Accedi

Mindful eating e Apprendimento inverso

Mindful eating

La mindfulness e la mindful eating sono state associate a una moltitudine di risultati benefici per la salute, e miglioramenti nella cognizione in popolazioni cliniche e non. La mindfulness è definita come il prestare attenzione all’esperienza del momento presente, in modo mirato e senza giudizio.

Praticare la consapevolezza

Shapiro e colleghi hanno proposto che praticare la mindfulness può portare a una maggiore flessibilità cognitiva, emotiva e comportamentale.

Nessuno studio fino ad oggi ha indagato gli effetti della mindfulness sulla flessibilità basata sulla ricompensa, come l’apprendimento inverso.

Cosa si intende per apprendimento inverso?

L’apprendimento inverso richiede la capacità di adattare in modo flessibile il proprio comportamento in risposta ai cambiamenti di risultato-contingenza nell’ambiente ed è altamente rilevante nel contesto del comportamento compulsivo come la dipendenza o la sovralimentazione.

La sovralimentazione cronica si traduce spesso in obesità.

Cosa dice la letteratura?

La teoria recente suggerisce che, piuttosto che iper- o iposensibilità alle ricompense alimentari, l’obesità può essere correlata ad un alterato apprendimento basato sul risultato.

Lo scopo dello studio

Lo scopo principale di questo studio è stato quello di indagare gli effetti di un intervento intensivo di mindful eating sull’apprendimento inverso basato su ricompensa e punizione.

Solo pochi studi hanno esaminato i meccanismi cognitivi alla base del mindful eating, e nessuno studio finora si è concentrato sulla flessibilità comportamentale.

Il campione

Per indagare l’effetto del mindful eating sull’apprendimento inverso, sessantacinque volontari umani sani con un ampio range di BMI (19-35 kg/m2) hanno partecipato allo studio.

Erano motivati a cambiare il loro comportamento alimentare indesiderato (per esempio, mangiare troppo occasionalmente) e sono stati testati prima e dopo un intervento intensivo di 8 settimane di mindful eating.

Protocollo

Dopo l’inclusione, i partecipanti sono venuti in laboratorio nel mese prima e dopo l’intervento, indicato come sessione pre e post-test. Le sessioni di test sono iniziate alle 11:00 AM o alle 12:30 PM, che è stato mantenuto costante tra i partecipanti il più possibile.

I partecipanti sono stati istruiti ad astenersi dal bere alcolici 24 ore prima della sessione di test. Prima del test, sono state prese le misure fisiche dell’obesità (peso, circonferenza vita e fianchi), e sono stati somministrati questionari self-report per caratterizzare i partecipanti.

Il follow-up

Un anno dopo l’intervento, i partecipanti sono stati invitati di nuovo al laboratorio per rivalutare le misure fisiche dell’obesità (peso, circonferenza vita e fianchi). L’apprendimento dell’inversione non è stato rivalutato al follow-up di un anno.

Il paradigma

I partecipanti hanno eseguito una versione del compito di apprendimento inverso deterministico adattato da Cools et al. Il compito è stato programmato con il software Presentation (versione 16, Neurobiobehavioral Systems, Inc.).

Le prove

In ogni prova, i partecipanti sono stati presentati con due carte da gioco contemporaneamente. Una delle due carte era associata a una ricompensa imminente, l’altra a una punizione imminente. I partecipanti dovevano imparare a prevedere il risultato associato a questa carta preselezionata per tentativi ed errori.

Le risposte erano autodidattiche e venivano effettuate premendo uno dei due pulsanti associati alla ricompensa o alla punizione usando l’indice o il medio destro. Dopo un breve ritardo (1000 ms) veniva presentato il risultato (500 ms).

Alcune precisazioni

Si noti che i risultati non erano contingenti alle risposte dei partecipanti, ma allo stimolo evidenziato; quindi, le contingenze erano pavloviane piuttosto che strumentali. La contingenza stimolo-risultato si invertiva dopo cinque-nove previsioni corrette consecutive.

I partecipanti hanno eseguito due blocchi, ciascuno composto da 240 prove (cioè un totale di 480 prove). In un blocco, le inversioni erano sempre segnalate da ricompense inaspettate (emoticon sorridente con un segno “+€100” e un tono alto), e nell’altro blocco le inversioni erano sempre segnalate da punizioni inaspettate (emoticon triste con un segno “-€100” e un tono basso).

La procedura

L’ordine dei blocchi è stato controbilanciato tra le sessioni e tra i partecipanti. Il tasso di errore sulle prove subito dopo l’inversione (cioè la ricompensa o la punizione inaspettata) indica la capacità di aggiornare le previsioni di ricompensa e punizione, cioè quanto bene i partecipanti hanno imparato dalla ricompensa o dalla punizione inaspettata.

L’apprendimento inverso

In primo luogo, ai partecipanti è stato richiesto di imparare le associazioni pavloviane tra gli stimoli e i loro risultati (cioè, ricompensa o punizione).

La capacità di imparare da errori di previsione positivi e negativi, cioè premi e punizioni inattesi, è stata quantificata in termini di apprendimento inverso dipendente dalla valenza (tasso di errore premio inatteso > punizione inattesa).

In secondo luogo, la media dell’apprendimento tra ricompensa e punizione in questo compito, cioè l’apprendimento inverso indipendente dalla valenza, fornisce una misura della flessibilità comportamentale in generale.

L’intervento

Il programma consisteva in 8 sessioni di gruppo settimanali di 2,5 ore dalle 19:00 alle 21:30, più un giorno dedicato (6 ore) agli obiettivi dell’intervento.

I compiti a casa

Ai partecipanti è stato chiesto di dedicare 45 minuti al giorno ai compiti a casa e di registrare la quantità di tempo speso sui moduli dei compiti. I partecipanti sono stati incoraggiati a completare il più possibile i compiti a casa, ma ancora più importante, a riferire accuratamente il loro effettivo investimento di tempo per prevenire la disonestà.

Mindful eating (ME)

L’obiettivo dell’intervento ME era quello di aumentare la consapevolezza esperienziale del cibo e del mangiare (ad esempio, essere più consapevoli del gusto e dell’odore del cibo, dei pensieri e dei sentimenti durante il mangiare o delle voglie, e dei segnali interni come la sazietà).

I temi

Le sessioni si sono concentrate su: il pilota automatico, la percezione della fame e di altri stati interni, la creazione di consapevolezza per i limiti nel comportamento alimentare, l’alimentazione legata allo stress, affrontare lo stress, affrontare i pensieri (negativi), l’autocompassione e come incorporare la mindfulness nella vita quotidiana.

Verso la fine del programma, i partecipanti hanno avuto un giorno di silenzio. Durante questa giornata, l’intero gruppo ha eseguito esercizi formali di mindfulness e ha mangiato un pasto insieme in completo silenzio.

I compiti a casa per il protocollo di Mindful Eating

I compiti a casa consistevano in una pratica di mindfulness formale, usando un CD con esercizi di mindfulness guidati, e una pratica di mindfulness informale diretta a un momento (per esempio un pasto) al giorno. Il tempo speso per i compiti a casa è stato annotato ogni giorno sui moduli dei compiti.

L’intervento ME è stato sviluppato e consegnato da psicologi/psichiatri qualificati, che si sono laureati alla formazione post-laurea per insegnanti di mindfulness al Radboud University Medical Center for Mindfulness.

I risultati

I partecipanti che hanno investito più tempo sull’intervento mindful eating sono migliorati di più in termini di apprendimento inverso indipendente dalla valenza.

Mentre nessun miglioramento di questo tipo è stato osservato per i partecipanti nel gruppo di controllo.

I risultati sul BMI

In tutti i gruppi di intervento, maggiori riduzioni del BMI sono state associate a un tempo maggiore dedicato all’intervento.

Confronti post hoc pianificati hanno rivelato che non c’erano differenze significative per le misurazioni  a un anno di follow-up per BMI e girovita.

Discussione

I partecipanti che hanno investito più tempo nell’intervento di mindful eating hanno migliorato l’apprendimento inverso indipendente dalla valenza. Suggerendo una maggiore flessibilità comportamentale dopo la pratica del mindful eating.

La flessibilità richiede la capacità di cambiare e adattare una strategia per affrontare condizioni inaspettate.

In sintesi

Questo studio dimostra che il tempo investito in un intervento intensivo di 8 settimane di mindful eating da parte di individui che lottano con le loro abitudini alimentari è associato a miglioramenti nell’apprendimento inverso.

Un aumento mediato dalla mindfulness nella flessibilità comportamentale può aiutare a superare le abitudini alimentari indesiderate.

Liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Janssen, L. K., Duif, I., Van Loon, I., De Vries, J. H., Speckens, A. E., Cools, R., & Aarts, E. (2018). Greater mindful eating practice is associated with better reversal learning. Scientific reports, 8(1), 1-12. https://www. nature.com/ articles/ s41598-018-24001-1

Corsi correlati

Articoli correlati

Famiglia e Genitorialità
Strategie di relazione per supportare genitorialità positiva
Una relazione di attaccamento sicuro con almeno un adulto sano è essenziale affinché un...
Disturbi dell'Umore / Depressione
Depressione: 9 interventi di Psicoterapia Sensomotoria
Dato il modo in cui le nostre vite sono state sconvolte negli ultimi anni, molti dei nostri...

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0