Mindfulness ed i presunti effetti collaterali sui… Diritti sociali

Sulla pratica della mindfulness ed effetti collaterali si è aperto di recente un aspro dibattito negli U.S.A., rimbalzato poi anche sui giornali inglesi.

Accusatore numero uno è Ronald Purser, professore di Management alla San Francisco University, esperto di mindfulness e buddista praticante.

Nel suo libro, McMindfulness: come la mindfulness è diventata la nuova spiritualità capitalista, Purser stronca non solo le innumerevoli app antistress – assurdo rivolgersi ad uno strumento digitale per liberarsi dal malessere provocato dalla vita digitale – ma soprattutto attacca il fatto che la mindfulness sia diventata, perdendo ogni contatto con le sue radici filosofiche e religione, un business e insieme un perfetto prodotto da vendere, proprio appunto come un BigMac.

Non solo: Ronal Purser lamenta che, sostenendo perentoriamente che i problemi delle persone siano solo nella loro mente, di fatto le distoglie dalle cause sociali del loro malessere e della loro ansia.

E non è un caso che la mindfulnes sia diventata anche una vera manna per le aziende, che possono offrire ai proprio dipendenti un comodo metodo per eliminare tossine mentali e migliorare concentrazione e rendimento.

Ovviamente l’autore ci tiene a precisare che lui non intende buttare il bambino con l’acqua sporca ma sostiene che il  fatto che ci siano guru che si fanno pagare 12.000 dollari a giornata mostra come il distacco con le radici etiche sia totale. Tra l’altro, la mindfulness male intesa, non solo porta ad un rafforzamento dell’ego individuale, il contrario dell’insegnamento buddista, ma fa dimenticare la nostra interconnessione con gli altri e la società e la cultura nella quale siamo inseriti.

Rispetto alla finta mindfulness, per la felicità delle persone funziona molto meglio, conclude Purser, una diminuzione delle disuguaglianze e una massiccia iniezione di diritti sociali nel mondo.

Questa la provocazione lanciata dal professore di Management. Tu che ne pensi?

 

Fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2020/02/17/mindfulness-leffetto-collaterale-addio-alla-lotta-sociale-per-i-diritti/5707974/

Corsi correlati

Corso Online
Le Relazioni Dipendenti
La live si terrà il 15 maggio 2023
147€ 117.60€
Iscriviti al corso
Corso Online
8 ECM
La Schema Therapy per lavorare su Vergogna, Invidia e Rabbia
La live si terrà il 17 febbraio 2023
147€ 117.6€
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Disturbi Cognitivi
Schema Therapy e Disturbo Ossessivo-Compulsivo
Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è caratterizzato da pensieri, immagini o impulsi...
Disturbi da Ansia e Stress
L’efficacia della terapia di Neurofeedback sull’Ansia sociale e sulla Ruminazione
Ansia sociale e Ruminazione Le pressioni psicologiche causate dalla vita moderna e i rapidi...

0 thoughts on “Mindfulness ed i presunti effetti collaterali sui… Diritti sociali

  • Giovanna Fungi says:

    Un titolo fuorviante che mi fa dubitare della professionalità della pagina.

    Il testo in oggetto è datato, la riflessione è utile e necessaria, ma non con un titolo da clickbait ( tra l’altroperfettamente in linea con la mentalità business oriented e poco etica qui menzionata)

    Si può fare di meglio in questo contesto

    • Buongiorno Giovanna e grazie del feedback, che trovo assolutamente condivisibile ;o)

      Il post è stato ripreso dal FQ e la redazione FCP lo ha in effetti frettolosamente riproposto così come era, laddove invece l’intenzione era quella di fornire uno spunto di dibattito. In America ne è uscito un dibattito diffuso e poteva essere interessante anche qui, senza banalizzazioni né preconcetti, provare a confrontarsi.
      Abbiamo quindi provveduto a smussare i passaggi oggettivamente clickbait ed anche alcune affermazioni forse troppo eccessive rispetto alle finalità che qui su FCP ci siamo dati con la diffusione di questo spunto.

      Buona serata e grazie :)

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0