Strategie di relazione per supportare genitorialità positiva

genitori

Una relazione di attaccamento sicuro con almeno un adulto sano è essenziale affinché un bambino sviluppi capacità di coping ottimali.

Uno sviluppo sano del bambino dipende dalle relazioni che i bambini hanno con i genitori e altre persone importanti nella loro vita. I bambini imparano a parlare, pensare ed esprimere emozioni da un “ambiente di relazioni“.

La relazione genitore-figlio è quella che influenza maggiormente il funzionamento emotivo e comportamentale. I terapeuti e altri operatori sanitari possono coinvolgere e sostenere le famiglie osservando, valutando, modellando e assistendo queste prime relazioni.

Piangere, dormire e comportamenti difficili sono tre questioni per le quali i genitori spesso chiedono consiglio a un operatore sanitario e, in quanto tali, sono opportunità fondamentali per offrire una guida e risorse positive ai genitori.

Il ruolo del clinico nel ruolo di sostegno della genitorialità positiva

Le pratiche genitoriali sono il più forte determinante modificabile della salute comportamentale ed emotiva nei bambini. Le sfide con il comportamento dei bambini possono derivare da diverse fonti.

Indipendentemente dalle circostanze familiari, quando si sostengono i genitori dovrebbero sempre essere applicati cinque principi chiave:

  1. Aiutali a costruire relazioni amorevoli e reattive con i bambini, cioè ricche di interazione, prevedibili, emotivamente reattive e sicure.
  2. Accetta che ci sono ragioni per tutti i comportamenti, positivi o negativi che siano. Molti comportamenti difficili possono essere gestiti attraverso relazioni sicure genitore-figlio, un ambiente familiare amorevole e attento e una guida mirata da parte dei genitori.
  3. Aiutare a mitigare l’impatto delle prime esperienze infantili avverse (ACE, vedi sotto) sia nei bambini che nei genitori. Quindi, incoraggiando i fattori protettivi all’interno delle famiglie.
  4. Riconoscere e rispettare la differenza. Gli approcci familiari al pianto, al sonno e al comportamento variano culturalmente e navigare tra i punti di variazione con la sensibilità è la chiave per fornire cure culturalmente sicure.
  5. Sii consapevole e informato della letteratura sui genitori, dei siti Web credibili e dei libri per i genitori. Costruire collegamenti con almeno una risorsa locale affidabile per la prima infanzia (ad esempio, un centro sanitario pubblico o comunitario). Questo può aiutare le famiglie a trovare e utilizzare risorse locali, inclusi programmi di sviluppo dei bambini e genitorialità, banche alimentari, servizi abitativi, assistenza legale e centri per l’impiego, supporti per l’alfabetizzazione e servizi sanitari.

ACEs

Alcune famiglie che vedete in terapia avranno sperimentato gli ACE: eventi stressanti o traumatici nell’infanzia. Tra cui:

  • abusi
  • negligenza
  • separazione o divorzio dei genitori
  • violenza assistita.

Le avversità infantili sono comuni a tutti i gruppi socio economici e i loro effetti sono cumulativi. Una forte relazione dose-effetto tra i primi traumi della vita – come maltrattamenti, grave depressione dei genitori o povertà – e i comportamenti a rischio per la salute e le malattie successive è stata dimostrata da Felitti e Anda alla fine degli anni Novanta. Inoltre, è stata confermata da molti studi successivi .

Lo stress “tossico” deriva da periodi di avversità importanti, frequenti o prolungati e può avere effetti precoci e profondi su più sistemi: neurologico, immunologico, psichiatrico e comportamentale.  Lo stress tossico precoce mette i bambini a rischio di problemi fisici, mentali e comportamentali, e l’assenza di fattori mitiganti aggrava tali effetti.

Recenti ricerche sui determinanti sociali hanno ulteriormente sottolineato come le circostanze familiari di base abbiano un impatto sulla salute e sui risultati di vita. Le risposte adattive allo stress durante l’infanzia – note come “risposta tossica allo stress” – possono aprire la strada a esiti negativi per la salute e per la vita.

Tuttavia, c’è una buona notizia: gli adulti che si prendono cura di loro possono tamponare lo stress e costruire la resilienza nei bambini, anche in circostanze difficili o quando sono essi stessi gravati da ACE.

La stragrande maggioranza dei bambini (e dei genitori) con problemi emotivi e comportamentali, che possono essere legati a un trauma, non viene identificata e non viene trattata. Nel contesto di una relazione di fiducia, anche solo aprire la conversazione su questi temi può avviare un intervento per le famiglie.

Le domande da porre

Ad ogni visita, i terapeuti devono porre domande sui comportamenti del bambino, sulle routine familiari e sul funzionamento generale della famiglia (per esempio, “Qual è la routine del bambino per andare a letto?“). Considerate di porre questa domanda a ogni famiglia che vedete: “È successo qualcosa di stressante a te [al tuo bambino] o alla tua famiglia dall’ultima volta che ti ho visto?“. Se un genitore descrive sintomi di salute mentale, come depressione o senso di colpa, relativi a qualsiasi aspetto della cura del bambino, prendete tempo per esplorare il suo stato di salute mentale e le strategie di coping.

Chiedere informazioni sulla cura di sé e sulle routine domestiche può far emergere segnali di stress familiare legati al denaro, alla casa o a gravi disfunzioni. Eseguire uno screening per la depressione, l’uso di sostanze o i traumi familiari, quando appropriato, utilizzando strumenti standardizzati.

I seguenti approcci possono aumentare il coinvolgimento delle famiglie e creare fiducia:

  • Modellare capacità di comunicazione interpersonale (basata sull’attaccamento) con genitori e bambini. Essere aperti, prevedibili, gentili e curiosi. Non giudicate, esprimete fiducia nelle scelte dei genitori, chiedete dei sentimenti e cercate di riformulare gli scambi negativi (“Mi chiedo se ci sia un modo più utile di pensare a questo comportamento?“).
  • Per aprire un percorso di consulenza su temi delicati, ponete domande generali sull’infanzia dei genitori, ad esempio: “Come vi hanno aiutato i vostri genitori a gestire le emozioni?“.
  • Chiedere e discutere dei supporti per i genitori, come gli amici, la famiglia o la comunità religiosa. Chiedere “A chi ti rivolgi per avere sostegno?” può aiutare a identificare problemi relazionali o di isolamento sociale.
  • Il colloquio motivazionale (MI) utilizza tecniche di comunicazione incentrate sul paziente per aiutare le persone a lavorare su problemi impegnativi parlando del motivo per cui vogliono cambiare e assumendosi la responsabilità del proprio comportamento. Il MI può essere utilizzato per motivare il cambiamento, sensibilizzare i genitori ed evidenziare preoccupazioni specifiche. I concetti chiave per i clinici che utilizzano la MI sono l’empatia, il non giudizio e il sostegno.

Costruire sui punti di forza relazionali di ogni famiglia

Con la consulenza e la promozione di strategie genitoriali che alimentano e sostengono la resilienza, i terapeuti possono aiutare tutte le famiglie, in particolare quelle colpite da traumi precoci e stress tossico.

Le seguenti strategie possono essere utili in ogni visita in ufficio:

  • Informarsi sui fattori protettivi dei genitori (per esempio, un fornitore di cure coerente, routine sane, lettura, utilizzo delle risorse della comunità) e sugli obiettivi di assistenza sanitaria, e rinforzare positivamente i miglioramenti. Altri fattori protettivi possono essere la rete sociale dei genitori, un equilibrio positivo tra lavoro e vita privata, la limitazione del tempo trascorso in famiglia davanti allo schermo e una sana routine per andare a letto.
  • Concentrarsi sulle variabili di mediazione che influenzano la vita quotidiana ma che possono essere modificate, come le capacità di interazione dei genitori o la capacità del bambino di regolare le emozioni.
  • Abbinare l’orientamento e gli interventi ai moderatori positivi delle avversità, come i punti di forza della famiglia o i valori culturali condivisi.
  • Osservare le interazioni genitori-bambini per individuare scambi sensibili e reattivi e modellare questa forma di comunicazione nella pratica quotidiana: impegnarsi direttamente con i bambini piccoli, essere aperti con i genitori e coinvolgere il personale della clinica in questo approccio.
  • Implementare routine regolari e affidabili in studio, come orari di ambulatorio che tengano conto dei genitori che lavorano e una programmazione proattiva, ove possibile (“Prendiamo un appuntamento per l’inizio del mese prossimo” piuttosto che “Torni se ha delle difficoltà“). Sviluppare protocolli per il monitoraggio dei problemi, come un programma condiviso di visite di ritorno o di follow-up più lunghe.
  • Coinvolgere professionisti culturalmente competenti (ad esempio, interpreti o visitatori a domicilio) quando necessario. L’assistenza culturalmente informata alle famiglie indigene può comportare il coinvolgimento di organizzazioni, servizi o personale delle Prime Nazioni, Inuit o Métis.
  • Coinvolgere tutte le famiglie utilizzando programmi che promuovono la lettura condivisa, che integrano esperienze positive tra genitori e figli con lo sviluppo di competenze di alfabetizzazione precoce.

La ricerca sulla resilienza ha dimostrato che i fattori e i processi protettivi hanno effetti cumulativi e positivi sul benessere dei bambini: di più è meglio.

Consulenza con un orientamento incentrato sulla famiglia

Quando i genitori cercano una guida su questioni relazionali importanti che riguardano l’attaccamento, il pianto, il sonno e i comportamenti difficili, è opportuno considerare l’utilizzo di tecniche di MI. Si tratta di opportunità cruciali per i medici di consigliare, sostenere e promuovere una genitorialità positiva.

Attaccamento e salute relazionale positiva

La costruzione di relazioni di qualità tra genitore e bambino è un processo di sviluppo fondamentale. I terapeuti dovrebbero prestare attenzione alla sicurezza dell’attaccamento durante tutta la prima infanzia. Molto si può imparare semplicemente osservando e ascoltando le interazioni genitore-bambino durante una visita – i cicli di esplorazione e di ritorno, l’allungamento della mano, la reattività, i comportamenti di conforto in caso di vaccinazione – e ascoltando attentamente ciò che un genitore dice dei propri figli e della vita familiare.

Comportamenti di pianto

I genitori spesso chiedono ai terapeuti indicazioni e rassicurazioni sul pianto dei loro bambini, in particolare sulla durata, l’intensità e le cause. Gli episodi di pianto possono essere frequenti e prolungati nei bambini di età compresa tra le 2 settimane e i 4 mesi. Il pianto inspiegabile e apparentemente inconsolabile è normale in questo periodo dello sviluppo: si manifesta intorno alle 6-8 settimane di vita e si risolve generalmente entro i 3-4 mesi. I sentimenti di frustrazione, impotenza o addirittura rabbia dei genitori meritano attenzione, empatia e sostegno da parte del clinico.

Per i primi 6 mesi di vita del neonato, i genitori possono avere bisogno di ricordare in modo empatico che:

  • Il pianto è l’unico modo in cui i neonati possono chiedere aiuto, vicinanza fisica o di soddisfare i loro bisogni primari
  • Rispondere in modo coerente, rapido e caloroso ai bisogni o al disagio del bambino è essenziale per un attaccamento sicuro. Se i genitori imparano ad anticipare e a rispondere ai primi segnali di bisogno del bambino o a riconoscere e reagire quando il bambino è affamato, assonnato, disimpegnato o sovrastimolato, è probabile che gli episodi di pianto diventino meno numerosi e più brevi.
  • I genitori non possono “viziare” un neonato rispondendo con calore e conforto ogni volta che il pianto si intensifica o coccolando o cullando il bambino per calmarlo.
  • I genitori hanno bisogno di un regolare sostegno sociale ed emotivo. I sentimenti di frustrazione sono normali. I genitori che si sentono sopraffatti, stressati o esausti possono aver bisogno di essere incoraggiati a prendersi regolarmente delle brevi pause o a chiedere a un partner, a un amico fidato o a un familiare di occuparsi del bambino. Tutti i genitori hanno bisogno di pause occasionali per prendersi cura di sé a livello mentale o fisico.

I clinici possono anche condividere informazioni basate su prove di efficacia sulle strategie di rilassamento (per il bambino e per i genitori), mettere in contatto le famiglie con una serie di risorse della comunità ed entrare in empatia con i nuovi genitori su quanto possano essere difficili questi primi giorni e queste prime settimane.

Sviluppare piani per modificare comportamenti legati al sonno o alla disciplina

Problemi di sonno

I genitori chiedono spesso consigli sul sonno dei loro bambini: quando dovrebbero “dormire tutta la notte“, qual è il sonno “normale” per l’età, se i comportamenti a letto sono problematici, e se è necessario coinvolgere un “esperto del sonno” esterno.

Le ricerche suggeriscono che i problemi comportamentali del sonno che si presentano nella prima infanzia persistono in almeno il 20%-30% dei bambini piccoli, con possibili impatti negativi sulla cognizione, sulle emozioni e sulle funzioni, nonché sulla durata del sonno e sulla salute dei genitori e sulla funzione familiare in generale.

Il ruolo del terapeuti è quello di sostenere le routine della nanna che funzionano per le singole famiglie (cioè, che assicurano a tutti un sonno sufficiente e sicuro), che possono variare per ragioni culturali o di altro tipo.

Pianificazione del sonno

Una solida letteratura sostiene il trattamento comportamentale dei problemi di addormentamento e dei risvegli notturni nei neonati, nei bambini e nei bambini in età prescolare. Tuttavia, per intervenire in modo appropriato, gli operatori sanitari devono essere sicuri di valutare e diagnosticare accuratamente i problemi del sonno. Devono stabilire se il bambino ha difficoltà a sistemarsi a letto o se ha problemi di risveglio notturno (o entrambi) e se sono coinvolti i genitori o i fattori familiari.

Sebbene non rientri nell’ambito di questa dichiarazione descrivere o raccomandare strategie specifiche di addestramento al sonno, in generale si applicano i seguenti principi basati sull’evidenza:

  • Lasciare che il normale ciclo del ritmo circadiano si sviluppi nei neonati (ad esempio, aspettare che abbiano almeno 6 mesi di età) prima di prendere in considerazione strategie di intervento sul sonno.
  • È normale e salutare che i bambini si sveglino, si agitino e “segnalino” durante la notte. Routine del sonno coerenti e tranquillizzanti (“bagno, libro, letto”), sistemare i bambini nella culla assonnati ma ancora svegli, metterli a letto senza biberon, aspettare qualche minuto per vedere se si addormentano da soli dopo il risveglio ed evitare la sovrastimolazione durante le poppate notturne o il cambio del pannolino sono strategie salutari che incoraggiano l’autosuggestione.
  • Ritirate gradualmente l’attenzione dei genitori pur mantenendo la presenza al momento di andare a letto.
  • Per i bambini piccoli e in età prescolare, è essenziale una routine coerente e tranquillizzante per andare a letto, possibilmente nella camera da letto del bambino e senza l’ausilio di schermi elettronici.
  • Fare attività fisica durante il giorno e dopo cena, ma preferibilmente non a un paio d’ore dall’ora di andare a letto, aiuta i bambini a dormire meglio la notte.
  • Il sonno genera sonno. I bambini che hanno una migliore igiene del sonno per i sonnellini diurni avranno generalmente meno risvegli notturni.

Gli interventi che si concentrano sull’autosuggestione e migliorano la comprensione da parte dei genitori dei comportamenti e della gestione del sonno sembrano essere più efficaci delle strategie di prevenzione dei risvegli notturni. In effetti, la ricerca attuale sostiene fortemente l’educazione dei genitori come strategia di prima linea per prevenire i problemi del sonno nei neonati e nei bambini piccoli.

Utilizzate in modo appropriato, le strategie di modificazione del comportamento, come il conforto controllato e il rinforzo differenziale (cioè l’incoraggiamento dei comportamenti desiderati durante il sonno e l’ignoranza generale dei comportamenti indesiderati), possono rafforzare l’autosuggestione e ridurre o eliminare il pianto al momento di andare a letto. Le ricerche suggeriscono anche che gli interventi precoci sul sonno possono ridurre i problemi di sonno nei genitori e alleviare la depressione materna.

Comportamenti problematici

La disciplina positiva è una guida che insegna ai bambini un comportamento appropriato piuttosto che punirli per un comportamento inappropriato. Questo approccio rispetta la dignità essenziale dei bambini e presuppone che siano in grado, con l’aiuto, di risolvere i problemi e di autocontrollarsi. La disciplina positiva incoraggia i genitori a usare affermazioni con “io” come “non mi piace quando fai così” (in contrapposizione a “cosa c’è di sbagliato in te?“).

Lo scopo della disciplina positiva è quello di:

  • promuovere l’indipendenza e le abilità comunicative, nonché le capacità dei bambini di andare d’accordo con gli altri
  • gestire i sentimenti
  • risolvere i problemi
  • fissare degli obiettivi
  • assumersi la responsabilità del proprio comportamento
  • diventare adulti emotivamente intelligenti.

L’obiettivo non è mai quello di far vergognare o punire.

Un certo grado di comportamento non conforme, dirompente o aggressivo può essere previsto tra i 2 e i 5 anni di età. Tuttavia, molti genitori cercano un aiuto professionale per un problema disciplinare solo dopo che i rapporti con il loro bambino sono diventati tesi, negativi o conflittuali.

I genitori non devono mai ricorrere a punizioni fisiche – sculacciate, schiaffi, colpi – o a comportamenti che facciano vergognare i bambini. I metodi disciplinari aggressivi o violenti sono dannosi per la salute e il benessere dei genitori e dei bambini.

Pianificazione del comportamento

I professionisti possono spesso affrontare le preoccupazioni comportamentali della famiglia con una guida anticipata o suggerendo strategie pratiche. A volte sono necessari un piano disciplinare e un’educazione dei genitori per affrontare un comportamento specifico o un modello di interazione.

I genitori sotto stress possono aver bisogno di ricordare in modo empatico che offrire conforto in modo proattivo, prima che il bambino perda il controllo emotivo, è la chiave per una genitorialità reattiva e positiva.

Rafforzare il fatto che sia i genitori che i bambini imparano le competenze emotive rimanendo impegnati e coinvolti durante le interazioni difficili.

Per qualsiasi problema disciplinare, il primo compito del professionista è quello di ascoltare, immedesimarsi e assicurarsi che i bambini siano al sicuro a casa. Un approccio è quello di descrivere il problema così come viene percepito dai genitori, considerare la portata degli “opposti positivi” – una guida che riduce al minimo parole come “basta”, “no” o “non”  – e valutare la gravità del comportamento.

Aiutare a cambiare un comportamento inaccettabile significa innanzitutto capire perché si verifica. Chiedete ai genitori quali sono i precedenti. Quali sono gli eventi che precedono un comportamento problematico (gli antecedenti) e come reagiscono attualmente i genitori?

La sensibilizzazione della famiglia sugli antecedenti, i comportamenti e le conseguenze (“l’ABC” della disciplina positiva) può aiutare a identificare i modelli e a creare collegamenti tra ciò che sta accadendo dal punto di vista del bambino e un comportamento specifico.

Aiutare i genitori a vedere cosa succede prima e dopo un comportamento indesiderato può fornire indizi su come rispondere in modo diverso. Chiedere informazioni sui fattori ambientali  – condizioni di vita, transizioni, orari e possibili interferenze – che potrebbero contribuire allo stress ma che possono essere modificabili.

Il passo successivo consiste nell’esaminare il modo in cui i genitori rispondono a un comportamento problematico. In particolare, se utilizzano le tecniche di guida preventiva o gli interventi in modo efficace.

Educare alle strategie genitoriali positive

Connettere e reindirizzare

Le strategie genitoriali che “collegano e poi reindirizzano” sono il cuore del “time-in”. È essenziale, anche se difficile, che gli adulti riconoscano le proprie reazioni e risposte al comportamento dei bambini.

La connessione aiuta a spostare sia il bambino che l’adulto dalla reattività alla ricettività e a costruire relazioni. I principi di connessione implicano anche il lasciar andare schemi o paure precedenti, non utili, o l’interpretazione errata del comportamento (ad esempio, “Lo fa apposta“).

I genitori dovrebbero concentrarsi sul perché di un comportamento e sulla propria risposta: cosa dire e come dirlo. Le strategie connettive includono la comunicazione di conforto (ad esempio, da sotto il livello degli occhi del bambino, con un cenno o un tocco gentile o uno sguardo empatico), che a volte può diffondere una situazione difficile e garantirne la risoluzione.

Raccomandazioni per una guida centrata sulla famiglia

Piangere

  • Promuovere la reattività e il conforto proattivo in caso di pianto o di segni di stress del bambino..

Dormire

  • Valutare le routine di coricamento e la durata del sonno. Assicurarsi di ottenere una diagnosi accurata prima di intervenire per qualsiasi problema legato al sonno.
  • Privilegiare le strategie che incoraggiano l’autosostegno rispetto a quelle che prevengono i risvegli notturni ed educare i genitori ai normali schemi e comportamenti del sonno.

Comportamenti problematici

  • Chiedere se i genitori sono preoccupati per il comportamento o la vita emotiva del bambino. Ascoltate, empatizzate e offrite una guida anticipata o reattiva, se necessario.
  • Ricordare ai genitori quando i comportamenti sbagliati sono normali per l’età e la fase, hanno un significato in termini di sviluppo o possono verificarsi per un motivo.
  • Esplorare con i genitori l'”ABC” dei comportamenti problematici e, se necessario, aiutarli nella pianificazione della disciplina.
  • Raccomandare letture mirate, sostegni comunitari e formazione delle competenze, a seconda dei casi.

Riconoscendo i sentimenti di un bambino (anche quando scoraggiano un comportamento associato) gli adulti convalidano sia l’emozione sia il bambino che la prova. Ascoltando piuttosto che discutendo, e poi ripetendo ciò che i bambini hanno detto, i genitori fanno capire ai bambini che sono ascoltati.

Due principi del reindirizzamento sono: aspettare che sia il bambino sia il genitore siano emotivamente pronti a riattivarsi ed essere coerenti senza essere rigidi. All’inizio questi approcci possono richiedere più tempo. Tuttavia, con il tempo, sia il bambino che il genitore imparano a riconnettersi e a parlare più rapidamente.

Le fasi che compongono l’acronimo REDIRECT sono:

  • Riduzione delle parole,
  • (E) Accogliere le emozioni,
  • Descrivere (senza fare la predica),
  • (I) Coinvolgere il bambino nella disciplina,
  • Riformulare un “no” in un “sì” (con delle condizioni)
  • Enfatizzare gli aspetti positivi
  • Creativamente affrontare una situazione disciplinare
  • (T) Insegnare.

Gli approcci connettivi possono avere bisogno di essere suddivisi in strategie semplici e gestibili su cui le famiglie possono lavorare. Le famiglie che sperimentano un forte disagio possono richiedere interventi più intensivi.

Time-in e time-out

Nella letteratura scientifica e nei media è in corso un riesame dell’etica e dell’efficacia del time-out, come strategia disciplinare di routine. Infatti, il suo uso nell’assistenza all’infanzia e in altri contesti di servizio è sempre più scoraggiato. La ricerca indica che i timeout sono spesso utilizzati in modo improprio e implementati in modo errato.

Il timeout si basa sulla semplice premessa che l’attenzione alimenta il comportamento. Fermare un comportamento implica creare una breve pausa in tutti i tipi di attenzione – richieste, spiegazioni, scuse, contatto visivo e abbracci – in un luogo privo di distrazioni (ad esempio, una sedia sicura e tranquilla o un angolo).

Con il tempo, d’altra parte, il caregiver invita il bambino a sedersi e parlare dei propri sentimenti e comportamenti in modo appropriato all’età.

Il Time-in enfatizza la connessione e il comfort.

L’uso preferenziale dei time-in e di altre strategie genitoriali positive non dovrebbe necessariamente precludere l’uso selettivo e mirato dei time-out per specifici comportamenti scorretti nei bambini di età superiore ai 3 anni.

La consulenza ai genitori sulle tecniche disciplinari appropriate esula dall’ambito della maggior parte delle visite di controllo del bambino. Tuttavia, la lettura diretta e l’indirizzamento dei genitori a un programma di formazione comportamentale basato sull’evidenza sono passi utili.

Per i comportamenti gravi, dirompenti o intrattabili del bambino, è essenziale un riconoscimento clinico precoce. Il collegamento dei genitori con un programma di formazione alla gestione dei genitori basato su prove di efficacia è di solito l’intervento di prima linea.

Raccomandazioni

Nell’ambito delle cure di routine, i professionisti delle cure primarie devono valutare e coltivare la salute relazionale nei bambini piccoli, insieme ad altri aspetti della crescita e dello sviluppo. Per essere efficaci, è essenziale un rapporto di fiducia tra medico e famiglia.

I professionisti possono così influenzare positivamente la salute e il benessere della famiglia. Inoltre, possono sostenere i genitori e mettere in contatto le famiglie con le risorse della comunità. Il CPS raccomanda di incorporare le seguenti strategie in ogni visita di controllo del bambino:

  • Build – Costruire sui punti di forza e sui fattori di protezione relazionali di ogni famiglia, rafforzare le routine sane, usare una guida anticipata per preparare i genitori a comportamenti normali per lo sviluppo (e possibilmente impegnativi). Aiutare a modificare comportamenti o abilità specifiche, quando necessario.
  • Modellare una comunicazione reattiva e utilizzare tecniche di colloquio motivazionale.
  • Sviluppare un ambiente di studio o di centro che promuova la salute relazionale, attraverso orari favorevoli alle famiglie, programmazione e follow-up proattivi e personale competente e interessato. Sostenere i genitori con empatia e comprensione. Sia per quanto riguarda i fattori di stress quotidiani previsti o le gravi esperienze infantili negative, sia per quanto riguarda le strategie di costruzione della resilienza.
  • Incoraggiare l’autocura e il follow-up per i genitori con rischi per la salute mentale. Se necessario, indirizzare i genitori direttamente a servizi e supporti specialistici.
  • Favorire i collegamenti clinici con le risorse della comunità, i programmi per genitori e i servizi specializzati.

 

Fonte: Williams RC, Biscaro A, Clinton J. Relationships matter: How clinicians can support positive parenting in the early years. Paediatr Child Health. 2019 Aug;24(5):340-357. doi: 10.1093/pch/pxz063. Epub 2019 Jul 25. PMID: 31379438; PMCID: PMC6657009.

Corsi correlati

Corso Online
22 ECM
Spedizione inclusa
Valutare e Trattare i nuovi Disturbi Alimentari delLe Adolescenti
La live si terrà il 17 febbraio 2023
287€
o 48 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
20 ECM
Spedizione inclusa
Curare le Ferite Familiari del Divorzio
La live si terrà il 08 marzo 2023
287€ 229.6€
o 38 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Non ci sono articoli da mostrare per ora

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0