Psicoterapia Sensorimotoria: benefici ed efficacia

Psicoterapia Sensorimotoria: benefici ed efficacia

La psicoterapia sensomotoria vede le esperienze fisiche della persona come un modo per accedere al trauma irrisolto, portare una maggiore consapevolezza di sé e ottenere miglioramenti nella salute mentale.

La psicoterapia sensomotoria è un approccio terapeutico centrato sul corpo che si concentra sull’identificazione e il trattamento dei sintomi fisici che le persone sperimentano come risultato di un trauma irrisolto. I terapeuti che praticano la psicoterapia sensomotoria credono che le persone che hanno esperienze traumatiche irrisolte spesso le immagazzinano nel loro corpo, causando sintomi somatici come modelli tesi di tensione, movimento, postura e respiro.

Il solo linguaggio alle volte può non essere sufficiente a permettere ad una persona di esprimere le motivazioni dietro certe azioni. La psicoterapia sensomotoria crede che, poiché il comportamento umano è dettato dall’emisfero destro del cervello che è responsabile dell’elaborazione emotiva e corporea implicita, il linguaggio, – immagazzinato nell’emisfero sinistro – può essere insufficiente nell’affrontare i comportamenti. Gli psicoterapeuti sensorimotori lavorano con i loro clienti aiutandoli ad interpretare e ad assistere al loro linguaggio del corpo.1 Questa forma di terapia può essere usata per trattare bambini, adolescenti, adulti, coppie e famiglie.

 

Come funziona la psicoterapia sensomotoria?

La psicoterapia sensomotoria si rivolge ai sintomi emotivi, mentali e fisici delle persone per aiutarle ad ottenere sollievo dalle sensazioni fisiche legate al trauma. Le persone hanno reazioni innate di lotta o fuga quando affrontano situazioni che percepiscono come pericolose. Queste reazioni biologiche inducono le persone a fuggire o a combattere di fronte al pericolo per massimizzare le loro possibilità di sopravvivenza. In alcuni casi, tuttavia, le persone sperimentano invece un impulso a bloccarsi. Coloro che si bloccano di fronte al pericolo spesso provano vergogna o senso di colpa. Un esempio comune di ciò si verifica nelle vittime di violenza domestica che non fuggono o combattono di fronte all’abuso. Le persone che non si impegnano nelle loro innate risposte di lotta o fuga al trauma possono poi sviluppare sintomi fisici e psicologici, tra cui tic e tremori.

Durante una sessione di psicoterapia sensorimotoria, il terapeuta aiuterà il cliente a lavorare attraverso l’evento traumatico in un ambiente clinico. Il terapeuta incoraggerà il cliente a permettere a se stesso di impegnarsi nella naturale reazione difensiva al trauma in modo che possa sperimentare un senso di chiusura. Il cliente non deve ricordare i dettagli specifici dell’incidente traumatico per ricevere benefici.
Mentre il cliente comunica verbalmente le sue esperienze ed emozioni, inconsciamente comunica segnali non verbali nei suoi movimenti, gesti e posture. Il ruolo del terapeuta è quello di tracciare questi segnali al fine di regolare la sessione per stimolare il coinvolgimento e garantire la sicurezza del cliente. Questo processo è noto come codifica, o visualizzazione di segnali non verbali, e decodifica, o interpretazione dei segnali non verbali di un altro. Anche se il cliente e il terapeuta stanno comunicando a livello verbale, il terapeuta mantiene il linguaggio semplice, in quanto sono gli spunti non verbali dell’emisfero destro che modellano le sessioni e la relazione terapeuta-cliente, non l’elemento linguistico dell’emisfero sinistro.

Sblocca i tuoi 50 crediti ECM in omaggio con i corsi FCP con ECM

Le sedute di psicoterapia sensorimotoria variano ampiamente e si basano sui bisogni individuali del cliente e sulla sua capacità di elaborare il trauma. Detto questo, tipicamente seguono uno schema simile, non rigido.
Per prima cosa, il terapeuta aiuta il cliente a sentirsi a proprio agio e al sicuro. È importante che il setting sia stabilito come un ambiente sicuro in modo che il cliente abbia la sicurezza di concentrarsi sulle sue sensazioni fisiche e sugli impulsi. Il terapeuta incoraggia il cliente a diventare più attento ai suoi gesti, alla respirazione e alla posizione del corpo e a concentrarsi su come il suo corpo risponde a diverse emozioni, pensieri e ricordi.

Quando l’eccitazione di un cliente in terapia è disregolata a causa del trauma e della paura, come spesso è all’inizio della terapia, può causare un circolo di pensieri e un’escalation di emozioni. In terapia, è stato indicato che un cliente che ha troppe o troppo poche emozioni non è utile per raggiungere risultati di successo come avere una quantità moderata di eccitazione. In terapia, dopo aver stabilito la sicurezza, il terapeuta aiuta il cliente a regolare il suo livello di eccitazione emotiva. Quando il cliente raggiunge un livello moderato di eccitazione, il terapeuta gli chiede di concentrarsi e descrivere i suoi movimenti fisici e le sensazioni mentre mette da parte i sentimenti e i pensieri. Il terapeuta deve mantenere l’eccitazione ottimale del cliente per approfondire il materiale traumatico da elaborare, assicurandosi al contempo che non lo sommerga e non causi dissociazione.

Il terapeuta può anche simulare la fisicità dell’evento traumatico con una sensazione fisica simile e sicura per permettere al cliente di completare la naturale reazione difensiva che non ha potuto sperimentare al momento del trauma. Per esempio, un terapeuta può consensualmente tenere un cuscino contro una vittima di violenza sessuale. Il cliente può sperimentare dapprima le sensazioni del trauma, come la nausea, ma alla fine si trova in grado di agire per difendersi. Incoraggiare il cliente a eseguire questi esercizi può aiutarlo a risolvere i suoi ricordi traumatici e a superare la paura che provocano. Avendo agito la difesa fisica, il cliente di solito è più empatico verso la versione di se stesso che ha subito l’abuso o il trauma e può vedere come la sua reazione di blocco fosse un tipo di difesa.

 

Livello 01 – Disregolazione Emotiva, Difese di Sopravvivenza e Ricordi Traumatici – GIUGNO 2022

 

I potenziali benefici della psicoterapia sensomotoria

Ci sono diversi potenziali benefici offerti dalla psicoterapia sensomotoria. Molte persone riferiscono di avere un maggiore controllo sulle loro risposte emotive ai fattori scatenanti. Sottoporsi a questo tipo di terapia potrebbe anche aiutare ad aumentare l’autoconsapevolezza dei clienti su come il trauma colpisce il loro corpo e permettere loro di prestare maggiore attenzione alle sensazioni fisiche e ai pensieri che sorgono senza sentirsi sopraffatti dagli eventi passati.

Poiché la psicoterapia sensorimotoria si concentra sui problemi specifici che un singolo cliente sperimenta, le risposte a questo approccio variano. Alcuni dei potenziali benefici che le persone possono ricevere dalla psicoterapia sensorimotoria includono:

  • ridotta gravità dei sintomi del PTSD
  • riduzione del dolore
  • migliori relazioni interpersonali
  • diminuzione dei sintomi dell’ansia
  • meno immagini, suoni, odori e sensazioni corporee intrusive
  • migliore intimità
  • riduzione dei sentimenti di impotenza
  • migliore capacità di regolare le emozioni
  • maggiore consapevolezza di sé
  • migliore capacità di stabilire dei limiti
  • maggiore resilienza

 

L’efficacia della psicoterapia sensomotoria

La psicoterapia sensomotoria ha dimostrato efficacia nel trattamento di adulti che hanno vissuto un trauma infantile. I ricercatori di un programma di terapia del trauma al Women’s College Hospital di Toronto, Canada, hanno reclutato 10 donne che avevano vissuto un trauma infantile per uno studio pilota del 2012. Hanno valutato le donne prima, durante e dopo il trattamento utilizzando varie indagini, tra cui il Somatic Dissociation Questionnaire e il Childhood Trauma Questionnaire-Short Form. Le donne hanno partecipato a 20 sessioni settimanali di terapia di gruppo durante le quali hanno ricevuto un trattamento di psicoterapia sensorimotoria. I ricercatori hanno scoperto che le donne hanno sperimentato miglioramenti significativi nella loro consapevolezza corporea e nella loro capacità di essere tranquillizzate, oltre alla riduzione della dissociazione.

Nel 2020, uno studio randomizzato e controllato condotto anch’esso da ricercatori del Women’s College Hospital ha esaminato l’efficacia della terapia sensomotoria per le sopravvissute a traumi complessi. Un totale di 32 donne che avevano subito un trauma infantile complesso sono state assegnate a caso a un gruppo di terapia sensomotoria o a un gruppo di controllo. Quelle che hanno ricevuto 20 sessioni di psicoterapia sensorimotoria hanno mostrato miglioramenti nei loro sintomi di ansia, nella consapevolezza corporea e nella capacità di essere calmati da se stessi e dagli altri.

Uno studio del 2008 condotto da un consulente psichiatra dell’Università di Hertfordshire nel Regno Unito ha valutato l’uso della psicoterapia orientata al corpo per trattare una varietà di problemi di salute mentale, tra cui PTSD, anoressia nervosa e schizofrenia cronica. Lo studio ha scoperto che questo approccio può aiutare a ridurre i sintomi di ansia e depressione e a migliorare le relazioni interpersonali per le persone con schizofrenia.

La psicoterapia sensomotoria offre un modo sano e utile per affrontare i traumi irrisolti e raggiungere una maggiore consapevolezza di sé.

 

Fonte: articolo liberamente tradotto da “Human condition” https:// thehumancondition. com/ sensorimotor -psychotherapy/

One thought on “Psicoterapia Sensorimotoria: benefici ed efficacia

  • giorgia fornara says:

    Buon giorno sarei lieta di partecipare al corso. Vorrei maggiori informazioni di orari giorni e costi e ne è possibile accedere on-line.
    Grazie della cortese attenzione
    Fornara Giorgia

Partecipa lasciando un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare questi tag HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>