionale sulla neuropsicologia nel DOC, gli sforzi successivi potrebbero aver bisogno di essere più ampi (per esempio, considerare il ruolo di altri fattori che hanno un impatto sulla disfunzione cognitiva), più profondi (per esempio, esplorare test e costrutti in relazione ai metodi neuropsicologici, ai correlati clinici e funzionali), e più fini (per esempio, intraprendere indagini più sfumate sulle prestazioni dei test), al fine di far progredire il campo.

Fonte: Frontersin in Psychiatry, Himani Kashyap1 e Amitai Abramovitch2, “Neuropsychological Research in Obsessive-Compulsive Disorder: Current Status and Future Directions“, https://www .frontiersin.org/ articles/ 10.3389/ fpsyt.2021.721601/ full

Corsi correlati

Articoli correlati

Famiglia e Genitorialità
Strategie di relazione per supportare genitorialità positiva
Una relazione di attaccamento sicuro con almeno un adulto sano è essenziale affinché un...
Disturbi dell'Umore / Depressione
Depressione: 9 interventi di Psicoterapia Sensomotoria
Dato il modo in cui le nostre vite sono state sconvolte negli ultimi anni, molti dei nostri...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0