Psicologia dell'Estremismo Violento

Psicologia dell’Estremismo Violento

 

 

L’attacco brutale che ha avuto luogo il 7 Gennaio a Parigi nella sede della rivista Charlie Hebdo, è stato descritta come una scena di “macelleria”: 12 morti tra cui 8 giornalisti, 2 agenti, 1 ospite e il portiere dello stabile e 5 feriti gravi. Attacchi terroristici che diventano sempre più frequenti.

Mai è stato più urgente cercare di capire perché le persone sono attratte da convinzioni estremiste e da organizzazioni estremiste violente.
Che cosa è il terrorismo? Il Federal Bureau of Investigation definisce un atto di terrorismo, atti violenti o pericolosi per la vita umana che sembrano essere destinati a intimidire o costringere la popolazione civile.

Abbiamo sotto la lente d’ingrandimento gli estremisti musulmani, in realtà questi crimini sono commessi da uomini e donne di tutti i ceti sociali.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Tra il terrorismo e la religione non vi è alcuna correlazione.

Cosa spinge ad uccidere?

Alla base delle motivazioni dei terroristi sembrerebbe esserci il bisogno di significato e riconoscimento.

“Alcuni tipi di personalità sono più inclini a ideologie radicali; l’ideologia radicale promette gloria e di rappresentare qualcosa, avere significato. Pertanto, chi tende alla soddisfazione di questi bisogni risulta più incline ad accettare tali ideologie”, dice Arie Kruglanski, prof di psicologia presso l’Università del Marylandha.

Il terrorismo tende a dare alla vita delle persone un senso di significato, che rappresenta l’aspetto religioso del terrorismo, e che fornisce la giustificazione per questi atti spesso raccapriccianti.
Nei movimenti radicali e gruppi estremisti, molti potenziali terroristi non trovano solo un senso di significato, ma anche un senso di appartenenza, connessione e appartenenza. Un’idea collegata a questo è che i gruppi estremisti e le loro ideologie aiutano le persone ad affrontare l’incertezza su se stessi e il mondo.

Altri sono attratti dal terrorismo a causa della povertà, della disperazione e credono di portare cambiamenti socio-economici. La vendetta per i torti percepiti nel mondo è “una delle motivazioni più forti alla base del terrosismo”. Un documento 2009 “Modelli di pensiero nell’estremismo militante” ha analizzato la mentalità di molti gruppi estremisti in tutto il mondo (basata su internet e materiale stampato), tra cui l’IRA ei Fratelli Musulmani, e due vengono riconosciute come credenze fondamentali:

l’illegittimità delle autorità costituite e che il cambiamento può essere raggiunto solo con mezzi estremi e non convenzionali.

La maggior parte degli estremisti non sono malati mentali
Silke (2008) “… la maggior parte delle ricerche sui terroristi ha concluso che gli autori non hanno un disturbo psicologico”.

Il terrorismo non è una malattia mentale e non esiste la personalità “terrorista”.

L’estremismo è alimentato da un processo di gruppo conosciuto come “Shift Risky”. Nel gruppo diminuisce la percezione del rischio, la sociologia ha da tempo osservato come all’interno di un gruppo (tipo le “bande” di adolescenti) esista una tendenza a esporsi a situazioni rischiose maggiore di quella alla quale si sottoporrebbe il singolo individuo, “minor percezione del rischio” .

Una caratteristica sconvolgente del comportamento di molti estremisti violenti è il loro totale disprezzo per il valore di altre vite umane, la”disumanizzare” dei nemici è una caratteristica fondamentale che permette di finalizzare l’atto terroristico.

Silke cita un ex membro dell’IRA ricordando il suo tempo come un terrorista:

“Ho vissuto ogni giorno in un elevato stato di allerta. Tutto quello che ho fatto, anche banale, può sembrare significativo.”

Condizione Professionale

La tua Regione

Condizioni di Servizio, la Policy Privacy e la Policy Cookies, ai sensi del GDPR (General Data Protection Regulation) con riferimento al Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati in vigore dal 25/05/2018"

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>