Accedi

Psicoterapia Sensomotoria: un percorso somatico per curare il trauma

Psicoterapia sensomotoria

Negli anni ’70, Pat Ogden iniziò a prestare attenzione alla connessione tra le dissociazioni dei suoi clienti dai loro corpi e le loro preoccupazioni psicologiche. Con lo sviluppo della psicoterapia sensomotoria, un paziente è in grado di esaminare come le esperienze traumatiche passate lo stanno influenzando somaticamente. Questa forma di trattamento del trauma affronta i sintomi fisici, in particolare quelli di natura dissociativa come l’anestesia corporea o le inibizioni motorie, che possono causare difficoltà nella regolazione delle emozioni, nella cognizione e nel funzionamento quotidiano.

 

Psicoterapia Sensomotoria: un approccio somatico al trattamento del trauma

Quando le parole non sono sufficienti per aiutare un paziente a guarire, un approccio somatico al trattamento del trauma può essere efficace. La psicoterapia tradizionale si concentra sugli aspetti cognitivi o emotivi dell’individuo, ma un tale approccio è limitato. La psicoterapia sensomotoria unisce tecniche cognitive e somatiche. Questo è importante nel trattamento poiché il trauma stesso può avere un effetto schiacciante sul corpo e può manifestarsi come sintomi somatici.

Il Trauma and Mental Health Report ha recentemente parlato con Susan Lucas:

D: Che cos’è la psicoterapia sensomotoria?

R: La psicoterapia sensomotoria è una terapia del linguaggio basata sul corpo, che integra le scoperte attuali delle neuroscienze per trasformare i ricordi traumatici in punti di forza e risorse per il paziente. Funziona con traumi dello sviluppo, come la mancanza di sintonia materna, così come traumi acuti o gravi come abusi sessuali, violenze o abusi verbali. I terapeuti sensomotori lavorano sulla consapevolezza e sulla collaborazione con il paziente, chiedendo ripetutamente il permesso di fare ogni esperimento o processo lungo il percorso.

D: Cosa comporta una tipica sessione di terapia?

R: Le sessioni di terapia variano ampiamente. Dipendono dalle esigenze del paziente e dalla capacità di elaborare materiale traumatico, nonché dal livello di formazione o abilità del terapeuta. Se un paziente vuole parlare di un incidente traumatico, ad esempio assistendo a una lite tra due fratelli maggiori, un terapeuta chiederebbe al paziente di ricordare fino a pochi istanti prima dell’incidente reale.

 

La consapevolezza

Il terapeuta aiuterebbe quindi a entrare in uno stato di consapevolezza chiedendo a paziente di notare alcune cose. Se è sconvolto, cosa c’è nel suo corpo che gli dice che è sconvolto? È una stretta allo stomaco? O una sensazione oscura al petto? Quindi il terapeuta chiede di concentrarsi su quelle sensazioni e, osservando i gesti e le posture del paziente, scoprire quale movimento avrebbe voluto fare, ma non poteva.

Il terapeuta trova nella seduta un modo per consentire al paziente di completare il movimento troncato, regalandogli così un’esperienza di trionfo, che può assaporare e integrare nel suo sistema nervoso. Il terapeuta potrebbe quindi completare il processo parlando al sé più giovane del paziente, dicendo qualcosa del tipo: “Guarda il tuo io più giovane con gli occhi della mente, tra un momento dirò alcune parole e voglio che tu noti come reagisce il tuo io più giovane.” Il terapeuta parla lentamente, dicendo: “Non so perché tuo fratello e tua sorella stavano litigando, ma so che tutti i bambini piccoli meritano di sentirsi al sicuro nella loro casa“.

 

Benefici della psicoterapia sensomotoria

D: Quali popolazioni di pazienti trarrebbero beneficio dalla psicoterapia sensomotoria?

R: Direi che chiunque abbia difficoltà nella propria vita, come ansia, depressione, gestione della rabbia, incapacità di mantenere relazioni significative, potrebbe trarre beneficio dalla psicoterapia sensomotoria. I pazienti che abusano di alcol o droghe potrebbero beneficiare del sensomotorio in tandem con il trattamento delle dipendenze.

D: In che modo un individuo che ha subito un trauma trarrebbe beneficio dalla psicoterapia sensomotoria?

R: La psicoterapia sensomotoria enfatizza l’aiutare i pazienti a sviluppare le risorse dentro di sé per essere in grado di autoregolare l’affetto, o per uscire dalla risposta di lotta/fuga/congelamento e in una modalità di funzionamento superiore in cui possono pensare chiaramente e sentirsi in modo appropriato. I pazienti possono diventare meno reattivi e più proattivi nelle loro relazioni, lavoro e famiglia. Beneficiano anche sviluppando la capacità di regolare in modo interattivo con gli altri.

Un’esperienza traumatica può danneggiare processi impliciti come la regolazione delle emozioni, la capacità di interagire con gli altri e i meccanismi di difesa contro le minacce. Dopo aver vissuto un evento traumatico, la relazione di un individuo con il proprio corpo potrebbe risentirne. Ad esempio, il sistema nervoso potrebbe non regolare le emozioni in modo efficace, causando sentimenti di vulnerabilità, sopraffazione o spaventato.

 

Livello 01 – Disregolazione Emotiva, Difese di Sopravvivenza e Ricordi Traumatici – GIUGNO 2022

 

Fasi della psicoterapia sensomotoria

Le fasi della psicoterapia sensomotoria sono tre:

  1. Stabilizzazione e riduzione dei sintomi
  2. Lavorare sul ricordo traumatico
  3. Reintegrazione

La tecnica di lettura del corpo nella Fase 1 consente al terapeuta di valutare capacità somatiche stabili come radicarsi nelle gambe o respirare completamente. Il terapeuta prende nota di tutte le abilità che sono assenti, che poi verranno insegnate al paziente.

L’intervento di lettura corporea viene utilizzato nuovamente nella Fase 2 per valutare le risposte difensive che non erano state eseguite al momento del trauma. Il terapeuta aiuta il paziente a completare queste risposte difensive attraverso la consapevolezza del proprio corpo. Quando le nuove reazioni all’evento traumatico sono completate, queste risposte precedentemente impotenti suscitano sentimenti di trionfo potenziante.

Nella fase 3, la lettura del corpo valuta tutte le convinzioni che un cliente ha che interferisce con il funzionamento quotidiano. In Trauma and the Body di Pat Ogden, viene fornito un esempio in cui la distorsione cognitiva di un paziente “Sono inutile, devo nascondermi” si riflette in tensioni corporee come la trazione delle spalle o una curva spinale (p. 273).

 

Metodi integrati per il trattamento del trauma

La psicoterapia sensomotoria si basa su metodi tradizionali, consentendo a uno psicoterapeuta qualificato di incorporare questi interventi somatici nel proprio orientamento terapeutico di scelta. Può quindi essere integrato con un modello di trattamento terapeutico cognitivo/emotivo al fine di aumentare l’efficacia nel far fronte alle esperienze traumatiche.

Un modello integrativo può essere significativo nella sua focalizzazione sui sintomi di un paziente attraverso cognizioni, emozioni e la comunicazione corporea sottostante che esiste senza parole.

 

Articolo liberamente tradotto e adattato. Fonte: https://www. psychologytoday.com/ intl/blog/ talking-about-trauma/201309/ sensorimotor-psychotherapy-somatic-path-treat-trauma

Corsi correlati

Corso Online
65 ECM
Spedizione inclusa
Certificazione DBR (Deep Brain Reorienting)
La live si terrà il 18 marzo 2023
320€
o 53 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso
Corso Online
Lo Psicologo consulente sul sonno dei bambini
219€
o 37 € al mese a tasso 0.
Iscriviti al corso

Articoli correlati

Famiglia e Genitorialità
Strategie di relazione per supportare genitorialità positiva
Una relazione di attaccamento sicuro con almeno un adulto sano è essenziale affinché un...
Disturbi dell'Umore / Depressione
Depressione: 9 interventi di Psicoterapia Sensomotoria
Dato il modo in cui le nostre vite sono state sconvolte negli ultimi anni, molti dei nostri...

0 thoughts on “Psicoterapia Sensomotoria: un percorso somatico per curare il trauma

  • Giovanni says:

    Articolo molto interessante e chiaro. La tecnica merita approfondimento, sarebbe interessante saperne di più per poterla utilizzare, come dice l’articolo, in abbinamento ove necessario al trattamento terapeutico classico. È possibile avere informazione sulla formazione di tale terapia?. Grazie.

  • Loredana Massaro says:

    L’articolo è molto stimolante, sarebbe interessante conoscere le cronicizzazioni delle emozioni negative nel corpo, ritengo che lo studio della lettura del corpo stesso sia essenziale

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Have no product in the cart!
0