La Psicoterapia Psichedelica: efficacia attuale e prospettive future

psicoterapia psichedelica

Una revisione sistematica della psicoterapia psichedelica assistita per la salute mentale: una valutazione dell’attuale ondata di ricerca e suggerimenti per il futuro

Gli psichedelici sono agenti psicoattivi utilizzati a scopo terapeutico da migliaia di anni per generare cambiamenti percettivi e stati alterati di coscienza (Hoffmann, 1980). A partire dal 2010, si stima che più di 30 milioni di individui abbiano ingerito psichedelici negli Stati Uniti (Krebs & Johansen, 2013).

 

La letteratura sulla psicoterapia psichedelica

Nelle prime ricerche sulla salute mentale legata a psicoterapia con psichedelici, i ricercatori hanno condotto molte ricerche che hanno ottenuto risultati favorevoli (Grinspoon & Bakalar, 1979; Krebs & Johansen, 2012; Rucker, Iliff, & Nutt, 2018).

Negli anni ’60, la psicoterapia psichedelica era arrivata alle porte della medicina tradizionale. Ciononostante, molte delle prime ricerche erano inficiate da difetti metodologici e le preoccupazioni riguardavano questioni etiche, poiché i regolamenti per la conduzione di ricerche con soggetti umani non erano così severi come quelli imposti oggi. Questa prima ondata di ricerca psichedelica fu quindi accolta con un contraccolpo politico, la ricerca e le applicazioni cliniche furono fermate e soppresse, per la maggior parte, interrompendo ulteriori indagini e valutazioni fino agli anni ’90.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Da allora, molti studi ben progettati, eticamente responsabili e rigorosi hanno contribuito al rinnovato interesse per gli psichedelici e alla rivitalizzazione della terapia psichedelica (Carhart-Harris & Goodwin, 2017).

 

Lo studio

Lo scopo di questa revisione è quello di valutare la ricerca clinica sulla psicoterapia psichedelica assistita, derivante dall’attuale ondata di ricerca psichedelica. Gli studi clinici sulla psicoterapia combinata con gli psichedelici, o psicoterapia psichedelica assistita, sono in aumento, e sia i clinici che i ricercatori riconoscono sempre più la validità degli psichedelici come agenti terapeutici efficaci (Daly, 2018).

Ancora, per decenni, sono state espresse preoccupazioni riguardo alla potenziale associazione tra l’uso di psichedelici e l’aumento dei tassi di malattia mentale. In risposta, due studi su larga scala di oltre 130.000 partecipanti hanno affrontato queste preoccupazioni e non hanno rivelato relazioni significative tra l’uso di psichedelici nel corso della vita e l’aumento dei problemi di salute mentale. In alcuni casi, l’uso di psichedelici è stato associato a meno problemi di salute mentale (Johansen & Krebs, 2015; Krebs & Johansen, 2013).

Infatti, come rivelerà la nostra rassegna, studi recenti di psicoterapia assistita da psichedelici hanno documentato l’alleviamento di sintomi, tra cui l’ansia (dos Santos, Osório, Crippa, Bouso, & Hallak, 2018), la depressione (Reiche et al., 2018), il disturbo da stress post-traumatico (PTSD; Sessa, Higbed, & Nutt, 2019) e la dipendenza (Winkelman, 2014).

Le sessioni di psicoterapia psichedelica assistita sono spesso condotte da professionisti autorizzati che sono addestrati nella somministrazione di psichedelici e nel monitoraggio del loro uso, compreso il modo di guidare correttamente i pazienti o i partecipanti alla sperimentazione per ridurre al minimo l’angoscia e sostenere l’integrazione dell’esperienza in seguito (Mithoefer et al., 2016).

 

Come vengono impiegati gli agenti psicoattivi durante la psicoterapia psichedelica

Qualitativamente, gli psichedelici alterano potenzialmente la coscienza in modo tale da fornire un’esperienza di guarigione più profonda durante le sessioni di psicoterapia rispetto agli interventi attuati durante gli stati ordinari di coscienza (Belser et al, 2017; Bogenschutz et al., 2018; Mithoefer et al., 2018; Mithoefer, Wagner, Mithoefer, Jerome, & Doblin, 2011; Nielson, May, Forcehimes, & Bogenschutz, 2018; Noorani, Garcia-Romeu, Swift, Griffiths, & Johnson, 2018; Swift et al., 2017; Wagner et al., 2017).

Gli psichedelici sono spesso associati a un’esperienza soggettiva di dissoluzione dell’ego, segnata da una disintegrazione del senso dell’identità o del sé (Letheby & Gerrans, 2017). Questo può facilitare una prospettiva più oggettiva e quindi modificare modelli disadattivi di comportamento, pensieri ed emozioni (Swanson, 2018).

Non di rado i pazienti accedono alla capacità di affrontare e risolvere emozioni maladattive, intense o tipicamente inespresse, come il lutto, la tristezza e il dolore psicologico legato al trauma (Watts, Day, Krzanowski, Nutt, & CarhartHarris, 2017). Gli psichedelici, quindi, possono offrire l’opportunità di integrare o sostituire gli interventi convenzionali e fornire un sollievo sintomatico quando i trattamenti passati non hanno prodotto risultati soddisfacenti o ottimali (Bouso, Doblin, Farré, Alcázar, & GómezJarabo, 2008; Johnson, Garcia-Romeu, Cosimano, & Griffiths, 2014; Ot’alora et al, 2018; Roseman, Demetriou, Wall, Nutt, & CarhartHarris, 2018; Watts et al., 2017).

Ad esempio, ben un terzo degli individui con disturbo depressivo maggiore sono resistenti ai trattamenti convenzionali (ad esempio, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina [SSRIs]; psicoterapia), ma possono ottenere benefici con la psicoterapia psichedelica assistita (Schenberg, 2018).

Inoltre, la psicoterapia psichedelica ha dimostrato un’efficacia preliminare nel trattamento dei disturbi da uso di sostanze, compresa la dipendenza da oppioidi (Argento, Tupper, & Socias, 2019). Anche se sono emerse preoccupazioni riguardo alla legittimità di trattare i pazienti con sostanze illecite, la maggior parte degli psichedelici ha dimostrato di produrre poca, o nessuna, dipendenza fisica (McKim, 1991; Winkelman, 2014).

 

Obiettivo dello studio

Lo scopo della nostra revisione sistematica è quello di valutare la ricerca quantitativa e qualitativa sulla psicoterapia psichedelica per le malattie mentali dall’attuale ondata di ricerca psichedelica, dagli anni ’90 ad oggi. Riassumiamo la letteratura esistente, discutiamo i punti di forza e i limiti della base di ricerca, forniamo suggerimenti per la pratica della psicoterapia assistita da psichedelici, identifichiamo potenziali meccanismi terapeutici e proponiamo suggerimenti per la ricerca futura.

Abbiamo incluso tutte le classi di psichedelici utilizzati in un contesto psicoterapeutico, compresi gli psichedelici classici (ad esempio, la dietilammide dell’acido lisergico [LSD], la psilocibina) e gli psichedelici non classici (ad esempio, la 3,4-metilendioxymethamphetamine [MDMA], la chetamina).

Abbiamo omesso la cannabis dalla nostra revisione, coerentemente con altre revisioni:

(a) a causa della sua discussa classificazione come psichedelico (Richards, 2018) e degli effetti psichedelici comparabilmente più deboli, che non sono indotti in modo affidabile rispetto ad altri psichedelici.

(b) perché la cannabis è spesso usata come trattamento autonomo e continuativo senza psicoterapia (Allan et al., 2018; Jungaberle et al., 2018; Krebs & Johansen, 2013).

 

Metodo

Abbiamo eseguito una ricerca approfondita della letteratura sulla psicoterapia psichedelica utilizzando PubMed e PsycINFO con i seguenti termini di ricerca: (psichedelico o allucinogeno o enterogeno o allucinogeno o psicotropo o dietilammide dell’acido lisergico [LSD] o LSD o dimetiltriptamina o DMT o psilocibina o ayahuasca o peyote o mescalina o 3,4,5-trimetossifenetilammina o protossido di azoto o 3., 4-metilendiossimetamfetamina [MDMA] o MDMA o ibogaina o chetamina o salvia divinorum o san pedro) e (psicoterapia assistita da psichedelici o  psicoterapia assistita o psicoterapia o salute o trattamento o benessere o salute mentale o psicologia o terapeutico o terapia o benessere).

I termini di ricerca hanno prodotto 12.297 articoli.

I criteri di inclusione erano studi con psicoterapia psichedelica con adulti (almeno 18 anni di età) per una condizione di salute mentale.

I criteri di esclusione erano studi su casi singoli, studi di “micro-dosaggio”, studi che non erano pubblicati in inglese, e qualsiasi studio pubblicato prima del 1990.

Dopo la rimozione dei duplicati e di quelli che non soddisfacevano i criteri, abbiamo incluso un totale di 43 studi nella nostra revisione.

 

Risultati

Rivediamo brevemente i risultati degli studi qui di seguito, raggruppati per tipo di psichedelico e condizione di salute mentale trattata.

-La maggior parte degli studi sulla psicoterapia psichedelica sono stati pubblicati di recente, con il 56% degli studi pubblicati tra il 2017 e il 2019.

-Le condizioni trattate erano ansia e depressione (47%), ansia e depressione associate alla malattia terminale (80% degli studi sull’ansia e 15% degli studi sulla depressione), disturbi da uso di sostanze (33%), PTSD (19%), e disturbo ossessivo compulsivo (OCD; 2%).

-In termini di tipo di psicoterapia, il 21% degli studi ha usato un supporto non direttivo, il 16% ha usato una terapia manualizzata per il PTSD, il 12% ha usato la terapia cognitivo-comportamentale (CBT), il 9% ha usato un supporto guidato per i pazienti per concentrarsi all’interno sui loro pensieri e sentimenti piuttosto che concentrarsi sull’ambiente esterno per facilitare meglio l’introspezione dei partecipanti, il 9% ha usato il meaning making, il 7% ha usato la terapia di potenziamento motivazionale (MET), il 7% ha usato linee guida di supporto all’ibogaina, il 5% ha usato la terapia esistenziale, il 2% ha usato la terapia basata sulla mindfulness e il 7% non ha specificato il tipo di terapia.

-Il tipo di psichedelico testato è stato principalmente la psilocibina (47%), seguita da MDMA (21%), ibogaina (9%), chetamina (9%), ayahuasca (7%), LSD (5%), e protossido di azoto (2%).

 

Alcuni psichedelici erano più propensi ad essere usati per trattare certe condizioni:

1)Per l’ansia, la psilocibina era la più comune, seguita da LSD, MDMA, e chetamina.

2)Per quanto riguarda la depressione, la maggior parte degli studi ha usato la psilocibina, tranne due studi che hanno usato la chetamina, uno studio che ha usato il protossido di azoto e uno studio che ha usato l’ayahuasca.

3)L’unico studio sull’OCD ha usato la psilocibina.

4)Tutti gli studi che hanno trattato il PTSD hanno usato l’MDMA.

5)Per quanto riguarda i disturbi da uso di sostanze, la psilocibina è stata usata per la dipendenza da alcol e nicotina, la chetamina e l’ibogaina sono state usate per la dipendenza da oppioidi, due studi hanno usato l’ayahuasca per i policonsumatori, e uno studio ha usato l’ibogaina per i policonsumatori.

 

Nuovi progressi in Psicoterapia: il trattamento assistito da psichedelici

Nuovi progressi in Psicoterapia psichedelica

 

 

Psilocibina per l’ansia e la depressione associate a diagnosi di cancro 

1)

Grob e colleghi (2011) hanno condotto il primo studio per stabilire la fattibilità e la sicurezza del trattamento. La dose di psilocibina era bassa per ottimizzare la sicurezza del paziente, ma era ancora abbastanza forte da indurre alterazioni della coscienza e ridurre l’ansia fino a sei mesi dopo la sessione. Tutti i pazienti hanno tollerato bene il trattamento e molti hanno riferito che due sessioni di psilocibina sarebbero state più efficaci di una. I partecipanti hanno percepito le sessioni di placebo come meno utili delle sessioni di psilocibina.

2)

Uno studio successivo ha impiegato un campione più grande con una dose più forte di psilocibina rispetto allo studio precedentemente citato e ha fornito una dose sub-allucinogena di psilocibina (cioè, placebo attivo) invece di un placebo inattivo per mitigare gli effetti di aspettativa (Griffiths et al., 2016). Ai partecipanti (N 51) è stato detto che potevano ricevere una dose alta, moderata o bassa di psilocibina in una delle due sessioni sperimentali, rendendo difficile per i partecipanti indovinare il dosaggio ricevuto.

Questo studio ha documentato la sicurezza e l’efficacia di una dose elevata di psilocibina in combinazione con la psicoterapia per il trattamento della depressione e dell’ansia nei pazienti affetti da cancro fino a sei mesi dopo le sessioni.

3)

In un altro studio, una singola dose di psilocibina con psicoterapia ha dimostrato effetti antidepressivi acuti e sostenuti fino a 6,5 mesi dopo la sessione (Ross et al., 2016).

4)

In due studi con un sottocampione di partecipanti di Ross e colleghi (2016), 13 partecipanti sono stati intervistati riguardo alla loro sessione di psicoterapia assistita da psilocibina (Belser et al., 2017; Swift et al., 2017). I resoconti dei partecipanti indicavano che le esperienze di psilocibina erano complesse con temi diversi. Nel primo studio (Belser et al., 2017), tutti i partecipanti hanno riportato temi come intuizioni riguardanti una relazione significativa, catarsi emotiva, saggezza e priorità di vita riviste e la maggioranza dei partecipanti ha riportato temi come sperimentare un senso di beatitudine e amore, incarnazione, alterazioni dell’identità e un senso di interconnessione. Nell’analisi di follow-up (Swift et al., 2017), 10 temi erano specificamente focalizzati sul cancro e su una narrazione di guarigione che circonda la diagnosi e il trattamento.

5)

In uno studio qualitativo più recente, quattro partecipanti hanno fornito rapporti soggettivi delle loro esperienze di psicoterapia assistita da psilocibina (Malone et al., 2018). Questi resoconti hanno spaziato in più aree tematiche, ma hanno comunemente incluso l’autocompassione e l’amore, l’accettazione della morte e i ricordi del trauma passato. Le esperienze dei partecipanti non si concentravano necessariamente sul cancro.

 

 

Psilocibina per la depressione resistente al trattamento

1)

Nel primo studio pilota di psicoterapia assistita con psilocibina per pazienti con TRD, l’obiettivo principale era quello di ottimizzare il protocollo per la psilocibina orale in combinazione con la psicoterapia (Carhart-Harris et al., 2016). I ricercatori hanno riportato effetti antidepressivi sostenuti fino a tre mesi dopo due sessioni di psicoterapia assistita da psilocibina.

Carhart-Harris e colleghi (2017) hanno condotto una successiva risonanza magnetica funzionale un giorno dopo la psicoterapia assistita da psilocibina e hanno trovato riduzioni del flusso sanguigno cerebrale (CBF), in particolare nei lobi temporali e nell’amigdala (Carhart-Harris et al., 2017).

2)

In un altro studio di risonanza magnetica funzionale, la psicoterapia assistita da psilocibina è stata associata a un aumento della risposta dell’amigdala a stimoli di volti paurosi, con reazioni più forti associate a migliori risultati del trattamento (Roseman et al., 2018). Inoltre, l’elaborazione emotiva dei volti era più veloce nel gruppo psilocibina-psicoterapia per TRD rispetto al basale, ma non nel gruppo sano di confronto senza trattamento (Stroud et al., 2018).

3)

Un follow-up a più lungo termine di Carhart-Harris et al. (2016) ha assicurato benefici duraturi nei pazienti che seguono una psicoterapia assistita da psilocibina fino a 6 mesi (Carhart-Harris et al., 2018).

Utilizzando lo stesso campione di Carhart-Harris et al. (2018); Erritzoe et al. (2018) hanno valutato i cambiamenti nella personalità 3 mesi dopo la sessione di trattamento con psilocibina.

Questa ricerca è la prima a riportare cambiamenti nelle misure di personalità per i pazienti sottoposti a terapia psichedelica per la depressione, estendendo i precedenti risultati dei cambiamenti indotti dalla psilocibina nei tratti di personalità tra i volontari sani (Maclean, Johnson, & Griffiths, 2011).

4)

In uno studio qualitativo sulla psicoterapia assistita con psilocibina per il TRD, sono stati identificati tre temi principali: dalla disconnessione alla connessione (ad esempio, passare dall’essere disconnessi dagli altri alla connessione con gli altri), dall’evitamento emotivo all’accettazione (ad esempio, dal sentirsi emotivamente insensibili all’arrendersi alle emozioni) e il confronto della terapia psichedelica con la terapia tradizionale (Watts et al., 2017).

 

 

Psilocibina per i disturbi da uso di sostanze

1)

Il primo studio pilota per impiegare la terapia con psilocibina (con CBT; Beck, 2011) per il trattamento della dipendenza da nicotina, ha trovato l’intervento sicuro e fattibile, con l’80% dei partecipanti in astinenza al follow-up di 6 mesi (Johnson et al., 2014).

2)

La sicurezza e la fattibilità sono state determinate in uno studio che ha impiegato MET (Miller & Rollnick, 2013) con psilocibina per il trattamento del disturbo da uso di alcol, con l’uso di alcol diminuito fino a otto settimane dopo la sessione (Bogenschutz et al., 2015).

3)

Un follow-up a lungo termine di Johnson e colleghi (2014) ha rivelato che il 60% dei partecipanti si è confermato astinente dal fumo a un follow-up di 30 mesi (Johnson, Garcia-Romeu, & Griffiths, 2017).

4)

Un RCT ha dimostrato l’astinenza in due terzi dei pazienti a un follow-up di 54 settimane (Bogenschutz et al., 2018).

5)

Uno studio qualitativo sulle esperienze dei partecipanti dopo una psicoterapia assistita da psilocibina per la dipendenza da alcol ha rivelato diversi fenomeni legati al cambiamento comportamentale nei pazienti, come l’esperienza di un senso di sacralità, ineffabilità, trascendenza del tempo/spazio, cambiamenti nel loro rapporto con l’alcol e dissoluzione dell’ego (Nielson et al., 2018).

6)

Per quanto riguarda la cessazione del fumo di tabacco, uno studio qualitativo ha rivelato che i partecipanti hanno attribuito le sessioni di psilocibina alla loro capacità di smettere di fumare e hanno riportato temi relativi a sentimenti di interconnessione, intuizioni sulla loro identità e comportamento, e un senso di stupore (Noorani et al., 2018).

 

 

Antagonisti del recettore NMDA per l’ansia e la depressione

Molteplici studi supportano l’uso della chetamina per il trattamento della TRD (aan het Rot et al., 2010; Ghasemi et al., 2014; Lapidus et al., 2014; Mathew et al., 2010; Murrough et al, 2013; Price, Nock, Charney, & Mathew, 2009; Price et al., 2014; Singh, Fedgchin, Daly, De Boer, et al., 2016; Singh, Fedgchin, Daly, Xi, et al., 2016; Wilkinson et al., 2018; Zarate et al., 2006; Zheng et al., 2018, 2019). Tuttavia, questi studi si sono concentrati sull’effetto della chetamina senza psicoterapia e non sono stati, quindi, inclusi nella nostra revisione.

Mentre i risultati di questi studi sono promettenti, i rapidi effetti antidepressivi della chetamina da sola sono spesso fugaci. Un recente studio ha impiegato sessioni di chetamina insieme alla CBT per il TRD per valutare l’ipotesi che la CBT prolungasse i benefici della chetamina quando somministrata da sola (Wilkinson et al., 2017). Questo studio ha dimostrato miglioramenti sostenuti nei punteggi della depressione e le ricadute si sono verificate a una durata mediana di 12 settimane, più lunga della chetamina senza psicoterapia (aan het Rot et al., 2010; Murrough et al., 2013; Singh, Fedgchin, Daly, Xi, et al., 2016; Zarate et al., 2006).

Un recente studio ha indagato la psicoterapia assistita da chetamina per il trattamento di vari disturbi mentali (Dore et al., 2019). Anche se la maggior parte degli studi sulla chetamina considera gli effetti psichedelici della chetamina come un effetto collaterale indesiderato dell’esperienza, i ricercatori hanno utilizzato dosi più elevate di chetamina e hanno accolto con favore gli effetti psichedelici. Sono state osservate diminuzioni significative nei punteggi di depressione e ansia, e i pazienti hanno visto gli effetti psichedelici della chetamina come parte integrante del loro processo di guarigione (Dore et al., 2019). Ai pazienti sono stati diagnosticati vari disturbi di salute mentale e i trattamenti sono stati individualizzati, con diverse dosi di chetamina somministrate e variazioni nel numero di sessioni di psicoterapia.

Recentemente, i ricercatori hanno studiato l’uso della psicoterapia assistita dal protossido d’azoto per la TRD (Nagele, Zorumski, & Conway, 2018). In modo simile alla chetamina per il TRD, i risultati documentano diminuzioni significative dei sintomi depressivi entro 24 ore dalla somministrazione (Nagele et al., 2015), il che implica che il protossido di azoto può essere un efficace coadiuvante del trattamento, anche se sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati iniziali promettenti.

 

MDMA per PTSD

A seguito di un’analisi aggregata di sei studi di controllo randomizzati di fase 2 (Mithoefer et al., 2019), i ricercatori hanno avviato uno studio di psicoterapia assistita con MDMA di fase 3 (“A Randomized, DoubleBlind, Placebo-Controlled, Multi-Site Phase 3 Study of the Efficacy and Safety of Manualized MDMA-Assisted Psychotherapy for the Treatment of Severe Posttraumatic Stress Disorder”; Burge, 2017) e seguirà una seconda sperimentazione di fase 3.

Questi studi hanno portato alla concessione da parte della Food and Drug Administration della designazione di terapia di svolta per la psicoterapia assistita da MDMA per il PTSD (Burge, 2017).

Quattro dei sei studi dell’analisi collettiva sono stati pubblicati (Mithoefer et al., 2011, 2013, 2018; Oehen, Traber, Widmer, & Schnyder, 2013; Ot’alora et al., 2018). Il campione totale era composto da 74 partecipanti nel gruppo sperimentale (75-125 mg di MDMA, due sessioni) e 31 partecipanti nel gruppo di controllo attivo (0 – 40 mg di MDMA, due sessioni).

I punteggi totali della Clinician-Administered PTSD Scale-IV (Weathers, Keane, & Davidson, 2001) erano significativamente diversi dopo la seconda sessione sperimentale, con il gruppo sperimentale che riportava un maggior calo medio stimato dei punteggi rispetto al gruppo di controllo attivo.

Ibogaina per i disturbi da uso di sostanze

La psicoterapia assistita dall’ibogaina è emersa come un trattamento promettente per i disturbi da uso di sostanze, anche per i consumatori di oppioidi (Brown & Alper, 2018; Noller, Frampton, & YazarKlosinski, 2018) e polidroghe (Schenberg, de Castro Comis, Chaves, & da Silveira, 2014).

Mentre la psicoterapia assistita dall’ibogaina ha ridotto i sintomi di astinenza e la ricaduta della droga, ad oggi, non ci sono ancora studi controllati sull’ibogaina.

Uno studio qualitativo (Brown, Noller, & Denenberg, 2019) ha rivelato 19 temi minori contenuti in tre temi principali: contenuto della visione (per esempio, effetti uditivi e visivi, esseri spirituali), percezioni (per esempio, esperienza fisica della visione, percezioni dei membri della famiglia, senso di unità con tutto) e processo (per esempio, rivedere la propria vita, lasciare andare, trasformazione).

 

Ulteriori studi

-Chetamina e abuso di sostanze

La psicoterapia assistita da chetamina ha mostrato un potenziale per il trattamento della dipendenza da oppioidi, con una dose elevata di chetamina che produce tassi di astinenza significativamente maggiori rispetto a una dose bassa (Krupitsky et al., 2002). Inoltre, sessioni multiple di chetamina hanno dimostrato tassi di astinenza maggiori rispetto a una singola sessione in un follow-up di 1 anno (Krupitsky et al., 2007).

 

-Psilocibina e OCD

L’osservazione preliminare indica che la psicoterapia assistita dalla psilocibina potrebbe anche essere fattibile nel trattamento dell’OCD (Moreno, Wiegand, Taitano, & Delgado, 2006). Tuttavia, finora non sono stati condotti ulteriori studi sulla psilocibina per l’OCD. Come la psilocibina, anche la psicoterapia assistita da LSD ha dimostrato riduzioni significative dell’ansia associata a malattie pericolose per la vita (Gasser et al., 2014).

 

-LSD e OCD

Uno studio qualitativo sull’LSD (Gasser, Kirchner, & Passie, 2015) ha rivelato temi simili a quelli dei suddetti studi sulla psilocibina (Belser et al., 2017; Malone et al., 2018; Swift et al., 2017) tra cui l’accesso facilitato alle emozioni e la catarsi, la deschematizzazione e la visione delle esperienze in un’altra prospettiva, i cambiamenti nelle emozioni di base durante l’esperienza LSD, l’aumento della qualità della vita e i cambiamenti a lungo termine nella prospettiva, negli atteggiamenti e nei valori.

 

-Ayahuasca

La ricerca suggerisce anche che la terapia di gruppo con ayahuasca può essere efficace per il trattamento dei disturbi da uso di sostanze (Thomas, Lucas, Capler, Tupper, & Martin, 2013). La psicoterapia assistita dall’ayahuasca ha anche dimostrato la capacità di trattare il TRD, ma è stato valutato solo fino a 7 giorni dopo la sessione (Palhano-Fontes et al., 2019).

La terapia di gruppo con ayahuasca per il disturbo da uso di sostanze ha rivelato diversi temi, tra cui la diminuzione dell’uso di sostanze e delle voglie, una maggiore connessione con lo spirito e la natura, una maggiore connessione con il senso di sé e trasformazioni nelle relazioni con gli altri (Argento, Capler, Thomas, Lucas, & Tupper, 2019).

 

-MDMA

Un’altra area di ricerca che merita ulteriori indagini è l’uso della psicoterapia assistita da MDMA per il trattamento dell’ansia sociale negli adulti autistici. I risultati suggeriscono che questo trattamento produce riduzioni sostenute nei punteggi della Liebowitz Social Anxiety Scale (Liebowitz, Gorman, Fyer, & Klein, 1985) dei partecipanti (Danforth et al., 2018).

 

Discussione

Abbiamo valutato recenti studi clinici di psicoterapia psichedelica per problemi di salute mentale, risalenti all’attuale ondata di ricerca sugli psichedelici. I nostri risultati indicano che alcuni psichedelici possiedono un forte potenziale psicoterapeutico per il trattamento di problemi di salute mentale, tra cui ansia, depressione, PTSD, e disturbi da uso di sostanze.

Per quanto riguarda i classici psichedelici serotoninergici, la psilocibina dimostra un ampio potenziale per il trattamento di ansia, depressione, OCD, e disturbi da uso di sostanze associate ad alcol e nicotina. L’LSD ha dimostrato un’efficacia preliminare per il trattamento dell’ansia associata a malattie terminali. Infine, l’ayahuasca ha dimostrato un’efficacia preliminare per il trattamento di disturbi da uso di sostanze e depressione. La chetamina dissociativa e l’alcaloide indolo ibogaina hanno dimostrato un’efficacia preliminare nel trattamento dei disturbi da uso di sostanze associate agli oppioidi, ma sono necessarie ulteriori ricerche. L’empatogeno-entactogeno MDMA dimostra un forte potenziale per trattare i sintomi del PTSD e c’è un certo supporto per la sua capacità di trattare l’ansia associata all’autismo.

Insieme ai miglioramenti quantitativi dimostrabili negli indicatori clinici delle condizioni di salute mentale, le relazioni qualitative dei pazienti indicano l’impatto positivo della sessione psichedelica sulla salute mentale dal punto di vista del paziente e sono importanti per determinare i potenziali mediatori psicologici terapeutici.

Nel complesso, la ricerca qualitativa indica che la psicoterapia psichedelica sembra incoraggiare la connessione, l’accettazione e l’elaborazione delle emozioni, al contrario dei farmaci e alcune terapie a breve termine, per le quali i pazienti riferiscono che tendono a rafforzare il loro senso di disconnessione e di evitamento, smussando le risposte emotive e le emozioni.

Per esempio, la psicoterapia assistita da psilocibina sembra avere l’azione opposta a quella degli SSRI e spinge i pazienti ad affrontare le loro emozioni piuttosto che bloccarle (Moreno et al., 2006).

Altri temi comuni identificati dai rapporti qualitativi erano:

-maggiore connessione con gli altri e con l’universo nel suo complesso.

-dissoluzione dell’ego (perdita di un senso soggettivo di sé).

-esperienze mistiche o di picco indipendentemente dal sistema di credenze precedenti.

-perdono, auto-compassione.

-maggiore consapevolezza introspettiva e comprensione.

-aumentata motivazione e impegno al cambiamento.

-miglioramenti positivi nella visione del mondo.

-cambiamenti nel rapporto con la sostanza d’abuso per quelli con il disturbo da uso di sostanze.

-accettazione della morte per gli individui con malattia terminale.

 

Micro-dosaggio di psichedelici

Sebbene non sia stato incluso nella revisione sistematica, l’argomento del micro-dosaggio, cioè l’assunzione regolare di quantità molto piccole di sostanze psichedeliche, sta guadagnando popolarità negli ultimi anni e vale la pena menzionarlo brevemente. Da recenti studi naturalistici (Anderson et al., 2019; Polito & Stevenson, 2019; Prochazkova et al., 2018), gli effetti soggettivi del micro-dosaggio sembrano variare ampiamente da persona a persona.

Dato che questi studi si sono basati sui resoconti degli utenti psichedelici dai forum online e non c’era nessun controllo con placebo, non c’è modo di conoscere l’entità degli effetti di aspettativa. I partecipanti al sondaggio variavano anche nel tipo di sostanza psichedelica che stavano assumendo in modalità micro-dosata, la dose e la frequenza del micro-dosaggio.

Queste variazioni, insieme alla vasta gamma di rapporti soggettivi, suggeriscono che ci possono essere molti fattori che influenzano il modo in cui gli individui rispondono al trattamento. Se il micro-dosaggio di LSD migliora l’umore o la cognizione in individui con sintomi di depressione deve ancora essere determinato (Bershad, Schepers, Bremmer, Lee, & de Wit, 2019).

Sulla base dei risultati preliminari, il micro-dosaggio di psichedelici può essere un trattamento utile, ma sono necessari ulteriori studi clinici.

 

Meccanismi terapeutici nella terapia psichedelica

I meccanismi psicologici e neurobiologici che sono alla base dei benefici terapeutici degli psichedelici devono ancora essere completamente chiariti. Oltre all’importanza del set (per esempio, il buon umore), dell’ambientazione (per esempio, l’ambiente confortevole) e dell’intenzione (per esempio, per scopi terapeutici) prima di ingerire lo psichedelico, i mediatori psicologici proposti che predicono il successo del trattamento includono il confronto e l’accettazione delle emozioni, la comprensione di sé e della propria condizione, l’interconnessione con gli altri e con l’universo nel suo complesso, le emozioni positive tra cui la beatitudine e lo stupore, avere un’esperienza mistica o di picco, e/o la dissoluzione dell’ego.

I ricercatori hanno anche proposto che la musica durante la psicoterapia psichedelica sia una chiave del beneficio terapeutico (Kaelen et al., 2018). Solo alcuni di questi mediatori psicologici proposti sono stati indagati in dettaglio, pertanto, molte altre ricerche devono essere condotte.

 

1)L’aspetto emotivo

Per quanto riguarda l’aspetto terapeutico emotivo dell’esperienza psichedelica, i ricercatori hanno osservato un aumento dell’attività dell’amigdala quando i partecipanti hanno visualizzato volti emotivi e neutri dopo la psicoterapia assistita da psilocibina per il TRD, con la risposta più pronunciata durante i volti paurosi (Roseman et al., 2018).

Questo risultato differisce dalla somministrazione di SSRI in cui l’attività ridotta nell’amigdala durante la visualizzazione di facce paurose (Ma, 2015) corrisponde probabilmente ai rapporti di molti partecipanti che gli SSRI hanno intorpidito le loro emozioni, mentre gli psichedelici hanno permesso loro di affrontarle ed elaborarle.

Un altro studio esaminato ha riportato una diminuzione dell’attivazione dell’amigdala (CBF) dopo la psicoterapia assistita da psilocibina per il TRD quando non sono stati presentati volti emotivi (Carhart-Harris et al., 2017). Le diminuzioni del CBF all’amigdala erano anche correlate con l’aumento del picco o delle esperienze mistiche (Carhart-Harris et al., 2017).

 

2)La dissoluzione dell’ego

La dissoluzione dell’ego (cioè la morte dell’ego o la perdita dell’ego), come descritto in precedenza, è l’esperienza di disidentificazione come soggetto separato e una fusione della coscienza con un tutto più grande (Millière, 2017) che è caratterizzata da una variabilità nella valenza emotiva e nei risultati (Yaden, Haidt, Hood, Vago, & Newberg, 2017). Tuttavia, la dissoluzione dell’ego è spesso associata a esperienze di picco o mistiche istigate dagli psichedelici così come dalla meditazione, dallo yoga e da altre pratiche ed esperienze spirituali o religiose (Kohls & Walach, 2007; Taylor, 2018).

La dissoluzione dell’ego può alleviare l’ansia e la depressione associate a condizioni di pericolo di vita, in quanto è a volte colloquialmente descritta come “esperienza di pre-morte” (Sandler, 2015) e perché interrompe le narrazioni di vita personali e i modelli abituali di pensieri e comportamenti, consentendo una nuova prospettiva più oggettiva sul sé e sul mondo.

Pertanto, la dissoluzione dell’ego può migliorare i pensieri e i comportamenti disadattivi e ristrutturare le prospettive personali, le credenze e le visioni del mondo per facilitare i risultati clinici positivi guidati e sostenuti dalla psicoterapia concomitante.

La dissoluzione dell’ego è dose dipendente, con dosi più basse che indeboliscono l’identità dell’ego e dosi più alte che inducono una più completa dissoluzione dell’ego (Letheby & Gerrans, 2017; Millière, 2017).

 

3)Meccanismi neurobiologici

Gli strumenti di neuroimaging, che sono entrati in ampio uso durante la recente ondata di ricerca psichedelica, hanno facilitato l’indagine dei meccanismi neurobiologici degli psichedelici in un modo non raggiungibile nelle epoche precedenti della ricerca psichedelica. Le droghe psichedeliche perturbano le reti e i processi cerebrali che normalmente vincolano i sistemi neurali centrali per la percezione, l’emozione, la cognizione e il senso di sé o ego (Swanson, 2018), e i dati di neuroimaging sostengono la tesi che la dissoluzione dell’ego agisce come un passaggio per o precede il beneficio terapeutico di alcune esperienze psichedeliche.

La rete di modalità predefinita (DMN) è una rete cerebrale a riposo su larga scala attiva durante il vagabondaggio della mente e la riflessione (Carhart-Harris & Friston, 2010). La corteccia prefrontale mediale, la corteccia cingolata posteriore e il giro angolare sono implicati nella neurobiologia del senso soggettivo di sé e quindi possono essere la sede neurobiologica dell’ego (Carhart-Harris & Friston, 2010).

Studi di neuroimaging hanno rivelato che diversi tipi di psichedelici modulano l’integrità del DMN, tra cui la psilocibina (Carhart-Harris et al., 2012, 2013), LSD (Tagliazucchi et al, 2016), ayahuasca (Palhano-Fontes et al., 2015), chetamina (Scheidegger et al., 2012), e MDMA, anche se in misura minore (Roseman, Leech, Feilding, Nutt, & Carhart-Harris, 2014). Pertanto, indipendentemente dal tipo o dalla classe di psichedelico, la dissoluzione dell’ego e la sua corrispondente modulazione della DMN sembrano essere un meccanismo chiave che media i benefici terapeutici degli psichedelici.

Inoltre, la diminuzione della connettività funzionale e della potenza oscillatoria della DMN è correlata alla dissoluzione dell’ego sotto l’influenza dell’LSD (Tagliazucchi et al., 2016) e della psilocibina (Lebedev et al., 2015). È interessante notare che i ricercatori hanno trovato che la connettività DMN è stata migliorata un giorno dopo la psicoterapia assistita da psilocibina, che può corrispondere con una ristrutturazione della propria narrativa di vita, prospettiva, credenze e visione del mondo che, a sua volta promuove l’auto-attualizzazione e risultati clinici positivi (Carhart-Harris et al., 2017).

È necessario un maggior lavoro per chiarire i meccanismi neurobiologici dell’effetto terapeutico della psicoterapia assistita da psichedelici (vedi Calvey & Howells, 2018; Swanson, 2018 per recensioni complete dei meccanismi neurobiologici).

 

Suggerimenti per la pratica

Pratiche metodologiche comuni associate a esiti terapeutici positivi sono riassunte di seguito e raccomandiamo che siano prese in considerazione per le prove future.

  1. Condurre sessioni di psicoterapia prima della sessione di psicoterapia psichedelica è importante per stabilire la fiducia e garantire che il paziente non soddisfi alcun criterio di esclusione, poiché uno screening inadeguato potrebbe creare una situazione in cui la sessione psichedelica catalizza l’insorgenza della malattia mentale o esacerba una condizione esistente.
  2. Le sessioni di terapia di integrazione post-trattamento sono importanti affinché il paziente possa dare un senso alle emozioni e ai pensieri che sono stati scoperti durante la sessione. Senza un’adeguata integrazione post-sessione, potrebbe svilupparsi un disturbo più grave (Belser et al., 2017).
  3. Il processo terapeutico sembra essere accelerato quando sono presenti più terapeuti. Due o più terapeuti facilitano l’impegno continuo nei momenti in cui la discussione e la presa di appunti devono avvenire simultaneamente.
  4. Più di una sessione di psicoterapia assistita da psichedelici sembra dare risultati migliori di una singola sessione. L’intervallo ottimale tra le sessioni richiede ulteriori ricerche (ad esempio, 1-2 settimane vs. 1-2 mesi).
  5. Le esperienze psichedeliche o mistiche di picco sono associate a risultati terapeutici più positivi e a lungo termine (ad esempio, Bogenschutz et al., 2015; Carhart-Harris et al., 2016; Griffiths et al., 2016; Johnson et al., 2014; Ross et al., 2016) e gli psicoterapeuti spesso incoraggiano i pazienti a “lasciare andare” i sentimenti di controllo nel tentativo di indurre esperienze psichedeliche di picco.
  6. La maggior parte degli studi (56%) ha riferito di aver incluso la musica durante la sessione e molti partecipanti hanno riferito che la musica è stata benefica per l’esperienza.
  7. Aumentare gradualmente la dose psichedelica nel corso di più sessioni può alleviare i livelli di ansia del paziente e agire come una precauzione di sicurezza per ridurre la probabilità di reazioni avverse durante la sessione ad alta dose.

 

Conclusione

La psicoterapia psichedelica può trattare una serie di disturbi di salute mentale in modo sicuro, tra cui ansia, depressione, PTSD e disturbi da uso di sostanze. I pazienti riportano benefici associati a una maggiore accettazione delle emozioni, cambiamenti positivi nelle prospettive riguardanti se stessi e la loro condizione e una maggiore connessione con gli altri e l’universo nel suo complesso.

I benefici terapeutici degli psichedelici possono verificarsi attraverso la loro capacità di promuovere l’accettazione delle emozioni e la dissoluzione dell’ego, con corrispondenti modulazioni dell’amigdala e della DMN, rispettivamente, tra altre regioni cerebrali e reti neurali.

Mentre la ricerca sulla psicoterapia assistita da psichedelici è ancora in una fase iniziale, i risultati esistenti sono promettenti. Come documenta la nostra revisione, stiamo appena iniziando a capire la portata dei benefici dell’uso di psichedelici in combinazione con la psicoterapia, i meccanismi psicologici e neuroscientifici sottostanti i guadagni del trattamento e come massimizzare i risultati terapeutici.

Studi più rigorosi, coerenti con le nostre raccomandazioni per la ricerca futura, con campioni più grandi, sono necessari per determinare la sostanza psichedelica più appropriata, la dose e la psicoterapia per diverse condizioni di salute mentale, così come per chiarire ulteriormente i meccanismi psicologici e neurobiologici alla base del loro valore come coadiuvanti della psicoterapia.

 

Vuoi saperne di più sulla Psicoterapia Psichedelica?

▶️CLICCA QUI e scopri SUBITO il nostro nuovo corso:

Mindfulness, Self-Compassion & Psychedelic-Assisted Psychotherapy, con Ronald Siegel e Christopher Germer

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: Wheeler, Spencer & Dyer, Natalie. (2020). A systematic review of psychedelic-assisted psychotherapy for mental health: An evaluation of the current wave of research and suggestions for the future. Psychology of Consciousness: Theory, Research, and Practice. 7. 10.1037/cns0000237. 

One thought on “La Psicoterapia Psichedelica: efficacia attuale e prospettive future

  • Buongiorno,
    Sono molto interessata all’ambito della terapia psichedelica, e mi piacerebbe partecipare a qualche corso per saperne di piú. Peró, ho studiato scienze dell’educazione, non psicologia, e mi chiedevo se fosse possibile svolgerlo ugualmente, e se potessero esserci sbocchi lavorativi anche per me come figura sociale di accompagnamento. Grazie in anticipo e buona giornata!

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>