NICE: nuovi standard di qualità nel trattamento in pazienti con psicosi e schizofrenia

schizofrenia psicosi

8 nuovi standard di qualità per il trattamento dei pazienti adulti (dai 18 anni di età) con esordio prima dei 60 anni, di psicosi e schizofrenia (compresi i relativi disturbi psicotici, schizoaffettivo, schizofreniforme e delirante) proposti dal National Institute for Health and Care Excellence (NICE). Scarica QUI il pdf originale.

Gli standard di qualità non riguardano gli adulti con sintomi psicotici transitori.

Il NICE scrive:

attualmente, i farmaci antipsicotici sono il trattamento primario per la psicosi e la schizofrenia, ci sono evidenze consolidate sulla loro efficacia sia nel trattamento degli episodi psicotici acuti, sia nella prevenzione delle ricadute nel tempo, in combinazione con interventi psicologici.

Tuttavia, una quota significativa di pazienti, fino al 40%, ha una scarsa risposta ai farmaci antipsicotici convenzionali e continua a mostrare sintomi psicotici (positivi e negativi) da moderati a gravi.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Le raccomandazione del NICE possono essere così riassunte:

  • Intervento Precoce: inizio trattamento entro 2 settimane negli adulti con un primo episodio di psicosi, per favorire un miglioramento nei tassi di ospedalizzazione, nei sintomi e nelle ricadute.
  • Terapia cognitivo-comportamentale per la psicosi (CBTp): negli adulti con psicosi o schizofrenia la CBTp, in combinazione con i farmaci antipsicotici, o da sola se il farmaco viene rifiutato, può migliorare i risultati come i sintomi psicotici. È auspicabile un approccio che combina diverse opzioni di trattamento.
  • Favorire uno stato di benessere psicofisico:valutazioni sulle condizioni di salute in combinazione con programmi per un’alimentazione sana, attività fisica e per smettere di fumare. Gli adulti con psicosi o schizofrenia, hanno maggiori probabilità di essere fumatori, obesi e di avere il diabete di tipo 2, fattori che riducono di 15-20 anni la prospettiva di vita.
  • Sostegno al Lavoro: solo il 5-15% delle persone con schizofrenia sono impegnate in una attività lavorativa. La disoccupazione può avere un effetto negativo sulla salute mentale e fisica degli adulti con psicosi o schizofrenia.
  • Terapie d’intervento per i familiare: gli standard di qualità includono anche raccomandazioni sull’erogazione di terapie d’intervento per i familiari o gli accompagnatori di adulti con psicosi o schizofrenia.

Gillian Leng, vice direttore generale e direttore della sanità e assistenza sociale per NICE afferma:

“Stiamo vedendo miglioramenti nei servizi di salute mentale, ma c’è ancora molta strada da percorrere prima di poter affermare che abbiamo assicurato a tutte le persone con schizofrenia e psicosi cure di alta qualità.

“Con questi nuovi standard di qualità vogliamo evidenziare cosa la sanità e servizi di assistenza sociale devono privilegiare, per assicurare a tutte le persone con schizofrenia e psicosi  le cure di cui hanno bisogno e meritano.”

adattato da psicologi@lavoro da nice.org.uk

immagine dell’artista Aidualc Galliani Lecca

Copyright: Psicologi@Lavoro
Non riprodurre senza autorizzazione

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>