Accedi

Mindfulness e Ansia Materna: uno studio randomizzato

Mindfulness

La gravidanza e il post-partum sono associati a cambiamenti fisici e mentali e sono un momento critico per le madri per lo sviluppo di disturbi mentali (Forray, Focseneanu, Pittman, McDougle e Epperson, 2010). Lo stress materno durante la gravidanza causa travaglio prematuro e basso peso alla nascita (Dunkel Schetter, 2011). Inoltre, aumenta gli effetti negativi su crescita, sviluppo, cognizione ed emozioni durante i primi mesi  dell’infanzia del figlio (Polanska et al., 2017).

L’ansia

La prevalenza di ansia è del 12,2%–39%, dipendente dal tipo di ansia nelle donne in gravidanza, ed è due o tre volte superiore rispetto alla popolazione generale (Goodman et al., 2014). L’ansia da gravidanza è una risposta soggettiva complessa influenzata da molteplici fattori, tra cui il genere (nelle donne più degli uomini), il rischio percepito per madre e figlio, le esperienze sociali e familiari, i costi economici, il sesso infantile e l’accesso al sostegno sociale per le donne in gravidanza (Patel, Biros, Moore e Miner, 2014).

Le evidenze

Gli studi hanno dimostrato che il miglioramento della salute mentale è associato a una maggiore autoefficacia (fiducia individuale nella loro capacità di far fronte a condizioni speciali) (Bandura, 1997), a una ridotta paura del parto e a migliori risultati nel parto. Il miglioramento dell’autostima del parto è efficace nel ridurre il dolore ed è un fattore preventivo nei sintomi del disturbo da stress post-traumatico dopo la nascita.

D’altra parte, l’autoefficacia riduce lo stress fisico e mentale, che ha dimostrato un importante legame tra lo stress della madre e lo sviluppo del bambino (Byrne, Hauck, Fisher, Bayes e Schutze, 2014; Farid e Akbari Kamrani, 2016).

La gestione dello stress

Le strategie di gestione dello stress coinvolgono lo sforzo cognitivo e comportamentale che un individuo utilizza per situazioni stressanti (Manesh, Kalati e Hosseini, 2015). Gli interventi basati sulla consapevolezza sono identificati come stimolatori della riduzione dello stress e del miglioramento psicologico (Hughes et al., 2009).

La Mindfulness è la consapevolezza emersa attraverso l’attenzione ad uno scopo particolare, in modo che venga esaminata nel momento presente senza giudicare le esperienze della persona (Taylor, Cavanagh, & Strauss, 2016). Kabat-Zinn (1982) ha progettato un programma di riduzione dello stress basato sulla mindfulness (MBSR) in una sessione di 8 settimane che è il programma di mindfulness più noto (Creswell, 2017).

Mindfulness: gli effetti

La mindfulness aumenta l’attività della regione corticale nel frontale e riduce la comunicazione funzionale nelle regioni nervose ciò è importante nella reazione attacco-fuga (Creswell & Lindsay, 2014). In uno studio pilota, gli interventi basati sulla mindfulness in gravidanza hanno un effetto positivo sulla riduzione dello stress, sulla depressione e sui disturbi psichiatrici (Duncan & Bardacke, 2010).

I risultati di studi di revisione sistematica sull’effetto della mindfulness mostrano una tendenza favorevole alla riduzione dello stress, ma non sono state mostrate differenze significative tra i gruppi. A causa della scarsità di studi sperimentali, sono necessarie ulteriori ricerche per indagare l’effetto della mindfulness sullo stress e sull’ansia durante la gravidanza (Dhillon, Sparkes e Duarte, 2017).

Metodi e materiali 

Questo studio era randomizzato controllato. I partecipanti  consistevano in donne in gravidanza con una prima gravidanza di 24-36 settimane riferita ai centri di servizi sanitari globali Abyek. Abyek Comprehensive Health Service Center è uno dei centri sanitari nella provincia di Qazvin in Iran, a cui le donne incinte si rivolgevano. La dimensione del campione è stata stimata a 35 per gruppo.

Nel gruppo di intervento, 3 donne sono state escluse dallo studio a causa della mancata partecipazione a più di due sessioni di consulenza e 2 donne sono state escluse a causa di travaglio prematuro. Inoltre, nel gruppo di controllo, 3 donne sono state escluse dallo studio a causa di travaglio prematuro, morte intrauterina e immigrazione. Infine, lo studio è stato proseguito con 30 soggetti nel gruppo di controllo e 30 nel gruppo di intervento.

I criteri di inclusione 

Essere iraniano, fluente nella lingua persiana, essere alla prima gravidanza, gravidanza da 24 a 36 settimane, feto singolo e mancanza di complicazioni  (es. diabete, preeclampsia, ecc.).

I criteri di esclusione 

Non partecipare a 2 sessioni di consulenza, condizioni mediche note, problemi psicologici, anamnesi di aborto, morte intrauterina, travaglio prematuro, partecipazione a lezioni di yoga, e indicazioni di taglio cesareo.

I campioni sono assegnati in modo casuale a ciascun gruppo utilizzando blocchi randomizzati: counseling (intervento) e senza counseling (controllo). C’erano sei probabilità di collocazione in blocchi (BABA, BBAA ABBA, AABB, ABAB e BAAB). All’inizio dello studio, uno dei blocchi è stato selezionato e 4 partecipanti sono state collocate in quel blocco, in modo che il numero A fosse assegnato al gruppo di intervento e il numero B appartenesse al gruppo di controllo.

Dopo aver determinato i gruppi, prima dell’inizio dello studio, l’ansia da gravidanza, l’autoefficacia della gestione del parto e il questionario sulla mindfulness sono completati in entrambi i gruppi.

L’intervento 

Nel gruppo di intervento, le donne in gravidanza hanno ricevuto 6 sessioni di consulenza di gruppo (gruppi di 7 persone) due volte alla settimana e ogni sessione è durata 60 minuti, con spazi di domanda e risposta, e un gioco di ruolo basato sull’MBSR (Hauck, Fisher, Byrne e Bayes, 2016). le partecipanti hanno svolto anche esercizi di mindfulness a casa (ascoltare audio guidati di rilassamento).

Sessione 1

Saluti, spiegazione della mindfulness e del suo meccanismo, spiegazione dell’anatomia e della fisiologia del sistema riproduttivo delle donne e del processo naturale del lavoro, spiegando come il contesto sociale influenzi le esperienze e le aspettative al momento del parto, spiegando il modello di assistenza attiva e in attesa nel processo di parto e valutando il modello di assistenza che le madri intendono scegliere e responsabilizzando la madre incinta per differenziare i benefici di entrambi i modelli di assistenza.

Sessione 2

L’allenamento delle tecniche di respirazione mindful, la mindfulness e i sentimenti individuali, la consapevolezza dei limiti agli esercizi di mindfulness, che esprimono l’importanza di momenti rilassanti e confortevoli durante la gravidanza e il parto e la consapevolezza degli ostacoli alla creazione di una sensazione di bontà durante questo periodo.

Sessione 3

Ripetere e praticare la consapevolezza, respirare, allenarsi per posizioni di yoga appropriate per il feto, tecniche di rilassamento e meditazione per ridurre lo stress, utilizzare la respirazione minful per controllare pensieri e sentimenti, allenarsi sull’uso della mindfulness nell’attività quotidiana, camminare, sedersi e muoversi in modo consapevole.

Sessione 4

Una spiegazione della paura nella gravidanza, spiegando il rapporto tra pensieri, paura e l’impatto della mindfulness sulla paura percepita, l’uso di capacità di risoluzione dei problemi per identificare le paure e trovare la soluzione giusta per superarle, l’esperienza di transizione attraverso pensieri e sentimenti, spiegazione e interpretazione dell’effetto della mindfulness sul processo del parto e pratica e ripetizione dell’uso della mindfulness nell’attività quotidiana.

Sessione 5

Praticare la tecnica della respirazione, il rilassamento, le meditazioni sedute, esercitare posizioni adeguate per il feto, insegnare la tecnica BRAIN (benefici, rischi, alternative, intuizione e niente) per intraprendere interventi appropriati in gravidanza e parto.

Sessione 6

Meditazione, consapevolezza, respirazione, parlare delle esigenze del neonato, spiegare i sintomi della depressione post-partum, utilizzare la tecnica BRAIN per prendere decisioni informate, spiegare l’allattamento al seno e i suoi benefici, identificare le esigenze del neonato, le attività post-partum e parlare delle sfide della genitorialità.

Gli strumenti di raccolta ì dati in questo studio erano: una scheda sociodemografica, e questionario su mindfulness, ansia ed autoefficacia.

 

I questionari

Pregnancy-Related Anxiety Questionnaire (PRAQ)

Questo questionario è utilizzato per valutare le preoccupazioni e le paure in gravidanza e venne creato da Vandenberg nel 1989 (Van den Bergh, 1990).

Questionario sulla mindfulness

Il questionario è sviluppato da Buchheld e e il suo team nel 2001 (Buchheld, Grossman e Walach, 2001).

Questionario sull’autoefficacia nell’affrontare il parto

E’ sviluppato per misurare la percezione materna nel dolore del travaglio adattivo; misura i risultati attesi e l’autoefficacia prevista.

Analisi dei dati

In questa ricerca, i dati sono analizzati con il software SPSS. La normalità della distribuzione dei dati è valutata mediante il test di Kolmogorov-Smirnov. Il test t è utilizzato per confrontare le variabili quantitative tra i due gruppi.

Il confronto delle variabili qualitative è eseguito utilizzando il chi-quadrato e il test di Fisher. Per confrontare il punteggio di ansia da gravidanza, l’autoefficacia della gestione del parto e la consapevolezza in due gruppi prima, immediatamente e 1 mese dopo l’intervento, è utilizzata l’analisi della varianza con misure ripetute. L’analisi dei dati è eseguita sulla base dell’analisi pre-protocollo.

 

Risultati

I risultati dell’analisi della varianza con test a misure ripetute hanno mostrato che la durata del tempo influenza il punteggio totale di consapevolezza (p = .001) e vi è una differenza significativa tra i due gruppi (p = .001).

L’analisi della varianza con misure ripetute nel valutare i cambiamenti nel punteggio di ansia della gravidanza prima, immediatamente dopo e 1 mese dopo l’intervento mostrano che la durata del tempo influenza il punteggio di ansia della gravidanza (p = .03) e che è osservata una differenza significativa tra i due gruppi a questo proposito (p = .001).

I risultati dell’analisi della varianza con misure ripetute nell’esaminare le variazioni nei punteggi di autoefficacia prima, immediatamente dopo e 1 mese dopo l’intervento hanno mostrato che la durata del tempo non ha influenzato il punteggio di autoefficacia (p = 0,1) e che non vi era alcuna differenza significativa tra i due gruppi.

 

Discussione 

Le sessioni di mindfulness hanno avuto efficacia sulla riduzione dell’ansia. I risultati di questo studio sono in linea con quelli ottenuti in altri studi.

I risultati di questo studio hanno mostrato una riduzione dell’ansia nel gruppo di controllo. Si può concludere che i tre questionari di mindfulness, ansia e autoefficacia da parte delle madri contemporaneamente possono portare alla consapevolezza delle madri sulla loro condizione. Inoltre, la progressione della gravidanza nel gruppo di controllo aumenta l’esperienza di gravidanza e riduzione dello stress.

Le limitazioni dello studio erano l’incapacità di controllare le informazioni da altre fonti di informazione come Internet e la frequenza ai centri sanitari, che può ridurre il punteggio di stress nel gruppo di intervento.

 

Ulteriori evidenze

I risultati di questo studio hanno mostrato che il punteggio di autoefficacia non era significativamente diverso immediatamente dopo l’intervento e prima dell’intervento; tuttavia, era significativo in 1 mese dopo l’intervento, il che potrebbe essere dovuto a una maggiore diminuzione dello stress in 1 mese dopo l’intervento.

La mindfulness dopo l’intervento non ha influenzato l’autoefficacia nell’affrontare il parto. Secondo i risultati dello studio, si raccomanda che ulteriori ricerche mostrino l’effetto della fusione di mindfulness e un programma di educazione prenatale basato sulle competenze sull’autoefficacia.

 

Conclusioni 

Questo studio ha dimostrato che la mindfulness riduce l’ansia delle madri in gravidanza e si suggerisce che i programmi di mindfulness siano forniti per gli operatori sanitari e le madri in gravidanza in modo da ridurre l’ansia generale e migliorare i risultati e il parto.

Liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Zarenejad, M., Yazdkhasti, M., Rahimzadeh, M., Mehdizadeh Tourzani, Z., & Esmaelzadeh‐Saeieh, S. (2020). The effect of mindfulness‐based stress reduction on maternal anxiety and self‐efficacy: A randomized controlled trial. Brain and behavior, 10(4), e01561 https:// onlinelibrary.wiley. com/doi/ pdf/10.1002/ brb3.1561

Corsi correlati

Corso Online
22 ECM
Spedizione inclusa
Valutare e Trattare i nuovi Disturbi Alimentari delLe Adolescenti
La live si terrà il 17 febbraio 2023
287€ 227€
o 38 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Famiglia e Genitorialità
Strategie di relazione per supportare genitorialità positiva
Una relazione di attaccamento sicuro con almeno un adulto sano è essenziale affinché un...
Disturbi dell'Umore / Depressione
Depressione: 9 interventi di Psicoterapia Sensomotoria
Dato il modo in cui le nostre vite sono state sconvolte negli ultimi anni, molti dei nostri...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0