Cosa può insegnarci un monaco buddista sul panico e il cervello?

La meditazione può controllare gli attacchi di panico e può rallentare l'invecchiamento del cervello nel tempo.

Quali sono i benefici della meditazione? Oltre ai benefici immediati della meditazione, come ridurre lo stress, favorire benessere e rilassare, un nuovo studio longitudinale di risonanza magnetica su un monaco buddista suggerisce che la meditazione quotidiana può rallentare l’invecchiamento del cervello nel corso del tempo. I risultati  (Adluru et al., 2020) sono stati pubblicati su Neurocase.

Una riduzione del volume della materia grigia del cervello accompagna l’invecchiamento tipico. Alcuni anni fa, un altro studio BrainAGE (Luders, Cherbuin & Gaser, 2016)) ha scoperto che all’età di 50 anni, i cervelli dei praticanti di meditazione a lungo termine erano, in media, 7,5 anni più giovani dei controlli che non praticavano meditazione.

“Nel complesso, questi risultati sembrano suggerire che la meditazione è efficace per preservare il cervello, proteggendolo efficacemente contro l’atrofia legata all’età”,

ha concluso Eileen Luders del Centro di Neurobiologia dello Stress e della Resilienza dell’UCLA e i suoi coautori.

Per l’ultimo caso di studio pubblicato (2020) BrainAGE su come la meditazione può rallentare l’invecchiamento del cervello, i ricercatori della Harvard Medical School e del Center for Healthy Minds dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trascorso 14 anni ad osservare un monaco buddista del Tibet. Durante questo stesso periodo, i ricercatori hanno anche condotto una risonanza magnetica su un gruppo di controllo di 105 adulti di età pari a quella degli adulti che non hanno meditato regolarmente.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Chi è il monaco? Yongey Mingyur Rinpoche (alias YMR) è un monaco buddista di 41 anni che ha vissuto una vita monastica da quando era adolescente e ha praticato la meditazione insieme ai “ritiri erranti” per tutta la vita. Negli ultimi 14 anni, YMR ha fatto fare quattro risonanze magnetiche.

Da bambino, l’YMR ha sofferto di attacchi d’ansia e di panico paralizzanti. Suo padre che per anni aveva praticato la meditazione buddista e insegnò a Yongey Mingyur Rinpoche modi specifici per affrontare il panico attraverso la meditazione quando aveva 9 anni.

Nel 2018, l’YMR ha tenuto un discorso pubblico, “Meditare e andare oltre la consapevolezza: una prospettiva laica”, alla London School of Economics.

Durante la conferenza, Rinpoche raccontò di come suo padre gli abbia insegnato una tecnica di accoglienza (e di contenimento) del panico durante la pratica della meditazione quando era bambino:

All’inizio, quando arrivava l’attacco di panico, dicevo: “Ciao, panico”. Vattene! Sto meditando”. Ma il panico diventava più forte e più forte. Ero deluso. Credevo che la meditazione mi avrebbe  aiutato, ma non era così. Tornato da mio padre gli raccontai la mia deludente esperienza con la meditazione. Mio padre mi disse: “Non dire ‘Vattene!’ Bisogna accogliere con favore il panico. Durante la meditazione, il panico non deve diventare un ostacolo. Il panico va bene; no avere panico va bene”. Ho pensato ” Caspita, interessante”. Modificai, quindi, un po’ il mio stile di meditazione. Cominciai a dire “benvenuto” al mio panico.

Ogni volta che YMR provava un sentimento di panico mentre meditava, si diceva: “Ciao, panico”. Benvenuto”. “Io e il mio panico diventammo buoni amici”.

È interessante notare che, accettare il panico e imparare a non averne paura permise a Yongey Mingyur Rinpoche di non avere più attacchi di panico.

“Il panico mi disse addio e se n’è andò. Ma ho imparato molto dal mio panico. Oggi sono qui grazie al mio panico. E credo davvero che questa tecnica di meditazione abbia cambiato la mia vita”.

Un aspetto chiave è ” l’accettazione consapevole “. All’inizio di quest’anno, uno studio di imaging cerebrale fMRI (Kober et al., 2020) condotto da ricercatori di Columbia, Dartmouth e Yale ha riportato che gli individui con una minima esperienza di meditazione possono imparare a moderare la risposta del loro cervello alle esperienze dolorose dopo un singolo corso di 20 minuti sull’accettazione consapevole. I ricercatori descrivono questo come un approccio “Let It Be” alla regolazione delle emozioni.

Nagesh Adluru del Center for Healthy Minds dell’Università del Wisconsin-Madison si è chiesto se la pratica decennale di questa tecnica di meditazione possa avere un impatto sulla struttura e sull’età del cervello di YMR.

“Il tasso di invecchiamento cerebrale di YMR è apparso più lento di quello dei controlli che suggeriscono una maturazione precoce e un invecchiamento ritardato. A 41 anni, il suo cervello assomigliava a quello di un 33enne. Suggerendo che le differenze di invecchiamento del cervello possono derivare da cambiamenti coordinati sparsi in tutta la materia grigia.”

di seguito lo speech del 2018 di Yongey Mingyur Rinpoche al  London School of Economics Old Theatre in London, England, UK.

 

References

Nagesh Adluru, Cole H. Korponay, Derek L. Norton, Robin I. Goldman, and Richard J. Davidson. “BrainAGE and Regional Volumetric Analysis of a Buddhist Monk: A Longitudinal MRI Case Study” Neurocase (First published online: February 26, 2020) DOI: 10.1080/13554794.2020.1731553

Katja Franke and Christian Gaser. “Ten Years of BrainAGE as a Neuroimaging Biomarker of Brain Aging: What Insights Have We Gained?” NeuroImage (First published: August 14, 2019) DOI: 10.3389/fneur.2019.00789

Eileen Luders, Nicolas Cherbuin, Christian Gaser. “Estimating Brain Age Using High-Resolution Pattern Recognition: Younger Brains in Long-Term Meditation Practitioners.” NeuroImage (First published online: April 11, 2016) DOI: 10.1016/j.neuroimage.2016.04.007

Hedy Kober, Jason Buhle, Jochen Weber, Kevin N Ochsner, Tor D. Wager. “Let It Be: Mindful-Acceptance Down-Regulates Pain and Negative Emotion.” Social Cognitive and Affective Neuroscience (First published: January 27, 2020) DOI: 10.1093/scan/nsz104

Condizione Professionale

La tua Regione

Condizioni di Servizio, la Policy Privacy e la Policy Cookies, ai sensi del GDPR (General Data Protection Regulation) con riferimento al Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati in vigore dal 25/05/2018"
04/05/2020

2 responses on "Cosa può insegnarci un monaco buddista sul panico e il cervello?"

  1. Grazie per queste informazioni, veramente molto utili

  2. Grazie per questo articolo interdisciplinare.

    Oggi mindful e meditazione buddista sono esibiti da tutti.
    A quanto pare “tutti meditano”!
    Ma quanti approfondiscono con letture specifiche, corsi e reale conoscenza delle tecniche?
    Partiamo da questo articolo di Fcp…

    Grazie ancora colleghi
    E sempre complimenti per esserci Accanto come Fonti e ricerche aggiornate.

    Simona Rocco.

Lascia un Messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Certificati di partecipazione
Ogni corso rilascia l'attestato di partecipazione

Corsi ondemand sempre tuoi
Saranno tuoi a vita, sempre accessibili nella tua mediateca personale

Dove vuoi, quando vuoi
Corsi ondemand e webinar fruibili da pc, tablet e smartphone

Qualità garantita
Un'offerta formativa di alta qualità, pratica, spendibile, modulare

© 2012-2018 Tutti i diritti riservati. FormazioneContinuaInPsicologia.it è di proprietà di Liquid Plan srl, p.iva 11818651009
0